Fatima è un fatto, non un’ermeneutica – Editoriale di “Radicati nella fede” – Maggio 2017

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

FATIMA E’ UN FATTO, NON UN’ERMENEUTICA.

Editoriale di “Radicati nella fede” – Anno X n. 5 – Maggio 2017

.

Fatima è un fatto, punto e basta.
Se c’è una cosa che tutti devono riconoscere nel centenario delle apparizioni della Madonna in terra di Portogallo, è che da Fatima non si può prescindere. Sia che tu le riconosca come vere, sia che tu rimanga come un po’ in sospeso, da Fatima non puoi esulare: essa segna una “botta” di cristianità in mezzo al secolo più laico che la storia abbia mai conosciuto; segna un emergere della coscienza cattolica, più  puramente cattolica che si possa immaginare, alla vigilia della seconda guerra mondiale e di quella che viene da molti chiamata la terza guerra mondiale, cioè il Concilio Vaticano II e il suo turbolento post- concilio.

Il fatto stesso che la Chiesa non le abbia sconfessate, ma anzi riconosciute ripetutamente, anche con il pellegrinaggio di suoi tre Papi (il quarto, l’attuale, è in procinto di recarvisi), pone le apparizioni di Fatima al centro della storia della Cattolicità tra ‘900 e 2000.

E non è nemmeno necessario chiarire il mistero del terzo o quarto segreto, che tutt’ora permane, per capire che Fatima colpisce al fianco quella falsificazione della vita della Chiesa che si è andata drammaticamente operando in nome dell’ “aggiornamento”.
Basta risentire i primi due segreti, quelli conosciuti con chiarezza, per capire che il Cielo è intervenuto a correggere quel disastro che gli uomini di chiesa avrebbero costruito da lì a poco. La visione dell’inferno, l’annuncio della fine della prima guerra mondiale e poi l’annuncio della seconda, se gli uomini non si fossero pentiti e ravveduti, sono la più solenne dichiarazione che il nuovo cattolicesimo, sfornato negli anni ’60, non ha nulla a che fare con la Rivelazione, non ha nulla a che fare col Vangelo di Cristo.

Viene proprio da dirlo: bastano i primi due segreti per scandalizzarsi, se si è dei cattolici ammodernati!

Sì, perché Fatima è la solenne riaffermazione che la storia dipende da Dio, proprio da Dio. Che le guerre non sono l’inizio del male, ma l’esito del peccato degli uomini. Fatima ci ricorda che i nostri atti ci seguono; che il tradimento nei confronti di Dio si paga, nella vita personale come in quella pubblica, a meno che non intervenga un salutare pentimento. Fatima, la Madonna a Fatima, parla per i Pastori della Chiesa che non parlano più; avvisa i suoi figli che bisogna riparare l’offesa fatta a Dio e che da questo dipenderà la storia del mondo, delle nazioni e dei popoli, e non solo la vita personale.

Fatima riafferma l’esistenza dell’Inferno e la sua tragica possibilità, mentre di lì a poco tutta la pastorale della Chiesa ne avrebbe vietato il parlarne. In una parola, Fatima è così limpida come contenuto che è semplicemente una pagina evangelica; ma proprio del Vangelo nel suo contenuto più semplice di conversione, di dannazione e salvezza, la Chiesa si stava preparando a non parlare più.

Certo, si parlerà molto di Fatima in questi mesi, ma molto verrà fatto per tradirla. La si ridurrà all’esperienza spirituale di tre bambini, sottolineando solo che Dio è provvidenza e non abbandona gli uomini. La si ridurrà ad una specie di “scuola di preghiera”, come quelle che tanto andavano in voga negli anni ’80, ma ci si guarderà bene dal ricordare fino in fondo ciò che la Madonna ha detto in riferimento alla storia dell’umanità e della Chiesa. Si annullerà Fatima dentro la grande ermeneutica della Chiesa di oggi: tutto va riletto dentro lo “spirito del Concilio”, anche Fatima che ne è così evidentemente lontana.

