“FUORI MODA”. La posta di Alessandro Gnocchi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

I destini del mondo dipendono prima di tutto dalla fedeltà alla vocazione di ogni singolo cristiano, molto di più che da qualsiasi evento di massa o da qualsiasi strategia politica. L’errore di Jacques Maritain e la chiarezza un po’ brutale ma sincera di Domenico Giuliotti ci indicano cos’è realmente l’appartenenza a Cristo. Dobbiamo essere cristiani integrali ogni giorno, nonostante le resistenze della natura ferita del peccato.

 = = = = = = = =

.

Ogni settimana Alessandro Gnocchi risponde alle lettere degli amici lettori. Tutti possono scrivere, indirizzando le loro lettere a info@riscossacristiana.it , con oggetto: “la posta di Alessandro Gnocchi”. Chiediamo ai nostri amici lettere brevi, su argomenti che naturalmente siano di comune interesse. Ogni settimana sarà scelta una lettera per una risposta per esteso ed eventualmente si daranno ad altre lettere risposte brevi. Si cercherà, nei limiti del possibile, di dare risposte a tutti.

 .

PD

.

Mercoledì 10 febbraio 2016

.

È pervenuta in redazione:

.

Gentilissimo dottor Gnocchi,

seguo fin dall’inizio la sua rubrica di posta, che apprezzo per la chiarezza e la capacità di andare controcorrente. Non le nascondo però che a volte la sua intransigenza mi pare che possa risultare controproducente. E mi chiedo anche se sia sempre opportuno far risalire alle proprie prese di posizione su questioni sociali e politiche alla fede cattolica. Le faccio un esempio attuale: come possiamo contrastare in ambito laico la Cirinnà se mettiamo avanti la nostra fede? D’altra parte, mi rendo conto che a forza di metterla da parte si finisce per dimenticarla. Ma allora che cosa bisogna fare?

Grazie per l’attenzione e per quanto sta facendo.

Lorenza Chiarini

.

zrbrpsCara Lorenza,

la nostra guida deve essere il timore che lei esprime così chiaramente nella sua considerazione finale. A forza di mettere la parte la fede, per dialogare e anche per litigare con il mondo scendendo sul suo terreno, si finisce per perderla: è il frutto velenoso dell’abile strategia del Nemico che, in definitiva, si accontenta di questo, di brave persone senza fede. Assodato questo, dovrebbe essere evidente che l’appartenenza a Cristo non possa venire messa tra parentesi, pena la salvezza eterna, ma anche la possibilità di far del bene agli uomini e al proprio tempo.

Giusto per rimanere all’esempio che fa lei, la senatrice Cirinnà può anche essere colpita da due milioni di persone che manifestano in piazza contro la sua legge. Ma stia sicura che sa bene come rapportarsi con un evento che si pone sul suo terreno e appartiene al suo orizzonte. In poche parole, la senatrice Cirinnà ha materia per trattare, perché la piazza è sempre un fenomeno politico e la politica è l’arte del compromesso. Non è la piazza che difende i princìpi, ma una fede forte e radicata che bisogna conservare e rendere pubblica e operante nella società.

Ma questo comporta la necessità di andare contro il pensiero comune in tutte le sue forme. Purtroppo, dentro gran parte del mondo cattolico, razionalismo, materialismo, immanentismo, laicismo e loro derivati non sono più considerati avversari dai quali guardarsi e contro i quali reagire. Sono visti come sistemi di pensiero un po’ scapestrati che comunque hanno un fondo buono e vanno recuperati badando bene che non mutino natura. Pensiero cattolico e pensiero anticattolico hanno finito di guerreggiare. Questa pace inquietante è riassunta da quelle anime candide che, con un semplicissimo artificio dialettico, dicono: “Come cattolico sostengo la tal cosa, ma come cittadino accetto il suo contrario”. “Come cattolico sono contro l’aborto, ma come cittadino approvo la legge che lo permette”, “Come cattolico sono contro il divorzio, ma come cittadino accetto che sia ormai una prassi consolidata”, “Come cattolico ritengo che il comportamento omosessuale sia una grave deviazione, ma come cittadino approvo la legalizzazione delle convivenze gay”, “Come cattolico credo che il Vangelo sia la mia norma di vita, ma come cittadino la mia guida è solo la costituzione”.

