DOMENICA 12 MAGGIO TUTTI A ROMA PER LA III MARCIA NAZIONALE PER LA VITA. IL BENE INVIOLABILE DELLA VITA, IN MARCIA PER DIFENDERLO – di Michele Lanzetta

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Michele Lanzetta

 

 

lpsCon la superbia Lucifero scelse di perdere amore, bontà e bellezza. Oggi, con la superbia, l’uomo sceglie di essere divorato dalle fauci del peccato a tutti i costi, chiamandolo “diritto” e “dignità”. Un diritto spesso camuffato da un concetto arbitrario di libertà, che, mascherata di buonismo, diventa sempre più intollerante verso gli indifesi ed impone l’opinione del più forte.

La vita soprattutto come “dono” e la libertà come possibilità di “accogliere sempre la verità” sono gli aspetti che caratterizzano “Avrò cura di te. Custodire la vita per costruire il futuro, il nuovo lavoro editoriale di Padre Serafino Maria Lanzetta rientrante nell’importante collana di Fede & Cultura, «I libri del ritorno all’ordine», diretta da Alessandro Gnocchi e Mario Palmaro.

«Viviamo in un mondo libero e multiculturale – spiega Padre Serafinoche permette a ciascuno di essere quello che vuole. Ma è un mondo chiuso, soprattutto ai più deboli, che sono privi anche della voce per potersi difendere. E’ un mondo in cui è sempre più difficile entrare, a causa dell’aborto, e sempre più facile uscirci, per l’eutanasia. E’ una società dominata dall’individualismo e piena di contraddizioni. Chiudersi a Dio, però, significa chiudersi alla verità prima, che è la vita».

Ai nostri giorni si venera tanto il corpo, ma nel contempo si cerca di annichilirlo prima della sua venuta al mondo. Oppure, in nome di un risparmio di sofferenze, si cerca di farlo dipartire prima della sua fine naturale. Contraddizioni illogiche ed assurde, queste, che si specchiano in azioni politiche che hanno la volontà di sovvertire ciò che è secondo natura. «Esigere di essere ciò che Dio non ha fatto, di fare ciò che non è conforme alla dignità della persona umana e alla natura creata da Dio, di eliminare ciò che non ci conviene ma che è vita, un cuore che pulsa, significa semplicemente trascinarsi e trascinare altri, incauti osservatori e loquaci protagonisti, verso il baratro», dichiara il teologo francescano.

Si vogliono ribaltare i principi fondamentali della vita e della convivenza: molti figli di questa ideologia, per esempio, non dovranno più avere un padre ed una madre come da normalità, ma un genitore A ed un genitore B. Ma dove si andrà di questo passo? Qual è la strada da seguire per uscire da questo vicolo cieco? «All’origine di tutto c’è il “dono” di Dio – afferma Padre Serafino LanzettaLa nostra vita è il dono iniziale e foriero di ogni altro bene. Se la si protegge si edifica la società. Far nascere un bimbo, accudirlo, è assicurare il vero bene dell’uomo, oggi e domani. Per il semplice fatto che se manca la vita, o se essa è indifesa, niente più sarà veramente umano. Non varrà più la pena vivere. L’esistenza verrà ingoiata, da un momento all’altro, dall’improvvida morte, la quale è sempre al nostro fianco».

E proprio in difesa del valore universale del diritto alla vita il prossimo 12 maggio 2013 si terrà a Roma la III edizione della “Marcia Nazionale per la Vita”, iniziativa volta ad affermare la sacralità della vita umana e la sua assoluta intangibilità dal concepimento alla morte naturale e finalizzata a contrastare qualsiasi atto volto a sopprimere la vita umana innocente o ledere la sua dignità incondizionata ed inalienabile.

«Si tratta anche e soprattutto di esprimere la nostra protesta contro l’uccisione degli innocenti, che in Italia è stata legalizzata dalla legge 194 del 22 maggio 1978 – spiega  Virginia Coda Nunziante, portavoce della “Marcia Nazionale per la Vita” 2013 – Il nostro rifiuto dell’aborto, e della legge che lo legalizza, è totale, senza eccezioni e senza compromessi».

L’appello alla partecipazione è rivolto non solo ai cattolici, ma a tutti coloro che riconoscono l’esistenza di una legge naturale, scritta nel cuore di ogni uomo, che proibisce l’uccisione dell’innocente. L’aborto non viola solo la morale cattolica, ma la legge naturale, valida per ogni uomo, in ogni epoca e sotto ogni latitudine.

Questo spiega come lo scorso anno si sia registrata la partecipazione di cittadini italiani evangelici, ortodossi e buddisti, ma anche dichiaratamente atei. L’edizione 2013 della Marcia si concluderà a Castel Sant’Angelo e non in Piazza San Pietro, proprio per sottolineare il carattere non confessionale dell’iniziativa, aperta a tutti gli uomini di buona volontà.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su