Francescani dell’Immacolata. Dei due fondamenti scientifici (e di uno materiale)  –  di Vittorio Spazevic

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Vi è un patto tra il mondo ed i frati

 I frati si obbligano a dare al mondo il buon esempio
ed il mondo a provvedere alle loro necessità.
Se rompendo i patti, i frati ritireranno da parte loro il buon esempio,
il mondo per giusto castigo ritrarrà la mano
.

(san Francesco d’Assisi)

.

di Vittorio Spazevic

.

zzfdnzÈ famoso il pensiero di san Tommaso sull’insegnamento della logica. Di per sé, dice il Dottore Angelico, le materie si insegnano dalle più facili alle più difficili. La logica però, pur non essendo facile, deve essere insegnata per prima, perché senza di essa non si può imparare nient’altro. La logica costituisce dunque un fondamento per le altre materie filosofiche e teologiche, anche se più importanti.

Dall’altro lato, scriveva il pensatore spagnolo Donoso Cortés, l’uomo caduto ama l’assurdo: lo ama, perché ne è il creatore e solo riguardo ad esso si può sentire creatore. L’assurdo, contrario alla logica, è di origine umana, è un universo creato dall’uomo. Un universo pazzesco, terribile, malato: ma suo, e perciò amato con una sorte d’amore paterno.

Non so se è quello il motivo per il quale p. Fidenzio Volpi, commissario dei francescani dell’Immacolata, ha cominciato il suo governo decidendo di esiliare il professore di logica del  seminario dell’istituto, chiuso poco dopo. Di sicuro il commissario ha voluto porre al suo fianco un rappresentante di un’altra scienza, divenuta ultimamente fondamentale: la comunicazione sociale. E non qualsiasi comunicazione sociale, ma quella alla scuola dei preziosi suggerimenti contenuti ne “L’eristica” di Schopenhauer, oppure nella pratica quotidiana di tanti portavoce di governi e partiti in tutto il mondo. Per lo più, i sostenitori del commissariamento sembrano ispirarsi anche alle indicazioni di Voltaire (“Calunniate, calunniate qualche cosa resterà”), se non addirittura alla scuola sovietica della comunicazione sociale, con lo stesso “geniale linguista” a capo (come ho potuto verificare nel caso del termine “criptolefevriani”), oppure a quella più maccheronica del Minculpop fascista.

Comunque sia, è indubitabile il notevole superamento della logica in mezzo allo zelo della comunicazione sociale nell’ambiente del commissario. Solo con un tale superamento si possono spiegare alcuni comportamenti dei suoi partigiani. Per esempio, riescono ad accusare il terribile e peccaminoso governo del fondatore, p. Manelli, di tenere sotto controllo “tutto”, e poi… vantarsi nello stesso articolo di tenere loro stessi sotto controllo perfino gli ex-membri dell’istituto, usciti da esso legalmente parecchi mesi fa. Tenere sotto controllo fino al punto di saper (o almeno presumere di saperlo) dove essi stanno e come si vestono (in grigio, precisando, con adeguata terminologia automobilistica, “grigio canna di fucile”).

zzfra-galdinoUn altro caso, dal punto di vista logico ancora più interessante, di superamento degli antichi pregiudizi (il principio di non-contraddizione incluso), sono le continue lamentele (ufficiali, semi-ufficiali e non-ufficiali) riguardo alla presunta ingiusta sottrazione dei beni materiali dell’istituto compiuta dalle associazioni dei suoi (ex) benefattori.

Sostanzialmente, o [aut] il partito ha ragione, o [aut] non l’ha. Ora, analizziamo tutti e due casi.

a) Il partito ha ragione. Grazie al benedetto servizio comunicativo svolto dai collaboratori del commissario, gli ex-benefattori di FI possono scoprire che cosa per anni ed anni sostenevano con le loro offerte. Si tratta di un’opera basata su (mettiamo alcune delle accuse in ordine alfabetico): autoreferenzialità, autoritarismo, criptolefevrismo, de Mattei, disobbedienza, dittatura, eresia, frode, furto, gioacchinismo, Gherardini, inferno, inganno, latino, manipolazione, menzogna, miscredenza, monasticismo, negazione del concilio, oppressione, pelagianesimo, persecuzione, ribellione, scisma, sedevacantismo, suore, terrore reverenziale, tradizionalismo, Trento, volontarismo. Ora, dopo una tale scoperta, che cosa c’è di strano che uno non vuole più sostenere un istituto del genere?

b) Il partito non ha ragione. Allora che cosa c’è di strano che uno non vuole sostenere materialmente un istituto guidato da chi, dopo aver distrutto tutte le opere dei fondatori, adesso altro non fa se non accusarli falsamente di autoreferenzialità, autoritarismo, criptolefevrismo, e così via, fino al volontarismo?

La conclusione e le sue conseguenze sono chiare. Ma da dove viene quell’interesse così attento ai beni altrui, come pure a come gli altri si vestono e dove vivono? Dal desiderio di beni materiali? Dall’odio e invidia? Ma non crediamo che gli impulsi siano così bassi.

Si tratta di un amore molto più degno, amore paterno. All’assurdo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

3 commenti su “Francescani dell’Immacolata. Dei due fondamenti scientifici (e di uno materiale)  –  di Vittorio Spazevic”

  1. Due sposi novelli, capitarono in viaggio di nozze a San Giovanni Rotondo.Fra le altre cose , Padre Pio promise: La sposa partorì 21 volte .Da uno di questi parti venne fuori padre Stefano Manelli:il coofondatore dei Francescani dell’Immacolata.
    I francescani dell’Immacolata vivono di elemosina,pregano, fanno penitenza, celebrano la Santa Messa anche in latino (BenedettoXVI°)-
    E allora? Sono stati decapitati.Si potrebbe supporre che il Papa ( a cui bisogna ubbidire) sia stato informato male. Intorno all’anno 1930, arrivavano in Vaticano relazioni false e calunniose nei riguardi di Padre Pio per cui il Sant’Uffizio dovette emanare un decreto molto severo nei riguardi del Santo Frate:per quasi tre anni gli fù proibito di celebrare la Messa in pubblico, tenere rapporti epistolari, di confessare, etc…Infatti, il comportamento di Padre Pio ,era un rimprovero continuo per alcuni ecclesiastici, che sempre bene non si comportavano.Siamo alle…

  2. Padre Volpi tra l’altro con l’accusa generica rivolta ai familiari di Manelli di essersi impossessati dei beni dell’Istituto, ha fatto veramente una brutta figura.
    Ha dovuto ritrattare pena querela da parte di quest’ultimi.
    Questi atteggiamenti da grande inquisitore sono proprio antipatici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su