Francescani dell’Immacolata. 2 agosto 1970: inizia a Frigento l’esperienza di vita francescana più vicina alle fonti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

2 agosto 1970 – 2 agosto 2014

Redazione

.zzffi1

 

.

Mentre prosegue la persecuzione dei Francescani dell’Immacolata, ricordiamo la nascita di questa Famiglia che ha tanto dato alla Chiesa e alla salute spirituale dei fedeli.

CLICCANDO QUI potremo leggere una breve storia della nascita e della vita dei Francescani dell’Immacolata, fino al riconoscimento come istituto religioso di diritto pontificio, sia per la comunità dei frati che per quella delle suore.

La storia si ferma qui. La persecuzione non è storia, è cronaca tristissima quotidiana.

Preghiamo perché il Signore faccia al più presto terminare questa ingiustizia e restituisca alla Chiesa e ai fedeli il grande tesoro della spiritualità dei Francescani dell’Immacolata.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “Francescani dell’Immacolata. 2 agosto 1970: inizia a Frigento l’esperienza di vita francescana più vicina alle fonti”

  1. Leggendo su un altro blog tradizionalista che Papa Francesco prova dolore venendo a conoscenza delle critiche mossegli (non solo a lui, ma alla sua attuale linea pastorale) sui blog tradizionalisti, confesso che mi sento un poco in colpa e credo che sia meglio per me ripensare il tutto. Sinceramente mi scuso se a qualcuno posso aver mosso, inavvertitamente, critiche eccessive ed ingiustificate (sia al Santo Padre che a sacerdoti, religiosi/e, Vescovi, Cardinali) e rimetto tutto alla Divina Misericordia ed alla Provvidenza, che a tutto sa porre rimedio (scrivendo dritto anche sulle righe storte, come insegna Don Bosco).
    Con questo mio post saluto il direttore di questo blog , lo ringrazio per l’ impegno e la dedizione alla Chiesa Cattolica e mi ritiro dall’agone di una lotta di cui forse ho mal interpretato i termini.

    Il Signore vi benedica tutti, e la Santa Vergine vi protegga sempre, grazie.

  2. Possiamo far parlare solo Cristo e pregare.
    ” Guardatevi dai falsi profeti i quali vengono verso di voi in vesti da pecore, ma dentro sono lupi rapaci.” ( Matteo 7:15)
    ” aventi l’apparenza della pietà, mentre ne hanno rinnegato la potenza. Anche da costoro allontànati! “, ( 2Timoteo 3:5)
    ” Però ci furono anche falsi profeti tra il popolo, come ci saranno anche tra di voi falsi dottori che introdurranno occultamente eresie di perdizione, e, rinnegando il Signore che li ha riscattati, si attireranno addosso una rovina immediata. 2 Molti li seguiranno nella loro dissolutezza; e a causa loro la via della verità sarà diffamata. 3 Nella loro cupidigia vi sfrutteranno con parole false; ma la loro condanna già da tempo è all’opera e la loro rovina non si farà aspettare.” ( 2Pietro 2:1-3)

  3. Nella mia vita, fra le tante grazie che ho ricevuto da Nostro Signore, ve n’è una in particolare: quella d’aver conosciuto un grande vescovo, Sua Eccellenza Monsignor Mario Ismaele Castellano, grazie ad una frequentazione che oserei dire fu pressoché quotidiana e soprattutto perchè, una volta ch’ebbe lasciato il governo dell’archidiocesi di Siena, fu mio confessore e direttore spirituale.
    Ebbene, Mons. Castellano fu visitatore apostolico dei Frati Francescani dell’Immacolata. Ricordo che me ne parlava in termini laudativi ed è grazie a lui che ho potuto conoscere questo nuovo Ordine.
    Monsignore mi parlava con entusiasmo della loro povertà: perchè Monsignore, che non lesinava nello sfarzo dei paramenti in cattedrale, amava la povertà ed era di fatto poverissimo (Quando morì, la sua donna di servizio – assunta per lui ma non da lui, che non poteva farlo, ma dal capitolo della cattedrale – e che era polacca, mi disse che nemmeno in Polonia i poveri erano così poveri come Monsignor Castellano) e quello stile di vita – ma questo è un pensiero mio – forse gli faceva ricordare i tempi della sua permanenza nel convento domenicano di Chieri, negl’anni trenta e quaranta del secolo testé passato.
    E mi parlava in eguali termini della loro solidità dottrinale: nella mia biblioteca, ho il volume “Mariologia biblica” di Padre Mannelli, che Monsignore mi regalò, con affettuosa dedica,
    Cresciuto sotto l’ala benefica di questo vescovo – che certo non si può tacciare di tradizionalismo: Monsignor Castellano fu padre conciliare e del Concilio Ecumenico Vaticano II rimase sempre un convintissimo difensore – ecco che oggi il mio cuore non può comprendere la persecuzione – perché tale è! checché se ne dica – scatenata dalle autorità ecclesiastiche romane contro Padre Mannelli ed i suoi figli spirituali.
    Ed ecco perchè, più d’una volta, nelle pagine di Riscossa Cristiana, ho sostenuto la necessità di azioni che vadano oltre la nostra comune ed individuale preghiera.

    1. Il suo cuore non comprende questa persecuzione, caro Lotario. Ma la sua mente la comprende? Vede la materia del contendere? È d’accordo sull’accostare questa persecuzione -più grave, perché rivolta contro due interi Ordini giovani e fiorenti- a quelle subite da San Pio da Pietrelcina?

      1. Eh, caro Raffaele, certo che la mente comprende …
        … E credo anche che se i frati fossero rimasti buoni buoni a recitar il loro breviario e a cantar le loro messe in terzo, mi sa che non sarebbe successo niente, ma quando si son messi in testa di far conferenze e convegni per contestare la nouvelle theologie e la frammassoneria, allora son cominciati i guai!
        Sbaglio?

        1. I frati hanno forse sbalgliato a fare conferenze e convegni per contestare la nouvelle theologie e la frammassoneria? penso invece che hanno fatto benissimo a fare conferenze e convegni, colmando il vuoto di molti sacerdoti, vescovi e cardinali che hanno visto e sentito ma sono rimasti zitti e noncuranti delle anime perdute grazie alla nuova teologia e alla penetrazione della setta nella chiesa cattolica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su