Il Cardinale cacciatore di uomini – di Redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Faceva degli  uomini che volevano essere sacerdoti le sue prede. Poi è diventato un cardinale. È lungo e intenso lo scoop del New York Times sul Cardinale McCarrick, il prelato più alto in gerarchia incappato in uno scandalo sessuale che lo vede protagonista in prima persona.

Il quotidiano nuovayorchese racconta la storia del cardinale molestatore – storia che riguarda miriadi di persone – a partire dalla testimonianza di un giovane ex-sacerdote, Robert Ciolek

«Come giovane che studiava per diventare sacerdote negli anni ’80, Robert Ciolek fu lusingato quando il suo brillante e carismatico vescovo di Metuchen, NJ, Theodore E. McCarrick, gli disse che era una stella splendente, fatto per studiare a Roma e salire alto nella chiesa».

Il vescovo McCarrick iniziò ad invitarlo a fare viaggi notturni, a volte da solo e a volte con altri giovani che venivano formati per diventare preti.

«Lì, il vescovo avrebbe spesso assegnato al signor Ciolek la sua stanza in condivisione, che aveva solo un letto. I due uomini a volte dicevano insieme preghiere notturne, prima che il vescovo McCarrick facesse una richiesta – “vieni qui e stropicciami un po’ le spalle” – che si estendeva in un contatto indesiderato a letto».

Ciolek, che all’epoca aveva 20 anni, dice di non essere stato in grado di dire di no, in parte perché è stato vittima di abusi sessuali da parte di un insegnante nel suo liceo cattolico, un trauma che ha condiviso con il vescovo.

«“Mi sono fidato di lui, l’ho confidato, l’ho ammirato”, ha detto Ciolek in un’intervista questo mese, la prima volta che ha parlato pubblicamente dell’abuso, che è durato per diversi anni mentre il signor Ciolek era un seminarista e in seguito un prete “Non potevo immaginare che avrebbe avuto in mente qualcosa di diverso dal mio migliore interesse”».

Colpisce che, anche quando si tratta di un adulto, i molestatori cattolici paiono

andare alla ricerca dell’innocenza, o meglio della rovina e del tradimento della fiducia del prossimo in difficoltà, oltre che degli ovvi compiti intesi nel sacerdozio. Un pattern, questo, da tenere bene a mente.

Il vescovo McCarrick ha scalato le fila della gerarchia cattolica romana, dalla testa della piccola diocesi di Metuchen all’arcivescovado di Newark e poi di Washington, dove è stato nominato cardinale. Rimase negli anni ’80 uno dei cardinali americani più riconosciuti sul palcoscenico mondiale, un mediatore del potere di Washington che partecipò a messe funebri di luminari politici come Edward M. Kennedy, per lungo tempo senatore del Massachusetts, e Beau Biden, figlio dell’ex vicepresidente Joseph R. Biden Jr.

All’improvviso, il mese scorso, il cardinale McCarrick è stato rimosso dal ministero, dopo che l’arcidiocesi di New York ha ritenuto credibile l’accusa di aver molestato un chierichetto di 16 anni quasi 50 anni fa. È il più alto funzionario cattolico degli Stati Uniti ad essere rimosso per abusi sessuali su minori.

L’articolo vuole sottolineare come la Chiesa abbia un problema non solo con la pedofilia ma con l’omosessualità più aggressiva in generale, omettendo di chiedersi se fra le due possa esservi una correlazione:

«Lo scandalo degli abusi sessuali su minori commessi dal clero ha attanagliato la Chiesa cattolica per quasi due decenni, con il risultato di miliardi spesi dalla chiesa per cause legali, insediamenti e programmi di prevenzione. Ma mentre la chiesa ha compiuto passi da gigante nel trattare l’abuso sessuale dei bambini, ha in gran parte evitato la stima delle molestie sessuali e degli abusi subiti da seminaristi adulti e giovani sacerdoti per mano dei loro superiori, inclusi i vescovi»

«Mentre la chiesa rispondeva rapidamente all’accusa secondo cui il cardinale McCarrick ha abusato di un bambino, alcuni funzionari della chiesa sapevano da decenni che il cardinale era stato accusato di molestare sessualmente e toccare inappropriamente gli adulti, secondo interviste e documenti ottenuti dal New York Times».

