Il bamboccione antifascista – di Giampaolo Rossi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Giampaolo Rossi

.

PIEZZ’ ‘E CORE
Mamma, io esco a fare la rivoluzione!!”
Va bene, ma hai messo la maglia di lana?”

Pensate sia un dialogo surreale? Non lo è.
Nei giorni in cui in Italia scoppia la polemica per la figlia del ministro Padoan a capo dei cortei di clandestini e in America i nipotini di Soros mettono a ferro e fuoco Università e quartieri, picchiando, distruggendo e impedendo ai “fascisti trumpisti” di parlare “per difendere la democrazia” da un Presidente eletto democraticamente, in Germania il settimanale Bild pubblica i dati di una ricerca realizzata dal BfV (l’Ufficio Federale per la Protezione della Costituzione) uno degli organi dell’intelligence tedesca.
La ricerca riguarda i reati a sfondo politico commessi a Berlino nel periodo 2009-2013, città dove la violenza politica negli ultimi anni è salita vertiginosamente; in tutto 1523 reati, la maggior parte dei quali compiuti dall’estrema sinistra.

IDENTIKIT DEL BAMBOCCIONE ANTIFASCISTA
Papà scusa, mi dai la paghetta che devo comprarmi una molotov?”
Tieni ma non spenderti tutto come tuo solito!”.

La ricerca del BfV traccia un identikit socio-antropologico dell’estremista di sinistra colpevole di reati politici; e il dato più eclatante (e più divertente) è che il 92%  di loro vive ancora con mamma e papà.
Si, avete capito bene: i campioni della rivoluzione, gli eroici antifascisti, i nuovi partigiani rimangono inguaribili mammoni.
Sembrano cattivi, spietati, ideologicamente motivati, ma sotto le loro tute nere, i cappucci e la kefiah, batte “nu piezz’ ‘e core”; perché loro, tra un sampietrino e una spranga, uno slogan e una bandiera rossa, non schiodano dall’uscio domestico e si divertono a fare la rivoluzione con i soldi di papà.
Predicano di abbattere le frontiere delle nazioni (retaggi borghesi e imperialisti) per accogliere immigrati e clandestini ma si tengono bene alzate quelle di casa propria.

Secondo la ricerca, l’identikit del bamboccione antifascista germanico colpevole di reati politici è questo: maschio (84%), di età compresa tra i 18 e 29 anni (72%), studente o disoccupato (uno su tre), con istruzione bassa (34% scuola media, 29% diploma).
I reati commessi dal bamboccione antifascista sono violenza, aggressione, incendio doloso, resistenza a Pubblico ufficiale; più raro il tentato omicidio.
Il suo obiettivo sono per lo più persone fisiche (60%), prevalentemente poliziotti ma anche un 15% di avversari di destra.

FIGHETTI O BAMBOCCIONI
“Mamma esco, vado a spaccare la testa ad un nemico del proletariato”
“Va bene, ma ricordati di prendere il latte quando rientri, sennò domani niente colazione!”

Il bamboccione antifascista è una figura ancora più ridicola del radical-chic; è la sua involuzione antropologica. È il prodotto narrativo di una società che trasferisce la noia nella politica.
Il bamboccione è carico di odio per il mondo perché incolpa il mondo del proprio fallimento; è un walking dead che si muove in gruppo perché da solo non ha alcuna consapevolezza di sé: in pratica è solo un nickname.
Se il fighetto radical chic è un dandy ideologico, ricco e ipocrita e cattivo che copre con l’odio ideologico il senso di colpa per il suo benessere (di cui spesso non ha alcun merito), il bamboccione antifascista è il sottoprodotto di una modernità neanche liquida ma liquefatta. Mamma e papà non rappresentano il valore della famiglia, il legame fondante di un ordine naturale, ma solo l’area di parcheggio tra la Play Station e la rivoluzione.

Tra il bamboccione di Berlino, lo studentello intollerante dell’Università liberal americana, il “rivoluzionario al cachemire” del Mamiani e la figlia di un ministro che guida i cortei di clandestini, si trova le stesse ridicola contraddizione: “Ci chiamano banditi, ci chiamano teppisti, ieri partigiani, oggi antifascisti”. E figli di papà…

Su Twitter: @GiampaoloRossi

.

Articoli correlati:
Sergio Ramelli: odio e spranghe della borghesia radical-chic
Paranoie sinistre degli anti-Trump
Una poesia per i pataccari di sinistra

.

fonte: Il Giornale 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

5 commenti su “Il bamboccione antifascista – di Giampaolo Rossi”

  1. C’era in uno dei meravigliosi film di Bud Spencer e Terence Hill di quarant’anni fa: “Come ti chiami, Geronimo?” (il capo degli “Indiani Metropolitani”, con le piume e i colori di guerra, impegnato con la sua banda nella lotta alla Polizia… ormai sconfitto sul campo) – “John Philip Forsythe, signore”. Chiedo scusa se il nome che ricordo non è esattamente quello del film.
    Due note:
    1- andiamo avanti così da 250 anni. Chi cercò di annientare la Francia come Nazione (Fille Ainée de l’Eglise: Figlia Primogenita della Chiesa), massacrando Suore, Frati, Re, Regina e l’intera Vandea, fu la piccola nobiltà sfaccendata e satanizzata
    2- il bamboccione odierno antifascista NON È PER NULLA UN FALLITO: è perfettamente in carriera. Oggi è al primo gradino. Seguiranno gli altri: Magistrato, giornalista, maitre-à-penser, ricercatore di “un Dio Sostenibile”….
    Sempre, per i decenni a venire, Intellettuale, in cattedra sopra un volgo di decerebrati. Cioè sempre anticristico, al di sopra di un Gregge che comunque “odora di Cristo” (con disappunto del Pastore)

    1. 1. La citazione e’ esatta. 2. Il film era “Due superpiedi quasi piatti”. 3. Sulla loro (possibile) carriera, ho dei dubbi; con titoli di studio così, e’ difficile che occupino qualche ruolo di rilievo. Finiranno in qualche fabbrichetta a sfruttare i lavoratori (da buoni figli di papà: vedere Pasolini “Vi odio, figli di papà”).

  2. La figlia di Padoan: imbarazzante. Non ho mai sopportato i “figli di papy” che per vincete la noia giocano a fare gli anitifa’ rivoluzionari, i black-bloc, le avanguardie del proletariato. Sono come i piranha, ma separati dal mucchio si dimostrano per quello che sono, o meglio: per quello che non sono e che non sanno. Da rimandare a cada a calci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su