Il centenario della nascita di don Divo Barsotti – di Cristina Siccardi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Cristina Siccardi

.

zzdon-divoDon Divo Barsotti, del quale quest’anno si celebrano i cento anni dalla nascita (1914-2006), pur essendo stato prolifico pensatore e scrittore, non viene citato dalla maggioranza dei teologi. Per quale ragione?

Seppure apprezzato dalle più alte gerarchie ecclesiastiche a lui contemporanee, questo monaco mistico fu un “grillo parlante” che non ebbe paura di mettere, pubblicamente, il «dito nella piaga»: la volontà di molti uomini di Chiesa di abbracciare il mondo. Pietro Zovatto, autore dell’introduzione al libro del monaco toscano L’attesa. Diario: 1973-1975 (San Paolo, pp. 266, € 17.00) scrive:

«Anche il Concilio Vaticano II, e più precisamente nella costituzione Gaudium et spes, non sfugge all’ambiguità nel determinare il rapporto chiesa-mondo e si lascia sfuggire un’occasione unica, quella di portare la Croce al centro dell’assise conciliare. Forse i padri conciliari opinavano di non prendere di petto l’orientamento prevalente del “processo della storia” in corso verso la mondanità, mentre proprio questo “ipostatizzare la vita del mondo” (20.7.1974) è come legittimare il rifugio dell’uomo in un luogo dove non si trova che l’assenza di Dio, nella “vanità di ogni valore creatoLo Spirito Santo sempre ha assistito la sua Chiesa, e il Concilio Vaticano II nel cambiare tutto, a cominciare dalla pietas con il “culturalismo liturgico”, fa quasi un atto di accusa allo Spirito Santo che fino agli anni Sessanta non avrebbe assistito la sua Chiesa in modo adeguato» (pp. 15-16).

L’attesa è il quindicesimo Diario di don Barsotti, in esso emergono osservazioni, riflessioni, considerazioni schiette e genuine, chiare manifestazioni di un’anima che cerca la santità propria ed è assetato di santità altrui, alla quale attingere… ma l’orizzonte è alquanto spoglio. Infatti, il 14 maggio 1975 scrive: «Chiaravalle milanese. Ho ascoltato stasera P. Leclercq. Anche i più grandi uomini quando non sono dei santi non fanno che rivelare la loro povertà» (p. 228).

Jacques Leclercq (1891-1971), moralista e sociologo, canonico e professore all’Università di Lovanio, tese a una teorizzazione del diritto naturale che, pur ispirata al tomismo, soddisfacesse le istanze della cultura contemporanea; ma don Barsotti non ha mai desiderato soddisfare le necessità della filosofia, della teologia e della cultura contemporanee, bensì quelle dell’anima, centro della vita terrena ed eterna di ogni individuo.

In molte pagine don Barsotti ci appare come un latitante della Chiesa, una Chiesa che non gli dà quel nutrimento di cui egli grida il bisogno: «Vuoto. Non si può costruire sull’acqua, né l’albero cresce e vive senza radici. Questo ci sembra oggi la Chiesa. (…) Sono legato da innumerevoli impegni che danno solo l’impressione della vita e non fanno in realtà che assicurare la morte. La scuola in seminario a giovani che non ascoltano e non si interessano; predicazione a sacerdoti, a religiosi, a suore che ascoltando hanno compiuto il loro dovere per poter continuare poi la loro vita, per mascherare così a loro stessi il deserto e il silenzio di Dio. Mio Dio, liberami da questo inganno; fammi vivere» (p. 223).

Egli si scaglia contro l’orgoglio e la superbia, contro l’antropocentrismo, contro tutto ciò che impedisce al Cristianesimo di esprimere la sua dirompente forza, ovvero la sua «passione»: senza passione, intesa sia come amore e sia come calvario, non si vive, ma si muore. «Come si salverà il mondo? Tutto sembra precipitare nel caos e nella morte. (…) La Chiesa si disfà. Che cosa ci chiede Dio per collaborare alla salvezza del mondo? Null’altro, ci sembra, che l’obbedienza e la fede, ma costano più di un martirio di sangue» (p. 221).

