EUROPRIDE – I LETTORI CI SCRIVONO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ringraziamo i molti lettori che hanno seguito il nostro appello alla protesta contro l’Europride e il sindaco Alemanno, e che hanno scritto a Libero e ci hanno inviato copia. Pubblichiamo qui alcune delle lettere pervenute, e molte altre ne seguiranno.

Per conoscere i dettagli dell’iniziativa di protesta di Riscossa Cristiana, cliccate qui

=====================

 

Signor Alemanno,
avevo tifato par lei quando venne eletto, ma ora, di fronte alle sue decisioni offensive rispetto al comune e maggioritario senso del decoro e buon gusto che offendono i sentimenti non solo dei suoi cittadini ma della maggioranza degli italiani, mi sento tradita!
Lei ha finanziato e sostenuto, nonostante le vere e reali situazioni di bisogno romane, un raduno di pervertiti!
Mi vergogno del suo comportamento che  offende gravemente anche Roma come sede del Vicario di Cristo e i cattolici che il Papa rappresenta.

C.B.

Che vergogna , che schifo ! Prima la Carfagna  appoggia lesbiche , poi Alemanno … Ma questa destra cos’ è ,  mi domando : in cosa si differenzia dalla sinistra qualunquista e propugnatrice di ogni abuso e sovvertimento di sani valori che distinguono l’uomo da finocchi , lesbiche , trans ecc.  ? Come è caduto in basso il fatiscente sindaco di Roma ! Che schifoso atteggiamento di immoralità !


E. A.

Gent.mo Direttore,

avendo appreso che il risultato del sondaggio su un eventuale successore di Berlusconi al Governo darebbe come preferito il Sindaco di Roma, dott. Alemanno, dopo il suo intervento a favore dell’Europride mi sento di DISSENTIRE fortemente da questa scelta, perché un rappresentante del partito eletto dagli Italiani, proprio in opposizione alla politica radical chic portata avanti dalla sinistra, se ne fa promotore con gli strumenti più degradanti.

Io credo che proprio chi si pone a difesa di coloro che manifestano tendenze omosessuali da eventuali discriminazioni abbiano il preciso DOVERE di denunciare con fermezza la violazione dei loro diritti, della loro dignità di esseri umani che si verifica in questi fenomeni da baraccone. E’ in manifestazioni come queste infatti che vengono strumentalizzate delle PERSONE, portatrici di una debolezza, di una forma di infermità, allo scopo manifesto di servire all’ideologia promossa da chi vorrebbe scardinare la struttura sociale fondata sul diritto naturale. E così tali persone, sbattute in vetrina, lasciano che il loro corpo, la loro dignità vengano usate per un vergognoso spettacolo di pessimo gusto, per compiacere chi vuole fare di un comportamento perverso di pochi il grimaldello usato allo scopo di promuovere un modello gnostico di società dal volto disumano: sempre meno bambini, possibilmente concepiti in provetta, così da confermare il delirante piano dell’uomo di creare il mondo al posto di Dio, a sua misura. La misura della bestialità.

Chi appoggia tali manifestazioni pertanto non si mostra degno di guidare lo Stato italiano che è cresciuto sulle radici di un diritto naturale e della religione cristiana che hanno fatto la sua prosperità nei secoli.

F. P.

Caro Direttore,

quale elettore del centro destra devo ricredermi su Gianni Alemanno quale potenziale successore del presidente Berlusconi.

La sua calorosa accoglienza dell’Europride, nella veste istituzionale di sindaco di Roma, dimostra o che ha smarrito i punti di riferimento fondamentali su cui è fondata la nostra civiltà, o che non ha il coraggio di difenderli e preferisce accettare qualunque porcheria pur di prendere dei consensi. Ma così facendo li perde, a cominciare dal mio, e dimostra di non avere la stoffa dell’uomo di stato che dovrebbe guidare una nazione in questo mondo che sembra impazzito.

