IL “CASO POLVERINI”. DEGRADO POLITICO, E NON SOLO. UNA LETTERA DI CLAUDIO FORTI AL DIRETTORE DI “AVVENIRE”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ringraziamo Claudio Forti, fedele lettore e amico di Riscossa Cristiana, che ci ha inviato in copia una lettera da lui indirizzata al Direttore del quotidiano Avvenire. Vi proponiamo in lettura questo testo, perchè contiene riflessioni e indicazioni di grande utilità per tutti.

PD

 

 

Caro Direttore Tarquinio,

Sto ascoltando, nella sua rassegna stampa a Prima Pagina, le severe critiche che i media rivolgono ai vergognosi fatti della Amministrazione regionale del Lazio e alla sua presidente Renata Polverini. Sono critiche severe e necessarie, ma in esse vi è anche tanto fastidioso moralismo. Si, la politica, tutta la politica, sta attraversando un periodo buio e di grande confusione, ma possiamo dire che i media – ovviamente non voglio fare di ogni erba un fascio – possano dichiararsi esenti da responsabilità nel degrado causato a gran parte della società?

lc

 

Sto leggendo un libro che contiene uno studio su questo fenomeno. È intitolato “Come Satana corrompe la società”. In questo lavoro la professoressa Annalisa Colzi porta esempi terribili su questa corruzione delle coscienze causata dai nuovi mezzi di comunicazione.

Per questo penso che sarebbe necessario che ognuno si battesse il petto – mentre oggi è più di moda battere il petto altrui -, e i media vivono molto su questo aspetto. Anche come cattolici dobbiamo batterci il petto per le omissioni e per esser andati dietro alle esigenze mondane. Se pensiamo che la legge che condanna allo sterminio oltre 100mila bambini ancora in seno alle loro madri è stata firmata da una serie di cattolici, è tutto detto. E ora i nemici dell’uomo stanno architettando nuove “conquiste di libertà”.

Ognuno, naturalmente, fa la sua battaglia. Ma noi, se vogliamo essere sale e luce, dobbiamo fare la nostra! O no? Questo periodo, dunque, non corrisponde solo alla fine della Seconda Repubblica, ma dovrebbe essere anche la fine delle illusioni della “dea Ragione” nate 200 anni fa nella Rivoluzione francese! “Senza di me – dice Gesù – non potete fare nulla”. La caduta sanguinosa dei regimi atei e totalitari del secolo scorso dovrebbero esserci di monito, o vogliamo farne nuova esperienza?

 

Claudio Forti

Trento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su