Un vero e proprio sdoppiamento della personalità, che in termini clinici si chiama schizofrenia, trasferito dalla sfera privata a quella pubblica. Una malattia della ragione a cui alcuni pensano di opporre come rimedio apparentemente furbo l’argomento di cittadinanza fondato su ragioni solo naturali: “Come cittadino, pur mettendo tra parentesi, non accetto la tal cosa perché è contro il dettato naturale e quindi mi oppongo”. Ma, in questo caso, cara Lorenza, si scivola sul terreno dell’avversario che viene automaticamente titolato a trattare princìpi irreformabili come convenzioni puramente umane. Perché il concetto di natura, se non è ancorato al Creatore della natura può essere bistrattato come si vuole: basta avere i numeri per farlo.

Alla fine, è sempre il “cittadino” ad avere la meglio sul “cattolico”. Il “cittadino” se ne va a spasso per il mondo e il “cattolico” rimane chiuso in sacrestia a contemplare l’immacolatezza della propria coscienza individuale. Il cattolicesimo implode grazie ai troppi “cattolici” che danno via libera al “cittadino” che è in loro, a quei “cattolici” affetti dalla sindrome di don Abbondio riuniti nel Grande Partito della Mediazione e disposti a mercanteggiare con qualunque cosa abbiano davanti, dal ciuffo dei bravi di don Rodrigo al caschetto riccioluto della senatrice Cirinnà.

Questo terremoto è cominciato quando il mondo cattolico, proprio per non essere accusato di intransigenza, pur essendo parte in causa di una contesa, ha deciso di assumere anche il ruolo di mediatore. Una scelta suicida poiché il mediatore trova il suo guadagno unicamente nel raggiungimento di un accordo, qualunque sia. Il mediatore è neutro e, nel momento in cui una delle due parti assume tale ruolo, diviene indifferente tanto alle ragioni della controparte quanto alle proprie. Il suo obiettivo non è più il successo della sua posizione, ma l’accordo in se stesso, poiché da lì trae il guadagno. Cosicché, i cattolici si sono ridotti a mediare sui princìpi e sulla loro applicazioni come dei sensali. È chiaro, qualche cosa devono portare a casa pure loro, però si tratterà sempre in una piccola percentuale. Ieri la possibilità di assistere le donne che non vogliono abortire a fronte di una legislazione che legittima l’omicidio di un bambino non ancora nato, oggi le unioni omosessuali depurate dal consenso all’adozione. Come scrivevano Domenico Giuliotti e Giovanni Papini nel lontano 1923, questi sono cattolici che si contentano di caparre e hanno bisogno di sentirsi in buona relazione con i feticci del giorno.

zzzzJacques-MaritainSul piano dottrinale, questa deviazione è stata formulata con tremenda efficacia da Jacques Maritain nelle opere che segnano la sua svolta a sinistra, a partire da Religione e cultura per arrivare al celeberrimo Umanesimo integrale. Il filosofo che nel 1922, in Antimoderno, scriveva “Bisogna odiare il mondo moderno in considerazione di ciò a cui esso mira come gloria che gli è propria ed esclusiva: l’indipendenza nei confronti di Dio”, solo otto anni più tardi, in Religione e cultura, ribaltava la prospettiva con queste parole: “La modernità, pur con tutti i crolli e le perdite connotati da questo termine, ha però comportato un arricchimento incontestabile, che deve essere considerato una conquista acquisita nella conoscenza della creatura e delle cose umane, anche quando questa conoscenza ha finito con lo sfociare nell’inferno interiore dell’uomo in preda a se stesso”.

