Dove c’è fumo c’è fuoco. Dove c’è fuoco, spesso, c’è il demonio – di Baldr Da Thule

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Questo nostro articolo, che prende spunto dal notevole “Romanzo infernale” di A. Gnocchi, vuole solo essere uno sprone – per noi e per il lettore – a ricerche ulteriori su una materia particolarmente “scottante”, che si potrebbe dire di “metapolitica occulta”: non facile da avvicinare per il ricercatore indipendente, sia per la complessità e la delicatezza del tema, sia per gli ostacoli che egli, inevitabilmente, troverebbe sulla propria strada.

Nel suo importante libro The Windswept House. A Vatican Novel (1998), non tradotto in italiano, P. M. Martin descrive, tra l’altro, un rito satanico officiato in modo incruento nella Cappella Paolina, cuore del cattolicesimo, ed in modo cruento, simultaneamente, in South Carolina: e ad officiarlo non ci furono certo le “Bestie di Satana” o Michael Aquino (ufficiale esperto in “guerra psicologica” e satanista statunitense accusato negli anni ’80 di pedofilia, e poi assolto), ma altissimi prelati. Satana sarebbe stato quindi intronizzato in Vaticano: le profezie bibliche si sarebbero avverate, quindi, in modo palese e rituale, nel 1963; e la Cappella, stranamente, sarebbe stata riconsacrata da Benedetto XVI.

Non stiamo qui a discutere i problemi che insorgono se si tirano le somme di questi fatti da un punto di vista “ecclesiologico”: non se ne uscirebbe più. Notiamo solamente che vi sono alcune presumibili “convergenze parallele” tra fatti inquietanti, veri o verosimili, che grosso modo partono dalla seconda metà degli anni ‘40, con una certa acme nei fatidici (fatali) ‘60. Andiamo in ordine sparso, ma secondo noi – lo diciamo a scanso di equivoci – un legame, almeno su di un piano “ideologicamente informale”, c’è.

PRIMA CONSIDERAZIONE J. Parsons, ingegnere missilistico statunitense, e la sua “liberazione” di demoni nell’aere attraverso la cosiddetta operazione Babalon (operazioni di magia sessuale volte, tra l’altro, a generare l’homunculus, veicolo dell’AntiCristo), avvenuta nel 1946. Alcuni sostengono che quelli che vengono definiti UFO, nei pochi casi “veridici” acclarati (aumentati esponenzialmente proprio in corrispondenza cronologica con le immonde operazioni di Parsons, ossia dal primissimo secondo dopoguerra), non sono altro che demoni. Questa teoria è condivisa anche da P. S. Rose, ieromonaco russo-ortodosso morto nel 1982 in California: gli “alieni” non vengono da altri pianeti, ma da altre dimensioni.

  1. Blondet ha parlato diffusamente, ad esempio nel suo eccezionale Adelphi della dissoluzione (1994), della disseminazione metodica di precisi etats d’esprit: ciò che spiegherebbe l’aumento ragguardevole del numero delle possessioni e delle malattie mentali, oltre che del “male oscuro”; ciò che, tra l’altro, mette da parte ogni ipotesi volgarmente complottista con cui gli anticomplottisti si confrontano per mostrare al popolino che non è vero niente, va tutto bene e bisogna continuare a leggere Cerasa e Zucconi.

A margine, ricordiamo che i primi fumetti, statunitensi, raffiguranti alieni coincidevano, graficamente, con la rappresentazione di un demone (Lam) evocato in uno dei suoi rituali dal famigerato A. Crowley, maestro di Parsons (Crowley criticò aspramente il suo allievo per l’operazione Babalon, anche se il primo descrisse il rituale nel racconto “Moonchild”, del 1917). Un interrogativo, allo stesso tempo dirimente ed inquietante, è questo: visto che la generazione dell’homunculus non sarebbe andata a buon fine, sono proseguite queste operazioni? Qualcuno ha cercato di generare quell’homunculus che a Parsons non riuscì? La rivista “Kaos Magazine” (n. 14: https://www.biroco.com/kaos/kaos.pdf) ce lo fa quantomeno sospettare.

