“FUORI MODA”. La posta di Alessandro Gnocchi – rubrica del martedì

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Se i pastori che governano la Chiesa sono preoccuparti di piacere al mondo più che a Nostro Signore, significa che, consapevolmente o no, preferiscono il principe di questo mondo rispetto a Nostro Signore, il demonio rispetto a Cristo. 

===================================================

.

Ogni martedì Alessandro Gnocchi risponde alle lettere degli amici lettori. Tutti potranno partecipare indirizzando le loro lettere a info@riscossacristiana.it , con oggetto: “la posta di Alessandro Gnocchi”. Chiediamo ai nostri amici lettere brevi, su argomenti che naturalmente siano di comune interesse. Ogni martedì sarà scelta una lettera per una risposta per esteso ed eventualmente si daranno ad altre lettere risposte brevi. Si cercherà, nei limiti del possibile, di dare risposte a tutti.

Il successo di questa rubrica è testimoniato dal numero crescente di lettere che arrivano in redazione. A questo proposito preghiamo gli amici lettori di contenere i propri testi entro un massimo di 800 – 1.000 battute. In tal modo sarà più facile rispondere a più lettere nella stessa settimana. Ringraziamo tutti per la gentile attenzione e collaborazione.

PD 

.

martedì 16 dicembre 2014

.

E’ pervenuta in Redazione:

Gentile dottor Gnocchi,

la diocesi di Molfetta, organizza una serie di incontri intitolati “Accanto all’amore ferito. Un percorso diocesano per separati, divorziati e nuove unioni”, che si può vedere nel dettaglio qui: http://www.webdiocesi.chiesacattolica.it/pls/cci_dioc_new/V3_S2EW_CONSULTAZIONE.mostra_pagina?id_pagina=42666&rifi=guest&rifp=guest. Ecco i primi danni di Francesco: si va sempre più formando una Chiesa che non riconosce  gli insegnamenti e la Parola del Signore, ma si preoccupa solo di accudire i fratelli, per farli sentire a casa (da mamma), senza magari aprire i loro occhi alla verità. (…) È un paradosso ma la Chiesa di oggi sembra si preoccupi solo di rendere belle le persone agli occhi degli altri, ma non agli occhi del Signore abusando in maniera ingannevole di una misericordia che non può essere priva della giustizia. (…) Caro Gnocchi io penso (e sono sicuro anche lei) che stiamo vivendo i “tempi predetti” ed allora penso sia giusto cominciare ad essere più “incisivi” e cominciare a parlare della beata Caterina Emmerick e della profezia dei tre papi di Garabandal per esempio. Non si può rimanere inermi davanti a questo scempio. (…).

Cordiali saluti, C.

 .

zrbrpsCaro C.,

dopo aver desunto l’iniziale dal suo indirizzo di posta elettronica sono andato a godermi il “Percorso diocesano per separati eccetera, eccetera” tracciato dalla diocesi di Molfetta Ruvo Giovinazzo Terlizzi.

Devo dirle che ero stato sul punto di passare in archivio la sua lettera, un po’ perché non è firmata e un po’ perché contiene una non-notizia. Che cosa c’è di nuovo nel fatto che nella Chiesa cattolica, oggigiorno, ci si occupi di piacere agli uomini invece che a Dio? E che cosa c’è di nuovo che questa sia la cura di gran parte dei pastori, dall’ultimo dei curati fino al vescovo di Roma?

Però caro C., in un punto della sua lettera, che ho tagliato perché era lunga e pure per questo ha rischiato di essere archiviata, pone l’accento su uno di quei dettagli che conquistano sempre la mia attenzione.

Mi riferisco al titolo di un incontro del “Percorso diocesano eccetera, eccetera” che recita “Guarire per-donare”. Proprio così “per-donare” con il trattino, con quella leggerezza che fa tanto figli dei fiori anni settanta, con quella voglia di essere originali e stupire con giochino di parole buoni per bambini non tanto svegli, insomma, con quell’aria un po’ saccente e un po’ stupidina tipica del cattolico postconciliare che, finalmente, ha scoperto il mondo e gioca con il meccano quando gli altri sono già andati sulla luna.

