ERESIA ED AVARIZIA – di P. Giovanni Cavalcoli, OP

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Laddove un governo o una politica sono attenti alla verità sull’uomo, facilmente troviamo l’armonia con la dottrina della fede e la comunione ecclesiale; dove invece essi mirano ad arraffare,  alla prepotenza o alla dittatura, troviamo lo spregio simultaneo delle esigenze della giustizia e della verità di  fede. L’ingiustizia e l’eresia vanno sempre di pari passo

 

di P. Giovanni Cavalcoli, OP


 

db

Jean Fouquet – il diavolo tenta Bernardo di Chiaravalle (particolare)

 

L’ideologia del liberalismo e dell’illuminismo ci ha abituati ormai da tre secoli ad un falso quanto ostinato stereotipo dell’eretico inteso come genio incompreso, profeta di progresso, uomo  disinteressato e martire del libero pensiero, dalla vita austera ed esemplare, perseguitato o represso dall’oscurantistico, arcigno e retrivo strapotere della Chiesa Romana.

Meno male – così alcuni pensano – che col Concilio Ecumenico Vaticano II la Chiesa non ha più lo sguardo torvo e schifiltoso, ha smesso di parlare di “eresie”, di mitragliare a tutto campo, si è aggiornata e si é fiduciosamente, gioiosamente ed amorevolmente aperta al mondo moderno in un dialogo dalla ricchezza inesauribile.

In realtà l’eretico, almeno nella concezione cattolica, è un battezzato che rinnega volontariamente, per superbia, uno o più dogmi della fede cattolica, ossia le interpretazioni della divina rivelazione proposte a credere ai fedeli da parte della Chiesa, e si adopera astutamente a far valere la sua idea, senza badare all’onestà dei mezzi e dei fini, con grave danno per le anime.

L’eresia non è un innocuo “delitto di opinione”, come credono i soloni del liberalismo, ma un delitto contro la verità e la coscienza di fede, che non sono affatto un’opinione, ma sono verità sacra, oggettiva, universale, immutabile, assolutamente certa e vincolante in coscienza, almeno per il credente, in quanto fondata non su di un’autorità umana o su contingenti circostanze storiche, ma sulla stessa autorità divina di Cristo, che si è rivelato alla sua Chiesa incaricandola di trasmettere a tutto il mondo tale verità al fine di garantirgli il cammino della salvezza. La Chiesa, infallibile soltanto nell’annuncio del Vangelo, ha sempre poi lasciato la massima libertà di opinione, anche in teologia, in quel campo che non mettesse in pericolo i valori della fede e della morale.

L’eresia concerne evidentemente l’esercizio dell’intelligenza, poiché è questione di verità ed è l’intelletto che ha per oggetto la verità. Tuttavia nella vita umana la volontà, la prassi e quindi gli interessi economici interagiscono con gli interessi intellettuali e conoscitivi secondo una reciproca influenza che può recar beneficio ma anche danno sia alle idee che al comportamento. Il modo e i contenuti del pensiero certamente influiscono sull’azione, ma anche le inclinazioni, gli affetti, i bisogni e gli interessi pratici e materiali influiscono sulle dottrine, sulle credenze e sul sapere.

E come la virtù intellettuale facilmente va d’accordo con la virtù morale, così il vizio del pensiero facilmente si sposa col vizio morale. Per questo, ponendosi eresia ed avarizia sul piano del vizio – vizio del pensiero e vizio dell’azione – è facile trovare un nesso, anche se non sempre in tutti i casi, tra l’eretico e lo schiavo di Mammona.

L’eresia, come ho detto, è causata direttamente e propriamente  dalla superbia, per la quale il soggetto si ritiene in grado o in dovere di notare di falso la dottrina della Chiesa, quasi che, grazie ad un contatto diretto con Dio, sia a conoscenza della divina rivelazione meglio della Chiesa stessa o sappia meglio interpretare Bibbia e Tradizione, e in forza di questa superiore conoscenza, si ritenga capace di correggere la Chiesa rifiutando il suo insegnamento.

