DOPO LA LETTERA DI P. CAVALCOLI A COMMENTO DELL’ARTICOLO DI PASQUALUCCI. ALCUNE CONSIDERAZIONI E UNA LETTERA DI MONS. GHERARDINI – di Redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

In data 6 luglio u.s. abbiamo pubblicato LO “SPIRITO” DEL CONCILIO. UNA LETTERA DI PADRE GIOVANNI CAVALCOLI A COMMENTO DELL’ARTICOLO DI PAOLO PASQUALUCCI, contenente alcune considerazioni sull’articolo di Paolo Pasqualucci “IL “DISCORSO CRITICO” CHE LA GERARCHIA NON VUOL FARE. Recensione a: BRUNERO GHERARDINI, “Concilio Vaticano II . Il discorso mancato. Ed. Lindau”.

 

cv

 

I due articoli hanno suscitato molto interesse, testimoniato da diverse lettere pervenute a Riscossa Cristiana, dalle quali emerge non certo un “rifiuto” del Concilio Vaticano II, ma piuttosto una necessità di chiarezza su alcuni testi conciliari, che possono facilmente essere fonti di dubbio e quindi anche di interpretazioni maliziose. Conosciamo tutti i problemi della Chiesa cosiddetta “postconciliare” e sappiamo bene come non possa esistere una Chiesa “pre” e una “post” Concilio: la Chiesa è Una, Santa, Cattolica e Apostolica. Purtroppo però la realtà dei fatti ci mostra una Chiesa spesso timida verso il mondo, pervasa da un’idea di ecumenismo che scivola nell’arrendevolezza se non nel sincretismo, e, è doloroso dirlo, non sono pochi i Pastori che spesso lasciano il popolo privo di quella guida che sarebbe loro preciso dovere fornire.

In questa dolorosa situazione un lavoro di analisi e di studio, che possa portare a una maggior chiarezza e togliere spazio alle interpretazioni avventurose, non può che essere benemerito, e di sicuro questo lavoro è condotto, dai teologi illustri che Riscossa Cristiana ha fin qui avuto l’onore di ospitare, col rispettoso amore filiale e lo spirito di obbedienza verso la Santa Chiesa e il Papa.

Auspichiamo quindi che questo lavoro di approfondimento, in cui possono convergere diversi contributi, uniti dal comune desiderio di verità e in spirito di servizio, possa proseguire sulle nostre pagine, nella certezza di operare con passione per il bene della Santa Chiesa e quindi per il bene di tutti.

RC

 

 

Pubblichiamo qui di seguito la lettera che ci è pervenuta da Mons. Gherardini, autore del testo recensito da Paolo Pasqualucci:

 

Preg.mo e caro Direttore,

Con amarezza ho letto l’intervento di P. Cavalcoli contro il prof. P. Pasqualucci, colpevole d’aver recensito amichevolmente il mio saggio “Alle radici d’un equivoco”. Stupisce e dispiace che per l’ennesima volta, dopo l’immancabile e sospetto elogio iniziale, passi alla stroncatura: il più delle volte gratuita, priva d’analisi, basata sugli ormai triti  luoghi comuni del  Concilio  sempre infallibile ecc, ecc, ecc. Stupisce e dispiace soprattutto che, sempre con saccenteria e spesso con acrimoniosa contrapposizione, riduca un serio e responsabile lavoro d’analisi scientifica ad un atto d’offesa: il rifiuto del Vaticano II.

Non entro nei particolari per non contraddirmi: il saggio contro il quale s’accanisce l’incauto censore bolognese si conclude con l’impegno, da parte mia, di non ritornare in argomento conciliare. Aggiungo solo che proprio quel saggio esordisce con un “non son contro”, spiegando il perché della mia posizione. Operando in ambito puramente scientifico e lungi dagli apriorismi infondati del “solito”, metto in evidenza alcune incongruenze conciliari e soprattutto la non corrispondenza tra alcuni testi e la loro documentazione. Mi rendo conto che questo è un ambito estraneo a chi, non ragionando, giudica; ma proprio perché estraneo, rende inconsistenti i suoi pretestuosi giudizi . Nel dir questo, so di dar esca alle sue velleità ed intemperanze. Pur prevedendole, però,  intervengo in appoggio dell’amico Pasqualucci, che se vorrà potrà poi rispondere personalmente. Per quanto mi riguarda, mi manterrò d’ora in poi in assoluto silenzio e  lascerò il “solito” ai suoi discorsi di “tuttologo”.

Un grazie per l’ospitalità che le chiedo e gli auguri più cordiali

 

Gherardini

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su