Finalmente scoperta la Fonte della Sapienza: i Puffi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ci sono livelli di demenzialità che toccano le vette sublimi dell’Arte.  Riproduciamo un articolo di Carlo Climati, pubblicato sull’Agenzia Zenit, nel quale, partendo dalla constatazione che “stiamo vivendo un momento bellissimo”, ci viene spiegato che chi critica (OMISSIS) non è altro che un Puffo Brontolone. È chiaro fin dall’inizio che si tratta di una cosa seria: infatti l’articolista ci avvisa subito che “I fumetti dei Puffi sono eccezionali. Ogni storia riesce a trasmettere un messaggio”. Segue il prezioso testo; in chiusura siamo invitati a “percepire la straordinaria bellezza del momento che stiamo vivendo fuori e dentro la Chiesa”.

Non facciamo ulteriori commenti, perché solo la lettura dell’articolo può fare gustare fino in fondo queste vere perle di saggezza. Comunque vorremmo sapere anche il parere di Gargamella e del gatto Birba. Buona lettura a tutti e, mi raccomando, siete avvisati: il momento che stiamo vivendo, fuori e dentro la Chiesa, è di straordinaria bellezza.

PD

.

I Puffi brontoloni che non capiscono il Papa

di Carlo Climati

.

z.pffcngrgStiamo vivendo un momento bellissimo. Perché tante persone non se ne rendono conto ed attaccano il Santo Padre?

I fumetti dei Puffi sono eccezionali. Ogni storia riesce a trasmettere un messaggio. Ogni personaggio ha un carattere e un’immagine diversa, che possiamo ritrovare nella realtà quotidiana.

Un personaggio che mi ha sempre colpito molto è il Puffo brontolone. Sempre cupo, imbronciato, pronto a brontolare e ad esprimere il suo dissenso su ogni cosa.

Capita spesso di incontrare Puffi brontoloni nella vita di tutti i giorni e perfino nella Chiesa. Pensiamo ai Puffi brontoloni che criticano costantemente il Papa e ne analizzano morbosamente ogni parola. Possiamo incontrarli dappertutto: sui giornali, sui social network, al bar, in chiesa, nell’oratorio… Li riconosci subito perché ti avvicinano e ti comunicano il loro brontolamento, spesso partendo da un fatto d’attualità: “Hai sentito che cosa ha detto oggi il Papa? È scandaloso. Porterà la Chiesa alla rovina”.

I Puffi brontoloni possono agire singolarmente o in gruppo. A volte si riuniscono per produrre libri o dichiarazioni brontolose in cui si stracciano le vesti per i presunti pericoli generati dalle affermazioni del Santo Padre.

Uno dei loro bersagli preferiti è l’Amoris laetitia, l’esortazione apostolica sull’amore nella famiglia. Per questo documento i Puffi brontoloni hanno dovuto fare addirittura gli straordinari, impegnandosi senza sosta per combattere le presunte eresie del Pontefice sulla comunione ai divorziati risposati.

Pare proprio che il destino di Papa Francesco sia quello di essere perennemente bersagliato dai Puffi brontoloni, che non lo capiscono o si rifiutano di capirlo. Si rinchiudono volutamente nel proprio guscio e non sono mai disposti a rivedere le proprie idee. La loro missione è quella di brontolare ed attaccare il Papa ogni volta che apre bocca, spesso senza neppure ascoltare o leggere interamente i suoi discorsi.

Proviamo a fare un esempio. Tra le parole del Papa che hanno suscitato maggiormente l’ira dei Puffi brontoloni c’è stata una dichiarazione sul tema dell’omosessualità, rilasciata ai giornalisti in aereo, tornando dal viaggio in Armenia.

Il Papa ha nuovamente sottolineato che le persone omosessuali non devono essere discriminate, ma devono essere rispettate ed accompagnate pastoralmente. Queste parole sono bastate per scatenare l’ira dei Puffi brontoloni, prontamente scatenati sui social network: “Dove andremo a finire? Dove ci porterà questo Papa?”.