I casi di molestie del cardinale erano noti al punto da essere già passate per studi di avvocati ed aule di tribunali:

«Tra il 1994 e il 2008, diversi rapporti sulle trasgressioni del cardinale con studenti del seminario per adulti sono stati fatti a vescovi americani, il rappresentante del papa a Washington e, infine, papa Benedetto XVI. Due diocesi del New Jersey hanno segretamente pagato gli accordi stragiudiziali, nel 2005 e nel 2007, a due uomini, uno dei quali era il signor Ciolek, per le accuse contro l’arcivescovo. Per tutto il tempo, il cardinale McCarrick ha svolto un ruolo prominente pubblicizzando la nuova politica di tolleranza zero della chiesa contro gli abusi sui bambini».

In pratica, molestava facendo campagna contro le molestie. Un esempio piuttosto perfetto di doppia morale elitaria.

Nell’inchiesta ci si domanda come sia possibile che nessuno abbia agito prima:

«Poiché i vescovi hanno il controllo sui compiti dei sacerdoti e ci si aspetta una completa lealtà dalla cultura clericale della chiesa, i seminaristi e i sacerdoti possono essere particolarmente vulnerabili alle molestie sessuali dei loro superiori. “Nel mondo aziendale, ci sono modi per segnalare una cattiva condotta”, dice  Ciolek, 57 anni, nella sua casa nel New Jersey. “Hai un contatto con le risorse umane, hai un dipartimento legale, o hai rapporti anonimi, hai dei sistemi. La Chiesa cattolica ha questo? Come può un prete segnalare un abuso o un’attività sbagliata da parte del suo vescovo? Qual è il loro veicolo dichiarato per farlo? Non penso che esista”».

Pare insomma essere calata l’ombra di Harvey Weinstein sugli uomini di chiesa: quindi una versione in declinazione omosessuale del fenomeno.

«Dopo la caduta del cardinale McCarrick, alcuni cattolici stanno dicendo che la chiesa è sul punto di affrontare il proprio momento #MeToo, simile all’ondata di dolorosa verità che ha attraversato altri luoghi di lavoro, le università e Hollywood. Il reverendo Hans Zollner, membro della commissione vaticana che consiglia il papa sulla protezione dei minori, ha affermato di aver visto altre vittime farsi avanti negli ultimi mesi con resoconti di abusi sessuali nella chiesa vissuti da adulti. “Il movimento #MeToo ha creato uno slancio”, ha detto. “Ha portato un altro livello di attenzione a questo tipo di abuso nascosto”».

Il ritratto che viene dato del cardinale è per certi versi lusinghiero: prima che cacciatore di seminaristi, il cardinale era un vero pescatore di uomini:

«Con la sua presenza calorosa e socievole, il cardinale McCarrick si insinuò rapidamente tra le file della chiesa dopo essere stato ordinato sacerdote nel 1958. Come vescovo, fu orgoglioso del suo successo nel reclutare giovani uomini al sacerdozio – incluso uno che incontrò in un aeroporto, secondo i suoi colleghi».

La carriera in gerarchia fu folgorante:

«Nel 1981, il pastore newyorkese fu nominato vescovo della diocesi di Metuchen, appena creata, nel centro del New Jersey. I giovani reclutati frequentavano il seminario a Mount St. Mary’s nel Maryland, prima di essere ordinati sacerdoti per la diocesi».

Emerge quindi una ridda di informazioni logistiche sugli abusi:

«Coloro che interagivano con lui allora dissero che era amichevole con tutti i seminaristi, ma invitava qualcuno che preferiva specialmente per dei pernottamenti in una casa al mare a Sea Girt, New Jersey. Era una casa piccola e semplice, a circa sei isolati dall’oceano – un ritiro che la diocesi aveva acquistato su richiesta del vescovo McCarrick nel 1984. Circa quattro o cinque seminaristi e giovani sacerdoti alla volta andavano a in quella casa, di solito il venerdì, dove a volte cucinavano la cena o ordinavano una pizza e socializzavano bevendo birre, ha ricordato Ciolek. Prima delle luci spente, il signor Ciolek dice che il vescovo McCarrick assegnava i posti per dormire, dirigendo un seminarista a condividere la sua stanza, che aveva un grande letto. A volte, il vescovo McCarrick iniziava a massaggiare la schiena di un giovane mentre il resto del gruppo si dirigeva verso le camere da letto. Altre volte, sarebbe successo una volta che il giovane che era stato scelto per stare con il vescovo fosse da solo con lui».

Ciolek, il testimone, ricorda con ribrezzo:

«Da quello che potevo vedere la gente ne era disgustata. Ci sono stati alcuni che si sono gloriati dell’attenzione che ha portato su di loro, anche se è stata messa a dura prova. Ma non ricordo che qualcuno lo abbia accettato e sperato che di essere toccato».

