L’angolo di Gilbert K. Chesterton – Grandezza e attualità di uno scrittore cattolico – rubrica quindicinale di Fabio Trevisan

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

chesterton

.

15 luglio 2016

.

La serietà non è una virtù      = = = = = = = = =     

di Fabio Trevisan

.

“Non amo la serietà. Penso che sia antireligiosa. O, se preferite l’espressione, è un vezzo di tutte le false religioni”

.

zLa-serieta-non-e-una-virtu_largeChesterton iniziava così il breve saggio Sulla serietà contenuto nel volume dal titolo emblematico: La serietà non è una virtù”. Egli aveva dovuto subire, nel corso della sua felice attività di giornalista e romanziere, gli strali lanciati da chi lo considerava uno scrittore poco serio (basti vedere il capitolo dedicato all’ex sacerdote cattolico Joseph McCabe nel saggio Eretici del 1905) a cui aveva replicato con un umorismo intelligente e raffinato: “Il contrario di divertente non è serio ma “non divertente”. Chesterton, lo disse più volte, aveva risposto efficacemente a quelle insipide critiche, mostrando quanto fosse bello scrivere cose intelligenti con un sano umorismo cristiano.

Un grande suo epigone è stato in Italia Giovannino Guareschi e ringrazio Alessandro Gnocchi (con il compianto Mario Palmaro) di avermelo fatto conoscere. Insieme avevamo constatato che questi due grandi autori (Chesterton e Guareschi) costituivano un reale antidoto alle “rigidità seriose” dei cosiddetti “professionisti della controrivoluzione”, a quelle élite tradizionaliste che non consideravano affatto degne di nota occuparsi di questi scrittori “poco seri”. Era riprovevole rendersi conto che, in un’Italia dove l’egemonia culturale della sinistra progressista era palese, anche gli alfieri controrivoluzionari non studiassero e non prendessero in giusto conto la disamina delle opere di Chesterton e Guareschi. Passo dopo passo si è ancor più realizzato che chi avversava, per diverse ragioni, questo straordinario umorismo cristiano non considerava “seriamente” nemmeno coloro che (come il sottoscritto, Alessandro Gnocchi, Paolo Gulisano e altri) da decenni si occupavano di questi formidabili e veri controrivoluzionari, riconoscendo nei loro confronti una grande necessità di farli conoscere, leggere, approfondire. Voglio qui ringraziare, a tale scopo, Paolo Deotto che mi ha dato l’opportunità di scriverne periodicamente.

Un altro fastidio che si è potuto rilevare è stato quello  di sentire menzionati impropriamente e superficialmente, attraverso citazioni spesso estrapolate dal contesto e quindi erronee, questi due grandi autori cattolici. A dirla veramente tutta credo che, attraverso Chesterton e Guareschi, si ponga davvero il confine tra chi predilige (come il sottoscritto) una battaglia culturale popolare e a tutto campo a chi preferisce una disputa più ristretta e aristocratica. Tra chi ama sorridere e prendersi “poco sul serio” (come facevano umilmente Giovannino e Gilbert) a chi mantiene un riserbo e un controllo “superbo” su se stesso. So benissimo che una frase come quella di Chesterton in Ortodossia del 1908: “Gli angeli volano perché sanno prendersi alla leggera” farebbe arricciare il naso e drizzare i capelli a qualche èlitario della controrivoluzione che si prende invece pesantemente sul serio e che quindi non riesce proprio a spiccare il volo! Anche Guareschi, quando si guardava allo specchio e si mirava talvolta nel suo aspetto corrucciato e serio, affermava: “Giovannino, quanto sei fesso!”. Invitavano alla scuola dell’umorismo, a non versare il cervello all’ammasso. L’appello ai trinariciuti non era prerogativa esclusiva, ne sono sicuro, dei social-comunisti, basti guardare nei nostri tempi alla galassia “trinariciuta” nel mondo cattolico.

Credo che sia sufficientemente chiaro ora quanto di questi due grandi autori ci sia estremamente bisogno, poiché abbiamo necessità di persone di questo calibro che facciano pensare, sorridere e talvolta commuovere. Da cattolici.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “L’angolo di Gilbert K. Chesterton – Grandezza e attualità di uno scrittore cattolico – rubrica quindicinale di Fabio Trevisan”

  1. “Se qualcuno desiderasse dire che io ho fondato tutta la mia filosofia sociale nelle buffonate di un bambino, altro non farei che inchinarmi, con soddisfazione, e sorridere.”
    Ne conosciamo di “seriosi” che guardano la realtà senza coglierne i significati e che, parafrasando GKC, hanno finito per credere in tutto…..

  2. E grazie, caro Trevisan, per tutte le buone letture che ci consiglia e per le sue perle quindicinali.
    Alla Direzione:
    quando una rubrica dedicata al Guareschi?

  3. Sì, caro Fabio: pensare, sorridere e commuoversi. Di questo ha bisogno l’uomo se vuole realizzare in pieno la sua umanità ed aspirare al regno dei Cieli. E’ come quando ci si trova davanti alle bellezze del creato e non si può fare a meno di pensare alla grandezza di Dio e così sorridere grati per tanta munificenza e commuoversi perché tutto ciò ci tocca inevitabilmente il cuore. E quando poi troviamo grandi autori come Guareschi o Chesterton e certi loro appassionati cultori come Trevisan o Gnocchi che della loro anima sanno svelarci la profondità e nel contempo ci accompagnano a comprendere il senso del loro prendersi poco sul serio, che è un po’ come l’evangelico “diventare come bambini”, ecco che quel pensare, quel sorridere e quel commuoversi si realizzano in pieno.Ed è in questa splendente semplicità che scopriamo la bellezza dell’essere cattolici.

  4. Gian Piero Traverso

    Chesterton è stato un grande in tutti i sensi e pure dotato di virtù profetiche, nel suo romanzo “L’osteria volante” immagina un’Inghilterra vittima di un connubio tra poteri economici ed islam.
    Quando il libro fu dato alle stampe (1916) gli diedero del pazzo visionario, ma oggi…….

  5. Basti pensare a un vero controrivoluzionario che passò la vita intera e senza sosta tra piaghe, vessazioni, persecuzioni come San Pio da Pietrelcina e al suo terremotante e contagioso umorismo. Sempre pronto al riso, alla battuta, alla barzelletta e allo scherzo. Per uno che veniva picchiato sistematicamente dall’omicida e che viveva esperienze fuori dall’ordinario, fa riflettere davvero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su