In quel dettaglio, caro C., c’è tutto il dramma sul quale naviga, neanche più a vista, la barca di Pietro. “Ecco i primi danni di Francesco”, dice lei. Io direi che sono i secondi, i terzi, i quarti, i quinti… e mi fermo per ragioni di spazio. Tutto riassumibile nella voglia matta di piacere al mondo invece che a Nostro Signore.

Mi perdoni il gioco di parole, ma, a proposito delle profezie, non so se io penso quello che lei pensa che io pensi. Non so se siamo nei tempi di cui parlano le visioni e i messaggi che lei cita. Non indulgo facilmente all’interpretazione di testi che non sono alla mia portata, ma mi basta far funzionare le poche rotelle non arrugginite che ho ancora in testa per comprendere che la Chiesa è sprofondata nei tempi più bui della sua storia.

zzxttnt2Caro C., lasciamo perdere le profezie e applichiamo il ragionamento. Vedrà che, se si ha il coraggio di trarre le conseguenze fino in fondo, si arriva anche più lontano. Ebbene, se i pastori che governano la Chiesa sono preoccuparti di piacere al mondo più che a Nostro Signore, significa che, consapevolmente o no, preferiscono il principe di questo mondo rispetto a Nostro Signore, il demonio rispetto a Cristo. Non è una profezia, è una semplice constatazione e penso che basti.

Giustamente, come lei dice, non si può rimanere inerti davanti a questo sfascio. Come lei la pensano, anzi la pensiamo, in tanti e nei prossimi giorni, attraverso Riscossa Cristiana, verrà lanciata un’iniziativa che risponde al suo giusto invito.

Quanto al “Percorso diocesano eccetera eccetera” di Molfetta Ruvo Giovinazzo Terlizzi, lei ha ragione su tutta la linea. Voglio solo aggiungere che operazioni come questa sono la piena realizzazione della Chiesa che ha buttato a mare la ragione, e quindi la vera fede, per darsi al sentimento.

Ci faccia caso, caro C., di questi tempi è tollerato tutto tranne il dissenso fondato sulla razionalità. La critica viene tollerata solo come “atto d’amore” e non come atto dell’intelligenza. Perciò, chiunque osa argomentare in nome della Verità utilizzando rigore intellettuale viene respinto come un corpo estraneo, un pericoloso virus da eliminare da parte di un organismo che lo riconosce come nemico mortale.

Per questo, caro C., la “Chiesa della misericordia” è così spietata nei confronti dei dissidenti. Può solo essere spietata perché il sentimento non tollera la vista dell’intelligenza. Ciò che sta in più in alto, come l’intelligenza, è in grado di assumere armoniosamente ciò che sta più in basso, come il sentimento. Ma ciò che sta più in basso, se prende il sopravvento, può solo eliminare ciò che sta più in alto perché non è in grado di contenerlo e comprenderlo: è il principio di ogni rivoluzione.

Non è un caso se questa “Chiesa misericordiosa” ha uno dei suoi miti fondatori nel “Papa buono”. Fu proprio lui, Giovanni XXIII, a mettere in evidenza la distinzione tra errore ed errante. Da quel momento, in nome della “bontà” di un Papa che aveva di colpo fatto apparire “cattivi” tutti i suoi predecessori, si prese a perseguitare l’errante invece che l’errore: cosa che non era mai avvenuta nella Chiesa, tanto più che errante ed errore, da quel momento, sono stati individuati nei cosiddetti “tradizionalisti” e nella Tradizione.

Come vede, caro C., anche senza appoggiarsi alle profezie, è evidente che la tenebra ci avvolge. Segua Riscossa Cristiana nei prossimi giorni e qualche indicazione utile la troverà.

Alessandro Gnocchi

Sia lodato Gesù Cristo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

8 commenti su ““FUORI MODA”. La posta di Alessandro Gnocchi – rubrica del martedì”

  1. In realtà le profezie confermano ne più ne meno ciò che sta iniziando a verificarsi da anni. Ma se prima di Bergoglio si scendeva leggermente ma gradualmente, da un anno e mezzo la discesa si fa ripida. Purtroppo l’80-90 per cento dei cattolici non hanno compreso che questa non è affatto la chiesa della misericordia ma bensì delle bastonate; complici non giustificati i mass media televisivi e i quotidiani.