I cattolici di oggi sono così immersi nel Naturalismo, per cui Dio resta al di là della storia senza determinarne il corso, da non sopportare che una guerra scoppi perché i cristiani non osservano più i comandamenti. Per i cattolici riprogrammati dai vari sinodi diocesani, la storia ha ragioni economiche e sociali, mai religiose.

Invece Fatima, eco del Vangelo, dice il contrario: le cause sono sempre religiose: dall’obbedienza o meno a Dio, a Gesù Cristo, dipende tutto.

Il terzo segreto, sia quello che sia, non sarà di una natura diversa da quella dei primi due: ribadirà che la storia dell’umanità e anche quella della Chiesa, dipendono dalla santità o meno dei cristiani. Il terzo segreto riaffermerà che anche la Chiesa si può rinnovare non nelle ottuse analisi umane, ma nell’osservanza della volontà di Dio, possibile solo nella grazia dei sacramenti.

Apprestiamoci a vivere allora con la semplicità dei bambini, dei bambini di Fatima, questo centenario, consapevoli che non si tratta della celebrazione di un fatto passato, ma di un potente richiamo attuale: se gli uomini continueranno a offendere Dio una guerra peggiore scoppierà… e che sia guerra militare o guerra morale poco importa, visto che in entrambe le anime sono esposte al pericolo della dannazione eterna, da cui la Madonna ci vuole sottrarre.

Apprestiamoci a vivere il centenario di Fatima accogliendo il grande richiamo della devozione al Cuore Immacolato di Maria, vero e proprio “pugno nello stomaco” per il cristianesimo ammodernato: la comunione riparatrice che cambia il corso della storia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

8 commenti su “Fatima è un fatto, non un’ermeneutica – Editoriale di “Radicati nella fede” – Maggio 2017”

  1. Maria Teresa

    Di che ermeneutica dovremmo poi parlare visto che il testo del 3° segreto è stato o manipolato, o inventato o, se originale, sradicato dall’intero scritto? Non potendo obliare l’apparizione a certi signori fa comodo relegarla a mera rivelazione privata senza particolare significato.

  2. Io sento ribadire sempre quando si parla della visione dell’Inferno che sono ” rivelazioni private” e che nella Bibbia non c’è scritto che l’inferno è pieno….Ma questi sono i modernisti…Piuttosto, quando a fine anno quando verrà fatta l’Unione ( ovvero la cessazione del Cattolicesimo) con i Protestanti, voglio sapere come la metteranno con Maria Santissima, che tra liturgia, Vangelo, Vecchio e Nuovo Testamento, Apparizioni, Festività Mariane, Dogmi, e vite dei Santi è sempre presente nella vita della Chiesa. Sarà una fatica improba per questi nuovi cattolici nasconderLa pur di non dispiacere ai” nuovi ” compagni protestanti,luterani,anglicani,valdesi e quant’altro………

  3. Luciano Pranzetti

    E di obbedienza al comando della Vergine – la consacrazione della Russia (comunista e ortodossa) – si è fatto finta di averlo soddisfatto. C’è molta gente in giro che considera le “consacrazioni del mondo al Cuore di Maria” – 1982- 1984- come adempimenti perfetti. GP II, a detta di mons. Hnlica, ritenne, su parere di Casaroli, di non far menzione della Russia per timore di ritrosioni e la stessa suor Lucia considerò questi due atti come non corrispondenti al comando della Madonna. Prepariamoci in questo centenario a vederne delle belle, così come le videro i francesi nel 1789 dopo che, per 100 anni la monarchia capetingia rifiutò di obbedire all’ordine di Cristo, trasmesso da santa M. Alacoque, (1689) di fissare sugli emblemi e sugli stendardi della nazione il suo Sacro Cuore.

    1. Esattamente così avverrà come per l’antica Francia, anche per noi, lo credo anch’io. E la disgrazia più grande da fronteggiare per noi veri cattolici è l’ abolizione della Santa Messa Cattolica. Non c’ è flagello più grande per la nostra ultima umanità…!

      1. Da considerare in oltre la islamizzazione dell’Italia a presso dell’Europa già ateizzata. Basteranno le penitenze dei pochi cattolici rimasti a mitigare l’ira di Dio? Sia lodato Gesù Cristo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su