Hai incontrato un positivo al covid? E io ti metto al 41 bis

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Storia vera, in corso di svolgimento. Salta fuori un caso di positività in classe. Per un alunno positivo, parte la giostra per tutti. La trovata del “contatto scolastico”, dovuta al genio scatenato di un paio di governatori, non perdona; nel senso che, a prescindere dalla prossimità e dal tempo di esposizione al soggetto positivo, tutti i compagni di classe devono intraprendere la trafila sanitaria, sotto l’occhio scrutatore degli sceriffi pandemici.

Quindi, sospesa immediatamente la frequenza scolastica, via al primo tampone e, se negativo, si sta, in attesa del secondo, in regime di quarantena sorvegliata. Cosa significa? Significa che uno che sta benissimo – perché nel caso in cui abbia sintomi parte una procedura altra, e più stringente – deve autosegregarsi in casa, anzi, in una stanzetta di casa a distanza di sicurezza dai familiari conviventi, un 41 bis insomma, per un tempo che oscilla tra i sette e i dieci giorni, che diventano quattordici se non si intende fare tamponi.

Si parla sempre e solo di soggetti che si mantengono asintomatici e, se ci si domanda il motivo della diversità dei termini stabiliti per il rientro a scuola, la risposta è sempre la stessa: dipende dallo status vaccinale dello studente. Uno macchiato della colpa di non aver aderito alla campagna di sperimentazione di massa se ne sta a casa tre giorni in più, così, a caso. Potevano essere quattro, potevano essere due, è uscito il tre, l’importante è raggiungere lo scopo di additare i reprobi, tirare e ritirare una netta linea di demarcazione tra loro e i bravi cittadini responsabili, senza perdere nessuna occasione utile, semmai inventarla.

Una volta, cioè l’anno scorso, ci dicevano che la quarantena è una cosa e l’isolamento un’altra e che le due situazioni, in quanto diverse, sono diversamente disciplinate. La quarantena infatti riguardava le persone sane che sono state esposte a un caso positivo – e, anche qui, l’esposizione implicava la presenza di determinate condizioni di tempo e distanza fisica, ora evaporate con la magia del contatto “scolastico” che si è mangiato quello “stretto” – e aveva l’obiettivo di monitorare i sintomi. L’isolamento riguardava le persone affette da Covid e aveva l’obiettivo di separarle da quelle sane durante il periodo di trasmissibilità, al fine di prevenire la diffusione dell’infezione. Così disponeva il cosiddetto ministero della cosiddetta salute, non solo il vocabolario.

Adesso però, che la gente è allenata a obbedire agli ordini più demenziali che si può, anche in assenza del presupposto della paura che in origine ne ha consentito l’introduzione, cioè adesso che si obbedisce e basta, i gerarchi pandemici, notoriamente legibus soluti, possono osare all’infinito, fino a trascurare bellamente oggi le regole che si sono essi stessi posti ieri.

Ed ecco allora che costoro si sentono nel diritto di prescrivere al malcapitato contatto scolastico (che sta benissimo), e alla sua malcapitata famiglia, che «nel periodo di quarantena» deve, in primo luogo, «mantenere lo stato di isolamento». A chi fosse sfuggito il superamento del principio di non contraddizione e quello dell’impenetrabilità dei corpi, ripetiamo il succo della pretesa: uno in quarantena deve stare in isolamento. Anche se, per definizione, sono due cose diverse. Come il contatto scolastico si è mangiato il contatto stretto, così l’isolamento si è inghiottito la quarantena.