SECONDA CONSIDERAZIONE Citiamo velocemente alcuni turpi accadimenti occorsi a Roma: tra il 1982 ed il 1990 dieci donne uccise e due scomparse (due sono E. Orlandi e M. Gregori), senza che mai si sia identificato il responsabile; il cameriere filippino dell’Olgiata; l’uccisione di M. Russo, alla cui verità giudiziaria non crede più quasi nessuno; il caso Rampi, su cui la magistratura, nel 1987, aprì un fascicolo per omicidio premeditato: ciò spiegherebbe la presunta imbracatura del povero piccolo.

Ma pensiamo soprattutto ai fatti del cosiddetto “mostro di Firenze”, che coprono un arco temporale che va dal 1968 (!) al 1985, con vicende “parallelamente convergenti” (la morte del dott. Narducci, nel 1985, in circostanze misteriose, il processo del farmacista Calamandrei, poi assolto). L’investigatore della polizia Giuttari, a un passo dalla verità, si sarebbe dovuto fermare per ragioni “di opportunità”: allora, ha cominciato a scrivere “romanzi” (come Martin!).

Ultimamente ci è capitato di leggere che F. Amicone ha condotto ricerche che poi avrebbero causato la riapertura delle indagini sul “mostro” (che sarebbe Joe Bevilacqua, un militare americano autoaccusatosi dei delitti, che già sfidò con codici cifrati gli investigatori statunitensi nel caso “Zodiac”; il suo cognome, stranamente, coincide con quello di un noto scrittore defunto, già accusato anche lui di essere il mostro, senza contare che Joe Bevilacqua fu accusato da Vanni, intercettato, di essere il mostro). Inutile approfondire il carattere e le finalità “ritualistiche” degli omicidi: sono troppo noti ed evidenti.

Al proposito, è eloquente la vicenda del Forteto, su cui hanno bene indagato R. Dal Bosco – che ha ipotizzato un legame con i fatti del mostro, sulla base di indizi non di poco conto -e S. Borselli (della raffinata rivista “Il Covile”: egli ha messo in evidenza i nessi tra cattocomunismo e gnosticismo, definendo sin dal titolo la relativa vicenda come la “catastrofe del cattocomunismo”). Lì certamente si praticava pervicacemente una sorta di “prassi” omosessuale e pedofila: lo si è fatto per anni, appoggiati dalla politica, dalla magistratura, dall’intellighenzia salottiera e chissà da chi altri. I boss della comunità sono stati condannati (Fiesoli a 17 anni, ma è fuori dopo sette mesi: evviva!), ma resta molto da indagare: soprattutto sul piano dei legami, delle coperture e dei fini di una tale ritualità. Probabilmente anche settori delle alte gerarchie ecclesiastiche non ne sono all’oscuro, come vogliono far credere.

TERZA CONSIDERAZIONE L’abolizione, di fatto se non di diritto, del rito romano antico: intenzione acclarata in un discorso di Paolo VI, durante un concistoro nel 1976, oltre che dall’introduzione del “novus ordo” e da altre evidenze (alcuni segni inquietanti riguardano direttamente l’amletica figura di Paolo VI, che, di fatto, condannò a morte l’amico Aldo Moro); per tacere della eliminazione dalla Messa dell’esorcismo di Leone XIII. La muraglia viene così intaccata da numerose altre fessure, che divengono, col tempo, autentiche voragini in cui è facilissimo, per il principe di questo mondo, infilarsi.

QUARTA CONSIDERAZIONE Bergoglio, che costituisce l’esito ultimo, “informale” (in senso etimologico), di un processo le cui cause prossime sono da rinvenire tra la fine degli anni 40 e gli anni 50, e le cui cause remote sono misteriose, ma possono essere ricondotte, sul piano teoretico, allo sviluppo di un processo che dalla forma (di una civiltà, di una religione, di un rito) passa, per inevitabile “usura storica”, al formalismo, per poi, per reazione e cortocircuito, implodere nell’informe. Bergoglio può essere considerato il figlio di primo letto del connubio (non casto) tra Concilio e ’68; il “fumo di Satana”, denunciato da chi sapeva ma non fece nulla per arginarlo (anzi!), sarebbe allora la “mutazione genetica” della Chiesa in organizzazione mondana in cui opera una esiziale dialettica tra correnti “politiche”. E sarebbero da indagare anche le relazioni storiche e teoretiche tra i due “eventi”, con il Concilio, nelle sue manifestazioni più “progressiste”, quale potenziale “avanguardia” delle presunte “liberazioni” sessantottesche. Su ciò, ha scritto ottime cose D. Fabbroni.