Cordiali saluti

C. C.

SE IL SINDACO ALEMANNO FOSSE CATTOLICO, DOVREBBE SAPERE DI AVER OFFESO GRAVEMENTE DIO NELLA SUA STESSA LEGGE RIVELATA: “PER QUESTO LI DIEDE IDDIO IN BALIA DI PASSIONI IGNOMINIOSE. PERCHE’ LE STESSE LORO DONNE MUTARONO L’ORDINE POSTO DALLA NATURA IN DISORDINE CONTRARIO ALLA NATURA. E GLI UOMINI SIMILMENTE, LASCIATA LA NATURALE UNIONE CON LA DONNA, ARSERO SCAMBIEVOLMENTE NEI LORO DESIDERI, FACENDO COSE OBBROBRIOSE L’UNO VERSO L’ALTRO, E RIPORTANDO IN SE STESSI LA GIUSTA PAGA DEL PROPRIO ERRORE” (Rom. 1, 26-27) “NE’ GLI EFFEMINATI, NE’ QUELLI CHE PECCANO CONTRO NATURA (…) AVRANNO L’EREDITA’ DEL REGNO DI DIO” (I Cor. 6, 10).

SE IL SINDACO ALEMANNO NON E’ CATTOLICO, HA COMUNQUE CALPESTATO LA LEGGE NATURALE. INFATTI L’APPROVAZIONE DELL’OMOSESSUALITA’ COMPORTA:

1) UNA GRAVE OFFESA RECATA ALLA PROCREAZIONE NATURALE E ALLA FAMIGLIA.

2) UN GRAVE CONSENSO AL VIZIO CONNESSO ALLE PRATICHE OMOSESSUALI.

DUE VIOLAZIONI SEMPRE PUNITE, IN PASSATO, ANCHE DALLE LEGISLAZIONI ‘LAICHE’. ESSE TRATTARONO L’OMOSESSUALITA’ COME PERVERSIONE CONTRO NATURA, COMPORTAMENTO DISGREGATORE DEL CONSORZIO CIVILE.

NEGARE TALI SENTENZE DI CIVILTA’ SECOLARI DEVE ESSERE STOLTA PRESUNZIONE, DI CHI SIA IN BUONA FEDE, ALTRIMENTI, AZIONE CRIMINALE DELL’ATTUALE INCIVILTA’ CHE PREDILIGE SOLUZIONI MOSTRUOSE E DISTRUTTIVE, ESSENDO SUCCUBE DI DISEGNI DISTRUTTIVI CHE FANNO SCAMBIARE IL VIZIO CON LA VIRTU’, LA CATTIVA COSCIENZA CON LA BUONA.

N. P.

Sig. Sindaco,

non La credevo capace di tanto. Stiamo perdendo il buon senso. Questa è la strada della sconfitta.

Ossequi

A. B.

Egr sig sindaco di Roma, chi le scrive è un simpatizzante del  suo partito e che aveva visto in quel medesimo partito l’unico baluardo contro lo sfascio della famiglia e dell’ordine morale e sociale derivanti da un 68 non ancora finito.

Ma dopo quello che a Roma si vuol fare, anche con la sua complicità mi devo ricredere su di Lei e suo suo modo di governare.

Lei, dello scempio  morale che si creerà in Roma – capitale della cristianità – non lo dimentichi  ne renderà conto non solo ai suoi elettori ma soprattutto a Dio.  Perciò, non  si faccia tentare ancora di più dall’orgoglio, e con molta umiltà torni su i suoi passi, tolga il patrocinio a una immonda manifestazione, innaturale e bestiale come quella che si accingono a fare gli omosessuali nella città che Dio ha  eletto come centro della cristianità.

