“FUORI MODA”. La posta di Alessandro Gnocchi – rubrica del martedì

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ogni martedì Alessandro Gnocchi risponde alle lettere degli amici lettori. Tutti potranno partecipare indirizzando le loro lettere a info@riscossacristiana.it , con oggetto: “la posta di Alessandro Gnocchi”. Chiediamo ai nostri amici lettere brevi, su argomenti che naturalmente siano di comune interesse. Ogni martedì sarà scelta una lettera per una risposta per esteso ed eventualmente si daranno ad altre lettere risposte brevi. Si cercherà, nei limiti del possibile, di dare risposte a tutti.

martedì 22 luglio 2014

.

è pervenuta in Redazione:

.

Caro signor Gnocchi,

                                        ho appena letto le dichiarazioni fatte da Mons. Galantino, quello che parlava dei “volti inespressivi” di chi recita il Rosario fuori dagli ospedali dove si fanno gli aborti. “Sono stato frainteso” dice il monsignore, e dà spiegazioni che non stanno in piedi, mentre le sue dichiarazioni di allora erano ben chiare, eccome. E poi la famosa intervista di Scalfari al Papa, che compare e scompare dal sito del Vaticano. Ma il problema non è solo della Chiesa, guardiamo anche ai nostri politici. Renzi che va in giro parlando di “ripresa” che peraltro vede solo lui (ha mai provato a fare la spesa con un normale stipendio medio?), che fa promesse a ruota libera.

Insomma, voglio dirle questo: ho sempre di più la sensazione che da parte dei nostri politici (ma a questo abbiamo fatto una certa abitudine), ma purtroppo anche da parte degli uomini di Chiesa si sia persa la capacità di riflettere prima di parlare, mentre chi ricopre incarichi così importanti dovrebbe, almeno io la penso così, misurare ogni parola col bilancino. E invece no. Ci tocca sentire enormi fesserie e dopo magari le smentite che non smentiscono. Ma questi signori ci considerano tutti dei cretini? Non hanno rispetto per gli incarichi che ricoprono e per la gente a cui si rivolgono? Cosa si può fare per correggere questo andazzo?

Grazie, e tanti saluti

Ignazio Summa

 .

zrbrpsCaro Summa,

parto dal fondo e alla sua ultima domanda posso rispondere con una sola parola: nulla. Non si può fare nulla perché non ci troviamo al cospetto di superficialità, di cialtroneria, di disprezzo per l’intelligenza altrui o di scarsità di intelligenza propria. O meglio, c’è anche un po’ di tutto questo perché la qualità degli attori sul palcoscenico è davvero scarsina. Ma ciò è secondario, in quanto l’altalena di affermazioni e smentite risponde a una precisa strategia che cerco di spiegare con un’immagine solo in apparenza banale: è la strategia del filo di ferro.

Per rompere il filo di ferro, caro Summa, bisogna torcerlo nei due sensi opposti. Questo è lo scopo di tutti coloro che, in politica applicano questo metodo, sia da soli, affermando e smentendo, sia con la complicità di finti avversari che sostengono il contrario. Lo scopo, in ogni caso, è sempre lo stesso: rompere l’organismo, l’istituzione, il legame sul quale si sta operando.

Se questo è grave in politica, possiamo immaginare quanto lo sia in materia di fede. Il balletto di monsignor Galantino può sembrare solo ridicolo e indurre alla risata o alla commiserazione. Ma, in realtà, a che cosa porta se non al discredito del ruolo che copre? Allo spezzarsi di quel poco che ormai rimane del prestigio di un’istituzione ecclesiale? Perché deve essere chiaro che da questa miserevole vicenda non esce spezzato il suddetto monsignore, ma il ruolo che riveste.

Stesso discorso vale per la tragicomica vicenda dell’intervista di Scalfari a papa Francesco. E qui bisogna partire da quanto ha detto in proposito Giuliano Ferrara, che errare è umano, ma perseverare è bergogliano.

Ammesso, ma solo per estrema gentilezza e per nulla concesso, che nel primo caso si trattasse di inesperienza e ingenuità, come pensarlo dopo la reiterazione del cedimento alle astuzie del nemico? Non sarà che si vuole dimostrare senza tema di smentite che l’ufficio di Sommo Pontefice, di Vicario di Cristo, di dolce Cristo in terra, alla luce del nuovo sentire cum Ecclesia, è ridotto alle funzioni di un Berlusconi qualsiasi che redigeva insieme intervista e smentita?

Caro Summa, quanto può reggere agli occhi dei fedeli un’immagine che viene torta continuamente nei due sensi come il filo di ferro a cui accennavamo? In attesa che prima o poi la rottura si produca, si è già verificata nella ragione di quei cattolici normalisti che tentano di dimostrare, per così dire da destra, che tutto è normale, che tutto funziona come un orologio, che tutto è sotto controllo. E quindi sono costretti a dire che le interviste a Scalfari sono perfette e devono fare salti mortali scimmieschi per riuscire nell’intento, poi quando le interviste scompaiono dal sito Vaticano devono dire che non erano così perfette perché c’erano alcuni passaggi problematici e forse apocrifi, poi quando le interviste ricompaiono eccoli a spiegare che comunque c’era tanta cattolicità in quelle pagine, e poi a interviste nuovamente scomparse li si vede intenti a spiegare che però c’erano dei problemi. Ma è tutta di colpa di Scalfari e, va da sé, di quell’incompetente di padre Lombardi.

