Difesa dall’Europa – di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Le mitologie intorno all’Europa hanno una doppia origine: una lontana, l’illusione germanica di ereditare l’autorità dell’impero romano e di umiliare il papato, l’altra recente, l’internazionalismo concepito dal furore anticattolico di laicisti/internazionalisti della risma di Altiero Spinelli (1907-1986) ed Ernesto Rossi (1897-1967).

di Piero Vassallo

.

zzzzerpkpttEntrambe le fonti della mania europeista sono avvelenate dall’invincibile avversione dei laicisti   alla tradizione italiana e alla Chiesa cattolica, una ostilità discendente in qualche modo dalla politica degli imperatori tedeschi, Enrico IV, Federico Barbarossa, Federico II, i prepadri della eresia luterana.

Sull’egemone europeismo di stampo germanico, nipote della tenebrosa ideologia ghibellina, sono peraltro visibili le tracce dei furori ateologici emanati da Lutero e da Boehme, e messi a tema neognostico dalle filosofie di Kant, di Fichte, di Hegel, di Schelling, di Schopenhauer, di Schleiermacher,  di Wagner, di Nietzsche, di T. Mann, di Heidegger.

L’europeismo professato dagli accaniti esponenti dell’anticlericalismo italiano, Rossi e Spinelli, ha l’impronta nascosta dell’odio teutonico verso la religione cattolica e verso la patria italiana.

L’Europa che sta affliggendo e immiserendo la vita dell’Italia è frutto della mostruosa copula consumata dal laicismo radicale con la anacronistica, funerea e psicoanalitica passione dei ghibellini tedeschi e della loro dirompente e bellicosa cancelliera.

Che cosa ha in comune la cultura di una tradizione autenticamente nazionale con il mostriciattolo europeo, generato da un incesto ideologico? E ancora: si conosce, fuori dalla marginalità, una tradizione italiana seriamente infatuata dal mito dell’impero, che Dante, deluso, accusava di aver originato l’italico bordello e  Francesco Petrarca definiva idolo vano, senza soggetto?

In altri termini, può essere seriamente definita italiana quella fanatica, ostinata frazione della destra estrema, circolante al seguito della marginale setta, che si lasciò infatuare dall’europeismo nazista?

Dopo la umiliante catastrofe della destra a mente plurima, la cultura italiana ha una sola strategica opportunità: riprendere il filo del ragionamento avviato, nella seconda metà degli anni Venti, da Henri Massis e sviluppata da Asvero Gravelli e dai collaboratori della sua rivista, Anti-Europa.

Nella pagine di Anti-Europa è infatti indicata, con anticipo di quasi un secolo, la vera causa del movimento crepuscolare, che sta trascinando l’Occidente nel gorgo californiano della porno-thanatofilia: l’apertura della filosofia tedesca al nichilismo/nirvanismo asiatico.

Annunciato nella prima metà del XIX dal migliore Antonio Rosmini, confermato negli anni Trenta del XX secolo dagli studi hegeliani di Alexandr Kojève, e documentata ultimamente dalle puntuali ricerche di Julio Meinvielle e di Massimo Borghesi, l’irruzione del nichilismo asiatico nella filosofia tedesca è la principale causa della laida rivoluzione sessantottina, non a caso detta francofortese.

La rivoluzione asiatica/germanica sta producendo la decadenza morale e l’estinzione fisica delle antiche nazioni d’Europa e in special modo dell’Italia.

Seguire la cometa europea, in definitiva, significa mettersi al seguito della suggestioni diffuse dal nichilismo tantrico/francofortese/californiano, ossia correre verso il precipizio nel quale il pastore asiatico cantato dall’infelice Leopardi cadde obliando il tutto.

D’altra parte è ragionevole e doveroso considerare:

.

a. il costo spaventoso del sistema-Europa, 6 miliardi di euro (all’anno) per la sola Italia, ad esempio;

b. la struttura babelica dei parlamenti europei, nei quali, ad esempio, si aggirano (strapagati) 350 interpreti fissi e 400 interpreti free lance;

c. la perfetta impotenza e vigliaccheria dimostrate dal sistema-Europa di fronte all’immigrazione islamica, che sta rovesciandosi sull’Italia;

d. la invincibilità dei più sordidi interessi nazionali, ad esempio gli interessi francesi, che hanno causato il tragico caos regnante in Libia;

e. le ragioni della dissidenza greca;

f. infine la vastità e l’importanza politica ed economica dei paesi non aderenti all’unione europea: Russia, Ucraina, Norvegia, Bielorussia, Moldavia, Svizzera, Serbia, Montenegro, Bosnia, Kosovo (in totale 150 milioni di abitanti).

