Il Beato Rolando Rivi – di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

“Rolando Rivi è una delle tante stelle luminose del firmamento affollato dei martiri, specie del xx secolo, che hanno testimoniato con il loro sangue la fede in Cristo seguendolo lungo il calvario”  (Antonio Borrelli)                                                  

di Piero Vassallo

.

zzzzRolandoRivi edmarLa casa editrice Mariana, attiva in Frigento (Avellino), propone una pregevole e commovente biografia del beato Rolando Rivi (1931-1945), il seminarista di Castellarano (Reggio Emilia) che fu bestialmente torturato e assassinato in odio alla fede, (al pari di ottanta sacerdoti massacrati  nel triangolo della morte) da criminali sanguinari, cani sciolti trionfanti nella radiosa (Palmiro Togliatti dixit) primavera del 1945.

Paolo Risso, l’autore della avvincente biografia del Beato Rolando, scrive della infanzia del Beato: “ha un cuore grande e buono: non sopporta ingiustizie e protesta ad alta voce quando ne vede attorno a sé. E’ di una tenerezza incantevole con i suoi cari e assai generoso con i compagni di gioco”.

La scuola che Rolando frequentò con profitto non era intossicata dal laicismo. La religione non era censurata e messa al margine dal potere esercitato oggi dai miscredenti e dai cialtroni travestiti da pedagoghi.

L’infezione laicista/ateista non aveva ancora infettato e alterato la pedagogia: “A scuola, Rolando sente che la maestra parla spesso di Gesù, come dell’unico della sua vita. Tutti i giorni, prima della scuola, la vede uscire dalla chiesa, dove ha partecipato alla Messa e ha ricevuto Gesù nella Comunione. … La maestra Clotilde lo aiuta a crescere con una vera mentalità di fede, presentando Gesù come Maestro e Salvatore”.

Benché tormentata dalla guerra la società italiana era rimasta fedele alla tradizione millenaria. L’eresia modernista era stata debellata. Il cancro relativista era stato allontanato dal cuore della dottrina cristiana. La metamorfosi laica, confusionaria e conformista dell’ecumenismo non era all’orizzonte.

Un sacerdote esemplare, don Olindo Marzocchini, parroco di Castellarano, insegnò al giovane Rolando che il cristiano deve essere fiero di appartenere al Divino Maestro e che “deve essere disposto a soffrire  per Gesù ogni affronto e ogni pena”.

La sapienza preconciliare suggeriva al buon prete di sostenere che l’esempio da imitare era quello dei cristiani martirizzati dal fanatismo imperversante nella Roma pagana, nel regno di Enrico VIII, nella Francia giacobina, nella Russia comunista, nel Messico massonico, nella Spagna anarchica, nella Germania neopagana.

Due fratelli del padre di Rolando, intanto, chiamati alle armi, muoiono combattendo nei fronti della tragedia italiana, che si consuma in Africa Settentrionale e in Russia.

Rolando consola la anziana madre dei caduti ricordandole che le porte del cielo sono aperte agli eroi: la vita sacrificata per amor di Patria (secondo l’indeclinabile dottrina cattolica) è implicitamente offerta al Signore.

Ai poveri che bussano alla porta di casa, Rolando riserva una speciale cura.  “Riserva a sé questo servizio come un onore. … Qualcuno gli fa notare che è troppo generoso, Risponde che la carità non impoverisce nessuno!”.

Nella fede e nella misericordia matura la decisione di Rolando di farsi prete: “ne parla con papà e mamma, i quali gli rispondono che sono contenti della sua scelta”.

Il 26 ottobre del 1942 entra nel seminario minore di Marola (Reggio Emilia): “quello stesso giorno veste con grande gioia l’abito talare”.

In seminario Rolando si distingue per la rara capacità di vivere in felice equilibrio tra la letizia nello svago onesto e il profondo raccoglimento nella preghiera. Un suo compagno di studi dirà di lui: “Era l’immagine perfetta del ragazzo santo, ricco di ogni virtù, portata nella vita quotidiana all’eroismo”.

Nel giugno del 1944 i soldati tedeschi occuparono il seminario di Marola, costringendo gli studenti a far ritorno alle loro famiglie. Congedandoli il rettore del seminario li esortò a condurre una vita virtuosa e a vestire la talare per rendere manifesta la loro appartenenza a Gesù.

Il forzato ritorno alla casa paterna non alterò la vita del giovane seminarista. Rolando infatti portò con sé i libri per continuare lo studio della sacra dottrina e frequentò assiduamente la parrocchia: “La casa parrocchiale era il suo luogo prediletto. Si estasia a suonare l’armonium. Soffre ma si dimostra sereno e allegro. Non abbandona mai un istante la sua veste da prete”. 

