Eliminare ovunque le croci, ecco la nuova parola d’ordine in USA – di Mauro Faverzani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Negli Stati Uniti, ormai, la caccia ai cristiani è aperta. Senza quartiere, senza regole, sistematica e permanente. È feroce, ideologica, diabolica. Non lascia respiro, né scampo. Come ha denunciato lo scorso 14 marzo il sito Voice of the Persecuted: attivisti dell’American Humanist Association hanno addirittura sporto denuncia contro la Bladensburg Peace Cross, una croce eretta quasi un secolo fa, nel 1925, senza che mai alcuno avesse trovato alcunché da eccepire in merito.

di Mauro Faverzani

.

Progetto-monumento-CaliforniaNegli Stati Uniti, ormai, la caccia ai cristiani è aperta. Senza quartiere, senza regole, sistematica e permanente. È feroce, ideologica, diabolica. Non lascia respiro, né scampo. Come ha denunciato lo scorso 14 marzo il sito Voice of the Persecuted: attivisti dell’American Humanist Association hanno addirittura sporto denuncia contro la Bladensburg Peace Cross, una croce eretta quasi un secolo fa, nel 1925, senza che mai alcuno avesse trovato alcunché da eccepire in merito.

Commemora anzi il sacrificio di 49 soldati originari della contea di Prince George, nel Maryland, caduti durante la prima guerra mondiale. Un segno di grande patriottismo, evidentemente sgradito, però, agli umanisti …

Sulla costa degli Usa esattamente opposta, a Lake Elsinore, in California, è la stessa organizzazione ad aver mostrato il proprio volto più crudele. Senza cuore e senza pietà, hanno costretto una madre a togliere la croce posta ai margini della strada, nel punto ove suo figlio aveva perso la vita a causa di un incidente. Ed ancora a Lake Elsinore un giudice ha impedito l’erezione di un monumento, che avrebbe dovuto raffigurare un soldato in ginocchio davanti alla tomba di uno dei commilitoni caduto in combattimento. Sconcertante la causa del veto: il fatto cioè che la tomba fosse indicata, com’è ovvio, da una croce.

Insomma, la croce disturba, abbatterla ovunque è diventato il nuovo obiettivo, anzi l’imperativo del secolarismo organizzato. Ma chi indica la sigla AHA, American Humanist Association? Si tratta di un’organizzazione fondata ufficialmente nel 1941, formalmente per promuovere i «valori progressisti» ed «atei». Si proclama indifferente a qualsiasi discorso di fede, ma di fatto svolge un’azione di radicale contrasto alla presenza religiosa in genere ed al Cristianesimo in particolare, che vorrebbe estromettere dalla società e dalle scuole, anche privando quelle religiose dei fondi pubblici. Per mille motivi. Paladini dello scientismo e del darwinismo più spinti, i suoi attivisti contrastano il ruolo pubblico della Chiesa, che sognano rinchiusa nelle sagrestie, promuovono l’aborto (definendo «estremisti religiosi» quanti vi si oppongano), contrastano l’obiezione di coscienza, sostengono l’indottrinamento sessista nelle aule, cercando d’impedire qualsiasi riferimento all’astinenza.

Vagheggiano un «governo laico», possibilmente universale: la loro, infatti, non rappresenta un’azione isolata, tutt’altro. Sono presenti in oltre 40 Paesi del mondo attraverso l’Internazionale Umanista e l’Ethical Union. Il patrimonio della Fondazione Umanista ammonta ad oltre 3 milioni di dollari (ma puntano a raggiungere presto quota 5 attraverso lasciti, eredità, finanziamenti, raccolte-fondi), editano riviste e libri, gestiscono media, promuovono convegni e campagne di sensibilizzazione.

Il nuovo fronte di scontro è dato dalla riforma sanitaria del Presidente Obama, plaudita, oltre che dagli umanisti, anche dalle meretrici del Nevada, ma bocciata dal buon senso e dalla Chiesa. Non tanto per il fatto di comportare il taglio di 2 milioni e mezzo di posti di lavoro nel giro di dieci anni, né per il fatto di provocare un aumento indiscriminato delle tasse (pari a mille miliardi di dollari), quanto per le sue conseguenze etiche: la riforma obbliga ospedali, università cattoliche ed imprese del terzo settore a dare ai propri dipendenti una copertura assicurativa anche per contraccettivi e farmaci abortivi. Ma rappresenta anche un grave attentato alla libertà religiosa, al punto da spingere la diocesi di Cheyenne, con diverse scuole e charities, a far causa allo Stato Federale. Proprio per questo gli attivisti dell’AHA ne hanno fatto un cavallo di battaglia. Fatti di fronte ai quali anche l’osservatore più sprovveduto ed ingenuo non potrebbe non cogliere i segni di un progetto cristianofobico, concertato a livello internazionale.

