I tedeschi possono davvero giudicare i greci? – di Marcello Foa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Marcello Foa

.

I tedeschi hanno davvero diritto di giudicare i greci? Guardate questo video di appena 9 minuti della tv tedesca zdf che compie un gesto di straordinaria onestà intellettuale. Parla di debiti, di rispetto dei patti, di trucchi e di valutazioni morali. Dei greci e dei tedeschi. E ribalta molte visioni convenzionali. Ritagliatevi questi 9 minuti, ne vale davvero la pena.

.

zzzzvdfa

.

fonte: Il Giornale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su “I tedeschi possono davvero giudicare i greci? – di Marcello Foa”

  1. La storia “magistrae vitae” e si ripete sempre, dopo 70 anni le stesse violenze al popolo greco …. .. cambiano gli attori, le scenografie, ma la sostanza degli animi rimane.
    I media attuali sono tutti pilotati dal grande capitalismo tedesco che sta travolgendo anche i pochi principi etici e cristiani rimasti nel nostro paese.
    Grazie del video e buon lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su