È una situazione che si ripete, ormai, stancamente. Il Papa parla e i Puffi brontoloni entrano in azione. Ogni occasione è buona per brontolare: “Il Papa è comunista. Il Papa è buonista. Il Papa parla troppo dei poveri. Il Papa parla troppo degli immigrati…”. Eppure basterebbe così poco per fare un passo avanti, per sorridere e cercare di percepire la straordinaria bellezza del momento che stiamo vivendo fuori e dentro la Chiesa.

Il mondo è grande e bello. Non è solo il perimetro racchiuso in una piccola casa nel villaggio dei Puffi. Usciamo dal nostro guscio e cerchiamo di mettere in pratica l’invito del Papa a vivere un’autentica cultura dell’incontro e dell’accoglienza!

Abbattiamo muri e barriere! Il Vangelo è con noi.

.

fonte: Zenit  

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

48 commenti su “Finalmente scoperta la Fonte della Sapienza: i Puffi”

  1. Ecco, alla fine non ha resistito e lo ha detto: “cultura dell’incontro e dell’accoglienza”. Siamo in overdose da “misericordia”, “accoglienza”, “accompagnamento”, “integrazione”, bla-bla, bla-bla… Quelli come Climati o vivono veramente nella loro favoletta, o sono ipocriti. Ma davvero ci crede? Se si, vorrei proprio sapere il nome delle pastiglie che prende (dev’essere roba buona!). Povero OMISSIS, così bersagliato da noi Puffi Brontoloni che non vediamo “la grande bellezza” di questo pontificato e che ci rifiutiamo di unirci al coro gaudente che bergogliosamente canta (alla Zalone): “…siamo una squadra fortissimi, fatta di gente fantastici!”… Rileggetevi la frase d’inizio dell’articolo di Climati: “Stiamo vivendo un momento bellissimo…” (!!!) Climati, permettimi un caonsiglio: fatti vedere da uno bravo!!!

    1. P.S. …e mi complimento con Climati che, con il suo “elevato” articolo ha scatenato una cinquantina di interventi (quasi da record!) su questo sito di Puffi Brontoloni! …ce ne fosse almeno uno in suo favore!

    1. Temo purtroppo che sia anche troppo furbo (ovviamente in aperta malafede), una strategia studiata e ben collaudata : dapprima una bonaria rampogna, una lavata di capo, un richiamo paternalistico, insomma. Questo il primo passo, poi si può procedere con gli altri : derisione, emarginazione, demonizzazione, feroci accuse (finestra di Overton) e, successivamente, istigazione alla violenza contro i fanatici irrecuperabili ed irresponsabili tradizionalisti, anche ricorrendo al braccio secolare, sempre pronto a dare una mano a colleghi massoni.

  2. Che oscena caterva di scempiaggini ci ha riservato il SUPER-BRONTOLONE Carlo Climati!
    Se viviamo in un momento bellissimo perché brontolare contro i tradizionalisti?
    Uno così polemizzerebbe anche contro San Giovanni il Battista, San Paolo, San Tommaso Moro, Sant’Atanasio, Padre Pio, il Santo Curato d’Ars e San Pio X: tutti brontoloni che, invece che sorridere come degli idioti al mondo, alle empietà e ai pervertitori della Fede, hanno difeso quest’ultima, il Regno Sociale di Cristo e cercato di salvare molte anime!
    Uno così polemizzerebbe anche contro Dio, che con il Decalogo si è opposto al “momento bellissimo” che stiamo vivendo!
    Ecco quanto è bello il momento attuale: aborto di stato (fra l’indifferenza dei FALSI cattolici), Comunioni sacrileghe incoraggiate da OMISSIS, avanzata della sodomia, del gender e della pedofilia, scristianizzazione dei popoli, indifferentismo religioso, clero eretico a partire dai vertici, violentissime persecuzioni di cristiani…e papolatria offuscante i cervelli!

  3. Nulla da obiettare. È un momento bellissimo perché finalmente giocano a carte scoperte, o di qua o di là. È bellissimo perché a forza di precipitare in basso finalmente tutto questo marciume finirà per schiantare in discarica. Bellissimo perché Dio stesso rimetterà tutto a posto.