QUINTA CONSIDERAZIONE Il caso del magistrato P. Ferraro, nel cui appartamento alla Cecchignola si sarebbero svolti riti satanici (con piccoli rom partecipanti). Solo l’esposizione pubblica di Ferraro ha salvato la vita a quest’ultimo (che comunque ha subito vari attentati).

SESTA CONSIDERAZIONE L’immigrazione, o meglio invasione, extraeuropea. Cui prodest? Certo non agli europei. Dove finiscono tutti i minori che spariscono, secondo dati ufficiali, poco dopo l’”accoglienza”? Traffici di organi, riti immondi, pedofilia, schiavitù sono fenomeni acclarati. Eppure, tutti dovremmo essere favorevoli all’accoglienza, termine che ormai ci è divenuto, per reazione psicologica, odioso (ed è paradossale che chi sostiene tale dogma/ideologumeno è poi a favore delle vaccinazioni di massa!): lo si ritrova in banca, in ospedale, eccetera. L’immigrazione non è solo business, quindi: c’è un livello molto più “sottile”, cui gli scribi di regime non rimandano quasi mai.

Molte di queste operazioni sono volte alla demolizione finale di ciò che resta della famiglia e dello “Stato nazionale” (qui, CL è maestra). Ma la questione fondamentale, in barba a Introvigne e altri maestri “catto-decostruzionisti”, è la seguente: esiste una congrega di “satanisti” organizzata come una rete in Vaticano che, eventualmente, è organicamente connessa ad ambienti militari, intellettual-salottieri (scrittori, psichiatri e filosofi in primis), politici, giudiziari, etc.? Noi crediamo di sì, ma pasolinianamente (nostro malgrado!), non abbiamo le prove: sarebbe il colmo, se le avessimo.

Ci sono, però, molti indizi e altrettante coincidenze stupefacenti. Quando il “mostro di Marcinelle”, M. Dutroux, fu interrogato, fece il nome di G. Danneels, cardinale che poi fu uno degli animatori della “mafia di San Gallo”, che portò all’elezione di Bergoglio, verosimilmente per veicolare la “omoeresia”, tra le altre belle cose. Questa nuova dottrina si sostiene anche, inerzialmente e sul piano dell’”immaginario collettivo”, coi vacui sproloqui di (talora inconsapevoli, perché fondamentalmente sciocchi) preti, sociologi, psicologi e criminologi invitati in trasmissioni TV funzionali alla verifica della tesi della “finestra di Overton”: un autentico, oleatissimo “dispositivo ideologico” messo in circolo, a bassi livelli, dalla ubiqua “società dello spettacolo”.

E, se questa congrega – che eventualmente pratica anche pedofilia, e potrebbe coincidere con quanto Bergoglio stesso si è lasciato sfuggire sulla esistenza di una “lobby gay” interna alla Chiesa – esiste, le dimissioni di Benedetto XVI sono forse connesse con la sua “scoperta” da parte di Ratzinger stesso? Aveva forse, il papa teutonico, squarciato il velo di un tanto volatile quanto immondo e concreto “quarto livello”?

Tutto ciò, mentre sociologi liberal-arcontici si interrogano sugli effetti (“danni cerebrali”, ma bisognerebbe capire chi è il danneggiato) di un banalissimo titolo di giornale (http://carlogambesciametapolitics2puntozero.blogspot.com/search?updated-max=2018-09-05T08:30:00%2B02:00&max-results=7, 31/8/2018) e stimabili notai vicepresidenti di “Una Voce Italia”, il Venerdì Santo, da buoni tradizionalisti (a questo punto non si capisce di quale religione), non trovano di meglio che postare una inchiesta gastronomica sulla pasqua ebraica a Roma: https://www.nytimes.com/2017/04/13/insider/when-in-rome-yes-you-can-have-rice-on-passover.html?_r.

Per tornare alle cose serie: R. Bernard, già operativo negli ambienti dell’alta finanza, ha rivelato tra le lacrime l’esistenza di un culto luciferino, in quegli stessi ambienti, con annessi sacrifici di bambini. Kubrick, tipo strano ma intelligente e a suo modo coraggioso, ha girato buona parte del film “Eyes Wide Shut”, che descrive cose simili: ma, stranamente, è morto poco prima della fine delle riprese. Anche lui ha “romanzato” la verità (o ha “inverato” il romanzo, nella forma filmica?): forse, troppo.

