Guareschi: lezione di libertà in tempo di Covid

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

3 commenti su “Guareschi: lezione di libertà in tempo di Covid”

  1. corrado corradi

    Ottimo servizio con degli spunti di riflessione molto belli. Ottimo proporre Guareschi come scrittore e la sua esperienza… un grande scrittore del XX purtroppo negletto dalla cultura dominante che lo aveva definito “uno scrittore mai nato” … prova che la cultura dominante é dettata parola per parola da ipocriti, ignoranti e schiavi.

  2. Carissimi Alessandro e Chiara (e Birra!)
    Davvero grazie di cuore per queste pillole di Bellezza! Io purtroppo, a 64 anni suonati, di Guareschi non ho letto purtroppo nulla, di lui ho solo visto più e più volte i film con Fernandel e Cervi (con grande gioia)!
    È questa l’occasione per chiedere a voi il suggerimento: da dove potrei cominciare, da quale scritto, secondo voi?
    Riguardo, poi, all’argomento specifico di questa puntata, vi dirò che avete espresso benissimo il senso di libertà che origina dalle opere di questo grande scrittore italiano, così come da quelle di Aleksandr Solženicyn, soprattutto di quelle opere scaturite dalla sofferenza di una prigionia. Qualcosa di simile io l’ho percepita nella raccolta delle lettere di Pavel Florenskij ad amici e famigliari dal gulag siberiano. In esse spesso, pur nella penosissima “non-vita” alla quale è costretto, risaltano le descrizioni di “momenti d’oro” nei quali sorprendentemente coglie, nel pur uniforme e triste paesaggio siberiano che lo circonda, delle scene che lo meravigliano e gli danno gioia facendogli amare, al di là di ogni speranza, la vita.
    Di lui una frase: “C’è una musica, un colore, un gusto della vita, che viene prima del pensare e che determina il pensare. Quando in qualcuno nasce la fede in Dio o nel divino, è perché con il cuore percepisce che la sua vita è immersa in qualcosa di più grande di sé”! E se anche questa non è Libertà e Bellezza…!
    Grazie a voi. Aspetto la prossima puntata!
    Laura

  3. Occhio al Grande Fratello (e Grande Sorella, visto che siamo nell’epoca del saluto”care sorelle e fratelli…”), abbandoniamo Whatsapp prima di subito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su