Eutanasia, ultimo orizzonte dell’americanismo – di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Piero Vassallo

.

zzzzb24L’ambiguo ottimismo dell’oligarchia americana, diffuso a tappeto dagli aviatori liberali (liberators) prima di rovesciarsi nelle democrazie sedicenti cristiane è stato battezzato dall’acqua magica ma non santa dell’aspersorio umanitario.

In fine il gaudio ha gettato la maschera rovesciandosi nel lugubre pensiero incombente sui decenni infiorati  dalla tossica & gomorrita goduria.

Chi oserà tuttavia gettare l’ombra del dubbio sulla esplosiva felicità diffusa dalle pedagogiche bombe sganciate dai vincitori/educatori?

Chi metterò in discussione i democratici piaceri elargiti agli sconfitti dagli alfieri della bandiera a stelle e strisce?

La filosofia salita a palazzo Chigi per celebrare l’accoppiamento dell’umorismo involontario di La Pira con la comicità surreale di Rascel, condivide e loda a voce alta i democratici sollucheri procurati ai vinti dalla felice/felicitaria America.

La memoria della feroce e mortifera ideologia americana è peraltro consegnata nelle pagine sulfuree del romanzo di Curzio Malaparte, La pelle.

L’esame dei filosofemi a monte dell’allegria americana desta un vago e strisciante sospetto perfino nei margini di quell’area moderata, che non sono del tutto refrattari e allergici al pensiero tradizionalista.

L’imbarazzo e il disagio aumentano allorché i benpensanti riflettono sulle trasgressioni e sui ruvidi godimenti, che la filosofia neo-albigese, circolante en travesti nelle università americane, propone ai giovani.

L’avanguardia (elitaria) americana si identifica nei precetti morali, che indirizzano alla ricerca della cadaverica felicità abitante nei paradisi drogastici e nei vespasiani esoterici, dove si incontrano gli iniziati alle delizie del sesso contro natura.

Il giornalismo a gettone tenta invano di occultare il turbamento procurato ai refrattari europei dalla tossica sessantottina miscela di Eros e Thanatos, la fumosa diade che sta sulla cima del monte teoretico scalato dal  libertinismo, trionfante nel pensiero dell’oligarchia liberale.

 Maria Adelaide Raschini ha stabilito magistralmente la dipendenza del liberalismo dal pregiudizio scettico, “che consentiva di imboccare un solo sentiero, quello tracciato dall’illuminismo inglese – il gran padre Locke, veniva chiamato questo angusto esponente dell’empirismo così tipicamente inglese” [1].

Nella nascosta profondità del godimento americano (e anglo-americano) infatti abita – ovviamente privo del qualunque sussidio della ragione – l’incubo purissimo, albigese e ultimamente francofortese, che ha dichiarato la amorosa guerra del Nulla lucente contro l’odiato Essere.

Risultato della insorgenza neo-catara contro la religione dell’Ipsum Esse è il delirio, che ha mosso i pensatori e i politicanti ultramoderni a condurre un’implacabile guerra alla natura e alla vita, la guerra combattuta e al momento vinta dalla democrazia obituaria al potere nei parlamenti del fantasma chiamato Europa.

zzzzetnsdrtBuona morte, il nome che la venerante ipocrisia occidentale attribuisce all’odio contro la vita, è l’oggetto di una importante raccolta di saggi, Eutanasia: un diritto?, sagacemente introdotti da Danilo Castellano e tempestivamente pubblicata in Napoli dalle Edizioni Scientifiche Italiane.

Castellano rammenta che “fino alla fine del secolo XIX può dirsi costante il rifiuto, conseguente alla prescrizione rivolta ai medici dal Giuramento di Ippocrate (420 a. C. circa), di somministrare ad alcuno, ancorché richiesto, un farmaco mortale o un suggerimento in tal senso“.

L’emersione dal sottosuolo cataro di una dottrina tenebrosa, avversa alla ragione e intesa a giustificare l’omicidio pio – l’endura – rappresenta l’epilogo catastrofico e desolante della frenesia ablativa, soggiacente motore della rivoluzione moderna.

Al proposito Castellano rammenta che la giustificazione dell’eutanasia matura in un soggetto “non guidato da criteri razionali (esigiti dalla sua natura razionale e imposti dalla realtà delle cose) bensì da impulsi e desideri che lo rendono di fatto schiavo anche se a parole e teoreticamente libero”. 

 L’irrazionalità, infatti, è il motore che trascina la filosofia illuminista a una guerra spietata  contro la vita, “in nome di un sacro (cioè intoccabile) diritto a godere e disporre di sé, senza interferenze di volontà diverse dalla propria e senza il rispetto di criteri oggettivi”. 

