Dopo moschee e centri culturali, ecco la prima scuola musulmana

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzskslmLa cultura e la mentalità islamiche sono spesso opposte, speculari rispetto a quelle occidentali. Non possono vantare legami col passato, vincoli di tradizione. Eppure, sgomitando, sono riuscite a farsi strada. Silenziosamente ma inesorabilmente. Prima coi centri culturali, poi con le moschee. Ora con le scuole.

Accade in via d’Aquitania 1, nel cuore della zona industriale di La Chapelle Saint-Mesmin, nel Loiret, in Francia. Qui è stata inaugurata la prima scuola privata musulmana. E’ già frequentata ed i suoi locali – 520 metri quadri in tutto – si sono presto affollati. Nonostante le proteste, talvolta anche forti, da parte della popolazione locale. Inascoltata in casa propria. Era già capitato anche a Orléans. Ma qui le reazioni immediate della gente ebbero successo, forse grazie all’”effetto-sorpresa”.

Per evitare un nuovo buco nell’acqua, i titolari della scuola han deciso quindi di starsene zitti, di evitare i riflettori e le fanfare: pare che lo Stato ed il Sindaco non siano stati nemmeno consultati in merito all’iniziativa. Nessuno conosce il progetto educativo di questa scuola. Non sono stati chiesti né finanziamenti pubblici, né convenzioni col Comune o col sistema d’educazione nazionale. Anche perché questo avrebbe condizionato i piani di studio ed influenzato le metodologie didattiche: ciò che sarebbe stato difficile da digerire da parte dei “docenti” del singolare istituto. Ma questo ha significato introdurre delle rette: i genitori dovranno sborsare 2 mila euro all’anno, per potervi iscrivere i propri figli.

Non è nemmeno certo che vi siano tutte le autorizzazioni necessarie per l’apertura al pubblico. Da giugno si è verificato una sorta di “vuoto giuridico” in merito. Alla fine, il primo cittadino, il socialista Nicolas Bonneau, che ha appreso dell’iniziativa per vie traverse ed a cose fatte, ha chiesto allo Stato una verifica da parte del Comitato di Sicurezza. Per vederci chiaro. Per capire cosa lì si insegni e come. Ma da Denis Toupry, direttore dei servizi dipartimentali dell’Educazione nazionale nel Loiret, è già giunta una doccia fredda: «Il personale non viene retribuito dallo Stato, fa tutto capo all’associazione – ha detto – La libertà d’insegnamento è prevista dalle leggi, compresi i programmi». Dunque, avanti tutta. Solo il Prefetto o la Procura possono mettere i sigilli all’edificio.

Ma chi c’è dietro l’intera operazione? Si chiama “Ateliers Montessori” ed è un’associazione con sede a Saint-Jean-de-Braye, fondata l’anno scorso, inizialmente per sviluppare «laboratori di scoperta», poi – modificando ad hoc gli Statuti, che peraltro rilanciano il metodo Montessori – ha deciso di «creare e gestire qualsiasi tipologia scolastica», compresi «scuola materna e asilo nido». Infine, questa nuova, imprevedibile trasformazione.

Di certo v’è solo che, in quelle aule, si insegnano due lingue, inglese ed arabo. E che ai bambini viene insegnato un sibillino «risveglio religioso». In cosa consiste? Si promette che gli alunni, al massimo 17 per classe, vengano seguiti personalmente. Alla materna v’è spazio per 20 iscritti, non uno di più. Intanto, sulla sua pagina Facebook, la comunità islamica ha già lanciato un appello, per finanziare il materiale didattico delle quattro classi attivate. Ad indicare come queste non siano frutto di qualche eccentrico filantropo, bensì dei cittadini musulmani del posto.

Quello che è accaduto qui può accadere ancora, può accadere altrove. Magari presto, prima di quanto si pensi. Nel riserbo generale. Ciò che maggiormente inquieta è la reiterata e conclamata volontà, dimostrata dalle comunità musulmane, di chiudersi per lo più al proprio interno, assolutamente impermeabili alla società occidentale che li ospita ed ai valori ch’essa esprime. Sono una sorta di enclaves autorefernziali con la propria lingua, con la propria legge – la sharia, come dimostrano i “tribunali islamici” accettati in Inghilterra –  ed ora anche con le proprie scuole, di cui nessuno conosce, né può conoscere i programmi. Le cronache purtroppo e dolorosamente ci hanno già rivelato cosa si insegni nelle loro moschee e quanto aggressive siano le loro forme di reclutamento di nuovi jihadisti tanto in Europa quanto negli Stati Uniti. A sconcertare e stupire è dunque l’irresponsabile acquiescenza, la superficiale remissività con cui, nel silenzio e nell’omertà, si accolgono tali loro iniziative, militanti e rampanti. Senza che nessuno sollevi obiezioni o dubbi. Come se fossero cose ineluttabili e scontate. Concedendo loro privilegi che mai verrebbero concessi ad altri. L’Occidente è proprio sicuro di potersi permettere tutto questo?