In mezzo, c’era stata in Maritain l’elaborazione dell’idea di una netta separazione tra l’azione terrena del cristiano e il suo fine eterno. Nel Primato dello spirituale prospettava la dottrina dei due assoluti: “L’assoluto di quaggiù, dove l’uomo è dio senza Dio, e l’assoluto di lassù, dove è Dio in Dio”. Ne sarebbe risultato il rifiuto di una cristianità di tipo medievale a vantaggio, in Umanesimo integrale, dell’idea di una “cristianità profana” costruita grazie alla valorizzazione del lievito cristiano rintracciato nelle dottrine più diverse, dal liberalismo al comunismo, con una preferenza per quest’ultimo.

La prima conseguenza di questa visione è stata la collaborazione con il marxismo, ritenuto un’eresia cristiana da riportare all’ovile, da cui è nato il cattocomunismo. Ma ne discende anche la tragica “scelta religiosa” operata in Italia che portò al disastro degli Anni Settanta e produsse la categoria dei cosiddetti cattolici adulti impegnati nella pubblica difesa della costituzione invece che nella diffusione del Vangelo. E ora si manifesta nel cattolico che per fede è contro l’errore ma per cittadinanza lo accetta, oppure in quello che si spoglia della sua fede per combattere come semplice cittadino.

In tal modo è giunto a compimento l’errore che il cardinale Giuseppe Siri aveva individuato nella tesi di Maritain: “In tutto il suo pensiero non solo non ha cercato di assimilare l’ordine naturale all’ordine soprannaturale, ma, al contrario, li ha separati in modo tale da riconoscere nella creazione e nella storia umana due vocazioni distinte, legate certamente da un principio di subordinazione, ma essenzialmente autonome, con fine e mezzi propri: la vocazione e la missione terrestre, e la vocazione soprannaturale”.

La fede cristiana, cara Lorenza, pretende invece che le due vocazioni stiano insieme. La storia della Chiesa è costellata di esempi luminosi in proposito. Quando l’eunuco Calligone, ciambellano di Valentiniano II disse senza mezzi termini a Sant’Ambrogio: “Come, me vivente, tu osi disprezzare Valentiniano? Io ti spaccherò il capo”, il vescovo di Milano, che era di ben altra pasta rispetto a quella suoi attuali successori, rispose: “Che Dio te lo permetta! Io soffrirò allora ciò che soffrono i Vescovi e tu avrai fatto ciò che sanno fare gli eunuchi”.  Sempre Sant’Ambrogio, nella lettera scritta all’imperatore Teodosio per invitarlo alla penitenza dopo la carneficina ordinata a Tessalonica, diceva così: “Ti ho scritto questo, non per turbare il tuo animo, ma perché gli esempi di questi re ti inducano a togliere questo peccato dal tuo regno; e lo toglierai umiliando davanti a Dio la tua anima. Sei un uomo e hai subito la tentazione: vincila. Il peccato non si cancella se non con le lacrime e la penitenza… Consiglio, prego, esorto, ammonisco perché mi addolora che tu – che eri un esempio di pietà senza pari, che avevi raggiunto il vertice della clemenza, che non tolleravi che i singoli colpevoli fossero esposti al pericolo – non sia addolorato per la morte di tanti innocenti. Anche se hai combattuto con grande successo, anche se hai meritato lode in altre imprese, tuttavia il culmine delle tue opere fu sempre il sentimento religioso. Il diavolo t’invidiava questa che era la tua dote più eccellente. Vincilo, finché hai ancora i mezzi per vincerlo… Io non ho verso di te alcun motivo per esserti ostile, ma ne ho per temere; non oso offrire il sacrificio, se tu vorrai assistervi”.

zzzzgiuliotti-domenicoIn tempi recenti, mi piace ricordare come Giuliotti, forse in maniera un po’ brutale ma sincera e apprezzata dal destinatario, rifiutò di aderire al Manifesto della Rivoluzione Liberale di Piero Gobetti: “Caro Gobetti, nessuna osservazione da fare. Nego tutto. Sono antiliberale, antidemocratico, antisocialista, anticomunista. In una parola, antimoderno. In questa Italia di briganti-pazzi vivo con la tristezza d’uno straniero che non ha più patria. Sono comunque da voi dissimilissimo. Voi (professori) cercate di catalogare, mentre io (poeta) disperatamente spero nell’autodistruzione dell’anarchia e nella ricostruzione di una piramide con al vertice il Papa e alla base il popolo. Ecco il mio programma. Confrontatelo con il vostro, una lirica accanto a un bilancio. Da ciò l’impossibilità di intenderci”. Colpito dalla veemente appartenenza a Cristo proclamata da Giuliotti, Gobetti rispose “noi stimiano la sua intransigenza, che non ci stancheremo mai di combattere, mentre consideriamo con disdegno tutti i catechismi predicanti transazioni e conciliazioni”.