T. L.

Siano lodati Gesù e Maria!
Sono don Leonardo Maria Pompei, 40 anni, Parroco in San Michele Arcangelo in Latina. Scrivo per esprimere la mia profondissima tristezza, unita ad altrettanto profonda indignazione, per l’intervento del Sindaco di Roma, onorevole Giovanni Alemanno (che peraltro, a suo tempo, ebbi modo di conoscere personalmente insieme ad un mio caro amico, Marco Addonisio), a proposito della vergognosa, scandalosa ed offensiva presa di posizione del Sindaco di Roma a proposito di una manifestazione che offende non solo i sentimenti di un prete e di un cattolico, ma il minimo buon gusto e pudore di qualunque persona dotata di un minimo di moralitù e di buon senso. Verso questa esecrabile convention omosessuale il Sindaco di Roma, con un video che mi è stato taggato su Facebook e che penso abbia fatto il giro del mondo, ha manifestato accoglienza, simpatia e sostegno. Non oso dire lo sconcerto provato nell’udire quelle parole da quella bocca… Il commento alla tag era: “poveri noi…”: quanto mai azzeccato! Ora, nella morale cattolica vige un principio, che dovrebbe essere tenuto da qualunque persona dotata di un minimo di buon senso ed è questo: se non sempre è possibile o opportuno evitare esplicitamente il male oppure reprimerlo, ci si deve, obtorto collo, rassegnare a tollerarlo. Beninteso, senza rinunciare a stigmatizzare, comunque e in ogni caso, il male come male, che mai, in nessun caso, in nessuna forma e in nessun modo, può essere minimamente incoraggiato, sostenuto, spalleggiato, sponsorizzato o anche solo accettato.
E’ certo che nessuno, nè prete, nè cattolico, nè dotato di buon senso, si è mai sognato di dire che bisogna picchiare gli omosessuali, inibirli dal pubblico consorzio civile, discriminarli in qualche forma e in qualche modo; ma da qui ad incoraggiare dei veri e propri pubblici scandali, ovvero promuovere inziative legislative “anti-omofobia” che farebbero diventare “l’omofobia” (sic) circostanza aggravante di alcuni reati (provvedimento, grazie a Dio, per ora scongiurato in Commissione), oppure anche solo lavorare perchè passi l’idea (questo è il fine di ogni “gay” o “euro” pride) che una perversione morale (che, fino a quando vigeva un po’ di onestà e buon senso, considerata tale anche dai manuali di psichiatria…) non è altro che una variante pienamente legittima di ciò che alcuni sciocchi ipocriti, puritani o anacronistici personaggi definiscono “normale”; arrivare dunque a tutto questo è davvero troppo, ancor più se questo è detto o fatto da un uomo che dovrebbe (a questo punto il condizionale è d’obbligo) essere di destra (non so se sia credente o meno), nella qualità di primo cittadino della città eterna, bagnata dal sangue di migliaia di martiri cristiani, gravemente offesi, insieme a tutti i cattolici degni di questo nome, di questa sarabanda di immondizia, sporcizia e oscenità contro natura.
Invito l’onorevole Alemanno a ricordare chi rappresenta e chi deve rappresentare, a ricordargli che risponderà, come ministro dell’Altissimo, che risponderà gravemente davanti a Dio di quello che sta facendo, a gridargli amorevolmente ma fermamente che un pubblico amministratore dovrebbe spendere il denaro pubblico in ben altro modo e che, se proprio non volesse fare a meno di essere “alla moda”, “aggiornato” e “al passo con i tempi”, ha ormai un luogo da tutti conosciuto ove trovare asilo ed ottima accoglienza, fondato da qualcuno che lui conosce molto bene e che, non meno di lui, ha calpestato e rinnegato quei Valori, perfettamente in linea con la migliore tradizione cristiana e cattolica, che da sempre hanno costituito patrimonio spirituale dell’autentica destra, quella che sognavo quando ero adolescente (ora ho altri, ben più alti sogni da inseguire…) ma che era oscurata da una certa destra forcaiola, violenta, razzista, xenofoba e militarista da cui, fortunatamente, feci in tempo (allora) a prendere le opportune distanze…. Da quella destra, a questa (?) destra, il divario è davvero troppo…
Che Dio la aiuti, signor Sindaco… e che possa perdonarla….Io, da prete, non posso che piangere, pregare e sperare che presto tutta questa immondizia, grazie al trionfo del Cuore Immacolato di Maria, diventi solo un orribile incubo… consegnato per sempre al passato (remoto)!


Don Leonardo Maria Pompei

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su