Uno degli strumenti di aggancio delle vittime era l’accesso a situazioni riservate ai VIP:

«Per Ciolek c’erano circa una dozzina di viaggi fuori città con il vescovo McCarrick, incluso un campo di pesca a Eldred, New York, con altri seminaristi e una volta a Puerto Rico, dove aspettava in una hall dell’hotel mentre il suo ospite parlava con il vescovo locale. Il vescovo McCarrick lo portò pure alle partite degli Yankees [la squadra di Baseball di Nuova York, NdR]. Durante una partita, il signor Ciolek dice di essere stato seduto sul palchetto di George Steinbrenner tra il proprietario della squadra e Henry Kissinger, in quello che ha descritto come uno dei momenti salienti della sua giovane vita. Ma alla fine delle partite, il vescovo McCarrick a volte lo portava in un piccolo appartamento al piano superiore di un ospedale che usava per i pernottamenti in città, e ordinava a Ciolek di dividere il suo letto».

Il Ciolek dice che, anche se voleva solo essere un parroco, il vescovo McCarrick faceva spesso notare come avrebbe dovuto andare a Roma e scalare la gerarchia ecclesiastica.

Pare che con ciascuna delle vittime il cardinale avessa una politica della molestia diversa, personalizzata. Sostiene Ciolek che «con le molestie il vescovo McCarrick sembrava avere una linea che non avrebbe attraversato con lui. Il contatto sarebbe rimasto sopra la vita, evitando i genitali, disse. Non c’era nessun bacio, nessuna mano in mano».

Un secondo ex sacerdote, che ha ricevuto un insediamento dalle diocesi del New Jersey per abuso di McCarrick, non ha descritto un limite del genere al contatto fisico. Questo sacerdote, che ha rifiutato di essere intervistato dal New York Times e il cui dossier è stato fornito al quotidiano a condizione che il suo nome non fosse usato, era anche un membro della ristretta cerchia di seminaristi del vescovo McCarrick.

Nel 1986, Mons. McCarrick era stato promosso da Papa Giovanni Paolo II per un lavoro molto più grande: l’Arcivescovo di Newark, una delle più grandi diocesi del Paese con più di un milione di cattolici.

Tuttavia le molestie continuarono indisturbate. Anzi, vi si aggiungono curiosi particolari di perversione:

«Nell’estate del 1987, questo ex sacerdote presumibilmente, l’arcivescovo McCarrick lo portò in un ristorante italiano a New York, e poi nel piccolo appartamento sopra l’ospedale. (Il signor Ciolek ha descritto la stanza in termini simili). Lì, l’arcivescovo McCarrick chiese al seminarista di mettersi una camicia da marinaio a righe e un paio di pantaloncini che aveva a disposizione, e lo raggiunse nel letto, secondo il racconto scritto del seminarista. “Mi ha abbracciato e ha avvolto le sue gambe tra le mie”».

L’anonimo afferma inoltra che una volta ha visto l’arcivescovo McCarrick fare sesso con un giovane prete in una capanna al campo di pesca di Eldred, e che l’arcivescovo lo ha invitato ad essere «il prossimo».

«Nell’archivio di questo ex sacerdote c’erano lettere scritte a mano che l’arcivescovo gli aveva scritto quando era ancora studente, alcune firmate “zio Ted” e “zio T.” A volte si rivolgevano a lui come “nipote”, un termine che il signor Ciolek dice era usato dall’arcivescovo per riferirsi ai giovani che intraprendevano i viaggi notturni. Una lettera fu scritta nel 1987 mentre l’arcivescovo McCarrick era a bordo di un aereo in Polonia in missione per il Vaticano. “Volevo solo dirti quanto sono felice che abbiamo avuto la possibilità di stare insieme questa estate”, ha scritto l’arcivescovo allo studente di 26 anni. “Non è così spesso come avrei voluto, ma so quanto sia ‘social’ mio nipote”».

Il viaggio in Polonia dell’arcivescovo McCarrick fu un segno della sua crescente importanza. I suoi fratelli vescovi negli Stati Uniti lo elessero presidente delle loro commissioni su migrazione, politica internazionale e aiuti per la chiesa nell’Europa centrale e orientale. Incontrò Fidel Castro nel 1988.