La fragilità di tale s-pensiero è rivelata dal suo fondamento nella insensata applicazione alla persona umana dello ius utendi et abutendi, letto secondo la dottrina illuministica [lockiana] molto lontana dal (forse agli antipodi rispetto al) significato con il quale questa massima era stata accolta nella codificazione giustinianea“.

Castellano rammenta che la teoria dell’inglese John Locke (1632-1704) incontra tuttavia un insormontabile ostacolo nella tradizione giuridica, che ha stabilito i limiti della proprietà, “che non è e non può essere accolta come sfera di sovranità individuale, Basterebbe considerare a questo proposito … che la proprietà sulle cose è anche negli ordinamenti giuridici contemporanei ipotecata da finalità che ne limitano il diritto di godimento e di disposizione”.

Infine l’annichilimento della realtà è impossibile all’uomo: “la soggettività (ontica) infatti è indistruttibile poiché la sostanza spirituale (implicata dalla soggettività) non dipende dagli elementi accidentali che concorrono alla sua concretizzazione e alla sua manifestazione di cui essa è forma. Basterebbe considerare, per comprendere a fondo la tesi, che a Dio, essere libero in senso assoluto e onnipotente, non è possibile il suicidio.

La legalizzazione del suicidio e l’assistenza prestata dal medico/becchino al suicida sono i sintomi della tragica malattia mentale, che affligge l’Occidente sedicente libero perché folgorato da una teologia capovolta nella spaventosa/incubosa figura della medicina in guerra furente e sciagurata  contro se stessa e contro Dio.

.

[1]  Cfr. Responsabilità storica della filosofia, Venezia 2001, pag. 471.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

7 commenti su “Eutanasia, ultimo orizzonte dell’americanismo – di Piero Vassallo”

  1. L’eutanasia è un delitto abominevole: lo sarebbe già se potesse uccidere solo gente che lo vuole, ma la cosa peggiore è che tutti coloro che sono e saranno dichiarati (magari ingiustamente) incapaci di intendere e di volere verranno uccisi su comando dei familiari (o dei tutori), ANCHE SE VOLESSERO VIVERE!
    Oltre a ciò moltissimi medici che non saranno disposti ad uccidere dovranno cambiare lavoro: si creerà un’ulteriore, fortissima, selezione negativa fra i medici, (soprattutto se l’eutanasia fosse prevista in tutti i reparti ospedalieri e non in un reparto apposito): resteranno solo quei medici disposti ad uccidere!
    Ci sarà da avere paura ad ammalarsi!

  2. Al di là della manifestazione particolare nell’eutanasia, il sottofondo cataro della democracy compassionevole è uscito dall’ombra. Si manifesta ora quale Leviatano furente a coinvolgere nelle sue tenebrose contorsioni l’umanità tutta, anche quella ancora recalcitrante. I seguaci della dottrina manichea tramandata di setta in setta, dopo aver consolidato il loro potere politico, si rivolgono ora ad annichilire le forme cristiane residuali. Il multiforme nemico ha raggiunto l’amalgama, innalzando a vessillo la sodomia e la rivolta contro la natura. Ave Maria, ora pro nobis

    1. Ora pro nobis, Santa Dei Genetrix, ché solo col Tuo soccorso potremo salvarci e non, come avevano fatto credere e sperare a noi, poveri e ingenui figli del dopoguerra, col soccorso proveniente da oltre oceano da dove invece è penetrata e si è diffusa la rovina.

  3. Chi non volesse collaborare all’eutanasia dei familiari sarà dichiarato “sadico accanitore terapeutico”, e chi non volesse andarsene spontaneamente sarà un gretto egoista. Poi la Corte Suprema americana, di fronte all’esigenza sociale di sfoltire i ranghi, sentenzierà l’obbligo di morire; a certe condizioni, s’intende…

  4. Penso anch’io che l’eutanasia sia il mezzo facile per far morire tutti gli ammalati
    gravi, specialmente quelli da cui si aspetta l’eredità, o quelli che danno fastidio.
    E in Belgio è già stata LEGALIZZATA l’eutanasia ANCHE per i bambini con gravi
    malattie, e dei bambini sono già stati ASSASSINATIi!!!!!
    E quello che mi spaventa assolutamente, è il consueto SILENZIO ASSORDANTE
    di bergoglio!!!!!!

  5. piero vassallo

    in Belgio i bambini si sodomizzano in luoghi “alti” oppure si uccidono in ospedali “bassi” – il Belgio è una gomorra tecnologicamente corretta dall’esistenza di una rupe Tarpea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su