 

 

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

21 commenti su “Dove c’è fumo c’è fuoco. Dove c’è fuoco, spesso, c’è il demonio – di Baldr Da Thule”

  1. Chiesa viva ha scritto di sacrifici umani sia per Ratzinger che per Bergoglio, con condanna. Il fatto che Ratzinger non sia più uscito dallo stato del vaticano potrebbe essere conferma. Se non si fosse “dimesso” avrebbe dovuto viaggiare ancora. Quindi l’odine di cattura per lui c’era ….? Comunque su Chiesa viva c’è anche la testimone sul fatto di Ratzinger. E anche là silenzio da sempre…..?

  2. Oswald Penguin Cobblepot

    Troppe cose mi lasciano perplesso. 1. La “liberazione” di demoni nell’aere: che bisogno ce ne sarebbe? Satana non è già il “princeps istius saeculi”? 2. L’aumento ragguardevole del numero delle possessioni e delle malattie mentali, oltre che del “male oscuro: ma chi ha accertato, e come, quest’incremento? 3. Casi Rampi, Orlandi, Gregori, Olgiata, Russo (ed anche Cesaroni-via Poma): casi giudiziari male accertati? OK, ma dov’è il satanismo? Stesso discorso, e medesima conclusione, per Forteto e Mostro di Firenze. 4. Abolizione del rito tridentino e soppressione dell’esorcismo post S.Missam: qui andiamo sul complicato, e sugli errori (ed orrori) del N.O. la coppia Bacci-Ottaviani si è già esaurientemente espressa. Infine: che senso ha scrivere “(nostro malgrado!), non abbiamo le prove”? Esprimersi senza prove ma per indizi e coincidenze è quanto di peggio possa essere fatto. Permettetemi: sono affermazioni gravissime, che andrebbero attentamente circostanziate e ben comprovate. Altrimenti, si scade nel pettegolezzo.

  3. 1) Le operazioni di Parsons furono volte anche alla liberazione di demoni nell’aere. E’ attestato, e ci sono le coincidenze dell’aumento esponenziale deggli “avvistamenti” di UFO.
    2) Sono dati acclarati in base a statistiche note. Addirittura, vi sono insorgenze di patologie non conosciute, come la dipendenza da social o gli hikikomori giapponesi.
    3) Abbiamo cercato di abbozzare un sunto relativo a casi non necessariamente satanici. Tecnicamente. Su Forteto e MdF il satanismo x’entra, riteniamo. E non siamo i soli. Le altre potrebbero essere operazioni di depistaggio, in cui entrano in gioco figure della “rete” di cui, speriamo, scriveremo presto.
    4) “Nostro malgrado” era riferito a Pasolini. Le prove non possiamo averle. Abbiamo però molti indizi, molti fatti con eventuali nessi, e il ben dell’intelletto.
    Preciseremo presto.
    Saluti da Thule.

    1. Oswald Penguin Cobblepot

      Gentile Baldr, immagino che questa sia la risposta alle mie osservazioni, e di questo la ringrazio. Le assicuro che attenderò le sue promesse precisazioni, non fosse altro che sono, a mio avviso, necessarie. Quando lei afferma che vi sono “coincidenze dell’aumento esponenziale degli “avvistamenti” di UFO”, parte da un dato indimostrato (l’attività di Parsons) e ne sostiene non solo l’attestato verificarsi (da chi?), ma anche la connessione con il predetto “aumento esponenziale”, sapendo che non esiste a tutt’oggi nulla di certo sull’esistenza o la natura degli UFO. Oppure: quando lei sostiene il “ragguardevole del numero delle possessioni e delle malattie mentali”, innanzitutto stabilisce un nesso logico tra due fatti (possessione diabolica e malattia mentale) che i più seri esorcisti tendono ad escludere. Inoltre: chi li ha accertati? Quando e come? Si tratta di una relazione statistica, oppure di un nesso di correlazione diretto ed immediato? Dove sono i risultati, sempre che siano stati divulgati? Non me ne voglia, ma l’argomento è delicatissimo. Con simpatia, the…

      1. Le diagnosi di depressione, schizofrenia e disturbi bipolari sono aumentati a dismisura,e questi sono dati ufficiali della oms.
        La possessione non è una malattia mentale, questo è chiaro. Basta leggere padre Amorth per capire che negli ultimi anni sono aumentate le possessioni e le vessazioni diaboliche. Lui e diversi esorcisti ne sono stati testimoni oculari.

