I TACIUTI/VIETATI DUBBI SULLA PERFETTA E ADORABILE COSTITUZIONE ITALIANA – di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

E-mailStampaPDF

di Piero Vassallo

 

 

Perché un numero in continua crescita di italiani si astiene dal voto? Perché l’uomo della strada manifesta sfiducia, disprezzo e persino odio nei confronti dei politicanti? Perché il discorso dei membri del parlamento è sempre più intonato alpolitichese e sempre più lontano dai reali, urgenti problemi dell’uomo della strada? Perché i governanti obbediscono servilmente alle continue intimazioni dei banchieri apolidi e dei fantocci insediati a Bruxelles, piuttosto che soddisfare le legittime esigenze del popolo italiano? Donde la sicumera, la tracotanza e la spocchia di una categoria di potenti, ricchi di chiacchiera ma poveri di idee, ruggenti ma di eloquio sgangherato e irritante, superbi ma di aspetto meschino e antipatico?

In altre parole, come è possibile che gli eredi di Antonio Gramsci e di De Gasperi si riconoscano nel muggito collerico di una Rosy Bindi, nelle zingarate abbaianti del sindaco di Firenze Matteo Renzi o nei serpentini sospiri di Enrico Letta? E perché, nella gora destra, gli eredi dei boccacceschi Guido e Buffalmacco e i nipoti di personalità capaci di ironia e di dileggio, quali D’Annunzio, Pirandello, Marinetti, Pitigrilli e Petrolini, prestano ascolto, senza ridere a crepapelle e senza dar segno d’imbarazzo, alla gracidante Giorgia Meloni e/o al ringhiante  Ignazio La Russa?

Quale disgraziato meccanismo ha prodotto due classi di litiganti, che riproducono le figure di un umiliante e risibile bestiario?

Scartata l’ipotesi che nel parlamento siano rappresentati il passato e il presente della nazione italiana, si pone una domanda: è possibile che il bestiario sia generato da uno strutturale difetto della macchina che produce la classe politica?

I politicanti, imperterriti, infatti, lanciano reciproci anatemi e producono autistici sussurri davanti a un pubblico sempre più irritato, ma non sanno giustificare razionalmente la legittimità del loro potere.

L’avversione popolare ai protagonisti della farsa politica è segnale inconfondibile di un malessere che ha sede nella radice assolutista della democrazia italiana. E’ chiara indicazione della causa profonda della disfunzione strutturale del malnatosistema.  Se il popolo è sovrano anche gli eletti sono autorizzati a credersi sovrani, e in ultima analisi a elevarsi alla dignità di sovrani del sovrano.

cgIn altre parole: è finalmente lecito ritenere che la costituzione della repubblica, girotondo di errori ed equivoci intorno alle vere origini della giustizia, non discende da quella perfetta, limpida, fonte della civile felicità, che è lodata e adorata continuamente dalla classe politica e dai reggi coda festanti nelle sedi dei giornali allineati e nelle adoranti reti televisive.

Chi rammenta la storia della nascente repubblica sa che una costituzione conforme ai princìpi viventi nella coscienza e nella storia del popolo italiano fu scritta nel 1945 da un illustre filosofo giusnaturalista, Guido Gonella, e bocciata da Alcide De Gasperi perché giudicata non accettabile dagli alleati laici/atei della Dc.

Implacabile critico della politologia hegeliana, Guido Gonella si era laureato in filosofia nel 1928, discutendo una tesi sul pensiero di Charles Maurras e sulla critica dell’individualismo. In seguito Gonella si laureò in giurisprudenza e fu collaboratore di un insigne maestro di filosofia del diritto quale Giorgio Del Vecchio.

Gli italiani non rassegnati alla sistematica censura e falsificazione della memoria storica sanno che la costituzione è stata concepita come alternativa al progetto di Gonella, nel quale era contemplata la fedeltà ai principi del diritto naturale.

La vigente costituzione è il risultato di un compromesso sottoscritto, contro l’opinione di Gonella, nel nome della laicità arrembante e della timidezza democristiana.

Un patto infelice, che introduceva nella costituzione il madornale errore generato dall’illuminismo, la sovranità popolare.

Ora il concetto di sovranità popolare, in quanto attribuisce alla massa anonima il potere assoluto di decidere sulle leggi e sulle finalità dello stato, è irriducibile alla dottrina politica della Chiesa cattolica e della bimillenaria tradizione italiana.

Scritta nel cuore di ogni uomo, l’esigenza di fondare un ordine civile, infatti, “non può avere altra origine che da un Dio personale, nostro Creatore” (Pio XII, Radiomessaggio nel Natale del 1944).

Secondo l’insegnamento di Pio XII “lo Stato non contiene in sé e non aduna meccanicamente in un dato territorio un’agglomerazione amorfa di individui. Esso è, e deve essere in realtà, l’unità organica e organizzatrice di un vero popolo”.

Pio XII rammenta che, prima della politica esistono le società, naturali, la famiglia, le tribù i villaggi. Giorgio Del Vecchio ha dimostrato che lo stato è un potere inteso al coordinamento di società pre-esistenti, il custode e non il creatore della vita sociale.

Pio XII, in sintonia con la dottrina del giusnaturalista Del Vecchio (che dopo la II Guerra mondiale, sarà autorevole collaboratore dell’Enciclopedia Cattolica) escluse tassativamente “la legittimità di uno stato democratico lasciato all’arbitrio della massa“.

L’auspicato movimento dei veri moderati non può avere altro inizio che la seria ricerca di una percorribile via d’uscita dal vicolo cieco nel quale si agita la politica conforme al mito della sovranità popolare. Mito che è in potenza capace di giustificare e promuovere le perversioni e i delitti che hanno tormentato e insanguinato i popoli soggetti all’assolutismo realizzato da Robespierre, da Stalin, da Hitler, da Mao, dai bombardieri di Hiroshima e Nagasaki, da Pol-Pot e da Bokassa.

La difficoltà di un tale impegno critico non autorizza l’allineamento con il partito della resa democristiana al mondo moderno. Obbliga tuttavia a respingere le facili occasioni della protesta non sostenuta dalla critica filosofica e teologica e non indirizzata a un serio progetto alternativo.

Il passaggio dalla protesta alla proposta non è un abusato e fatuo gioco di parole ma un obbligo incombente sui cattolici che resistono alla potente tirannia dell’assurdo ideologico e del malcostume illuminato.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su