IL BEATO GIOVANNI PAOLO II E L’OMOSESSUALITA’ COME DISORDINE MORALE – di don Marcello Stanzione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Premessa

Il martellamento mediatico (condotto con le tecniche già ben collaudate dai grandi totalitarismi dello scorso secolo, allo scopo di confondere il male con il bene), sta annebbiando milioni di cervelli, ai quali è stato imposto di accettare come assolutamente normale il ripugnante vizio dell’omosessualità. Non solo: si è avviata a livello planetario un’opera diabolica di corruzione della gioventù, insegnando nelle scuole la “naturalezza” di quanto per definizione è contronatura. La retta ragione ha sempre respinto l’omosessualità, per la quale qualsiasi individuo sano prova repulsione. E’ però preciso dovere dei cattolici ricordare anche l’immutata Dottrina della Chiesa in materia, perchè un buonismo cretino rischia di portare solo confusione, inducendo anche taluni sprovveduti a compromessi con i sostenitori delle perverse idee omosessualiste. Ci sembra perciò di grande utilità riproporre ai nostri lettori alcuni articoli in materia di omosessualità, già pubblicati su Riscossa Cristiana. Oggi rileggiamo un articolo di Don Marcello Stanzione sul giudizio del Beato Giovanni Paolo II.

5 settembre 2013.  

PD

 

 

ADERIAMO ALL’APPELLO PER FERMARE LA PROPOSTA DI LEGGE CONTRO L’OMOFOBIA

 

 

IL BEATO GIOVANNI  PAOLO II E L’OMOSESSUALITA’ COME DISORDINE MORALE

di don Marcello Stanzione

sul vizio dell’omosessualità, don Marcello Stanzione ci ha spiegato anche il giudizio di altri grandi Santi:

san Tommaso d’Aquino

san Giovanni Crisostomo

san Pio V

san Pier Damiani

(clicca sui nomi per leggere gli articoli)

I cardinali, riuniti in Conclave,  elessero papa il cardinale di Cracovia mons. Karol Wojtila  il 16 ottobre 1978. Prese il nome di Giovanni Paolo II e il 22 ottobre iniziò solennemente il ministero petrino, quale 263° successore dell’Apostolo. Il suo pontificato è stato uno dei più lunghi della storia della Chiesa: è durato 26 anni, 5 mesi e 17 giorni. Giovanni Paolo II ha esercitato il suo ministero con instancabile spirito missionario, dedicando tutte le sue energie, sospinto dalla sollecitudine pastorale per tutte le Chiese e dalla carità aperta all’umanità intera. I suoi viaggi apostolici nel mondo sono stati 104.giovanni paolo II

In Italia ha compiuto 146 visite pastorali. Come vescovo di Roma, ha visitato 301 parrocchie (su un totale di 333). Più di ogni Papa precedente ha incontrato il popolo di Dio e i responsabili delle nazioni: alle udienze generali del mercoledì (1166 nel corso del pontificato) hanno partecipato più di 17 milioni e 600 mila pellegrini, senza contare tutte le altre udienze speciali e le cerimonie religiose (più di 8 milioni di pellegrini solo nel corso del Grande Giubileo dell’anno 2000), nonché i milioni di fedeli incontrati nel corso delle visite pastorali in Italia e nel mondo. Numerose anche le personalità governative ricevute in udienza: basti ricordare le 38 visite ufficiali e le altre 738 udienze o incontri con capi di Stato, come le 246 udienze e incontri con i primi ministri. Il suo amore per i giovani lo ha spinto a iniziare, nel 1985, le Giornate mondiali della gioventù. Le 19 edizioni della Gmg che si sono tenute nel corso del Suo pontificato hanno visto riuniti milioni di giovani di varie parti del mondo.

Allo stesso modo la sua attenzione per la famiglia si è espressa con gli Incontri mondiali delle famiglie, da lui iniziati a partire dal 1994. Giovanni Paolo II è sempre stato un fiero avversario della legalizzazione sociale del turpe vizio e della malattia dell’omosessualità Nel suo discorso del 20 gennaio 1994, pronunciato pochi giorni dopo la risoluzione pro – omosessualità del parlamento Europeo, S. S. Giovanni Paolo II ha ribadito che è illecito voler legalizzare l’unione omosessuale.Il pensiero va qui alla recente e ben nota risoluzione approvata dal parlamento europeo. (…) Ciò che non è moralmente ammissibile è l’approvazione giuridica della pratica omosessuale. Essere comprensivi verso chi pecca, verso chi non è in grado di liberarsi da questa tendenza, non equivale infatti a sminuire le esigenze della norma morale (…) Con la risoluzione del parlamento Europeo, si è chiesto di legittimare un disordine morale. Il parlamento ha conferito indebitamente un valore istituzionale a comportamenti devianti, non conformi al piano di Dio (…). Dimenticando la parola di Cristo – “la Verità vi farà liberi” (Gv. 8,32) – si è cercato di indicare agli abitanti del nostro continente il male morale, la deviazione, una certa schiavitù, come via di liberazione, falsificando l’essenza stessa della famiglia”. (S. S. Giovanni Paolo II, Angelus del 20 febbraio 1994, in l’Osservatore Romano del 22 febbraio 1994).

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su