Il comune di Torino introduce la figura del “Gender city manager” – di Rodolfo de Mattei

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Rodolfo de Mattei

.

.

Lo scorso 3 aprile il Consiglio comunale di Torino ha approvato, con 28 voti favorevoli e 1 astenuto, una mozione presentata dalla consigliera Eleonora Artesio, riguardante l’istituzione di una nuova specialissima figura: il Gender city manager.

IL TESTO DELLA MOZIONE

Nella premessa il testo spiega come l’iniziativa ideata del comune di Torino voglia sottolineare il ruolo storico svolto dalle città nel processo di emancipazione femminile del XIX e XX secolo:

 “popolate di corpi femminili non più segregati nei luoghi della cura e della domesticità; animate dalle funzioni delle donne in ambito lavorativo ma anche familiari per il ruolo prevalente di care givers e di costruttrici di relazioni tra sé, le famiglie, i territori; attraversate dalla mobilità delle donne per lo svolgimento dei lavori professionali e di cura; segnate dalle intelligenze femminili nelle professioni e nelle rappresentanze dei bisogni e dei diritti, nel volontariato come in politica”.

Per questo, prosegue il testo, “il governo della città non può quindi, non può prescindere dalle differenze di genere: non può per rispetto alla democrazia; infatti leggi e regolamenti promuovono la partecipazione delle donne alla democrazia rappresentativa e alle posizioni apicali; non può per un principio di efficacia delle politiche; infatti la ignoranza sui differenti modi di uso di spazi e di tempi pubblici produce disfunzioni e inefficienze; non può per la necessità di conoscere per deliberare; infatti per interpretare le problematiche delle città e delle comunità ai fini di una urbs o di una polis inclusiva e sostenibile occorre incorporare il punto di vista dei soggetti differenti;”

Fatte queste premesse il sindaco grillino Chiara Appendino e la Giunta Comunale si impegnano:

1) ad adottare la valutazione di genere in tutte le politiche;

2) ad istituire a tal fine lo strumento del gender city manager quale strumento di valutazione e di proposta per promuovere il genere in tutte le politiche;

3) ad affiancare al gender city manager un organo collegiale che riunisca le competenze amministrative settoriali con le rappresentanze delle organizzazioni di genere, allargate agli organi di consultazione e di proposta già istituiti, quali – ad esempio – il coordinamento cittadino contro la violenza sulle donne, la Consulta Comunale Femminile, l’Osservatorio sulla salute delle donne, in linea con la deliberazione di Giunta – Pari Opportunità – Obiettivo 12 che prevede l’istituzione di un tavolo sulle politiche di genere.

UNA REALTA’ POLITICA

L’introduzione del Gender city manager da parte del Comune di Torino evidenzia, ancora una volta, come il l’ideologia gender non sia solo una astratta teoria filosofica ma una concreta e attualissima realtà politica volta a trasformare progressivamente la nostra società.

.

fonte: Osservatorio Gender – Famiglia Domani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

3 commenti su “Il comune di Torino introduce la figura del “Gender city manager” – di Rodolfo de Mattei”

  1. Ma non si tratta delle vecchie “pari opportunità” per le assunzioni nelle pubbliche amministrazioni, per l’avanzamento nei concorsi interni, per o congedi parentali, ecc. ? o forse mi sbaglio ? ma se mi sbaglio,a cosa servirà allora questo “gender city managerr” in concreto ? mi piacerebbe tanto saperlo. Grazie a chi vorrà illuminarmi, da quell’ignorantone che sono (nel senso che ignoro fin dove vuole spingersi il misterium iniquitatis e a cosa porteranno in concreto iniziative come questa dei grillini).

  2. giorgio rapanelli

    L’ho già scritto in tante occasioni: M5S è l’altra faccia anticattolica, materialista e distruttiva del Giano Bifronte, che si manifesta quando non può farlo il Partito Democratico. Votai due volte per M5S. Da quando mi sono accorto dell’inganno, il mio voto M5S lo vede col binocolo.

  3. In ogni caso tutto ciò costerà un bel po’ di tasse in più ai torinesi per gli stipendi ( immagino non bassi) della nuova figura del ” GENDER CITY MANAGER” e dei rappresentanti dell’organo collegiale da affiancare al gender city manager..( non lavorerà mica gratis l’organo collegiale vero ?)…Avete votato M5S ? Beccatevi altre TASSE torinesi …ben vi sta. E questi potrebbero un giorno governare il PAESE !!! Distruzione dell’uomo/ donna, della famiglia,della vita,della legge morale naturale,dell’identità nazionale e in più tante tante tante TASSE in più !!! Ecco chi sono i pentastellati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su