È veramente libero chi è capace di soffrire. Firmato Guareschi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Giovannino Guareschi, non smetteremo mai di ripeterlo, è uno di quegli autori che salvano l’anima. Un suo libro può starsene rintanato per anni sopra uno scaffale e poi, il giorno in cui serve leggere proprio quelle parole lì, che stanno scritte in quel modo lì, lo si prende, chissà per quale ragione e lo si inizia a sfogliare. È così che Giovannino ha cambiato la prospettiva di tre generazioni di lettori e ha rivoltato come un calzino il modo di vedere la vita di milioni di persone che si sono trovate grazie a lui a ragionare in maniera contraria al mondo, senza che magari nemmeno se ne accorgessero.

Giovannino ha cambiato il nostro modo di vedere la condizione umana sotto moltissimi punti di vista. In effetti, un uomo che è stato in grado di trasfigurare l’esperienza del lager e della prigione in racconti meravigliosi e carichi di speranza, non poteva certo lasciare immutata la nostra concezione della felicità.

E così, pagina dopo pagina, più Guareschi ci entra nelle ossa e diviene parte di noi, più ci pare chiaro che la felicità autentica, quella che dà equilibrio all’animo e dona una grave levità tenendoci con i piedi piantati per terra e lo sguardo rivolto al cielo a ogni svolta drammatica della vita, coincida in tutto per tutto con la libertà. Quella vera.

Un uomo può almeno tentare di essere felice, e non parliamo certo dei picchi fugaci di esaltazione ed ebbrezza, solo se prima è riuscito a essere un uomo libero. Ma la libertà secondo Giovannino non è quel concetto inafferrabile che finisce per smarrirsi in tante teorie pindariche. Lo scrittore della Bassa ci ha attirati per la concretezza e il realismo con cui ne parla perché è evidentissimo che sono la stessa concretezza e lo stesso realismo con cui la vive. Senza la testa piena di chissà quali teologie, con l’arma del buon senso cristiano che interpreta tutto ciò che gli accade scorgendovi spesso il contrario di ciò che vuole il mondo, ci ha messo dentro al cuore tutto quello che altri autori avevano presentato con molte più parole. Troppe, per riuscire a dire qualcosa di vero e vissuto.

Non basta parlare genericamente di libertà quando si vuole descrivere ciò che Guareschi aveva mantenuto vivo dentro il lager, ciò che aveva conservato nella sua cella, ciò che aveva custodito nell’isolamento impostogli da tanti cattolici perbene. Questi e tanti altri eventi della sua vita furono scelte libere, sì, derivanti però da una libertà profonda, profondissima, che stava all’origine di tutto il suo agire e gli permetteva di compiere le scelte più difficili con quella grave levità, che altro non é che felicità vera.

Il senso di libertà di Giovannino, e dunque la sua pace, vengono prima di tutto. Prima che lui venisse rinchiuso dietro al reticolato del campo di concentramento, erano già lì ad attenderlo. Un dono speciale che i casi della vita hanno avuto solo il compito di affinare. “Non muoio neanche se mi ammazzano”, frase usata, abusata e travisata del nostro scrittore, non è semplicemente un inno alla forza d’animo. Quella frase è la forma letteraria di ciò che Guareschi aveva scoperto di avere già dentro il cuore: la capacità di non temere la sofferenza. E se un uomo non ha più paura del dolore, non lo fugge, ma lo baciar come i poeti e benedice come i santi, è finalmente libero. Se è libero dalla paura di soffrire nessun turbamento affligge più il suo animo. Un uomo, un cavaliere, un martire può dire che non morirà neanche se ammazzano solo quando cessa la paura morire. È uno dei tanti paradossi del cristianesimo. Vinto il timore di morire, Giovannino aveva capito come doveva vivere. Si era liberato del mondo, guardava in alto.

Non muoio neanche se mi ammazzano” è il succo dell’insegnamento di un uomo che ha affrontato la logica invertita del mondo con la tempra di chi sa che, abbracciato il dolore come un buon compagno di viaggio, alla fine incontrerà quel Dio capace di regali così grandi. E, senza catene, salirà in alto con il cuore leggero di chi non ha mai odiato nessuno.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

4 commenti su “È veramente libero chi è capace di soffrire. Firmato Guareschi”

  1. Ecco, questa davvero è la libertà di cui abbiano bisogno. In un certo senso sentirsi lontani dal mondo pur essendoci dentro. Non un atto di superbia che dica ” io non sono come il resto del mondo”, ma sentirsi appieno la creatura che Dio ha voluto: per l’appunto, “creatura”, cioè un essere che
    È perché un Altro lo fa essere e lo fa essere sempre, ogni istante della vita, finché Lui vuole. Allora sì che non esiste più la paura del soffrire e della morte perché sa che, al di là di ogni umana immaginazione, nell’accettare e nell’adempiere alla volontà di Dio ogni bellezza lo attende: può darsi talvolta anche un po’ qui, ma soprattutto là dove tutto si compie e si trasfigura, persino il bene che qui può parere già grande.
    “Non muoio neanche se mi ammazzano” : uno stupendo atto di fede e insieme di speranza e, se vogliamo, anche di carità: cristiana, soprattutto cristiana.

  2. È molto interessante e originale questa lettura di un autore che per troppo tempo è stato considerato solo un umorista. Dovremmo imparare a conoscere meglio i tesori di casa nostra. Questo è iun articolo che induce a meditare e da fare leggere ai nostri ragazzi.

    1. Bellissimo articolo. Quella che ha descritto è la libertà che nasce dalla consapevolezza di essere creature chiamate alla guerra. Fragili, ignoranti, peccatori, distratti… compiremo comunque il nostro dovere, mettendo nelle mani del Signore le nostre azioni e le nostre vite.

  3. Giorgio Lo Giudice

    Sono un grande lettore di Guareschi e devo dire che questo articolo mi ha chiarito le idee. Da tempo mi ronzava in testa qualcosa del genere ma non riuscivo a metterlo bene a fuoco. Qui è spiegato con precisione e mi permetto di dire anche con partecipazione. Mi pare che la dottoressa Chiara Gnocchi sia figlia di Alessandro Gnocchi, che leggo da molto tempo. Se è così buon sangue non mente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su