In Francia è caccia grossa ai pastori “conservatori”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzfrncChe nella Chiesa vi sia ed agisca un’ala «progressista» non è un’etichetta, un modo di dire, ma una realtà: a codificarne la presenza è stato lo stesso papa Francesco, dopo l’ultimo Sinodo. Ed è esattamente quella parte del popolo di Dio, che oggi maggiormente alza la voce, anche sui social network, sentendosi più compresa, tutelata, protetta, finanche incoraggiata dalle gerarchie e dalle alte sfere.

Così, in Francia, pare essersi aperta la caccia ai nemici del modernismo, specie se Episcopi: mons. Le Vert, costretto a ritirarsi per il tiro incrociato dei fondamentalisti post-conciliari; mons. Castet, di cui in molti vorrebbero la testa; ed ora il Vescovo di Lescar-Oloron-Bayonne, mons. Marc Aillet (nella foto, al centro), contro cui si è scatenata la frangia più “liberal” della Diocesi, come dichiarato dal periodico Sud Ouest. Sin dalla scorsa estate, quando si costituì il gruppo «Prendiamo la parola nella Chiesa», con circa 150 aderenti, riunitisi per mettere a punto un “manifesto”, fatto di 21 punti o rimostranze, presentate poi all’interessato.

Punto di partenza per questa sorta di programma è la convinzione di non volere «che il governo episcopale, per mancanza di concertazione, somigli ad una dittatura e che gli ebrei vengano criticati nelle omelie», preferendovi una Chiesa da loro definita «aperta e non gerarchica», specie se «tendente verso il Fronte Nazionale». Insomma, una lettura tutt’altro che spirituale, anzi nemmeno pastorale, bensì solo politica dell’esperienza di fede. Così ecco il solito “cattolico impegnato” di Bayonne dichiarare d’aver preso la penna a nome dei «molti cristiani dei Pirenei-Atlantici» delusi dal proprio Pastore, rivolgendosi direttamente a papa Francesco (i cattolici “di sinistra” mica si accontentano degli intermediari): «Noi siamo ben disposti – si legge – ad applicare tutte le disposizioni del Concilio Vaticano II, ma non per tornare indietro, al concilio di Trento o agli Anni Cinquanta»: ciò per cui, a loro dire, si sarebbero registrati casi di abbandoni della pratica domenicale e della parrocchia più in generale, travisando cause e responsabilità.

Ed ecco anche la madre di famiglia, pure attivissima in parrocchia, ricordare l’arrivo di mons. Aillet, dopo l’ordinazione del 2008, sin da allora accusato di aver «imposto la sua visione retrograda di Chiesa, senza un sorriso affabile ed aperto. Delle tre chiese attorno a casa mia, in due si celebra la Messa in latino ed in una la si celebra in basco. Mi sento esclusa, indesiderata. Non ho più un mio posto».

Mons. Aillet si è fatto, in Diocesi, una fama di uomo attento e comunicativo, senza complessi, ma assolutamente fermo nell’opporsi al Gay Pride di Biarritz, al Salone dell’erotismo di Pau, alle moderne leggi “bioetiche”, all’eutanasia; nel cancellare uno spettacolo, che si sarebbe dovuto allestire in Cattedrale; nel rilanciare la devozione al Sacro Cuore di Gesù ed al Cuore Immacolato di Maria; nell’aprire nuove scuole cattoliche; nell’avviare un valzer di parroci, atto a scardinare incrostazioni ormai consolidate; nell’arruolare sacerdoti, chiamati per celebrare la forma detta “straordinaria”, con tanto di canto gregoriano. Ed eliminando le chierichette dal servir Messa, come richiesto dalla liturgia della Chiesa. Esattamente ciò che ha fatto tremare di paura i “cattolici del new age”. Passati subito alla riscossa.

.

fonte: NoCristianofobia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

9 commenti su “In Francia è caccia grossa ai pastori “conservatori””

  1. …e quando i cacciatori diventeranno a loro volta prede? non hanno cne da attendere qualche decennio, la vita su questa terra non è proprio lunghissima, 90-100 anni.. e poi? li aspetterà il loro attuale datore di lavoro? il menzognero e omicida fin dal principio, come lo chiama Padre Livio Fanzaga? Dio non voglia, ma che almeno collaborino pentendosi, chiedendo perdono del loro orgoglio luciferino e del loro odio verso la Chiesa preconciliare e verso coloro che se ne dimostrano ancora fedeli (i quai ultimi non nutrono certamente il loro stesso odio ancestrale). Maria SS.ma, debellatrice di tutte le eresie, illuminali Tu! amen

  2. Forza mons. Aillet, che S. Giovanni Maria Vianney, Santa Giovanna d’Arco, Sant’Ilario di Poitiers, San Martino di Tours, e San Vincenzo di Pau di sostengano e proteggano. I Sacri Cuori vinceranno!

  3. Evviva Mons. Aillet! Almeno un Pastore buono che ha cura delle pecore, anche di quelle riottose, lo abbiamo. Vergogna, invece a quei pastori, purtroppo numerosi, che hanno tradito Cristo, mercenari venduti al nemico di sempre.

  4. La Francia somiglia alquanto all’Italia: mi pare di conoscerli già, questi zelanti parrocchiani progressisti che prendono facilmente la penna per protestare contro un indirizzo conservatore che non lascia spazio alla loro superbia e al loro protagonismo; sì, perché il coinvolgimento dei laici nella pastorale parrocchiale ha di fatto scatenato i peggiori istinti. E le donne non sono da meno degli uomini, anzi, forse si scatenano con maggiore acidità perché tendono a trasferire in parrocchia il gossip che praticano in ufficio o nella vita sociale. la signora che si sente esclusa non ha che da prendere un messale con testo a fronte. OPPURE IMPARARE IL BASCO.

  5. ….guardate che l’innamoramento nei confronti di bergoglio si sta già esaurendo…….le chiese progressiste si stanno svuotando “tanto Dio é ovunque e lo si può pregare dappertutto”. Posso consigliare un romanzo, tanto per essere un pò meno cupo? Il titolo è ” Q”, (una sola lettera). L’autore è Luther Blisset (è uno pseudonimo, il nome Luther è provocatorio). Qualche similitudine sullo smembramento della Chiesa di allora, 1500, e di oggi con il novello Lutero pentecostale che indegno siede sul trono di Pietro, attorniato da una turba di astrologi e negromanti che celebrano come verità la famiglia omosessuale al fine di sdoganare il proprio vizio!

  6. E che dire anche di Mons. Leonard PRIMATE del Belgio cacciato indegnamente e che ora si trova fare il cappellano in un santuario sulle Alpi francesi? Uomini che potrebbero essere i cardinali o papi di cui avremmo bisogno, emarginati per la loro fedeltà e ortodossia. Che Dio lo perdoni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su