  2. Carissimo dott. Gnocchi, come ad uno alto di statura ogni volta che lo si incontra gli si dice: “Ma sei sempre più alto!”, così le sue analisi sono ogni volta sempre più splendide, fanno aprire gli occhi invitando alla semplice constatazione dell’esperienza quotidiana, espresso bene da quel “ci faccia caso..”!…
    “di questi tempi è tollerato tutto tranne il dissenso fondato sulla razionalità. La critica viene tollerata solo come “atto d’amore” e non come atto dell’intelligenza”.
    Complimenti per l’impressionante razionalità di descrivere lo stato attuale della Chiesa.
    Con Riscossa e Gnocchi prendiamo atto che: “corazon” e razionalità stanno insieme come ideologia e verità, ma attendiamo la vostra proposta.

  3. Se il vescovo di Roma Bergoglio piace tanto a tutti, non è perchè ha portato una” ventata di novità” o di “aria fresca” nella Chiesa, come dicono i benpensanti, ma è perchè lui interpreta alla perfezione l’ideologia dominante e porta avanti quell’idea falsata di fede che da decenni impera un pò ovunque….le sue omelie sono straordinariamente banali e scontate, le ho sentite ripetere per anni, stesse parole banali e sdolcinate, trite e ritrite, dette come se fossero novità da tanti parroci nelle varie parrocchie che ho frequentato, ben prima dell’arrivo di Bergoglio….è sempre la stessa broda stantia, solo che adesso a dire queste amenità che non si possono sentire senza esserne nauseati è colui che occupa il soglio pontificio…..cosa ben più grave!

    1. gli slogan sessantottini sono sintomi di mancanza di fede, di un grande vuoto interiore, che si cerca di riempire con banalità, con orgoglioso egocentrismo (cos’altro è questa smania dittatoriale?), intolleranza ed aggressività. Ma ci sarà pire Qualcuno che li fermerà, questi modernisti? Signore, vieni presto in nostro aiuto. Amen

  4. Le profezie e i messaggi ci sono stati dati dal Signore per aiutarci, perché evidentemente sono importanti e non perché noi li trascurassimo. Sono d’accordo che i tempi siano ormai maturi e che dovremmo lasciarci aiutare..

  5. “Ebbene, se i pastori che governano la Chiesa sono preoccuparti di piacere al mondo più che a Nostro Signore, significa che, consapevolmente o no, preferiscono il principe di questo mondo rispetto a Nostro Signore, il demonio rispetto a Cristo.”: ritengo che questa sia la frase più importante dell’intera risposta, come si spiegherebbero altrimenti la voglia sfrenata di concedere di trasgredire i Comandamenti, di far profanare Cristo, le bastonate e le persecuzioni ai veri Cattolici e il trattamento di favore a laicisti, apostati ed eretici, senza alcuno scopo di convertirli?
    Speriamo che tutti questi scandali servano a far unire ed agguerrire sempre di più i tradizionalisti rimasti e che diano a qualche Vescovo e/o Cardinale il coraggio di resistere, soprattutto se al prossimo Sinodo si dovesse aprire all’abominio!

  6. Quelle anime che si riuniscono in quell’incontro di quella diocesi hanno bisogno della VERITA’, ma la parola del Signore (vangelo di Marco e Luca) in quell’incontro non e’ affatto menzionata! Ma allora il compito della Chiesa di oggi qual è? Ma in questo “ospedale da campo”ci si sta preoccupando dell’accoglienza del malato o della sua guarigione?, ci si sta preoccupando di fasciare le ferite o di curarle? La Chiesa del Signore e’ fondata dal Signore e si deve basare sulla sua parola, e’ venuto 2000 anni fa in mezzo a noi, di certo non per raccontarci barzellette!! L’adulterio e’ peccato grave agli occhi di Dio e la Chiesa CON I SUOI PASTORI ha il DOVERE di difendere gli insegnamenti di Gesu senza piegarsi al mondo malato e perverso che ci circonda! io penso che quelle profezie, ma molte altre ce ne sono, sono piu’ che mai attuali specie dopo aver sentito l’ultima sul digiuno prima di fare la comunione!!!

  7. Nella tenebra che ci avvolge, ricordiamoci la parabola delle dieci vergini. Matteo 25,1-13 Cinque sagge e cinque stolte. <>.
    Stiamo pronti, con lampada ed olio, per riconoscere il Signore e seguirlo nel regno di Dio. Quanto agli stolti, ammoniamoli ad essere previdenti, esortiamoli ad essere pronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su