A seguire, il despota sanitario declina gentilmente le modalità della quarantena diventata isolamento (e viceversa) ed elenca tutti i doveri del detenuto (sano), quali: «rimanere al proprio domicilio, senza uscire di casa (occhio ai terrazzi: n.d.r.) ed evitando contatti sia con i conviventi che con altre persone; evitare spostamenti all’interno dell’abitazione durante la presenza degli altri conviventi (vietati gli incontri casuali in cucina, nel caso chiamare le forze dell’ordine per immediato arresto in flagranza di uno dei due, si tira a sorte chi: n.d.r.); utilizzare una stanza e un bagno non condivisi con altre persone, con un adeguato ricambio d’aria aprendo le finestre (i bagni non finestrati sono aboliti con circolare: n.d.r.); assicurare di essere raggiungibile telefonicamente per la sorveglianza quotidiana effettuata dall’operatore di sanità pubblica; misurare la temperatura almeno due volte al giorno e qualora si avesse la sensazione di avere la febbre; avvertire immediatamente il proprio medico curante e l’operatore di sanità pubblica in caso di comparsa di sintomi»; eventualità, quest’ultima, che prevede l’osservanza di una serie mirabolante di ulteriori prescrizioni, tra cui «rimanere nella propria stanza con la porta chiusa indossando la mascherina chirurgica fornita», con la precisazione che «se la mascherina si bagna o si sporca di secrezioni, deve essere cambiata immediatamente e dopo l’uso deve essere eliminata e deve essere eseguita l’igiene delle mani».

Ai suddetti precetti segue, ancora, un elenco di istruzioni per la pulizia dei locali, delle superfici, della persona, e per lo smaltimento dei rifiuti con raccolta differenziatissima. In mezzo alle istruzioni sul tipo di disinfettante domestico da usare, sulle temperature di lavaggio in lavatrice, sul trattamento di indumenti e stoviglie del detenuto (che sta benissimo), si possono trovare anche perle sfolgoranti tipo: «dopo l’uso del WC, chiudere sempre la tavoletta prima di azionare lo scarico, per evitare aerosol».

A quanti credano che si voglia fare dell’umorismo, sia chiaro che siamo in possesso delle prove documentali della veridicità di tutto quanto qui virgolettato e descritto, a parte le due o tre note del redattore messe tra parentesi (n.d.r.). E a chi venga da ridere, beh, sappia che non c’è proprio niente da ridere.

Non è finita. Nell’illustrarlo con tanta dovizia di particolari, l’autorità sanitaria tiene a precisare che si tratta di regime di «quarantena con sorveglianza attiva», ovvero di «permanenza domiciliare con isolamento», ai sensi del quale il nominativo, l’indirizzo e il recapito telefonico del detenuto (quello che sta benissimo) vengono inviati anche al Comune e alla Prefettura (per i piantoni all’uscio di casa, le sedicenti autorità si stanno attrezzando: n.d.r.).

Fa piacere notare come la sorveglianza della quarantena (di soggetti sani, con l’unica colpa di essere compagni di classe di un positivo) sia attiva, attivissima, con grande spiegamento di forza pubblica. Invece la farmacovigilanza postvaccinale, accidenti, non riesce proprio ad attivarsi, e resta ostinatamente passiva. I casi della vita.

Ora, si può ben immaginare come, se una simile selezione di precetti finisce nelle mani sbagliate, tipo quelle di un ipocondriaco, o di una persona altrimenti provata dai due anni filati di terrorismo mediatico, possano anche accadere disastri. I disastri che, del resto, i neuropsichiatri del mondo intero non mancano di segnalare con allarmi ripetuti, di cui però le istituzioni, invece che correre ai ripari, godono, godono così tanto da inasprire sempre più le misure di alienazione sociale. In un vortice di demenza e di tracotanza, di sadismo e di voracità, ormai inarrestabile.

E dal manicomio scolastico anche per oggi è tutto.

Ah, un’ultima cosa, a margine: l’alunno positivo della storia vera – quello che ha incolpevolmente messo in moto tutta la giostra, infliggendo il 41 bis a una ventina di coetanei – era, ovviamente, vaccinatissimo. Ma questa è un’altra storia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “Hai incontrato un positivo al covid? E io ti metto al 41 bis”

  1. Un ricordo a tema: “Siamo in guerra, e il nemico non solo occupa quasi tutti i posti di governo del mondo… ma il nemico delle persone libere e sane si trova ovunque, in ogni luogo, perfino sul lavoro, tra i vicini, in famiglia”
    – invito a rileggersi la trama del film di Don Siegel del 1956 “L’invasione degli ultracorpi”, dove ci sono i pochi scampati alla clonazione degli alieni che fuggono terrorizzati, mentre i vicini, familiari, esercenti, tutta la società già clonata li insegue per farli addormentare e far invadere anche loro dagli ultracorpi, che li clonano nel sonno; mutatis mutandis: oggi con le minacce, col lavaggio del cervello dei massmedia bugiardi come Giuda, con la blandizione, vogliono addormentare le nostre coscienze, la nostra intelligenza, il nostro sano discernimento, e invaderci coi loro diabolici, pestilenziali intrugli a scoppio ritardato (ma spesso immediato o quasi).

