Gli alberi del giardino di Eden  –  di Patrizia Fermani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

L’opera di demolizione dei limiti “di facciata” posti dalla legge 40 a se stessa,  è stata poi solo completata  dalla  pronuncia che ha eliminato anche il divieto di utilizzare gameti estranei alla coppia. Ma anche quest’ultima raccapricciante variante della creazione di esseri umani su ordinazione e secondo gli umori dell’ordinante,  incoraggiata  da interessi di ogni risma, riconduce a quella causa prima, cioè a quella possibilità di produrre l’uomo in laboratorio che la legge 40 ha elevato a diritto individuale e ad interesse collettivo. A quell’oltraggioso superamento della soglia del giardino dove Dio, ”ad oriente,  ha posto i cherubini con la spada folgorante per sbarrare l’accesso all’albero della vita”.

di Patrizia Fermani

.

zzdmvDi solito quando parliamo del peccato dei progenitori andiamo subito col pensiero, giustamente, all’albero della conoscenza del bene e del male i cui frutti Dio vieta in modo esplicito all’uomo di mangiare, pena la perdizione. Conoscenza del bene e del male è la decisione di ciò che è bene e male, decisione che Dio ha riservato a sé poiché è sua la legge secondo cui ha dato ordine alla creazione e suo il giudizio. L’uomo deve conformarsi a questa legge e a questo giudizio che presuppongono la distinzione appunto tra ciò che è bene, perché conforme alla volontà e quindi anche alla Ragione di Dio, e male perché difforme da entrambe.

Ma in realtà gli alberi che Dio distingue da tutti gli altri nel giardino, sono due, perché, dice la Bibbia: “(Dio), fatti germogliare ogni sorta di alberi, pone nel mezzo l’albero della vita e quello della conoscenza del bene e del male”(Gen,2,9). Pare dunque che al centro ci sia proprio l’albero della vita che ha accanto quello della conoscenza del bene e del male.

Dicono i commentatori che l’albero della vita appartiene ad una tradizione parallela a quella della conoscenza del bene e del male. Ma il confluire di entrambe in un unico racconto, che si ritrova identico nella versione greca dei Settanta, mi sembra che possa non essere casuale e che si possa vedere il legame simbolico e di complementarità, o meglio di specialità che le unisce. Se il quadro della creazione rappresentato dai racconti biblici è il paradigma di un ordine con le proprie leggi e i propri contenuti immutabili, ecco che rispettare l’albero della conoscenza del bene e del male non è altro che rispettare la creazione e non sovvertirne le regole secondo cui essa è stata plasmata da Dio. E se al centro della creazione c’è la vita simboleggiata dall’albero posto nel mezzo del giardino, si può vedere come la conoscenza del bene e del male abbia ad oggetto, in primo luogo, proprio la vita. Tanto che poi il racconto della trasgressione si conclude così: ”Scacciò l’uomo e pose ad oriente del giardino di Eden i cherubini e la fiamma della spada folgorante, per custodire l’accesso all’albero della vita”(Gen, 3,24).

Dunque questo ultimo passo sembra confermare la centralità data dal racconto all’albero della vita, già lumeggiata dal suo essere stato posto “in mezzo al giardino”( Gen 2,9). A partire da quest’ultimo passo mi sembra che il superamento del limite della conoscenza del bene e del male, oggi in particolare, abbia assunto la forma inedita e perversa che si esprime nella volontà dell’uomo di superare a tutti i costi la barriera posta sulla strada che porta all’albero della vita. Ma su chi travolge quella barriera si dovrà abbattere la “spada folgorante”.

“La minaccia alla vita da parte dell’uomo, ha conferito nuova urgenza al tema della creazione”. Con queste parole inizia la raccolta delle quattro prediche quaresimali che Joseph Ratzinger tenne nella cattedrale di Monaco nella primavera del 1981, ed esse mi sembrano oggi quanto mai significative. Ne ho preso spunto per le riflessioni svolte nell’articolo di giovedì scorso e per quelle qui esposte che vi erano sottese. Queste ultime, ovviamente, non hanno alcuna pretesa di fornire una particolare esegesi biblica per la quale non possiederei comunque gli strumenti tecnici minimi necessari. Ma tutto il discorso è volto, questo sì, a richiamare l’attenzione su una realtà che rischia sempre di più di essere inghiottita dalle sabbie mobili della politica e purtroppo, oggi più che mai, anche da quelle della politica ecclesiastica.