.

Occorre infine rammentare che la pace europea si deve all’equilibrio del terrore, che costringeva Usa e Urss a convenire sull’impossibilità di uno scontro diretto senza ricorso all’uso devastante delle bombe atomiche.

L’insignificanza dell’autorità europea oggi si legge nei i bagliori di guerra in Ucraina, bagliori che sono incrementati e non oscurati dall’intervento ottuso e servile delle mosche cocchiere europee.

A partire dal 1945, la pace volava alta sopra l’Europa. Chi vuol fare caso allo storia può rammentare che l’unico intervento europeo per la pace fu compiuto da Amintore Fanfani durante la crisi di Cuba del 1962. E Fanfani rappresentava l’Italia cattolica e non l’Europa illuminista e liberale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “Difesa dall’Europa – di Piero Vassallo”

  1. Fanfani non sapeva che per il lancio dei missili nucleari americani basati in Puglia -gli unici in grado di colpire l’URSS da base terrestre, al tempo della crisi di Cuba- fosse necessario l’assenso italiano. Lo ha dichiarato il suo amico Bernabei (allora direttore generale della RAI), tuttora vivente.
    Costatando, nell’emergenza, di avere una certa voce in capitolo, collaborò con il Papa per evitare la catastrofe

  2. Ottimo articolo caro professore. Poco tempo fa mi capitò tra le mani un dettagliato documento sull’indottrinamento ideologico e propagandistico che subivano le aspiranti SS nelle varie scuole di formazione militare. L’odio per Roma è palese. Per Roma è tutto ciò che Roma rappresenta da un punto di vista religioso e metastorico. La Germania hitleriana ha costituito l’apogeo di un utopico progetto europeo (questo solo negli ultimi anni, a guerra già iniziata) che scimmiottava quella cristiana. Un tentativo di costruire una realtà che fosse all’altezza della gloriosa Cristianità ma senza Cristo Gesù e la sua Chiesa. Oggi ne paghiamo le conseguenze. D’altronde ci si dimentica che a parole siamo tutti bravi a predicare e i tedeschi hanno predicato bene, dopo il conflitto, e hanno razzolato meglio, soprattutto quando i patrimoni nazisti fatti nascondere all’estero tornarono tranquilli sul suolo patrio, permettendo quel miracolo economico che ancora oggi sorprende.

  3. la colpa è di tutti fuorchè degli ebrei. Fanfani fu uno dei promotori del centrosinistra in Italia, quindi complice degli illuministi rappresentati dal psi.

    1. Abbiamo -e paghiamo a caro prezzo ogni giorno- un filone “ghibellino” tedesco (in realtà specificamente sassone: ricordiamo che la Germania, ai tempi dell’Impero Romano, fu romanizzata solo sul lato sudoccidentale) e un filone illuministico francese.
      Tutti e due, guarda un po’, ossessionati da Roma: il primo nel senso di dire “A Roma si mangia e si fa l’amore – noi ci dedichiamo alla disciplina delle armi, e semmai all’omosessualità” (che era diffusa nell’ambiente militare prussiano); il secondo nel senso di “Vuoi mettere Roma con Parigi? La raffinatezza della nostra Corte e dei nostri modi con la decadenza del Mediterraneo e la pastasciutta? Le nostre donne sofisticate con le massaie di Trastevere?”.

      In mezzo c’era stato Carlo Magno – a cui si intitolò la Comunità Europea nascente.
      Poi scoppiò la “bomba atomica”: Strasburgo, città cattolica della Riconciliazione franco-tedesca, divenne (dal Concilio a oggi) il centro dei diktat giudaici alla Chiesa perché si suicidasse

    1. Dicendo, fra l’altro, a una platea di uomini siciliani “Vi dico che se viene confermato il Divorzio, fra qualche anno vostra moglie vi lascerà per fuggire con la cameriera. E sottolineo camerierA ! “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su