  4. Su due punti do ragione a Carlo Climati:
    1- i fumetti dei Puffi sono di notevole valore
    2- esistono i brontoloni professionisti, che si dedicano alle esternazioni di Mangiafuoco ogni giorno. Scusandomi per l’insistenza: consiglio di NON ascoltarlo

  5. Amos Previero

    Dal foglietto dell’ “Apostolato della preghiera” che mi dicono essere farina del sacco di Bergoglio: all’intenzione dei vescovi: “Perché i predicatori rinnovino il loro annuncio mettendo al centro la misericordia, virtù che solleva le miserie altrui”. Cosa vorrà dire con quell’altrui? Forse ha qualche difficoltà con la nostra lingua?

  6. Paolo Pagliaro

    Coi dementi è inutile parlare. Puoi metterli davanti alle contraddizioni più palesi, ma è fatica sprecata perchè non si muovono nell’ambito dell’intelligenza ma del conformismo.
    E’ snervante, ma abbiamo a che fare con dei puffi tontoloni.

  7. Mi piacerebbe tanto sapere qual è il Puffo accompagnatore che chi è lui per giudicare, il Puffo scalpellino che abbatte i muri, il Puffo lavanderino che bacia il piede musulmano ed il Puffo trasportino che lascia il cattolico sulla battigia e porta l’islamico a casa: si potrebbero stamparne dei santini da portare al nord per far festa a Lutero che, bada ben, bada ben, non era mica solo, ma con Calvino e Zwingli (perchè era intelligente)…
    … ah, manca il Puffo droghino che, con un paio di canne ormai in corso di liberalizzazione, vede tutto questo bellissimo!

  8. Ma certo. Come no… tutti allegri e felici di vivere questo “bellissimo momento”… seeh… bellissimo come quello famosa serata danzante sul Titanic…
    Certa gente vive davvero sul famoso pianeta Papalla (di antica pubblicitä)…

  9. Caro Birba Climatico, lo sai che il tuo Jorge Gargamella è davvero un grande mago? Ti ha stregato a tal punto che ti fa vivere momenti di straordinaria bellezza, fuori e dentro la chiesa … noi invece siamo qui sulla terra … ancora con le lacrime agli occhi … a pregare per le vittime innocenti di Dacca e Nizza, siamo addolorati per quei bimbi innocenti e indifesi che ogni giorno vengono assassinati nel grembo delle loro madri, per le stragi, le torture e le persecuzioni dei nostri fratelli cristiani, per Asia Bibi, per l’evidente apostasia dei vertici della Chiesa cattolica … Portiamo la nostra CROCE e Lo seguiamo.

  10. Adesso ho capito!!! Ecco a che cosa serve liberalizzare le droghe leggere!!! Forza, un bell’inno a San Gargamella!!!

  11. jb Mirabile-caruso

    Carlo Climati: “Stiamo vivendo un momento bellissimo. Perché tante persone non se
    ……………………ne rendono conto ed attaccano il Santo Padre?”…………………………….

    Avviene a tante persone, signor Climati, che – non riuscendo a vedere il ‘momento bellissimo’ che Lei vede – si interrogano sulle Sue condizioni mentali e si rendono conto della Sua congenita idiozia. Ma non si preoccupi, perché in questo nostro momento storico, anche se non bellissimo, c’é comunque tanto bisogno di ‘utili idioti’! Utili, particolarmente, al Santo Padre!

  12. ora è tutto chiaro! grazie climati perché se mai ci fossero ancora dubbi il suo squallido articolo chiarisce il brodo “culturale” (sic!) nel quale galleggia la c,d, nuova chiesa.

  13. Immagino che i “muri” siano dovuti ad una sana dottrina. Sana sì, ma ahimè così desueta! Ok, è un momento bellissimo, ma a tutti gli accolti cosa offriamo?