Quanto al “che fare?” che chiude la sua lettera, come quella di tanti altri lettori, esiste una risposta molto semplice. Applichi un’intransigenza integrale e direi persino dolorosa contro l’avversario più coriaceo che potrà mai incontrare: se stessa. Sia cristiana integrale nonostante le resistenze della natura ferita del peccato. È quello che dobbiamo fare ogni giorno, ricominciando sempre da capo, tutti noi che abbiamo scelto di appartenere a Cristo e a nessun altro. I destini del mondo dipendono prima di tutto dalla fedeltà alla vocazione di ogni singolo cristiano, molto di più che da qualsiasi evento di massa o da qualsiasi strategia politica.

zzzzprmssNon sono un grande appassionato dei Promessi sposi, ma se mi permette un consiglio, la invito a leggere la pagina in cui il cardinale Borromeo ammonisce don Abbondio per il tradimento del suo mandato sacerdotale. In quella scena, Manzoni espone in modo sublime una regola spirituale che illumina perfettamente il nostro tema. Spiega come il sottrarsi alla propria vocazione conduca, quasi per necessità meccanica, là dove si finirà fatalmente per cadere. L’unico azzardo sicuro, dice il cardinale, è la fedeltà alla chiamata divina. Assecondandola, don Abbondio avrebbe avuto fortuna, ricusandola è stato ghermito dai rigori del mondo. Di rimando, il povero curato, nella sua tiepidezza, riesce solo a partorire un pensiero piccolo piccolo: “È un gran dire che i santi come i birboni gli abbiano ad aver l’argento vivo addosso, e non si contentino di essere sempre in moto loro, ma voglian tirare in ballo, se potessero, tutto il genere umano”.

Come Don Rodrigo, il curato manzoniano è dominato dalla passione: paura in lui e lussuria nell’altro, decidono per loro conto e oscurano il loro destino. E loro, pur illudendosi di farlo, non lasceranno traccia nel mondo. Non così per il cardinale Borromeo, l’Innominato, fra Cristoforo. Soprattutto, la vereconda Lucia, che parla e si muove su registri nutriti di meditazioni semplici sulle vie storte e le vie dritte, su ciò che conviene e non conviene a uno stato, come dire sul destino. Il pudore fremente e incommovibile di questa donna è il ponte fra la percezione del santo e l’istinto fine del popolo. L’intransigente Lucia, e non Renzo, inebriato dal calore della piazza, ha lasciato il segno nei suoi giorni e in quelli venturi.

Alessandro Gnocchi

Sia lodato Gesù Cristo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

23 commenti su ““FUORI MODA”. La posta di Alessandro Gnocchi”

  1. “Ne sarebbe risultato il rifiuto di una cristianità di tipo medievale a vantaggio, in Umanesimo integrale, dell’idea di una “cristianità profana” ……In tal modo è giunto a compimento l’errore che il cardinale Giuseppe Siri aveva individuato nella tesi di Maritain: “In tutto il suo pensiero non solo non ha cercato di assimilare l’ordine naturale all’ordine soprannaturale, ma, al contrario, li ha separati in modo tale da riconoscere nella creazione e nella storia umana due vocazioni distinte, legate certamente da un principio di subordinazione, ma essenzialmente autonome, con fine e mezzi propri: la vocazione e la missione terrestre, e la vocazione soprannaturale”. Mi pare, invece, che i cattolici di oggi, non solo abbiano acconsentito a detta separazione, ma che abbiano ROVESCIATO il principio di subordinazione: il Creatore soggiace alla creatura. Per questo tutte le loro “lotte e fiaccolate” sono vane. Questa sovversione allontana l’uomo da Dio: “Senza di me non potete nulla (Gv 15,8)” E si vede! Questa dicotomia tra cristiano e cittadino ha indotto molti ad anteporre la costituzione al Vangelo. Anzichè ricusare leggi contrarie al proprio credo religioso hanno preferito i principi laici dello stato. Ora ci si meraviglia del degrado sorto anche per il loro cedimento. Idiosincrasia per la fede o vergogna per essa: ecco, perchè molti si avvalgono di strumenti politici quali cortei, manifestazioni, etc.. Tutto legittimo, ma NSGC non è la sigla di un partito.