Cosicché, grazie ai custodi posti a guardia del fianco destro della chiesa nata dalla Nuova Pentecoste, la dottrina diventa una pelle di daino da trascinare ovunque e in qualsiasi forma. E così, a forza di mostrare che è cattolico anche ciò che cattolico non è, un bel giorno non sapranno dimostrare che è cattolico ciò che è veramente cattolico.

Mi dica lei, caro Summa, se è possibile mettere rimedio a questo abilissimo montaggio… Ma chi siamo noi per giudicare?

Un caro saluto

.

Alessandro Gnocchi

Sia lodato Gesù Cristo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

5 commenti su ““FUORI MODA”. La posta di Alessandro Gnocchi – rubrica del martedì”

  1. La ringrazio per la chiarezza, carissimo Gnocchi, e per la perfetta similitudine, da lei usata, del fil di ferro. È proprio così. È quello che sta avvenendo nella Chiesa attuale, ben rappresentata dalle varie galantinate del caro monsignor Nunzio e di altri consimili. Intanto il fil di ferro, torto e ritorto a destra e a manca si sta spezzando giorno per giorno. Ma io me lo sento al collo, girato e rigirato, e provo un senso di strozzamento, oltre che di ghigliottina. Come finiremo? Come finirà la Santa Madre Chiesa? E i cattolici che pian piano stanno finendo sulla strada, privati di tutto o quasi a livello spirituale? Avviene tutto questo a Mosul e altrove in Iraq, in Siria ecc.dove l’estremismo islamico sta distruggendo il cristianesimo fisicamente. Altrove, ma diciamo dappertutto, ciò sta avvenendo su un piano spirituale, con lo svilimento e l’oscuramento della Verità, quella di Cristo, del Vangelo, della sostanza della nostra fede. E ad opera di quali estremisti? Non sono islamici, né fondamentalisti di nessun altro credo religioso: sono i nostri capi, le nostre guide! E allora? Dovremo fare come i cristiani di Mosul? Raccogliere le nostre cose e scappar via? O invece restare, resistere, pregare e intercedere per loro? Lottare dentro le mura e sperare nell’aiuto straordinario di Maria, la Regina delle Vittorie che, come nella battaglia di Lepanto ci sostenga e ci guidi a non soccombere, anzi a vincere contro i nemici che, pur molto più numerosi, batteranno in ritirata davanti all’arma più potente, quella del santo rosario, pur se recitato da visi inespressivi ? Non crede anche lei così, caro dottor Gnocchi?

  2. Bella quella del fil di ferro! Non ci avevo mai pensato ma effettivamente (purtroppo) è veramente così…
    Qualcuno saprebbe per caso dire anche il “perchè”??? :-/

  3. Purtroppo, caro dottor Gnocchi, c’è qualcosa di peggiore dell’azione anti-istituzionale (o anti-giuridica, o decostruente): c’è la volontà esplicita di stabilire un rapporto privilegiato – o asse – con l’ “Altro”.
    L’impostazione è proprio quella che è molto frequente, purtroppo, nelle nostre Parrocchie: “Sempre le stesse facce? sempre donne di una certa età affezionate al Rosario e qualche uomo di vecchia scuola ? Quand’è che entriamo in contatto con le forze più vive nel dibattito odierno ? “.
    Tutto ciò senza tenere presente che il cosiddetto “dibattito odierno” è in realtà un monologo altamente distruttivo, anche in senso fisico (aborto, eutanasia, suicidio), della Voce del Padrone tramite i suoi accoliti; e che la Verità non si raggiunge tramite il vortice hegeliano di tesi/antitesi/sintesi, perché ciò vorrebbe dire che Dio e il Diavolo dovrebbero presentarsi umilmente al nostro “maturo giudizio”, capace di prendere un po’ dall’Uno, un po’ dall’altro. Scenario delirante, a dir poco

  4. Ottimo come sempre il Dott. Gnocchi!
    I normalisti, alcuni dei quali molto colti e devoti, stanno purtroppo facendo molti danni alla Chiesa, tentando di giustificare l’ingiustificabile: è in situazioni come queste che si vede la differenza fra conservatori e tradizionalisti!

  5. Normanno Malaguti

    Dopo il commento di Alessandro Gnocchi, stimo che ogni altro rischi di essere insignificante, lo invito invece a far pubblicare alla sua figliola, magari arricchendolo con altri ricordi di quella straordinaria esperienza, il suo mese in missione con le Francescane dell’Immacolata in Africa, che se mal non ricordo si svolse esattamente un anno fa.
    In attesa ringrazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su