  14. Sotto certi aspetti è quasi divertente: se ci fosse ancora del sano comune buon senso, tutto cadrebbe subito nel ridicolo come dovrebbe. Invece, purtroppo, bisogna vigilare e pregare parecchio perché questo articoluccio, nella sua apparente risibilità, è chiaro segno dei tempi che stiamo vivendo. A parte il maldestro e fallito tentativo di essere spiritoso, in realtà l’autore mette nero su bianco una delle “ricette” operative di OMISSIS e della sua neochiesa: ingrediente base è additare “quasi” bonariamente il nemico, irriderlo, proclamare al mondo che egli è “solo” un esagerato parruccone che, poverino! non comprende il momento bellissimo che la Chiesa sta vivendo, e che bisogna compatirlo; un po’ di condimento con abbattimento muri, “uscita” e misericordi(n)a; poi cottura a fuoco lento nel torpore ex-cattolico che tutto debba essere così “perché lo ha detto un papa tanto simpatico”; infine, fiammata finale del demonio, cui non parrà vero di avere tanti alleati in campo, una volta, avverso.

  15. Nemmeno Gargamella avrebbe scritto stupidaggini simili. Stiamo vivendo un bellissimo momento ? Bellissimo ? Ma dove ? Disoccupazione alle stelle, invasioni sistematiche,città sporche e piene di topastri ( anche bipedi ) guerre in rapida ascesa ,attentatori sparsi un po’ dovunque, leggi liberticide, legge naturale rovesciata ,chiese vuote,sragionamenti presbiteriali,sragionamenti laici,figli che ammazzano padri e madri, fratelli,amici che si ammazzano e via discorrendo. Mi dimenticavo le sette più o meno sataniche in ascesa. E questo signore dice che stiamo vivendo un bellissimo momento. San Pio da Pietrelcina diceva che non sarebbero bastati cento anni per rimettere le cose a posto.Caro signore esca dal suo piccolo guscetto di carta gioiosamente stampata, metta fuori le antennine , si tropicci gli occhi e guardi bene. Fatto ? Bentornato tra gli umani. Forse lei crede che il Vangelo sia con lei e con omissis( beata innocenza !),ma certamente voi non siete con il Vangelo.

  16. Carlo Climati, è semplicemente demenziale, sui suoi occhi oltre agli occhiali, ci quintali di fette di OMISSIS!!!!
    in passato, mi è capitato, a volte, di ascoltarlo a Radio Maria.. ho chiuso subito!!!! per carità….
    E’ un alieno di un altro pianeta, infatti dice che viviamo un momento bellissimo bhò… dove lo vede?

  17. Di sicuro Climati avrebbe brontolato contro San Paolo che richiamò pubblicamente San Pietro (ripeto San Pietro, colui che Cristo ha scelto per fondare la Sua Chiesa) il quale si era comportato in maniera riprovevole per non scandalizzare i Giudei convertiti al Cristianesimo, provocando così lo scandalo dei cristiani provenienti dal paganesimo e convertitisi al Vangelo (“Resistetti in faccia a Cefa, poiché era reprensibile […] alla presenza di tutti” (Galati, II, 11, 14)). Pietro, però, ebbe l’umiltà di correggersi.
    E’ chiaro sig. Climati?
    A partire da questo episodio la Chiesa insegna che di fronte a una decisione errata dell’autorità ecclesiastica al cattolico avveduto è lecito non solo negare il suo assenso, ma anche in casi estremi, opporvisi pubblicamente. Tale opposizione può costituire persino un autentico dovere. (canone 212, paragrafo 3, del codice di diritto canonico).
    Quiindi, sig. Climati, ringrazio infinite volte il Buon Dio che ci sono cattolici (veri) avveduti che si oppongono…

  18. Poco da commentare: articolo perfettamente allineato sul naso da clown di Omissis e sulle favolette puffose a lieto misericordioso fine che racconta al posto della Verità del Vangelo.
    Se non ci fosse da piangere potremmo perfino accennare ad un misericordioso e pietoso sorriso all’indirizzo dell’autore.

  19. pubblicamente e sistematicamente alle perniciose esternazioni dell’attuale autorità ecclesiastica. E’ grazie a persone come loro che ho ritrovato la vera fede, quella di sempre, quella immutabile, dove giustizia e misericordia non si escludono ma si completano, dove la misericordia implica il pentimento sincero e la volontà di chiudere con il peccato (“Va e d’ora in poi non peccare più”, sono parole di nostro Signore Gesù Cristo).