      1. Ne aveva ben donde. Non tutti compresero il personaggio di Degasperi (pare che abbia cambiato anche il suo cognome, da tutto attaccato a staccato, De Gasperi), allora. Uno che capì tutto del personaggio, oltre a padre Pio, fu Giovannino Guareschi e sappiamo cosa dovette sopportare per colpa del nostro eroe nazionale.

        1. Nei registri del parlamento viennese, il politico trentino era INDICATO come Alcide ( che poi è un nome pagano, l’altro nome di Ercole) VON GASPERI.

    1. Sono d’accordo con te, NSGC. NON è la sigla di un partito ma E’ RE dei re e SIGNORE dei signori.
      SIA LODATO GESU’ CRISTO.

  2. Lei giustamente mette in risalto lo sdoppiamento della personalità del Cattolico-Cittadino che da un lato respinge il divorzio e l’aborto ma dall’altro lato lo accetta.Bisognerebbe allora fare come i mussulmani integralisti che sono un tutt’uno…per loro religione e politica non si sdoppiano ma si integrano.Per loro la legge religiosa deve essere anche legge politica e di stato.Ed in fondo era così anche nel mondo cattolico del medioevo e del rinascimento,quando Trono e Altare governavano in simbiosi;i re cattolici non avrebbero mai emanato leggi che andassero contro la Chiesa e contro la dottrina religiosa.Allora politica e religione erano un tutt’uno come per i mussulmani di oggi. C’erano le monarchie assolute che non erano certo “democratiche” ed allora diciamo pure che la democrazia moderna e liberale,nata dall’illuminismo della rivoluzione francese,pur con tutte le sue libertà,ha rovinato l’anima del popolo;la troppa libertà ha permesso anche la libertà di fare leggi peccaminose e contro le leggi divine

    1. Non concordo con la sua valutazione storica, caro Camerata: la Civiltà Cattolica non fu mai teocratica, né tentata di esserlo.
      Al contrario: le spinte fortissime furono per istituzionalizzare l’Impero come “Superiorem non recognoscens”.

      La Liberté giacobina è una libertà strutturalmente anticristica: è quella di de Sade, quella di Satana che spezza le catene di Dio e insegna agli uomini che il loro nemico è Dio, e la Chiesa Romana (imperiale: è Essa stessa l’Impero- non è la sagrestia dell’Impero Francese)

  3. Caro Gnocchi,posso anche essere d’accordo con lei e con il piccolo gregge di RC sulla diagnosi,ma la terapia?Pregare è importantissimo,essenziale,ma “pensiero e azione” per noi cattolici dovrebbe diventare “fede e azione”:Bisogna guardare in Verticale,ma agire un orizzontale:”Prega come se tutto dipendesse da DIO,ma agisci come se tutto dipendesse da te”.Altrimenti finiamo solo per piangerci addosso…

    1. Gentile Giorgio, mi pare chiaro che nel suo discorso Alessandro Gnocchi, oltre alla diagnosi indichi pure la terapia: agiamo sulla terra con gli occhi sempre rivolti al Cielo. Siamo creature privilegiate, fatte dal Creatore a Sua immagine e somiglianza; e come, allora, non sentire ineludibile questo legame che è impossibile scindere in chi possiede la fede: terra e Cielo, umano e divino sempre connessi.Anche a costo della vita. “Cristiano integrale”, come dice il nostro Autore; questo è l’uomo vero, il cristiano vero, la poesia sublime di Giuliotti. Tutto il contrario di un don Gallo che davanti al Vangelo metteva la costituzione. E per questo piaceva tanto al mondo.

