Francia. Anche un massone nel governo Valls II

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzknnrtIl nuovo ministro per l’Educazione francese, Najat Vallaud-Belkacem, non è l’unico elemento critico del secondo governo Valls: dallo scorso 26 agosto, a capo del dicastero alle Città, alla Gioventù ed agli Sport, c’è il socialista Patrick Kanner. L’agenzia Chrétienté ha denunciato pubblicamente la sua appartenenza alla massoneria, nello specifico alla loggia “Luce del Nord”, già a partire dal 1984. Notizia, questa, confermata dal quotidiano regionale La Voix du Nord, edito a Lille, città saldamente nelle mani dei seguaci della squadra e del compasso. Tanto che l’anno scorso vi si svolse, tra il 4 ed il 5 maggio, il «Quarto salone massonico del libro e della cultura», co-organizzato da ben nove, diverse “obbedienze” francesi. Il neo-ministro vi partecipò, all’epoca nella veste di presidente del consiglio generale del Nord, fianco a fianco col gran maestro della Gran Loggia di Francia, Alain-Noël Dubart, e col Sindaco di Ronchin, Alain Rabary.

Fedelissimo di Martine Aubry secondo un dettagliato dossier del settimanale L’Express, con lei ha partecipato lo scorso anno all’inaugurazione della sede massonica di via Thiers, nella zona storica di Lille: il costo dell’intervento immobiliare era stato di un milione e mezzo di euro, tutti autofinanziati e pagati sull’unghia. Proprio a Lille Kanner ha ricoperto diversi, prestigiosi incarichi istituzionali, tra cui quello di Vicesindaco, seguendo spesso progetti in campo educativo, oltre ad esser stato patron e leader storico dei socialisti locali. La sua azione si è ben presto estesa anche all’ambito sociale: per questo ha fondato e presieduto l’associazione Le Réseau (“La Rete”), tenuta sempre nella medesima orbita.

Ciò che colpisce è la tempistica: all’inizio del mese di dicembre 2013 Daniel Keller, gran maestro del Grand’Oriente di Francia, ha incontrato il presidente d’Oltralpe, François Hollande, per una «stretta di mano». Keller si è detto convinto che la massoneria, «che si era un poco sopita, non possa restare inerte di fronte alla disgregazione della nostra società». Così, entro fine anno, ha promesso ad Hollande una sorta di “libro bianco sulla laicità”. Ed ora, puntuale, ecco la nomina di un massone nel governo Valls. Troppi elementi sospetti, per pensare che tutto questo sia un caso. Ma, quel che più conta, è che ormai tra abortisti, omosessisti e grembiulini, sempre più il volto del nuovo esecutivo francese si delinea frontalmente opposto alla Fede Cattolica.

.

fonte: NoCristianofobia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “Francia. Anche un massone nel governo Valls II”

    1. Chi ha paura del Lupo Cattivo? Papa Benedetto, che chiedeva preghiere perché riuscisse a “non fuggire, per paura, davanti ai lupi”.
      Questi “lupi” erano – e sono, purtroppo, le persone “massonizzate” della Gerarchia.

      Per i Massoni non del Clero, il problema è “minore” nel senso che non dicono Messa ; è “maggiore” nel senso che si trovano in tutte le posizioni-chiave del cosiddetto “Occidente” (mai parola fu più appropriata: la “terra dove tramonta il sole”, dove “iniziano le tenebre”. La terra dei falsi Lumi. Roma fu occupata in occasione dell’Equinozio d’Autunno del 1870: la Notte prevaleva sul Giorno). Soldi, potere e , soprattutto,propaganda, sono in mano loro

    2. Purtroppo, caro Giorgio, la massoneria ha una grande influenza su alcuni (forse dovrei dire parecchi) uomini di Chiesa, alcuni sono in combutta con lei in modo diretto o addirittura massoni, altri ne assorbono le idee immanentiste e anticristiane indirettamente!

  1. E chi si oppose con il massimo “rigore” – ottenendo successo, ovviamente- alla citazione nella Costituzione Europea delle “radici cristiane”?
    Il “moderato”, “benpensante” Jacques Chirac.

    Che cosa riportano le monete euro francesi?
    La settecentesca “Marianna” (personificazione della République”), l’ottocentesca”Seminatrice” (una donna con il berretto frigio che semina nel sole che sorge), l’Albero della Vita, con il motto “Liberté, Egalité, Fraternité”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su