“FUORI MODA”. La posta di Alessandro Gnocchi – rubrica del martedì

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Iniziamo oggi una nuova rubrica: “Fuori moda”. Ogni martedì Alessandro Gnocchi, giornalista e scrittore che noi tutti amiamo e apprezziamo, risponderà alle lettere che gli amici lettori vorranno indirizzargli tramite la redazione di Riscossa Cristiana.

L’idea è nata proprio da una lettera giunta di recente, con la quale apriamo questa nuova rubrica, alla quale tutti potranno partecipare, indirizzando le loro lettere a info@riscossacristiana.it , con oggetto: “la posta di Alessandro Gnocchi”. Chiediamo ai nostri amici lettere brevi, su argomenti che naturalmente siano di comune interesse. Ogni martedì sarà scelta una lettera per una risposta per esteso, mentre si daranno, ad altre lettere, risposte brevi. Si cercherà, nei limiti del possibile, di dare risposte a tutti.

Ringraziamo quindi il carissimo amico Alessandro Gnocchi per la sua disponibilità, e attendiamo le vostre lettere. A tutti un augurio di buona lettura con questa prima puntata di “Fuori Moda”

 Paolo Deotto

.

“FUORI  MODA”. La posta di Alessandro Gnocchi  –  rubrica del martedì

3 giugno 2014

.

è pervenuta in Redazione:

Non sono trascorsi neanche tre mesi dalla morte di Mario Palmaro e devo dire che si avverte davvero la sua assenza. Sono così pochi i punti di riferimento che abbiamo, che ci si sente sempre un po’ più soli quando qualcuno ci viene tolto. E la situazione non è certo migliorata, anzi. Approvazione del divorzio breve, il Papa che bacia la mano ai reduci ebrei dei campi di sterminio, i politici cattolici ormai latitanti se non in rarissimi casi purtroppo di scarsa rilevanza… Tutto corre sempre più velocemente verso il baratro e mi chiedo che cosa direbbe adesso Palmaro per commentare quanto abbiamo sotto gli occhi. Mi pare che le sue analisi e le sue previsioni siano state esatte, ma è davvero una magra consolazione per chi come me le ha sempre condivise. Avere ragione in queste circostanze non attenua il dolore. Adesso che cosa dobbiamo fare e che cosa dobbiamo aspettarci?

Se possibile, vorrei porre queste domande ad Alessandro Gnocchi attraverso Riscossa Cristiana. E mi piacerebbe sapere che cosa gli manca dell’amicizia con Palmaro.

Grazie per l’attenzione.   Carlo Mannarini

.

zrbrpsCaro Mannarini,

sono sempre riuscito a fuggire la tentazione di immaginare ciò che, a proposito del presente, avrebbe detto qualcuno che non è più tra noi. Da qualche decennio, mi pongono la stessa domanda nelle serate dedicate a Giovannino Guareschi. C’è sempre qualcuno che chiede che cosa Guareschi avrebbe detto a proposito del brutto andazzo che hanno preso i nostri tempi. In tutta franchezza, non lo so e mi astengo dall’attribuirgli pensieri apocrifi. Così come mi astengo dal farlo oggi con Mario a proposito dei casi che lei cita e di tanti altri, altrettanto drammatici. Finirei per dirle ciò che penso io e non sarebbe onesto.

Rispondo volentieri alla seconda parte della sua domanda. Quanto mi manca Mario? Dal 9 marzo, è come se, improvvisamente, fossi rimasto cieco da un occhio. Solo ora mi rendo conto di quanto ciascuno di noi due si guardasse attorno per conto dell’altro. E solo ora mi rendo conto che non avremmo mai scritto o detto ciò che abbiamo scritto e detto senza questa visione combinata, che non era un incontrarsi a metà strada, ma solo la possibilità di rendere più completo il pensiero. Nessuno di noi ha mai scritto ciò pensava solo l’altro e nessuno ha mai rinunciato a scrivere ciò pensava per compiacere l’altro. Oggi va di moda chiamarla alchimia, ma era intesa tra fratelli.