    2. Pietro Montevecchio

      Concordo con Lei. Aggiungo che portare la propria fede nell’agone politico (ciò che indubbiamente un cattolico deve fare) ha per conseguenza la marginalizzazione, l’ostracismo e l’irrilevanza. Naturalmente sono conseguenze preferibili alla svendita della fede, ma allora il discorso cambia fuoco: il cattolico deve assumere che non potrà avere alcun ruolo nella guida politica di un Paese. Pertanto ne deve restare fuori, testimoniando con integrità la fede. E quel che sarà dello stato laico.. sarà..

      1. Il Cattolico (che non è ma un “solitario”, come lo è il liberale) è per natura un costruttore di Bene Comune.
        Bene Comune possibile, ben diverso dal Mondo Perfetto della Pace, amatissimo dalla Massoneria.

        Di conseguenza è per natura “Civis”: civis della città terrena, che si modella su quella Celeste.
        È respinto con disprezzo dai gestori della Repubblica Universale del Demonio, che occupano abusivamente gran parte delle istituzioni di questo mondo.
        La Chiesa ha sempre insegnato “Non vi è lecito usare lo Stato per distruggere l’uomo”. Oggi la Chiesa “migliore”, cioè la Neo-chiesa, insegna “Avete ragione voi: la Democrazia è il regime dell’uomo che non ha bisogno di Dio”

  4. Donato Franchino

    Se mettessimo da parte la Fede o la miscelassimo con una pseudo-democrazia dei più forti, che uccide i deboli (aborto), come potremmo giustificarci davanti a Cristo e davanti al prossimo, che credibilità avremmo mai se fossimo disposti a indietreggiare di fronte al pensiero dominante del momento. Se sarà approvata la legge Cirinnà come mai potremo giustificarci davanti agli uomini e donne di domani che già oggi possono essere ordinati in fabbrica, che saranno “disturbati” (eufemismo), per essere cresciuti in una famiglia monca senza sapere da chi si è nati sapendone il perchè: il “giusto” desiderio di due gay o due lesbiche di parodiare una famiglia scimmiottandola tragicamente. Oggi stesso come possiamo giustificarci davanti ai bambini non nati alle madri adolescenti venti anni fa indotte dalla legge ad ammazzare democraticamente i propri figli. Facciamo in modo che nessun Cardinale Borromeo abbia a riprenderci, affinchè Dio abbia misericordia di noi. Sia lodato Gesù Cristo cara Lorenza.

  5. Caro Gnocchi, ecco il dito nella piaga: la divergenza in Maritain dal pensiero cattolico. In effetti chi colse con lui la tentazione modernista trascinò Chiesa e società in ciò che viviamo ora.
    Reduce da una giornata (scolastica, prima come insegnante, poi come padre) a contatto coi “frutti” viventi e sofferenti del divorzio di massa, non posso che sentire con tutti voi il macigno, la macina al collo di questo mondo che tanto fa contro i suoi piccoli, anche quando sono quindicenni buzzurri, grandi e grossi e in rivolta contro i genitori e il mondo, che li hanno traditi. Sì perché il tradimento dei figli è altrettanto grave di quello del coniuge. E’ forte poi il sentimento che un insieme di gente così non è più un popolo, non c’è nulla che possiamo costruire insieme che duri. Solo Dio può cavarci il cuore di pietra e sostituirlo con un cuore di carne. Preghiamo e soffriamo per questo.

  6. Per Suor Teresa Forcades “”il fatto di crescere con due donne o con due uomini non rappresenta nessun problema”; l’ex suora di clausura, sdoganata e passata alla politica, sta facendo un bell’outing non cìè che dire. Forse è nata la Congregazione delle suore Luciferine? come le suore americane pro-aborto? meno male che hanno solennemente bastoato le Suore FF I, così non ci sarà un conatraltare che metta in evidenza la diabolicità di queste donne in abito religioso.

