D'INVERNO FA FREDDO. MA IL PROBLEMA E' UN ALTRO… – di Alessandro Gnocchi e Mario Palmaro

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Alessandro Gnocchi e Mario Palmaro

 

su Il Foglio e Riscossa Cristiana

 

 

neve

 

Fatto salvo tutto quanto ha trasformato un’ondata di freddo nella solita sceneggiatura da B-movie all’italiana, viene da chiedersi che razza di mondo sia quello in cui, contemporaneamente a una catastrofe o a un’emergenza, scatti subito la polemica sul ritardo dei soccorsi e sull’inefficienza dei soccorritori.

Terremoto, gelo, alluvione o affondamento della Concordia che sia, si può star certi che la seconda notizia di tutti i telegiornali della sera, dopo l’elenco dei danni, sarà: “Ed è polemica sui soccorsi”. E sui quotidiani, la mattina dopo, la “Polemica sui soccorsi” sarà l’apertura. Ma, una volta tanto, non serve sparare sul giornalista perché il volto mediatico è lo specchio dell’anima di una società desacralizzata e svirilizzata. Un mondo che sbatte la nevicata d’inverno in prima pagina è una landa desolata popolata da anime liofilizzate che, a forza di mettere tra parentesi il confronto con il destino che Dio ha preparato per ogni singola creatura, tremano davanti al minimo stormire di foglia. Povere anime imbarazzate dal corpo a cui sono state consegnate in sorte e premurose solo metterlo a riparo da qualsiasi rischio. Piccoli spiritelli convinti che, venendo al mondo, gli uomini abbiano contestualmente stipulato una polizza assicurativa contro i rischi della vita. E, per questo, cedono quote della propria libertà a uno stato che in cambio dovrebbe proteggere i corpi da ogni babau: delle anime, invece, poco o nulla importa, tanto che la Provvidenza viene sostituita con la con la previdenza.

Fino a qualche decennio fa, quando anima e corpo era un connubio virile, gli uomini sapevano di aver fatto tutto il necessario per mettersi al riparo affidandosi al Creatore: “A folgore et tempestate… A peste, fame et bello… Libera nos Domine”. Se poi Dio provvedeva diversamente, questo faceva parte del bel rischio di essere uomini. E non si strillava in prima pagina l’eccezionale notizia che d’inverno nevica: che, tra l’altro, in tempi civili, avrebbe portato alla bocciatura nell’esame di giornalismo.

]]>

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su