Ma la superbia a sua volta è strettamente legata ad uno smodato bisogno di potenza, di dominio, di godimento e di possesso, ad un idolatrico attaccamento al mondo, ad un’esagerata cura dei propri interessi e della propria immagine, alla tendenza a sfruttare gli altri a proprio vantaggio, ad una puntigliosa, stizzosa e vendicativa difesa del proprio io, ad una profonda inquietudine polemica, ad un bisogno narcisistico ed insaziabile di emergere, di esibizionismo e affermazione dell’io, il quale esplicitamente o implicitamente, ritenendosi l’unica ed l’assoluta “autocoscienza”, rifiuta di sottomettersi a Dio o identificandosi con Dio (panteismo) o sostituendosi a Lui (ateismo).

L’eretico, quindi, in vista di assicurare al suo io il primato sull’essere, facilmente è soggetto al vizio dell’avarizia, ossia a quella ricerca di potere e di possesso economico o per conto proprio o per mezzo di altri, che gli consente di esercitare concretamente e materialmente sugli altri quel dominio e quella sopraffazione che sono l’effetto immediato della superbia nel campo dei rapporti col prossimo.

I contenuti stessi dell’eresia, al di là di progetti falsamente spiritualistici o materialistici in modo aperto ed esplicito, propongono una visione della vita umana chiusa in prospettive meramente terrene per non dire economiche ed esaltano il possesso e il godimento delle ricchezze come ideale supremo della vita umana, incuranti del bene comune e delle esigenze della giustizia e della solidarietà sociali. Sotto questo profilo l’eretico o trae dalle sue idee un profitto economico personale o agisce a servizio di forze economiche o si serve di queste forze che si muovono nel senso delle sue idee ereticali.

L’eresia è una menzogna nel campo della fede ed è il segno di un’impostazione di vita alla quale non interessa la verità, ma il successo, il piacere e il potere e facilmente l’interesse si volge al potere economico, dunque l’avarizia. Per questo l’eresia facilmente attecchisce in quelle classi di governo o ambienti politici ai quali non interessa la verità circa il bene comune, i diritti umani o i bisogni della gente, ma la conservazione di una posizione di prestigio e l’esercizio dello sfruttamento economico.

Laddove un governo o una politica sono attenti alla verità sull’uomo, facilmente troviamo l’armonia con la dottrina della fede e la comunione ecclesiale; dove invece essi mirano ad arraffare,  alla prepotenza o alla dittatura, troviamo lo spregio simultaneo delle esigenze della giustizia e della verità di  fede. L’ingiustizia e l’eresia vanno sempre di pari passo.

La preoccupazione per la giustizia e la pace senza una corrispettiva adeguata attenzione al pericolo che viene dall’eresia, è un difetto diffuso nella pastorale di oggi, ed è una cattiva interpretazione della pastorale promossa dal Concilio. Tale atteggiamento dimostra impreparazione teologica, infedeltà al Magistero, inescusabile dabbenaggine e forse anche in certi casi insincerità e nascoste connivenze con la stessa eresia.

Così si deve dire che l’avarizia, che intacca l’onestà, la temperanza e la sobrietà nella vita fisica, cammina parallelamente alla disonestà o slealtà della menzogna sul senso trascendente o teologico della vita, che caratterizza l’eresia. Nella Bibbia troviamo sempre assieme la duplice detestazione della brama delle ricchezze come dell’orgoglio ereticale, in quanto sorgenti radicali di tutti i mali, del corpo e dell’anima. “Non di solo pane vive l’uomo, ma di ogni parola che esca dalla bocca di Dio”.

Dal punto di vista economico sembrerebbe di trovare una condanna dell’avarizia simile a quella che Marx fa dell’ingiustizia sociale come principio dell’alienazione dell’umanità, se non fosse che nel materialismo marxiano, amante dei sofismi dialettici, manca la doverosa condanna della disonestà intellettuale, tipica dell’eresia, come principio altrettanto grave dell’infelicità, della schiavitù e della perdizione dell’uomo.

