I FRUTTI AVVELENATI DI UNA SOCIETA’ ALLO SBANDO. UNA RAGAZZA SCRIVE AI CARABINIERI: VENDE MORTE A MIO FRATELLO, ARRESTATELO! – cronaca dal Mattino di Napoli

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

cronaca dal “Mattino” di Napoli

 

Una notizia breve e agghiacciante: a Napoli una ragazza di 17 anni scrive ai Carabinieri. Non accetta di veder morire il fratello sedicenne, che si è avviato sulla strada infernale della droga. È una ragazza di coraggio, fa nome e cognome dello spacciatore. Potete leggere la lettera, riportata anche sull’edizione on line del quotidiano di Napoli del 9 gennaio, cliccando sull’immagine.

Auguriamoci che il gesto di coraggio e dignità di questa ragazza consenta al fratello di rimettersi sulla buona strada, e per questo preghiamo.

Ma non possiamo, di fronte a questo episodio commovente, non riflettere sul fatto che questa è una tragedia venuta alla luce, per mille altre simili che si consumano nel silenzio di famiglie sofferenti, di genitori angosciati, di giovani vite distrutte. Riflettiamo sulla logica infernale di chi predica la “droga libera”, di chi fingendosi paladino dei “diritti” porta solo degrado e morte.

Questi sono i frutti avvelenati del “sessantotto”, del relativismo, della follia del “vietato vietare”, sbandierato dai giovani annoiati degli “anni formidabili”. Dopo aver giocato alla rivoluzione, molti di loro hanno fatto ottime carriere politiche e oggi pontificano su libertà, diritti, fanno scioperi (fasulli) della fame, vivono sotto i riflettori e con ottimi stipendi e/o pensioni. Intanto i loro sprovveduti seguaci muoiono.

PD

 

questa è la lettera della ragazza di Napoli:

 

ln

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su