  20. …. poi ci sono i puffi burloni e tontoloni, che se una cosa è detta dal Papa deve essere bevuta da tutti, senza puffare.
    Che si dica che Gesu’ faceva un po’ lo scemo, che la chiesa deve chiedere scusa ai gay, che quasi tutti i matrimoni religiosi non sono validi , che chi è senza cuore è come un animale, che bisogna accoglierli tutti, ecc. ecc. … puffando, puffando di questo passo, per i puffi burloni è bellissimo, sono l’espressione di un momento ecclesiale bellissimo.
    Questi puffi scrivono ovviamente cose bellissime, dove traspare tutto il loro entusiasmo nel vivere un’autentica cultura dell’incontro e dell’accoglienza, perché così ha detto il Papa.
    Poi bisognerebbe vederli in concreto alla prova dei fatti.
    Ad esempio, il nostro puffo burlone quanti immigrati ha sinora entusiasticamente e misericordiosamente ospitato nella sua capanna?

  21. E chi l’avrebbe detto … il Climati ha pure un estimatore. Complimenti Edoardo … è arrivato dove nessuno era riuscito.
    Io da parte mia mi pongo questa domanda: La dirigenza dello Zenit della cultura della neo chiesa, quando il Climati ha presentato il suo articolo per la pubblicazione, era fuori sede oppure fuori di testa?

    1. Guardi che l’ironia è una delle caratteristiche dei cattolici. Il mio commento era ironico: il Climati dimostra una “straordinaria” intelligenza se pensa che la Chiesa stia vivendo un momento di “straordinaria” bellezza…. beato lui che ne è convinto!

  22. MICHELE BEGHIN

    “Capita spesso di incontrare Puffi brontoloni nella vita di tutti i giorni e perfino nella Chiesa. Pensiamo ai Puffi brontoloni che criticano costantemente il Papa e ne analizzano morbosamente ogni parola. Possiamo incontrarli dappertutto: sui giornali, sui social network, al bar, in chiesa, nell’oratorio… ”
    Meno male che capita spesso di incontrarli, questi Puffi brontoloni, addirittura dappertutto!
    Forza, Puffi brontoloni, un po’ di paura cominciamo a fargliela, all’eretico OMISSIS e ai suoi scherani!
    Non stanchiamoci mai di puffare controcorrente! DEUS VULT!

  23. I preti omosessuali vanno cacciati: se 1 invertito si presenta al confessionale deve essere indirizzato verso cure non verso la canonica!
    E se è vero che otre la metà del clero non è casto; che si dirigano verso credi che permettono ciò senza sovvertire la Religione!
    Se avete anche la sola minima prova che il vostro parroco sia sodomita, denunciatelo alle autorità ecclesiastiche competenti…dopo congruo tempo noterete che sarà sempre lì quindi portate le prove ad un giornalista locale e vedrete che la cosa si risolverà; posso testimoniarlo! Iniziamo a prendere a pedate questa lobby che satanicamente oramai influenza pure i sacri palazzi!

  24. Pietro Romano

    Egregio Carlo Climati,
    Mi sento felice di essere un Puffo Brontolone.
    Questo suo finto e puerile entusiasmo lo trovo stucchevole e ben poco intelligente. Lei, come tutti gli altri, è contento di vivere con le patacche sugli occhi e se fotte altamente della retta Dottrina. Cavoli suoi, Climati.
    Se non ha ancora capito che i Puffi Brontoloni sono solo quelli che amano la Dottrina e vogiono difenderla, rientra in quella schiera di personaggi che vanno in Chiesa a scaldare le panche, contenti di essere solo servili e clericali. Amico di Renzi e degli altri idioti frocisti e anticristiani fino all’osso. Vi piace però giocare a fare i cattolici della misericordia falsata.
    Del resto, la gente come lei, non è altro che un’altra categoria: il Puffo Baciapile-Luterano.

  25. bravo Dr. Romano,
    concordo fino al midollo per il suo commento al sig. Climati che, ripeto, qualche volta mi è capitato di sentirlo a Radio Maria, e per quel poco che sono riuscita a “reggere” l’ascolto, ho capito che era uno convinto ( il Climati) di essere nel paese delle meraviglie…che pena! questi sono gli strani personaggi che piacciono a padre Fanzaga!

