Il 22 luglio 1968 moriva Giovannino Guareschi. Quello sguardo che riscalda ancora i nostri cuori

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Il 22 luglio del 1968 a Cervia morì uno dei più grandi scrittori italiani. Gli occhi del bambino di Fontanelle avevano finito di disegnare il loro mondo e si erano chiusi sereni, come quelli fermati più di vent’anni prima da un fotografo di Parma. Occhi scampati dal lager e decisi, comunque, a dar credito al prossimo. Guareschi tornava alla terra e continuava a parlare della vita, grazie all’eredità che con cura aveva lasciato al suo postero, composta di racconti, tanto inventati da poter essere addirittura reali, di tante battaglie solitarie contro la cattiva politica, ma di altrettante battaglie vinte con se stesso per resistere a un mondo che va al contrario. Di così tanto amore da poter uscire da un campo di concentramento senza aver odiato nessuno e così tanto coraggio da scegliere la prigione per poter rimanere un uomo libero.

Un’eredità nascosta quella del nostro Giovannino. Quel 22 luglio del 1968 nessuno si prese la briga di dire che Guareschi era morto, l’italiano medio non ne ebbe le vacanze turbate e l’intellettuale medio non si preoccupò di dover stendere due parole di ricordo per lo scrittore italiano più famoso al mondo. Del resto non piaceva a nessuno, perché così onesto da non venire mai a patti e così fastidiosamente coerente da preferire la verità e la solitudine alla carriera e alle onorificenze. Da morto gli fu riservato il trattamento che ricevette per tutta la vita, il silenzio, e non c’è agonia più tremenda per uno scrittore, di comunicare qualcosa senza sapere se arriverà mai al destinatario.

Eppure Guareschi ha salvato tante persone, non ci stancheremo mai di ripeterlo, e salva noi ogni volta che chiudiamo un suo libro e ci sentiamo rincuorati, ogni volta che sentiamo parlare il Crocifisso e vogliamo un po’ più bene al Padreterno, ogni volta che rileggiamo il “Candido” e prendiamo coraggio: se ha combattuto Guareschi, possiamo farlo anche noi, se non si è dato per vinto lui, non lo dovremmo fare nemmeno noi.

Ci ha insegnato che c’è qualcosa di buono in questo mondo che vale la pena salvare. Che l’amore per la propria terra è sacrosanto e alla base dell’amore per gli altri. Che ogni uomo può essere migliore di quel che crede e che il dolore purifica, se non si impara ad abbracciarlo allora la vita sarà grama e schiava della paura di soffrire.

Ci ha insegnato che la propria sponda del fiume non è poi così male e che il Po è tanto grande perché lui è riuscito a farsi così piccolo da allargare i confini del proprio mondo, perché la vera avventura è farsi minuscoli per rendere lode a Dio. Ci ha insegnato che l’uomo, se perde la fede, perde anche il buonsenso e che la normalità è la più alta delle virtù ormai dimenticate.

Giovannino Guareschi ha gettato nella terra un seme che mai avrebbe immaginato. E noi siamo qui a custodirlo, per salvarlo dal fiume che ha rotto gli argini.

E proprio per questo, al nostro scrittore ormai vecchio, quando diceva di sentirsi come un merlo che canta dall’albero più alto, senza sapere se qualcuno lo ascolterà, avremmo voluto potergli dire che non è solo, che anche noi tentiamo di arrampicarci dove lui è arrivato e che sebbene da qui non riusciamo sempre a vedere con la sua stessa chiarezza tutto ciò che è stato e che sarà, vorremmo poterlo ringraziare della mano che ancora oggi tende a noi, suoi posteri diletti, per salire un po’ più in alto e poter respirare finalmente su quel ramo insieme a lui, da uomini liberi, mentre ascoltiamo beati la dolce melodia della Verità.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “Il 22 luglio 1968 moriva Giovannino Guareschi. Quello sguardo che riscalda ancora i nostri cuori”

  1. Donato Casati

    E’ vero, il nostro Guareschi ci ha lasciato in eredità tante cose belle, buone e vere. Non dobbiamo perderle. Grazie a tutti coloro che si danno da fare per salvare il seme.

    1. Leggo Guareschi ogni estate e mi arricchisce sempre. Grazie Chiara per questo dolce e profondo ricordo del più grande scrittore del ‘900.

  2. Elena De Palma

    Io faccio leggere sempre Guareschi ai giovani che conosco perché è una grande scuola di Verità e di Libertà. Sono felice che Ricognizioni si occupi di questo grande scrittore e grande italiano, anche perché lo fa sempre in una prospettiva intelligente e originale.

  3. Tiziano Raggi

    Se penso ai vili che non vollero neanche salutare da lontano Guareschi quando morì mi si rivolta lo stomaco. Ma poi penso che di Giovannino sentiamo ancorea il bisogno oggi mentre di loro non si ricorda più nessuno, mi convinco che non tutto è perduto. Grazie a coloro che tengono viva la memoria di questo grande amico.

  4. Ho sempre ritenuto una perdita di tempo rileggere libri già letti,mi è successo solo da bambino/ragazzo con A. Dumas e da adulto con Guareschi.
    Anche i film rivedo sempre volentieri ed è semplicemente incredibile se solo non fossimo in questo sciagurato Paese,come nelle scuole non se ne parli e non si divulghi uno scrittore di questo calibro,capace di emozionare e far venire a galla i migliori sentimenti umani.
    Personalmente ho incontrato Giovannino nella libreria di casa paterna e dei nonni,ma a scuola
    nessuno ne ha mai accennato,tranne una volta dietro mio imput,tra l’altro non accolto benissimo.
    Detto che la morte è sempre una tragedia,forse però è stato provvidenziale che sia arrivata nel 68,ha impedito ad un animo nobile di assistere allo scempio di quell’epoca,fatta passare per formidabile,mentre di formidabile aveva solo il vuoto pneumatico.
    Domande delle cento pistole: “in quale altro Paese il 68 è durato 30 anni?”

Rispondi a Donato Casati Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su