Dal 9 marzo, per me, il problema sta nel mantenere questo metodo pur essendo rimasto da solo. Senza cadere nella tentazione di pensare ciò che avrebbe pensato Mario, ma costringendomi a guardare la realtà da più punti di vista. Non so quali risultati ne possano uscire, ma sento che questo lo debbo a coloro che hanno seguito quanto scrivevo con Mario e che continuano a seguire quanto scrivo ora. Ciò che scrivevamo insieme, non era mai scritto in prima battuta e deve continuare a essere così.

Quanto a ciò che mi manca di quell’amicizia, vorrei confidarle un pensiero che ho messo a fuoco in questi ultimi tempi riflettendo su un tratto davvero speciale della vita di Mario: la ricerca della santificazione attraverso l’appropriazione e l’applicazione sistematica della dottrina cattolica. La giornata di Mario in famiglia, nel lavoro, nell’insegnamento, nelle amicizie è stata segnata dall’umiltà di chi non insegue toni profetici o slanci mistici, ma si affida a ciò che la sapienza della Chiesa ha distillato nel corso nei secoli per i cristiani ordinari, i santi di tutti i giorni che dovremmo aspirare a essere.

Man mano affiorano ricordi, frasi, sguardi, silenzi che hanno riempito questi anni, mi rendo conto di che cosa sia la vera umiltà. Non quella che finisce sulle prime pagine dei giornali, non quella che si insuperbisce della sua unicità, ma quella discreta che non fa la minima mostra di esserci: insomma, l’unica che possa essere chiamata con questo nome.

In certi momenti, quando l’esistenza viene travolta dall’imponderabile, sarebbe più facile mostrarsi in ginocchio, dolenti, quasi chiedere la condivisine del dolore e della preghiera. Invece, durante tutta la sua malattia, Mario ha continuato a vivere come ha sempre vissuto e ha trasformato il suo dolore in offerta, tanto più grande quanto più nascosta e inaccessibile a uno sguardo umano. Verrebbe da definirla la banalità della santificazione.

Ciò che più ha edificato chiunque lo abbia incontrato anche solo una volta in questo periodo è stata la capacità di rendere ordinario il dolore inatteso. Un piccolo miracolo ottenuto grazie all’applicazione di un metodo invece che alla manifestazione del gesto. Quando chiesero a San Carlo Borromeo che cosa avrebbe fatto se avesse saputo di morire di lì a poco, lui rispose semplicemente “Farei bene ciò che sto facendo in quel momento”. Con tutte le difficoltà di un uomo di quarantacinque anni che sa di dover lasciare la moglie e i figli, Mario ha fatto proprio così. Per due anni, ha continuato a fare bene ciò che stava facendo in quel momento, fino all’ultimo.

Ecco, caro Mannarini, se devo dire ciò che, in questo momento, mi manca di quell’amicizia è la serietà del cristiano.

Alessandro Gnocchi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

8 commenti su ““FUORI MODA”. La posta di Alessandro Gnocchi – rubrica del martedì”

  1. Alessandro grazie dal profondo del cuore. Mario è stata una stella luminosa nel cielo sempre più grigio e cupo della cultura cattolica italiana. Ho avuto la grazia di vivere vicino a lui per tre giorni lo scorso agosto e ho vissuto esattamente ciò che tu hai scritto. A tavola parlavamo di calcio, di politica di figli, di giornalisti e quando gli ho chiesto come vi siete conosciuti, mi ha risposto con il suo stile ironico e intelligente, ed ho percepito l’immensità e la grandezza di un rapporto in cui ho scorto il tocco di Dio. Una sintonia e una capacità di vedere non solo con due occhi, ma con un faro gigantesco capace di vedere oltre ciò che noi piccoli e limitati vediamo. Questo ho sempre captato leggendovi, di questo ho gioito nel profondo del cuore, conversando con lui. La pace e la serenità di quei momenti in cui Annamaria conversava con mia moglie ed io con lui, sono stati attimi di eternità. Ogni giorno lo penso, come te e come credo moltissimi altri.