.

fonte: NoCristianofobia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

9 commenti su “Dopo moschee e centri culturali, ecco la prima scuola musulmana”

  1. Da piangere ! Ma come facciamo noi inermi cittadini a fare sentire la nostra voce contraria a queste iniziative mirate a sconvolgere la vita di noi Cristiani ? (poveri nostri figli e nipoti). Mi consolo solo al pensare al “Non prevalebunt”, si perchè il demonio sta lavorando forte ma non prevarrà.Noi continuiamo a pregare sempre di più col rosario in mano, perchè alla fine il Cuore Immacolato di Maria Vincerà !!!

  2. Si sta facendo a gara per permettere (o imporre) tutto ciò che è anticristiano e per combattere tutto ciò che è Cristiano!
    La cosa più grave è che non solo parecchi uomini di Chiesa sembrano non accorgersene, ma addirittura alcuni di loro partecipano a questa gara!

    1. l’occidente,amasse Cristo,non darebbe un millimetro a chi ce ne vuole privare!
      ***

      Infatti è così, ma bisogna considerare che a non farlo amare più, sono stati tutti i libri da studio nella scuola, pseudo storici, pseudo paleografi, pseudo storici dell’arte, pseudo artisti, pseudo teologi, pseudo esegeti biblici, pseudo preti e pseudo religiosi, che hanno violentemente messo a tacere quei veri storici, paleografi, storici dell’arte, artisti, teologi, esegeti, preti e religiosi.

      Una bella combriccola lasciata lavorare h24 grazie ai prodotti e i risultati della “nuova evangelizzazione” cv2.

  3. Di questa scuola sarà molto contento Baal muian altrimenti detto Ba’ al zebul e che in lingua italiana si traduce in Belzebù che vuol dire :” il signore delle mosche .E qui in italia di mosche…… ne abbiamo molte. Prima o poi dovremo usare qualche buon disinfestante .

    1. Caro Giovanni,
      credo che questo Suo commento sia consequenziale a quello del 4 settembre delle 15:21.
      Nell’articolo “Perchè un Sinodo sulla famiglia?” di Patrizia Fermani (25 luglio) c’è una mia proposta abbastanza simile alla Sua (unire le forze per contrastare un’ eventuale apostasia del Sinodo), potrà leggere le risposte (purtroppo anche se il Direttore e Patrizia Fermani sono stati d’accordo non ci sono state molte “adesioni”, il fatto è che un conto è scrivere cose Cattoliche su internet, un conto è passare all’azione (problemi di tempo, familiari, timidezza, timore di ritorsioni canoniche o laiciste, ecc.).
      Credo che ci siano 3 livelli (oltre a scrivere sui siti Cattolici, che resta fondamentale) su cui si possa agire:
      1)Costruire una rete di rapporti via e-mail (attenzione agli infiltrati e ai traditori, inizialmente consiglio di non usare il proprio nome e cognome se si volessero scrivere cose personali o compromettenti: in guerra la prudenza non è mai troppa)…

      1. 2)Organizzare, tramite “Riscossa Cristiana” o via e-mail degli incontri a livello provinciale, regionale o nazionale per prendere le decisioni più importanti (non tutto può essere deciso pubblicamente da un sito leggibile anche da modernisti e laicisti).
        Credo che gli incontri più numerosi debbano essere quelli provinciali, per una questione di praticità, poi i vari gruppi potranno comunicarsi le decisioni prese e/o i nuovi problemi da affrontare.
        3)Attività pratica (volantinaggio, distribuzione di libretti od opuscoli, confermare nella fede conoscenti “rovinati” da sacerdoti modernisti, ecc.).
        Ognuno dovrebbe metterci i Talenti di cui dispone, tanti o pochi che siano, quello che manca lo metterà NSGC!
        Se anche dovessimo ottenere poco o niente avremo salvato la nostra Fede personale e non avremo omesso di fare il nostro dovere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su