  26. Povero papa Francesco, vittima incompresa dei Puffi brontoloni che ne travisano ogni discorso, ma che dico, ogni singola parola e ogni sillaba!
    È davvero un caso umano per il quale commuoversi.

    Un martire così finirà di sicuro diritto filato in paradiso, e gli si dovrebbe garantire di diritto, ipso facto, il titolo di beato e poi di santo senza bisogno del miracolo di rigore: il poveretto avrà già espiato, per ciò stesso, tutta la sua mondana caligine.

  27. Verrà giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, pur di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo i propri capricci, rifiutando di dare ascolto alla verità per perdersi dietro alle favole. Tu però vigila attentamente, sopporta le sofferenze, compi la tua opera di annunciatore del Vangelo, adempi il tuo ministero.

    San Paolo ci aveva avvisati.

  28. si etiam omnes

    Che meraviglia! Devo ringraziare di cuore il sig. Climati per le sue parole! Dopo giorni in cui la mia anima piangeva il destino gramo che ci si prospetta e si arrovellava meditando sulla fine incipiente della nostra povera Europa ex cristiana, finalmente una rigenerante grassa risata! Complimenti, Lei è riuscito in un’ardua impresa! Continui, La prego, con Le sue illuminanti perle, con il giulivo entusiasmo del “migliore dei mondi possibili”, mi permetta ancora di dimenticare, per un poco, il sangue, la barbarie, gli abomini, un padre che snobba i suoi figli e salva gli aguzzini, che non si inchina a rendere omaggio davanti al Santo Sacramento perchè l’anca duole, ma mirabilmente guarisce per baciare piedi di islamici, e fermo qui il mostruoso elenco per non gettare sale sulle ferite. Saluti dal pianeta terra. Ps. Per la prossima esilarante puntata, le consiglio Lady Oscar: paladina lesbica ante litteram, nobile convertita alla causa rivoluzionaria. Un successone garantito!

  29. Pucci Cipriani

    Non darei molta importanza al personaggio che è quello che è. Lo conobbi una ventina di anni fa quando faceva il tradizionalista e scriveva libri (oltre tutto illeggibili e banali) contro i messaggi subliminali e l’esoterismo. Poi lo bannai da facebook perché difendeva le musiche demenziali in chiesa, ora leggo questa sua ennesima “pufferia”. Mah…che dobbiamo dire? Bischero era e bischero rimane e, come si dice a Firenze : “Per i bischeri non c’è paradiso”

  30. Povero Omissis! Solo contro tutto e tutti in un mondo infestato da “Puffi brontoloni” su giornali, social network, bar, chiese, oratori. Il Climati ha proprio fotografato la realtà: capovolta, però.

  31. Un puffo felice ...

    ” Capita spesso di incontrare Puffi brontoloni nella vita di tutti i giorni … Possiamo incontrarli dappertutto: sui giornali, sui social network, al bar, in chiesa, nell’oratorio… ” …

    Ma non è fantastico?!?! …
    Puffi brontoloni dappertutto … e sempre presenti … Che meraviglia !!!!
    … non sapevo di avere tanti amici !!!!
    Grazie Gesù!

  32. Maria Teresa Rita

    ” I fumetti dei Puffi sono eccezionali?”
    E Climati vorrebbe configurarmi con una “Puffetta Brontolona”?
    Non ci sto!
    Perché non brontolo, ma la Verità di Nostro Signore Gesù Cristo la URLO!!!
    (PS: Ai puffi preferisco Goldrake che combatte contro il MALE…)

    1. Cara Maria Teresa, 10 e lode ! anch’io credo che siano più istruttivi i cartoons dove il bono combatte contro i malvagi, anche se n condizioni di inferiorità, però sempre riuscendo a sconfiggerli. Così succederà anche con questi malvagi modernisti, ne stia pur certa. “Alla fine il Mio Cuore Immacolato trionferà” ci ha avvertito la Madonna,, ed allora saranno cavoli amari per questi signori, così orgogliosi e superbi, sprezzanti e saccenti. Speriamo di poter vedere questo trionfo della nostra amatissima Madre Celeste, se non qui almno da Lassù. Laudetur Jesus Christus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su