Nella primavera del 1945 la guerra civile stava premiando i partigiani comunisti. A Rolando i genitori e gli amici consigliavano di non mostrarsi con  le vesta da seminarista, invisa ai vincitori. Ai prudenti consiglieri Rolando rispondeva obiettando che la sua veste non era indossata per portare offesa. La pensavano diversamente i partigiani che lo sequestrarono e, dopo averlo sottoposto a torture per la durata di tre giorni, lo uccisero con un “classico” colpo alla nuca. Accecati dall’odio, pensavano che il risultato della morte di Rolando fosse “un prete di meno. Non compresero che il loro folle gesto generava un santo, un testimone della verità splendente nel sangue del giovane martire.

L’arcivescovo di Modena Benito Cocchi a commento della biografia di Rolando ha citato un testo del profeta Isaia: “Maltrattato, si lasciò umiliare e non aprì’ la sua bocca, era come un agnello condotto al macello, come pecora muta di fronte ai suoi tosatori, e non aprì la sua bocca”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

9 commenti su “Il Beato Rolando Rivi – di Piero Vassallo”

  1. Ho letto questa biografia della Casa Editrice Mariana. E’ davvero un bel libro che parla di questo eroico seminarista ucciso brutalmente per difendere la sua appartenenza a Cristo. Consiglio vivamente di leggerlo, soprattutto i giovani che oggi sono irrimediabilmente attratti soltanto dagli smarthfone.

  2. “…Non compresero che il loro folle gesto generava un santo, un testimone della verità splendente nel sangue del giovane martire.” Così accade ai persecutori, pensano di aver vinto, invece si trovano all’attivo solo un cadavere in più, la Chiesa militante invece si trova un Santo!
    Se restiamo saldi nella Fede, la “partita” non ha storia, se invece la mettiamo sui bilanci umani, sulla paura, perdiamo in partenza!
    Agli Apostoli, che per 11/12 avrebbero fatto la fine di Rolando (e Giovanni sopportò tutto più a lungo di loro), Gesù promise che neanche un capello del loro capo sarebbe stato toccato: una presa in giro? Evidentemente no, è che dobbiamo far nostro il Suo sguardo! La Vita Eterna, la Chiesa trionfante, valgono infinitamente di più.

  3. Al mio caro Rolandino Rivi devo una grazia che me lo ha fatto amare teneramente ancora di più. La sua terribile morte innocente grida vendetta davanti a Dio, ma la sua gloria risplende fulgida in Cielo.

  4. Rolando Rivi: vittima innocente degli “eroici” partigiani comunisti; tanto “eroici” da ammazzare un ragazzino inerme!

    1. E chissà poi quanti di loro sarebbero diventati, nell’Emilia rossa, importanti uomini politici o affaristi con le porte sempre aperte. Di quel ragazzino, solo la memoria di pochi: ma dove finirono le anime di quelli, e dov’è invece quella del beato Rivi? Questo dobbiamo chiederci, in una prospettiva oltre quella mondana.
      Grazie a Piero Vassallo per questo intervento.

  5. Storia straordinariamente commovente!
    Conoscevo il nome di questo Martire, ma non ne conoscevo la storia!
    Grazie,grazie gentile Piero Vassallo!

  6. Sì, la Chiesa, Una, Santa , Cattolica ed Apostolica, ha in Rolando un fulgido esempio in più da proporre ai giovani che entrano seminario, ma anche a quelli che non entrano, ma che il Signore, vuole testimoni schietti e gioiosi in questo mondo pervertito e pervertitore. Guardando lui, al suo esempio, non recederanno, ma saranno i ricostruttori di quella società nuova e cristiana di cui abbiamo tanto bisogno, in questo tempo dominato dal nemico di N.S.G.C. e della nostra eterna salute.

  7. Christian Nomenomen

    La Santa Chiesa è viva per amore di Cristo e il sacrificio dei Santi. Senza questi “ingredienti” cosa sarebbe rimasto? Ora che è evidente l’abominio in luogo santo, non ci resta che pregare che i pochi Santi rimasti nella Chiesa ci aiutino a rimanere strettamente ed intimamente uniti a Gesù. Sia lodato Gesù Cristo…

  8. Marina Alberghini

    Grazie, carissimo, di questa testimonianza. Non ne sapevo nulla ma ciò non mi meraviglia: i comunisti riescono ad oscurare i loro crimini.Quando è morto Ingrao nessuno ricordò che inneggiava ai delitti spagnoli, dove in macelleria era scritto: Qui si vende carne di prete! Crimini fatti da un comunista assai noto,Luigi Longo, e che divenne deputato e segretario del PCI con medaglia all’Ordine di Lenin!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su