Un certa corrente filomarxista della teologia della liberazione condannata a suo tempo dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, nel momento in cui accentua l’esigenza della giustizia in una prospettiva meramente terrena, chiusa al futuro ultraterreno e soprannaturale[1], si oppone all’avarizia solo apparentemente, ma in realtà finisce per bloccare il vero processo della liberazione evangelica dell’uomo, cedendo quindi ad una visione ereticale.

Su questa linea è il famoso teologo ex-francescano Leonardo Boff, i cui scritti furono a suo tempo condannati, il quale si è di recente rifatto vivo nella speranza di accaparrarsi il Papa con mossa perfida contrapposto da lui a Benedetto XVI che lo ha condannato.

E così parimenti certe visioni apparentemente personalistiche e spiritualistiche come il rahnerismo, che sembrerebbero del tutto aliene dal favoreggiare l’avarizia, in realtà col loro immanentismo finiscono per esaltare un umanesimo chiuso al trascendente e quindi tutto orientato al possesso e al dominio dei beni terreni, il che è eretico e nello stesso tempo favoreggia l’avarizia.

L’avarizia è occasione ed incentivo all’eresia. L’avarizia infatti, immergendo la mente negli interessi terreni, le impedisce di elevare lo sguardo, di avere quella limpidezza e quella libertà con la quali potrebbe attingere alle superiori verità della fede, gustarle e metterle in pratica. In tal modo l’avarizia, mantenendo la mente raso terra, riproduce sé stessa e si chiude alla verità della fede. Ecco dunque l’eresia.

La pratica intensiva, organizzata ed abile dell’avarizia, dal canto suo, quello che alcuni chiamano “senso degli affari”, è spesso sorgente di lauti ed illeciti proventi per l’eretico e per i suoi seguaci e sponsorizzatori. Infatti esiste un vasto pubblico che preferisce la dolce menzogna alla dura verità, per cui esso volentieri acquista i prodotti degli eretici.

Quale responsabilità hanno qui le case editrici cattoliche! Il vizio promuove la falsità e la falsità è causa del vizio. E tutti sappiamo quanto il danaro sia legato al vizio, benchè col danaro si possano compiere meravigliose ed utilissime opere religiose e sociali, come dimostra la vita dei santi e degli onesti imprenditori e dirigenti d’azienda nel campo dell’industria e dello sviluppo economico. Il capitalismo, come spiega la recente dottrina della Chiesa, non è un male in sé, se viene impiegato a servizio del bene comune.

I mali tuttavia in generale si incrementano a vicenda sul piano del pensiero e dell’azione, anche se poi avviene che ciò si verifica, grazie a Dio, anche per i beni. Come avarizia ed eresia si richiamano a vicenda, altrettanto sono sorelle la fede ortodossa e la giustizia sociale.

Quanto all’avarizia, la gravità di questo vizio è ben nota e denunciata già dai saggi pagani. Ricordiamo la famosa detestazione della auri sacra fames di virgiliana memoria. Per capire l’odiosità di questo vizio non occorrono infatti speciali rivelazioni celesti o acume speculativo, ma è sufficiente una minima dose di buon cuore e di senso di umanità, che però purtroppo non albergano sempre di fatto in tutti.

La figura commovente e nobile del buon samaritano sta sempre ad insegnarci che il senso naturale ed onesto della solidarietà umana, anche in soggetti in buona fede non istruiti dal punto di vista della dottrina, può averla vinta su di una cultura religiosa raffinata ed ipocrita che finisce però in realtà, a causa dell’egoismo e della durezza di cuore, per celare la vergogna dell’eresia.

Accade così che il comando divino dell’amore del prossimo (“amatevi come Io vi ho amato”), fondamentale verità di fede del cristianesimo, elevando la naturale solidarietà umana alla dignità soprannaturale di fratellanza in Cristo, abbia per contrapposto che l’avarizia si presenti non solo come ingiustizia sul piano delle virtù morali e del diritto naturale, ma anche e soprattutto come vera e propria eresia, peccato contro la fede e contro il Vangelo.

