Il Centrodestra è morto, Viva il Centrodestra – di Mario Bozzi Sentieri

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

In un contesto politico “normale”, l’intervista di Guido Crosetto, rilasciata qualche giorno fa al quotidiano  “L’Avvenire” e dedicata alla fine del centrodestra, avrebbe dovuto accendere il dibattito e riscaldare gli animi degli interessati. Niente di tutto questo. Eppure Crosetto era andato giù duro, affermando che il centrodestra non solo non c’è  più, ma non ha  neppure un futuro, privo  com’ è di idee, di leadership, di linea politica, di qualità e di moralità … Insomma un disastro.

di Mario Bozzi Sentieri 

.

PDL leader Silvio Berlusconi shakes hands with Marco Pannella, promoter of a referendum on justice reforms and human rights, in downtown RomeIn un contesto politico “normale”, l’intervista di Guido Crosetto, rilasciata qualche giorno fa al quotidiano  “L’Avvenire” e dedicata alla fine del centrodestra, avrebbe dovuto accendere il dibattito e riscaldare gli animi degli interessati. Niente di tutto questo. Eppure Crosetto era andato giù duro, affermando che il centrodestra non solo non c’è  più, ma non ha  neppure un futuro, privo com’è di idee, di leadership, di linea politica, di qualità e di moralità … Insomma un disastro.

Le colpe ?  Innanzitutto di Berlusconi e del suo “cerchio magico”, di  chi – parole di Crosetto –  non vuole costruire  un’alternativa a Renzi, ma cerca solo “protezioni politiche”.

Sintesi esemplare di questa crisi – aggiungiamo noi –  è lo stato confusionale  in cui versa  Forza Italia, ormai in balìa delle sollecitazioni più diverse e contraddittorie, come confermano le recentissime  uscite in tema di unioni di fatto, ultimo  passaggio di una deriva relativistica che ha inanellato divorzio breve, tolleranza verso l’eutanasia, qualche apertura alla droga libera.

“Quella per i diritti civili degli omosessuali è una battaglia che in un Paese davvero moderno e democratico dovrebbe essere un impegno di tutti” – dice il Gran Capo e via tutti ad applaudire. Da un certo punto di vista niente di nuovo. Sandro Bondi, Giancarlo Gallan, Mara Carfagna e Stefania Prestigiacomo sono già  i firmatari di una proposta di legge pro “gay and lesbian partnership”. Il senso della proposta – parole di Gallan – è affermare il “diritto alla felicità”, tema oggettivamente sfuggente, che permette le più fantasiose involuzioni, aprendo, nel contempo, scenari inquietanti.

E già perché qui in gioco, ben oltre i singoli individui, c’è  il  destino dei popoli, la sopravvivenza delle relative culture, la scommessa sul futuro, il senso della  vita e della  morte, i diritti di chi deve ancora nascere e la  difesa di chi, appena nato, deve vedere tutelata la sua crescita.

Tutto questo cosa c’entra con la sopravvivenza del centrodestra ? Moltissimo e non solo o non tanto in ragione di qualche  principio da difendere. In gioco c’è la possibilità di affrontare le sfide epocali avendo ben chiari i termini delle questioni in campo, le discriminanti essenziali, le prospettive civili intorno a cui giocare la  battaglia politica.

Non è solo una questione morale. E’ problema che riguarda il “buon vivere”, il ruolo della famiglia (e quindi la sua tutela),  la tenuta sociale, perfino l’economia, la geopolitica, la demografia. E’ una sfida epocale – ci si passi il termine – che non può essere lasciata al “buon cuore” della fidanzatina di turno o a qualche generico appello sul “diritto alla felicità”. E’ insomma una questione complicata. Così come dovrebbe essere la  ricostruzione di un centrodestra, finalmente libero dai “cerchi magici” del premier e dalle improvvisazioni di turno.  Da lì, anche da lì, passa una credibile alternativa alla sinistra renziana. A patto che un’alternativa, da parte del centrodestra, la si voglia veramente esprimere e realizzare …

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

7 commenti su “Il Centrodestra è morto, Viva il Centrodestra – di Mario Bozzi Sentieri”

  1. È da circa 2 anni che credo all’onestá intellettuale di Crosetto. Il centro destra ora più che mai è un ibrido tra un centro e un centro-sinistra (più centro-sinistra credo!); una sorta di piccola stampella della sinistra moderata. Il problema è che in Italia non esiste una vera destra cattolica (senza “centro”); a dir la verità non vedo neppure una vera destra non cattolica che – molto probabilmente – a questo punto sarebbe migliore di questo centro destra assai confusionario. Siccome l’Italia non è la Francia (si vedano le ultime elezioni europee in Francia), non credo che in tal senso di possano nutrire speranze in un breve tempo.

  2. io ho letto per un po’ di tempo il borghese, bellissime dissertazioni, ma che lagna con questo piangersi addosso e queste inesauribili celebrazioni di Almirante, secondo me non hanno ancora elaborato il lutto!

    1. Anche a me piacerebbe, ma per volerlo devi avere qualcuno che lo faccia, a parte Forza nuova e un po’ la Lega non intravvedo nulla..

  3. Normanno Malaguti

    Che dire? merita un titolo famoso di Sartre:
    “NAUSEA”.
    Sì! vogliamo il Partito di Destra Cattolico.

  4. Anche noi vogliamo il partito cattolico di destra, ma che stia alla destra di Dio, non a quella dell ‘ emiciclo della Camera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su