  7. Dalle visioni della beata Katharina Emmerick :
    “Quando vidi la Chiesa di San Pietro in rovina, e il modo in cui tanti membri del clero erano essi stessi impegnati in quest’opera di distruzione – nessuno di loro desiderava farlo apertamente davanti agli altri -, ero talmente dispiaciuta che chiamai Gesù con tutta la mia forza, implorando la Sua misericordia. Allora vidi davanti a me lo Sposo Celeste ed Egli mi parlò per lungo tempo…
    Egli disse, fra le altre cose, che questo trasferimento della Chiesa da un luogo ad un altro significava che essa sarebbe sembrata in completo declino. Ma sarebbe risorta. Anche se rimanesse un solo cattolico, la Chiesa vincerebbe di nuovo perché non si fonda sui consigli e sull’intelligenza umani. Mi fece anche vedere che non era rimasto quasi nessun cristiano, nell’antico significato della parola”. (4 ottobre 1820)

  8. Christian Nomenomen

    Un elemento inscindibile del cristiano è la lungimiranza; il suo cappello, l’intransigenza. Abbiamo talmente tanta nostalgia dell’abbraccio di Dio, che il tempo che passiamo su questa terra ci sembra eterno, non passa mai. Ma la vita è una missione da compiere, con le opere e con la preghiera. Non occorre fare grandi cose, ma occorre farle bene. Associazioni, fondazioni, onlus,movimenti…e poi ci dimentichiamo del vicino di casa di 90 anni che soffre da, solo nell’abbandono e nella tristezza. La grandezza o la piccolezza delle cose che facciamo la conosce solo Dio, e Gesù ci insegna che quando facciamo qualcosa ad uno dei suoi fratelli più piccoli, lo abbiamo fatto a Lui. Il dualismo si scontra con l’intransigenza e più ci inoltriamo nel mondo e ci eleviamo, più sarà difficile operare con giustizia ed intransigenza. Il dualismo ti abbraccia tanto più quanto vuoi far parte di una società a tutti i costi.

    1. Christian Nomenomen

      Segue: Noi siamo il sale della terra ma in questa società siamo indesiderati. Portiamo il sale per guarire le ferite, ma loro non pensano che serve per disinfettarle e guarirle, sentono solo il dolore e lavano via il sale: ci emarginano. Le loro ferite si ingrandiscono, puzzano, si imputridiscono e danno la colpa a noi, pensando che il danno è colpa nostra.

  9. E’ tutta colpa dell’anfibologico, circeterico CVII che ratificò l’andazzo modernista, massonico e luteraneggiante. Questa convinzione non me la cavano dalla crapa, né il card. Martini, né fratel Enzo, né mons. Ravasi, né mons. Galantino, nè mons. Forte, nè il card. Kasper, né il neo-vescovo della mia diocesi, né…
    Gentile Signora Lorenza proviamo un po’ a pensare che vi furono un tempo cristiani -i SS. Martiri (dal greco μάρτυς=testimone)- costretti a “dialogare” coi leoni, dentro al Circo Massimo: se il loro eroismo è fuori dalla nostra portata, procuriamo almeno di essere degni del loro sangue.

    1. Caro Riccardo, speriamo che il neo-vescovo della sua diocesi non sia della stessa pasta di quei personaggi che ha appena nominato, perché altrimenti saremmo messi proprio male. Del resto, c’è poco da star allegri, sappiamo bene che Bergoglio coopta solo elementi con la sua stessa mentalità, e li vuole decisi e risoluti nell’opera di demolizione di quel poco che resta di cattolico nella Chiesa di NSGC. Abbiamo visto con quale velocità hanno messo fuori gioco Ratzinger, che non era poi un San Pio X, tutt’altro. La massoneria vuole campo libero, in ambito politico (vedi Renzi) e religioso. Ma faranno tutti una gran brutta fine, se non in questa vita, sicuramente nell’altra.

  10. «Ama la verità, mostrati qual sei; e senza infingimenti e senza paure e senza riguardi. E se la verità ti costa la persecuzione, e tu accettala; e se il tormento, e tu sopportalo. E se per la verità dovessi sacrificare te stesso e la tua vita, e tu sii forte nel sacrificio». (S. Giuseppe Moscati, medico, 1880-1927)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su