Gesù, nella sua polemica contro i farisei, li accusa simultaneamente di ipocrisia per la loro incredulità e falsa fede in Jahvè, nonché di avarizia per il loro sfruttare un’apparente professione di vita religiosa per bassi fini egoistici o di potere economico. Viceversa il Vangelo è annunciato ai poveri sia nel senso dei bisognosi economicamente che nel senso dei bisognosi di verità, umilmente aperti alla Parola del Vangelo.

Quanto ancor oggi purtroppo la polemica di Gesù resta attuale per tutti quegli ambienti religiosi e clericali nei quali la professione di fede vien falsata per essere considerata non come il vertice degli interessi – fons et culmen – ma come fonte di loschi affari e guadagni illeciti!

Quanto spesso nei discorsi, nei capitoli e nelle riunioni di ecclesiastici o di religiosi che dovrebbero essere luce della Chiesa ed esempio di vita sobria, le questioni trattate con maggior serietà, calore e sottigliezza di argomenti degni di miglior causa, non sono quelle dottrinali o pastorali, ma quelle relative a vendite, acquisti, affari, guadagni, intrallazzi, profitti e cose del genere!

In tal modo capita che la Chiesa, che di per sé è una comunione spirituale, avendo essa anche un aspetto terreno ed essendo composta di uomini fallibili e peccatori, scada a volte nello stile di una qualunque società umana con i suoi egoismi e discutibili interessi per non dir di peggio, per cui è sempre bisognosa di essere corretta, riformata e riportata sulle vie del Vangelo.

Tutti i Concili ecumenici della storia hanno sempre avuto questa funzione di richiamo alla verità contro gli eretici e simultaneamente di restaurazione della giustizia contro reati amministrativi – pensiamo al “giubileo” ebraico – o contro i falsi pastori che invece di nutrire il gregge ingrassano sé stessi o scappano davanti al lupo.

Anche Papa Francesco si accinge ad una riforma della Curia Romana a cinquant’anni dal riforma promossa da Paolo VI alla luce del Concilio Vaticano II. Che cosa è successo? Forse la riforma promossa dal Concilio era difettosa? O forse non è stata applicata bene? Difficile dirlo.

Questa riforma de fide et morbus dovrà muoversi su due binari, come sempre: eliminazione dell’eresia e delle ingiustizie nell’amministrazione dei beni della S.Sede. L’immaginario collettivo è particolarmente colpito dalla vicenda dello IOR, mentre i modernisti cercano di distogliere l’attenzione dalla CDF, dato che sono parte in causa, ma non dimentichiamo il problema più grave che è quello della crisi di fede, della quale parlava Papa Benedetto XVI nella sua dichiarazione di dimissioni.

Anche la Congregazione per la Dottrina della Fede ha bisogno di uomini dalla fede purissima ed integerrima, considerando il loro ruolo delicatissimo di aiutanti del Papa nella tutela della retta fede, così come del resto anche lo IOR necessita di persone totalmente disinteressate, di eccellente competenza e di specchiata onestà. Ma lo IOR e la CDF devono procedere in piena reciprocità sotto la guida del Papa, così come anima e corpo devono procedere in armonia sotto la guida della stessa anima.

Le Opere di Religione non possono essere ben condotte ed amministrate se non alla luce della fede, non per altri interessi che non siano quelli della fede e della diffusione del Vangelo. Ed ecco dunque riaffacciarsi il problema dell’eresia, che non è necessariamente negazione di un dogma speculativo, ma anche di quel dogma fondamentale che è la pratica della giustizia evangelica.

Preghiamo per il Santo Padre perché lo Spirito Santo e l’intercessione di Maria SS.ma gli diano la forza di compiere questa impresa gigantesca e rischiosa, circondato da fidati e capaci collaboratori. Ed in ogni caso la Chiesa andrà avanti di vittoria in vittoria, giacchè secondo la promessa del divin Fondatore, portae inferi non praevalubunt.




[1] Vedi il rifiuto della dottrina dei “due mondi” (questo mondo e il futuro mondo celeste ultraterreno) da parte del fondatore della teologia della liberazione Gustavo Gutierrez.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su