  2. Dobbiamo ringraziare gli sfoghi isterici di sindaci e governatori sceriffi, in prima linea leghisti e forzitalioti. Nessuno osi parlarmi della necessità di votare “turandosi il naso” per moderati, liberali e esponenti della “società (in)civile”,

  3. Giuseppe Rigon

    Cara Dott. Frezza il mondo è oramai visibilmente diviso in due: da una parte Noi e dall’altra chi s’è fatto annichilire anche gli ultimi neuroni rimasti e… non c’è niente da fare. Nello specifico dopo l’ennesimo tampone negativo a 15 euro in farmacia, esausto dal farmi rimproverare perchè tengo la mascerina abbassata ho questionato sul fatto acclarato che oltre ad essere inutile è pure dannosa e la risposta da parte della farmacista è stata: io soffro di asma e la porto tutto il giorno quindi la peve portare anche lei. Niente, non c’è niente da fare. Aspettiamo che la natura faccia il suo corso e ne ammazzi un pò. La seguo ed ho comperato il suo libro che trovo molto educativo e andrebbe regalato ai genitori di figli in età scolare, cosa che ho consigliato vivamente a chi conosco. Un abbraccio forte, Giuseppe Rigon

  4. Attilia Brusini

    Gentile dottoressa Frezza, seguo e leggo sempre con interesse i Suoi articoli; questo in particolare illustra la totale follia in cui siamo immersi; i tempi sono veramente duri, tuttavia sono un’opportunità per prendere le distanze definitivamente da certe categorie di persone, sono tempi che ci stanno rivelando il vero volto e il vero ruolo dei politicanti tutti, tutti compatti e uniti contro il proprio popolo; tempi in cui stiamo imparando a conoscere questa gente malvagia, nemica della gente pacifica, della gente che vuole vivere libera e serena ( stasera a Trieste i manifestanti sono stati di nuovo attaccati dalle forze dell’ordine!). Ormai con le loro leggi draconiane hanno invaso anche la nostra intimità nelle case, si sono insinuati nelle nostre camere da letto; con i loro intrugli velenosi vogliono i nostri corpi, primo luogo del sacro! Spetta a noi solo il dovere della disobbedienza civile! A oltranza.

  5. FERDINANDO NATALOTTO

    Purtroppo quanto é in corso fa emergere la pigrizia/ignoranza e paura delle persone che non vogliono porsi domande e quindi accettano oltre alla puntura del siero anche il green pass e tutto il corredo vario. Lo vedo nei familiari e negli amici; c’è chi si nasconde dietro la paura della perdita del posto di lavoro cosa comprensibile per chi deve mantenere una famiglia non lo è invece per gli altri che lo accettano supinamente, ma allora mi domando come faranno tutti quelli che sono scesi, scendono e scenderanno in piazza a dimostrare, come riusciranno a resistere? sono tutti incoscienti? chiaramente non sono né stupidi né sprovveduti ed hanno messo in primo piano la dignità loro e dei loro familiari; hanno saputo porsi domande all’inizio su tutto quanto hanno cercato di propinare alle perone/masse con il continuo incessante bombardamento televisivo e cartaceo e quindi si saranno organizzati. Ora parlo da persona di anni anni 74 e quindi anziano e pensionato: lungo il periodo di lavoro dipendente non ho mai accettato le imposizioni e le mistificazioni, cosa che mi ha portato a cambiare più posti di lavoro dipendente fino ad arrivare a svolgere attività in proprio. Non ha alcun dubbio sul non accettare la puntura del siero e le successive manifestazioni dittatoriali, la mia vita e le mie idee nessuno me le può ne potrà farmele cambiare. Se ci i costringeranno all’isolamento cosa che potrà accadere se tutto il popolo non si sveglia, ma in questi giorni vedo barlumi di luce, non avrò paura della solitudine sarà la storia se storia potrà essere tramandata e non secretata in base alle convenienze di chi sta manovrando tutta questa guerra invisibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su