La apertura dell’ordinamento giuridico alla possibilità della fecondazione eterologa, aggrava enormemente la gravità delle conseguenze della fecondazione artificiale sugli equilibri psico fisici, sulla  formazione morale e culturale degli individui che vengono fatti venire al mondo e sugli assetti della intera società. Come se l’uomo fosse una monade dispersa nel vuoto, o un meteorite che si può lanciare in ogni momento sulla terra. Figlio del caso, privato a priori della irrinunciabile necessità di fare parte di una catena che lo leghi al passato, cioè anche alla sua storia pregressa, e al futuro, al quale quella storia va consegnata. È stato tante volte osservato come il bambino abbandonato è l’adulto che andrà alla ricerca disperata dei propri genitori, di una famiglia di sangue che nessuna altra famiglia può sostituire come un tempo la patria (dico un tempo perché la cancellazione della patria è stata funzionale alla cancellazione del padre) non poteva essere sostituita in alcun modo dal luogo in cui ti trovavi a vivere, perché prima o poi ti avrebbe richiamato a sé attraverso una misteriosa e struggente nostalgia. Tutto questo legame di sangue e di storia  viene ignorato dalla ottusa burocrazia giurisprudenziale e legislativa che rispecchiano la ottusità della politica.  Una volta creati i figli di genitori sconosciuti, frutti inconsapevoli della follia manipolatoria della vita umana, ovviamente già si paventa  la possibilità di future unioni incestuose tra consanguinei ignari dei propri effettivi rapporti di parentela, e tante altre amenità legate alla immissione sul mercato di anonimi e incontrollati “fattori di produzione” quali gameti maschili e femminili pronti all’uso nel supermercato dell’umano.

Ma alla base di questa dissennata  ignoranza della realtà dell’uomo librata nel vuoto delle imposture giuridiche, e della noncuranza per le conseguenze di ogni tipo, rimane comunque l’insania di fabbricare l’uomo in laboratorio e la violazione del principio che dà forma alla nascita della vita.  C’è la disumanizzazione della vita umana nascente alla quale viene tolto per legge il proprio sostrato spirituale perché la si estirpa dall’unione della carne e dello spirito. Da quella complessa e  inscindibile compenetrazione appunto, di materia e spirito che è l’essenza dell’atto sessuale, e che riproduce la essenza stessa dell’uomo, così come la elementare funzionalità dell’accoppiamento animale rispecchia la struttura istintiva della vita biologica. In questo senso la produzione dell’uomo in laboratorio è anzitutto la sottrazione all’origine di una essenza, lo snaturamento di un fenomeno al quale viene rapinato il proprio contenuto spirituale, la amputazione di un patrimonio morale dal corpo di un individuo costretto a nascere con un irreparabile impoverimento.

E tutto ciò senza considerare la gravità del prezzo pagato dalla fecondazione artificiale di qualunque tipo, omologa o eterologa che sia, in termini di vite umane eliminate. Perché questo è invece, in ogni caso, l’aspetto più vistoso e provato di tutta l’operazione, quello per cui la realtà parla da sola.

Infatti in ogni caso di fecondazione artificiale, per ogni tentativo di indurre una gravidanza attraverso l’impianto di embrioni prodotti in laboratorio,  da chiunque provengano i gameti utilizzati, moltissimi di questi embrioni vengono scartati perché inadatti o difettosi, altri avviati ad essere utilizzati per la ricerca, mentre altri ancora, “buoni” ma  prodotti in esubero, vengono crioconservati. Il “cattolico” ospedale San Raffaele del fu altrettanto “cattolico” don Verzè, si vantava di essere all’avanguardia nelle pratiche di fecondazione artificiale già molti anni prima dell’avvento nel 2004 della legge 40.

