DOPO L’INTERVENTO DI MONS. LUIGI NEGRI, PADRE GIOVANNI CAVALCOLI CI SCRIVE…

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di P. Giovanni Cavalcoli, OP, che commenta l’intervento di S.E. Mons. Luigi Negri, pubblicato ieri su Riscossa Cristiana e su Corrispondenza Romana.

 

vig

 

Carissimo Direttore,
l’intervento di Mons. Negri è molto importante, sia per il grande valore del Presule e sia per l’aumento di prestigio che conferisce a Riscossa Cristiana e agli altri siti che l’hanno diffuso, che rafforzano ulteriormente la loro credibilità nel mondo cattolico della politica, della cultura, della morale, della religione e della teologia.
La mia gioia è grande e grande dev’essere la soddisfazione di tutti gli amici e i lettori di Riscossa Cristiana. Il nostro auspicio è, come dice l’amato Pastore, che altri Successori degli Apostoli e Maestri della Fede si uniscano alla sua voce chiara e coraggiosa, così genuinamente in consonanza col Magistero della Chiesa e quello del Vicario di Cristo.
Mons. Negri tocca altresì con sottile acume, da uomo di grande cultura qual è, la radice dottrinale dei mali dei quali oggi soffrono la società e la Chiesa: la diffusione di dottrine di radice hegeliana – sappiamo come l’hegelismo è all’origine del nazismo e del comunismo – secondo le quali “l’uomo è Dio”, quindi una falsa, eretica e nefasta interpretazione del mistero dell’Incarnazione, oggi purtroppo di moda in certi ambienti cattolici, per la quale da una parte si confondono tra di loro le due nature di Cristo (umana e divina) ed inoltre la divinità così intesa non è attribuita soltanto a quella individualità benedetta e santa che è l’umanità di Nostro Signore Gesù Cristo, ma è estesa a tutta l’umanità, quindi non si dice più secondo la retta fede “quell’uomo è Dio”, ma ereticamente “l’uomo come tale è Dio”.
L’ateismo (“Dio non esiste, esiste solo l’uomo”) non è cosa diversa dal panteismo (“l’uomo è Dio”), sono le due facce della stessa medaglia. Hanno in comune l’idea che l’uomo si sostitusce a Dio e pretende di agire da Dio.
Infatti, come sanno bene gli storici della filosofia e della teologia, ateismo e panteismo hanno la loro comune radice nell’antropocentrismo rinascimentale e cartesiano, risorgenza dell’antico paganesimo, nonchè nel soggettivismo luterano, falsa interpetazione della fede.
L’ateismo è apertamente anticristiano, ma lo è anche il panteismo sotto le apparenze di una falsa spiritualità: quello “Spirito” del quale parlano Hegel e Gentile. Il panteismo, che si veste da cattolicesimo senza esserlo, è l’anima del modernismo, del quale tante volte ho parlato su questo sito.
Non è difficile immaginare le terribili conseguenze di questa empia visione nel campo dell’agire umano: l’individuo non si sente più vincolato da una legge morale oggettiva, trascendente ed universale, ma, ritenendosi appunto Dio o al posto di Dio, si crede autorizzato ad essere egli stesso il principio e il criterio assoluti del proprio pensare e del proprio agire: una superbia satanica, che è alla base di tutti i mali dell’intelligenza e della volontà dei quali oggi soffriamo.
Dobbiamo pertanto esprimere la nostra grande gratitudine al carissimo Mons. Negri per il suo esemplare ed incoraggiante comportamento di Pastore, in perfetta attuazione di quel modello di Vescovo che gli è offerto dal Concilio Vaticano II, liberato dai fraintendimenti che da cinquant’anni lo falsificano e lo rendono ostico a certi spiriti benintenzionati ma non sufficientemente illuminati.


P. Giovanni Cavalcoli

Bologna, 20 aprile 2013

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su