«La prima denuncia documentata sul cardinale McCarrick arrivò al più tardi nel 1994, quando il secondo prete scrisse una lettera al nuovo vescovo di Metuchen, Edward T. Hughes, dicendo che l’arcivescovo McCarrick aveva toccato in modo inappropriato lui e altri seminaristi negli anni ’80, secondo i documenti. Il sacerdote fece una confessione preoccupante, i documenti mostrano. Disse al vescovo Hughes che egli sarebbe venuto in avanti perché credeva che gli abusi sessuali ed emotivi subiti dall’arcivescovo McCarrick, così come molti altri sacerdoti, lo avessero lasciato traumatizzato al punto  da indurlo a toccare in modo inappropriato due ragazzi di 15 anni».

La diocesi di Metuchen mandò il prete in terapia e poi lo trasferì in un’altra diocesi. Ma la statura dell’arcivescovo McCarrick rimase intatta; gli fu anche concesso l’onore di ospitare Giovanni Paolo II in una visita a Newark nel 1995 e di condurre lì una grande messa pubblica per il papa.

Intorno al 1999, Ciolek fu chiamato dall’ex segretario dell’arcivescovo McCarrick a Metuchen, mons. Michael J. Alliegro, che conosceva i viaggi con i seminaristi, incluso la condivisione dei letti. Chiese al signor Ciolek, che aveva lasciato il sacerdozio nel 1988 per sposare una donna, se avesse progettato di citare in giudizio la diocesi, e poi menzionò il nome dell’Arcivescovo McCarrick. “Ho letteralmente riso, e ho detto, no”, ha detto il signor Ciolek, aggiungendo che il monsignore aveva risposto con un sospiro di sollievo.

Nel 2000, Papa Giovanni Paolo II promosse l’arcivescovo McCarrick alla guida dell’arcidiocesi di Washington DC, uno dei posti più prestigiosi della Chiesa cattolica in America. Fu elevato al cardinale tre mesi dopo.

Qualcuno tentò di opporre una resistenza.

«Almeno un prete mise in guardia il Vaticano contro la promozione. Il reverendo Boniface Ramsey dice che quando era in facoltà presso il Seminario dell’Immacolata Concezione della Seton Hall University nel New Jersey dal 1986 al 1996, gli fu detto dai seminaristi sugli abusi sessuali dell’arcivescovo McCarrick nella casa al mare. Quando l’arcivescovo McCarrick fu nominato a Washington, padre Ramsey parlò al telefono con il rappresentante del papa nella capitale della nazione, l’arcivescovo Gabriel Montalvo, il nunzio apostolico, e seguendo il suo incoraggiamento inviò una lettera in Vaticano sulla storia dell’arcivescovo McCarrick».

Padre Ramsey, ora sacerdote a New York, ha detto di non aver mai ricevuto una risposta. L’ascesa del cardinale McCarrick a quel punto sembrava inarrestabile, data la sua importanza per la chiesa. Fu un prolifico fund-raiser; come membro fondatore e presidente della Papal Foundation, ha radunato donatori profondi per destinare 1 milione di dollari alle cause personali del papa.

Quando papa Giovanni Paolo II lo nominò arcivescovo di Washington e cardinale, il papa era in declino per il morbo di Parkinson.

«Non stava seguendo da vicino queste cose a causa della sua salute, e i suoi aiutanti non erano inclini a portare casi particolari alla sua attenzione» dice John Thavis, un corrispondente di vecchia data del Vaticano e autore di Vatican Diaries.

Thavis sottolinea che Giovanni Paolo II ha anche ignorato diversi avvertimenti su un altro famigerato predatore sessuale, il reverendo Marcial Maciel, fondatore della Legione di Cristo nonché dell’Università Pontifica Regina Apostolorum, che tutt’ora riveste il ruolo di ganglio centrale per l’insegnamento della bioetica a livello mondiale.

La chiesa di Wojtyla, in pratica, mise la volpe a guardia del pollaio:

«Nel 2002, quando il tumulto nella chiesa sullo scandalo sugli abusi sessuali su minori era al culmine, il cardinale McCarrick era tra i cardinali convocati dal papa per aiutare a gestire la crisi. Il cardinale McCarrick ha votato nel conclave pontificio nel 2005, eletto Papa Benedetto XVI, e ha partecipato alle riunioni dei cardinali del 2013 che hanno portato all’elezione di Papa Francesco. Si è ritirato come capo dell’arcidiocesi di Washington nel 2006 a 75 anni, l’età pensionabile standard per i vescovi».