Quest’ultima, nella sua stesura originale, ha preteso di dare dignità morale alla  fecondazione artificiale, limitandola anzitutto alle coppie di coniugi o di conviventi stabili di sesso diverso. Sul presupposto che ciò bastasse a mantenere a tutta l’operazione il carattere mimetico dei processi naturali di procreazione i quali tendono ad assicurare al nascituro l’accoglimento in quella che è già in pectore la sua famiglia.

In secondo luogo, la legge ha inteso superare l’ostacolo morale legato alla selezione degli embrioni “buoni” per l’impianto e alla conseguente distruzione di quelli incapaci di superare la prova. Inoltre ha mostrato di voler restringere al minimo il ricorso alla crioconservazione degli embrioni non utilizzati. Infatti ai commi 2 e 3 dell’art.14  sono stati posti i limiti che avrebbero assicurato alla legge la reputazione di “buona legge”: non si dovevano produrre più di tre embrioni, bisognava impiantarli tutti, e soltanto nel caso in cui questo non fosse possibile perché troppo gravoso per la salute della donna, quelli non immediatamente utilizzati  avrebbero potuto essere congelati in vista di un impiego futuro.

Ma una inaudita pressione mediatica e una giurisprudenza più sensibile ad essa che alle ragioni dell’etica, o alla ragione tout court, hanno portato allo svuotamento di quelle fragili limitazioni. Così la sentenza n.151 del 2009 della Corte Costituzionale ha fatto piazza pulita dei limiti relativi al numero degli embrioni prodotti e del divieto di crioconservazione.

L’opera di demolizione dei limiti “di facciata” posti dalla legge 40 a se stessa,  è stata poi solo completata  dalla  pronuncia che ha eliminato anche il divieto di utilizzare gameti estranei alla coppia.

Ma anche quest’ultima raccapricciante variante della creazione di esseri umani su ordinazione e secondo gli umori dell’ordinante,  incoraggiata  da interessi di ogni risma, riconduce a quella causa prima, cioè a quella possibilità di produrre l’uomo in laboratorio che la legge 40 ha elevato a diritto individuale e ad interesse collettivo. A quell’oltraggioso superamento della soglia del giardino dove Dio, ”ad oriente,  ha posto i cherubini con la spada folgorante per sbarrare l’accesso all’albero della vita”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

8 commenti su “Gli alberi del giardino di Eden  –  di Patrizia Fermani”

  1. Nessuno può “produrre l’uomo” – e neppure una pianta né un animale. Questo avverrebbe se esistesse una formula chimica (alchemica) in grado di ottenere quell’effetto.

    Moltissimi – a bassissimo livello scientifico – possono buttar via uomini nati dalla manipolazione delle cellule germinali di due genitori, consenzienti o non consenzienti al crimine.
    La Svezia si è dichiarata con orgoglio “Paese Down-free”: libero da “Down”, che sarebbero i cosiddetti mongoloidi. “Libero” perché essi vengono cercati e uccisi nelle gravidanze, eliminati nelle fecondazioni in vitro, certamente uccisi alla nascita se qualcuno è sfuggito alla selezione

    1. patrizia fermani

      la creazione non può essere cosa dell’uomo, ma quando egli ha elaborato queste tecniche si è sentito libero da ostacoli che non fossero di ordine pratico , e da ogni pensiero che potesse mitigare l’idea suggestiva del proprio potere.. Usare certi termini serve allora a mettere a fuoco un atteggiamento mentale dagli esiti devastanti e a darne la rappresentazione simbolica.. Serve a smascherare la impostura di una terminologia truffaldina come quella di “fecondazione medicalmente assistita” che mira a contraffare la realtà per assopire ogni coscienza critica. Serve infine a richiamare l’attenzione sulla responsabilità di quanti hanno messo in moto un meccanismo perverso dalle conseguenze incontrollabili, stravolgendo i cardini naturali, morali e spirituali della vita umana, o annientandola ad libitum..

    2. Caro Raffaele, concordo pienamente con Lei!
      Molto meglio essere Down (non c’è NULLA di male, è soltanto una malattia genetica) che abortista!
      La Svezia è un paese di un’immoralità a dir poco sconcertante, che il Papa dovrebbe condannare con decisione invece di pensare ad organizzare partite di calcio e a far prediche contro la mormorazione!
      Vorrei citarLe una semplice regoletta, inventata da me e applicabile a tutti i paesi in cui esiste l’aborto volontario, la fivet (e l’infanticidio): “più aumenta il numero degli idioti e più cala il numero dei Down”: cosa ne pensa?