  2. Grazie innanzitutto per il titolo. Oggi in cui troppi sono “troppo” alla moda, meglio scegliere di non esserlo. Del resto, Cristo troppo alla moda non lo è stato mai per l’epoca che lo volle alla fine liquidare definitivamente. Di fatto poi si scoprì che da una fine scaturisce un nuovo inizio e che da un punto morto si riinizia tutto e tutto risplende di novità e rinascita. Così deve essere per noi cristiani “fuori moda”. Quelli che si lasciano ignorare perché senza fretta, senza eccessi, senza qualunquistiche manovre di axxoggettamento degli altri al proprio pensiero, si lasciano “fare” da Dio e dallo Spirito Creatore e Santificatore. Così l’amico dei silenziosi, Mario Palmaro, che però non sceglieva di fare silenzio per opportunismo, anzi, in quei casi, come disse Qualcuno, “la Verità vi farà libeti”, e il principio lapalissiano della vita vera in Cristo era da lui, e dai lei pure, caro Alessandro, applicato senza tentennamenti, condizionamenti o secondi fini. La ringraxio di questa nuova rubrica e delle sue ultime riflessioni. La carità vera è quella della coerenza, verso se stessi e verso gli altri,, se comunque rimane coerenza a Dio. La saluto nel Signore e…cbe Dio la benedica.

  3. Anch’io vorrei farle arrivare, caro Gnocchi, un sincero ringraziamento e, tramite, lei, anche al caro Mario Palmaro. I vostri libri sono stati per me una scoperta entusiasmante, che mi ha riconfermato nella fede cattolica di sempre, che pian pianino il lavaggio del cervello dei modernisti, in primis i sacerdoti nelle omelie, poi la stampa cattolica modernista (Famiglia Cristiana, Avvenire) stava lentamente erodendo. L’epurazione ingiusta che avete dovuto subire da Padre Livio Fanzaga (come pure quella di De Mattei) mi ha ulteriormente convinto della validità della vostra impostazione e di come corre veloce l’accecamento spirituale dei laici e del clero (ma il tanto declamato “discernimento degli spiriti”, di cui ha scritto anche Padre Livio, non dovrebbe mettere il clero al riparo dal rischio di essere ingannato dal demonio?). Prego spesso per lei e per tutti i fratelli impegnati nella difesa del Magistero e della Tradizione Cattolica bimillenaria, ma soprattutto spero tanto in un veloce trionfo del Cuore Immacolato di Maria SS.ma. Concludo con il motto del Monfort “ad Jesum per Mariam”. Un caro saluto

  4. Caro Gnocchi, Lei e Palmaro siete stati molto importanti per la crescita della mia fede, avete avuto il coraggio di dire cose talmente giuste e talmente Cattoliche da provocare l’ira dei progressisti e dei modernisti.
    Continui così!

  5. Grazie per le sue belle parole sul caro Mario Palmaro. Da “Catholic pride” in poi siete stati la nostra luce nelle tenebre. Grazie per averci fatto conoscere la Tradizione Cattolica. Dopo tanto vagare, siamo tornati a casa , grazie a voi. Mi mancano le parole e le frasi per poter esprimere meglio l’immenso dolore per la mancanza e l’immensa gioia dell’ aver conosciuto , ascoltato e letto il nostro grande Mario.
    Paola

  6. Approfitto per segnalare da Verità e Vita. Seminario “Mario Palmaro” a Castelletto di Brenzone (Vr) LEGGE NATURALE: QUESTA SCONOSCIUTA dal 10-14 Sett.2014. Siete tutti invitati vedi il sito verità e vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su