.

fonte: Corrispondenza Romana

]]>

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

9 commenti su “Eliminare ovunque le croci, ecco la nuova parola d’ordine in USA – di Mauro Faverzani”

    1. Non so se sono pessimista o realista: secondo me la grande
      battaglia è iniziata già da molti anni e forse ora sta per giungere
      al culmine.
      Perché il male non irrompe mai, è subdolo ed entra per le
      fessure in modo da non farsi riconoscere subito…

  1. Vero Paola non bisogna perdere tempo. Si organizzi una associazione : Soldati per la croce. tutti dobbiamo dae il nostro contributo !!!!
    Io saro’ il primo

  2. E’ proprio vero Lucifero e’ un angelo portatore di luce ,si dice……e lui sta’ operando……..senza che le persone diano importanza.

  3. se per due mandati l America ha eletto un islamico si aspetti la distruzione. infatti eccola, la sta seminando con fare diabolico in tutto il mondo, figuriamoci cosa fa in America.

  4. Purtroppo la persecuzione ai cristiani ha raggiunto livelli molto alti, in quasi tutta l’Europa il cristiano è mal tollerato, si tolgono i Crocefissi in ogni dove. nell’Asia, nell’Africa le persecuzioni sono all’ordine del giorno,Gesù è mal sopportato anche nella nostra amata patria.Si chiudono chiese per paura dei ladri, chi dovrebbe insegnare la verità, invece, la mistifica continuamente dicendo che tutte le religioni sono uguali.Si tradisce continuamente la santa e buona dottrina con sciocchezze sincretiste.Si fa comunella con buddisti,induisti,chiese varie protestanti,non si dice più che belzebù esiste,dicono che adamo ed eva in realtà non sono mai esistiti, che il sacrificio e la crocefissione di Gesù è un modo cinematografico di rappresentare la vita di Gesù, che la Vergine SS. in realtà ha avuto altri figli…… Che volete di più. Chi dovrebbe gridare dai tetti tace e si inchina alla moda del momento e non solo non pasce le proprie pecore, ma le lascia morire morire di fame e di sete e dai morsi dei lupi. Immacolata SS. aiuta il tuo popolo che in tutto il mondo sta soffrendo.

  5. attenta Michela che Lucifero era un angelo bellissimo che si ribello’ a Dio. Michele lo vinse e fini’ all’inferno, da dove usci per conquistare le persone predisposte al male. Lucifero, portatore di luce, anche le lampade che attirano le zanzare hanno la luce, ma tu vedi come finiscono le zanzare attratte!!!!!
    Io penso che noi abbiamo di dentro il bene e il male, Seguendo la nostra religione finisce per prevalere il bene. Altrimenti il male prevale (lucifero) e allora sofferenze per tutti.

  6. Buongiorno,
    a Natale nella mia Parrocchia son arrivati due nuovi Parroci di origine argentina, circa un mese fa hanno rimosso dall’Altare un grande Crocefisso in legno che era lì da decine di anni sostenendo che fosse da Oratorio e non da Altare, lì per lì sono rimasto perplesso ed ora vi chiedo se é giustificabile una simile ragione ….

  7. Non riesco a commentare questa dichiarazione di guerra al SS. Crocifisso da parte dell’america.
    Non riesco……. vorrei scrivere tante cose, ma mi sento mancare……O Gloriosissimo S. Giuseppe, terrore dei demoni, Prega e Intercedi per noi, per la Chiesa di cui sei Patrono Universale. Assieme alla Tua Santissima Sposa, la sempre Vergine Immacolata Maria, schiecciate, ve ne supplico, la testa del serpente infernale che è il nuovo ordine mondiale massonico, che per essere instaurato definitivamente, deve liberarsi della SS. Croce. Solo la Croce fa indietreggiare satana. ……Attila, il terribile fu fermato da Papa S. Leone I che impugnava la SS. Croce…… Attila, il flagello di Dio…morì all’incirca un anno dopo.
    Guai a chi tocca la SS. Croce, Guai a chi la toglie dall’Altare, specie se sono “sacerdoti” come quei descritti da Marco. Guai!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su