L’autore ci rivela tutto il suo dolore e questa sua immane angoscia, sia spirituale che intellettuale, è così alta da preferire ad essa un martirio di sangue. Eppure ci pare di intravvedere uno spiraglio di speranza: i grandi santi della Sposa di Cristo sono riusciti, da soli e con la Grazia del Signore, ad edificare la Città di Dio anche nel mondo: «Perché ci si agita tanto per quanto si fa, per come si governa la Chiesa, per quello che non si fa e si vorrebbe che fosse fatto?.. non solo i santi del medioevo potevano vivere la loro unione con Cristo e con la Chiesa senza occuparsene troppo, ma perfino i santi della Controriforma non erano, non sono stati mai eccessivamente turbati per quanto si faceva a Roma. Chi ne fu turbato non fu Ignazio ma Lutero» (p. 31). I santi, in fondo, non si preoccupano, ma si occupano di costruire là dove si distrugge.

.

fonte: Corrispondenza Romana

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su “Il centenario della nascita di don Divo Barsotti – di Cristina Siccardi”

  1. Normanno Malaguti

    Non ho conosciuto personalmente don Divo Barsotti, ma ho il privilegio di conscere il suo allievo prediletto, un monaco della comunità da lui fondata: “La comunità dei Figli di Dio”, monaco che vive con altri quattro monaci.
    nell’eremo montano della Madonna del Sasso, in comune di Santa Brigida, provincia di Firenze.
    E’ Padre Serafino Tognetti, che ha scritto una ricca biografia di queusto grande mistico innamorato di Cristo e dlla Sua Chiesa, che venne presentarto nell’aula Sant Clelia Barbieri, della Curia di Bologna, da Mons. Tommaso Ghirelli, vescovo di Imola oltre un anno fa.
    don Barsotti si doleva delle vicende che l’hanno tormentata e la tormentano dalla dipartita del Venerabile Pio XII (1958).
    P. Serafino non é soltanto un comunicatore efficece della Sua memoria, ma un figlio fedele, un continuatore della sua opera e della sua passione per la Chiesa.
    Credo che si debba pregare perché questo mistico sia riconosciuto anche in questi tempi calamitosi per la Sposa Mistica di Cristo e perché il Signore susciti altri santi sacerdoti come don Divo per un ritorno alla Chiesa di sempre, fedele alla Sacra Tradizione e alla Sacra Scrittura che ne promana.

  2. Dante Pastorelli

    Ho conosciuto don Divo, e parlato in privato con Lui. Uomo di Dio senz’altro, ed educatore di una piccola schiera di monaci, alcuni dei quali ben conosco ed a qualcuno d’essi son legato da stima e grande amicizia: un paio di loro hann’ appreso, col mio aiuto, a celebrar il rito antico. Uno ha celebrato a S. Francesco Poverino almeno due volte. Ma i superiori cambiano, e l’apertura di uno vien chiusa da un altro.
    Don Divo scrisse un articolo per uno dei primi numeri del mio bollettino “Una Voce Dicentes”, chiuso, dopo 11 anni, nel 2012: “Siamo figli dei padri”, in cui rimpiange l’uso della lingua sacra della Chiesa.
    Purtroppo, pur vedendo ed esecrando il degrado teologico e morale nella Chiesa ed il suo impoverimento e sbandamento liturgico, causa di altri mali, non ebbe la forza di aiutare, anche con la sola parole, i gruppi di fedeli che lottavano apertamente per i suoi stessi fini e mai chiese di poter celebrar la Messa antica, neppur con l’indulto.
    Grande mistico, scrittore e direttore di anime, si piegò, pur borbottando, al clima generale. Peccato, forse i papi avrebbero evitato certi errori se avesse osato di più. E questo credo che valga anche per i suoi monaci. Che restano, in ogni caso, esemplari per vita di preghiera ed umiltà, oltre che per vasta dottrina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su