        1. Albino Mettifogo

          Al riguardo che gli stati di depressione sono originati in gran parte da possessioni diaboliche esiste anche la testimonianza di un altro esorcista, Monsignor Andrea Gemma, vescovo di Isernia.
          Albino

    2. @Baldr da Thule
      Ha mai letto Paolo Franceschetti?
      Lui descrive in modo dettagliato eventi tipo i delitti di via Poma o il mostro di Firenze. Sono omicidi rituali che usano precise simbologie e date particolari. Perfino i nomi delle vittime sono scelti accuratamente.
      E la data di elezione di Bergoglio è 13/03/2013. Il 13 è simbolo di trasformazione (e altroché se c’è stata), mentre l’11 è chiamata la dozzina del demonio.

  4. Gentile Oswald,

    L’attività di Parsons è un dato accertato: ci sono testimonianze, libri, lettere, etc. Il problema, come abbiamo scritto, è di sapere se, visto che la generazione dell’homunculus fallì, qualcuno abbia proseguito nell’immonda operazione, come è ipotizzabile sulla base, ad es., del testo da me citato, e dal fatto che l’OTO continua ad esistere. Forse un certo McMurtry ci avrebbe potuto dire qualcosa, se non fosse morto nel 1985.
    Che gli avvistamenti di UFO, prima del 1945 piuttosto rari, siano aumentati esponenzialmente, è cosa certa, di cui è facile reperire le prove. Se questi UFO siano allucinazioni, miraggi, inganni, “alieni” o demoni, questo è il problema. Noi sosteniamo l’ultima ipotesi, “spirituale”.
    Non abbiamo stabilito alcun nesso tra la possessione diabolica e la malattia mentale, ma tra le due e l’apertura di voragini nella grande muraglia (cfr. la messa e le stesse operazioni di Parsons, che liberarono demoni nell’aria). Anche la sessualità “liberata” ha contribuito a ciò: S. Tommaso, da qualche parte, sostiene che il seme onanisticamente…

  5. …demoni. Fornirò dati anche sull’aumento esponenziale di patologie psichiche o preternaturali, ma già Amorth e Padre Candido dissero, sul tema, cose inequivocabili. La “depressione” potrebbe anche avere cause “metasociali”, non direttamente riconducibili al piano “preternaturale”. Ci potrebbe essere, comunque, un nesso di correlazione diretto, per tutta questa congerie di cause, metasociali e spirituali.

    Cordialmente, la salutiamo da Asgard, ove vedemmo la luce.
    Baldr

  6. Per Paola

    Franceschetti a volte ha delle intuizioni non da poco, ma non ci sembra attendibile con tutte quelle ricostruzioni numerologiche. A volte molto intelligente, altre volte incredibilmente superificiale. Che gli omicidi del MdF siano rituali non ci sono dubbi; su Via Poma, leggemmo che il cadavere della povera SC era completamente dissanguato, ma non sapremmo dire altro. Lo stabile,o uno stabile adiacente, era comunque abitato da MC, e l’appartamento dove avvenne l’omicidio del SIsde.

    1. Albino Mettifogo

      Gent.mo Baldr da Thule. Mi sa dire se anche l’omicidio di Yara Gambirasio rientra in questa logica perversa? Subito dopo la scoperta del suo cadavere circolò la notizia che sul corpo erano stati trovati segni di rituali satanici, notizia che venne poi rapidamente insabbiata. Lei ha qualche informazione in più al riguardo?
      Cordialmente,
      Albino

  7. Gentile Albino,

    Non abbiamo approfondito la vicenda, purtroppo. Non escludiamo mai, in questi casi e per quanto conti la nostra opinione, moventi del genere. Da quel poco che abbiamo letto, ci pare che la prigionia di Bossetti sia un arbitrio.

    Cordialmente,
    Baldr

  8. Quando quel fumo è il fumo di Satana, dietro c’è sicuramente il fuoco di Satana: e quel fuoco, e quel fumo, arde e si alza dalle anime dei consacrati a Satana: come quella di chi, per primo, di quel fumo ha parlato, per diretta esperienza personale sua ; in ciò preceduto e seguito, sempre in alto, e in basso, da tanti simili suoi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su