«La “Carta per la protezione dell’infanzia e dell’adolescenza “, adottata dai vescovi americani al culmine dello scandalo sugli abusi sessuali su minori nel 2002, non copre le vittime di età superiore ai 18 anni. La carta dei vescovi non conteneva procedure per ritenere responsabili i vescovi diverso dalla “correzione fraterna” da parte di altri vescovi. Il cardinale McCarrick ha contribuito a redigere la carta».

Le molestie perpetrate dal McCarrick errano tragicamente note ad ogni livello:

«Per molti anni, il signor Ciolek, che divenne avvocato dopo aver lasciato il sacerdozio, non raccontò a nessuno delle sue esperienze. Poi, nel 2004, dopo aver iniziato a ricevere consulenza, presentò una richiesta di risarcimento dalla chiesa e ricevette $ 80.000 dalle diocesi di Trenton, Metuchen e Newark. Due anni dopo, la chiesa pagò un acconto di $ 100.000 all’altro prete che accusava un abuso. Quel prete era stato costretto a dimettersi nel 2004 sotto i nuovi protocolli di tolleranza zero della chiesa contro gli abusi sui minori, basato sulla sua confessione sul contatto di due ragazzi un decennio prima. Padre Ramsey ha detto che ha continuato a mettere in guardia i dirigenti della chiesa sul cardinale McCarrick. Nel 2008, ha affermato, ha sollevato la questione con il cardinale Edward Egan, l’arcivescovo di New York, ma il cardinale Egan lo ha interrotto rapidamente. Padre Ramsey ha detto di essere rimasto turbato nel 2015 dal vedere il cardinale McCarrick al servizio della messa funebre per il cardinale Egan, così ha scritto al cardinale Seán O’Malley di Boston, che era stato nominato da Papa Francesco per guidare una commissione sull’abuso sessuale dei bambini. “Ho denunciato per 30 anni senza arrivare da nessuna parte”, afferma p. Ramsey di recente».

«Richard Sipe, un ex prete che è un’autorità in materia di abusi sessuali del clero, ha affermato che i seminaristi hanno iniziato a confidarsi con lui sulle notti della casa sulla spiaggia mentre era professore al St. Mary’s Seminary and University di Baltimora negli anni ’80. Ha detto di aver scritto una lettera a Papa Benedetto nel 2008, dicendogli che i viaggi illeciti verso la riva del mare “erano stati ampiamente conosciuti da diversi decenni”. “Avrebbe potuto essere rimosso dall’incarico – certamente non avrebbe dovuto essere avanzato”, ha detto mons. Kenneth Lasch, un avvocato canonico e sacerdote in pensione nel New Jersey che funge da avvocato delle vittime».

Casi di questo livello sono rari ma vi sono stati:

«Il Vaticano ha rimosso dai loro incarichi  i vescovi che hanno avuto rapporti con donne e uomini; Il cardinale Keith O’Brien, il leader della chiesa in Scozia, si è dimesso sotto pressione vaticana nel 2013 dopo le rivelazioni della sua cattiva condotta sessuale con seminaristi e sacerdoti. Ma tali pene sono rare e vengono decise caso per caso dal Vaticano».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “Il Cardinale cacciatore di uomini – di Redazione”

    1. Dove andranno a finire “loro”, caro Rolando, non è difficile immaginarlo. Stiamone lontani, però, perché emettono veleno anche solo con lo sguardo, sono come il basilisco. Portiiamo sempre con noi la corona del Santo Rosario, perché tiene lontani i demoni ed i loro accoliti.

  1. Solo un giornale di ampio respiro come il NYT puo’ fare indagini approfondite e imparziali. Ma non e’ espressione dell’elite mondialista..

  2. Questo è il diavolo all’opera: furbo, doppio e triplo, intelligente e brillante: stiamone alla larga e preghiamo con fede e semplicità affinché la Chiesa si rinnovi e purifichi. Quante vocazioni rovinate, quante anime perse!

    1. Luigi Bruno Torre

      Già, Alessandro2, tempi di evidentissimo (e profetizzato da vari mistici) scatenamento satanico … Come Ci invita da tempo Maria, preghiamo incessantemente …

  3. questa è la Chiesa di Satana: confonderla con la Chiesa di Cristo, è proprio da stolti . Alla larga.
    E se ne accorgessero tutti finalmente: fare terra bruciata intorno ad essa, sarebbe la miglior cura per neutralizzarla. Ma finché, coi mille distinguo che ci inventiamo, continuiamo a farne parte, e a cercarne i ‘servizi’, forniamo ad essa il suo punto d’appoggio esistenziale. E l’occasione per fare il suo buon ‘lavoro’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su