      1. Fossero solo idioti, caro Diego !
        In realtà sono ANCHE idioti (la poca scienza dà la boria, mentre quella profonda dà l’umiltà), Sono soprattutto dei criminali.
        Stamattina sono stato in ospedale, e ho visto all’ingresso una ragazza Down/”mongoloide”. Una dolcissima creatura di Dio

  2. Questo articolo bene espone il timore che provo pensando ai sovvertimenti degli ultimissimi anni dell’ordine naturale “umano”.
    Qualcuno, in odio di Dio o nella di Lui totale e voluta dimenticanza, sta minando nel profondo il vertice di tutta Creazione, quell’Uomo voluto da Dio a Sua immagine e somiglianza, e amato fino alla Croce.
    Mi sembra che stiano per cadere i pilastri dell’intero universo… è solo questione di tempo (non molto).
    Spero che il semplice buonsenso fondato sulla ragione aiuti a invertire la rotta, ma appare essere un esercizio sempre più vano…
    Temo davvero le spade forlgoranti … a moltissimi (che non frequentano certo questo sito) verrà da sbellicarsi dalle risate a sentir questo… il problema è che non c’è proprio nulla da ridere.

  3. Con grande disinvoltura, in perfetto “piuttostochese”, a “Uno Mattina”, fascia oraria 07.30 – 08.00, la “ministra della salute (?)” disquisiva su “partite di sperma” non consone, con casi di elefantiasi, ma, parbleu, i nostri Dott. Mabuse, Caligari, Frankenstein, Mengele sono bravi, al primo sbaglio si fermano….. Mi chiedo, forse cinicamente, conoscendo la sofferenza dei genitori di figli down, come si possa sentire chi si fa fabbricare un figlio e poi si ritrova con un esperimento fallito. Vengono consegnati con la garanzia?
    Patrizia, la spada folgorante è già qui, Terzo segreto di Fàtima! Piangeremo, sarà durissima, ma ben venga!!!
    Grazie, uniti nel Cuore Immacolato di Colei che è Madre di tutti, senza provette e alambicchi!
    Bruno

  4. Mai come in questo momento si è violato, con il permesso e il supporto delle leggi umane, l’albero della vita: fecondazione artificiale, aborto, eutanasia, contraccezione abortiva; ma non solo gli omicidi oltraggiano la vita umana: l’atto sodomitico è un grandissimo oltraggio alla generazione della vita umana, come è dettagliatamente spiegato nella prefazione (scritta dal Prof. Giovanni Zenone) del libro “Il sacramento del diavolo”, prefazione reperibile sul sito “Radio Spada” e che illustra in maniera eccellente quanto sia perverso e satanico l’accoppiamento sodomitico, un vero e proprio “antisacramento”.
    Tutte queste pratiche contro la vita dovrebbero essere condannate costantemente e in modo durissimo dai nostri pastori, molti dei quali purtroppo preferiscono parlare di futilità, altri vorrebbero addirittura “aprire” ad una o più di esse (nel frattempo i promotori di tutte quelle perversioni diventano ogni giorno più attivi, aggressivi e numerosi)!

  5. Il diavolo ora vuole sradicare le origini della storia umana come descritto nel libro della Genesi, andando a colpire il cuore della realtà umana.
    “Dio creò l’uomo a sua immagine, a immagine di Dio lo creò, maschio e femmina li creò”. L’ideologia del gender va con violenza contro la creatura umana come Dio l’ha pensata. L’uomo avrebbe dovuto dominare sulle creature e custodire il creato. Ora abbiamo l’animalismo e l’ecologismo che ci mettono sullo stesso piano animale se non più sotto. Poi ha messo le mani sulla vita, sconvolgendola. E mai come nella nostra epoca il peccato originale si manifesta: voler essere come Dio.
    Mi pongo una domanda: e se la fine in qualche modo si riallacciasse con l’inizio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su