Il governo Renzi lancia il “Portale Nazionale LGBT”  –  di Rodolfo de Mattei

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Rodolfo de Mattei

.

z.prtlprctIl governo Renzi accelera su gender e omosessualità, lanciando un nuovo portale web nazionale, interamente dedicato alla promozione dell’agenda LGBT.

Il progetto “Portale Nazionale LGBT”, come si legge sul sito, rientra nell’ambito della “Strategia Nazionale LGBT”, in attuazione della Raccomandazione del Comitato dei Ministri CM/REC (2010)5  e si propone di “promuovere una maggiore conoscenza della dimensione LGBT per contrastare ogni forma di discriminazione basata sull’orientamento sessuale e l’identità di genere”.

INIZIATIVA GOVERNATIVA

Il nuovo sito, messo online l’8 luglio 2016, è un’iniziativa capitanata dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri di concerto con l’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) e con l’Amministrazione Comunale della città di Torino, in qualità di Segreteria Nazionale della Rete RE.A.DY (Rete nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere).

Alle attività ha preso parte anche il Gruppo Nazionale di Lavoro, previsto dalla “Strategia Nazionale LGBT”, composto da esponenti di 29 Associazioni omosessualiste, come stabilito dal decreto direttoriale n. 250 del 20 novembre 2012. Tra queste, tutte le principali organizzazioni in prima linea per i “diritti” gay, compreso il tristemente noto “Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli”.

Nelle intenzioni dei promotori, il portale vuole essere una piattaforma web informativa che “educhi” i cittadini italiani all’attuale, sempre più “doveroso”, processo di “normalizzazione” dell’omosessualità e di ogni tendenza sessuale.

TRE SEZIONI “EDUCATIVE”

Per raggiungere tale obiettivo il sito è organizzato in tre sezionispecifiche, “Aree Tematiche”, “Approfondimenti” e “Diritto e Diritti” dove è possibile consultare e leggere “contributi di Studiosi afferenti a diverse discipline, la collezione di dati normativi, giurisprudenziali e di prassi amministrative, la raccolta di materiale utilizzato in strategie di divulgazione e di comunicazione” .

Come si legge on-line il portale

vuole essere uno spazio aperto ad una discussione condivisa su tematiche che riguardano i diritti e le libertà di molte persone, la loro identità ed il modo di svolgere le loro relazioni e di declinare le proprie affettività”.

I promotori dell’iniziativa rivendicano la loro visione aperta e pluralistica, arrivando paradossalmente a negare che il sito possa essere in alcun modo espressione di particolare orientamenti. In quest’ottica, gli autori sottolineano la necessità di assumere una posizione il più tollerante e relativista possibile, scrivendo:

“il Portale non si fa portavoce di un orientamento culturale di settore né di una scelta politica o istituzionale predeterminata. Vuole invece essere e rimanere uno strumento plurale e pluralistico, nella convinzione che il contributo ed il confronto delle idee di tutti, rappresenti il migliore strumento per far maturare consapevolezza e contrastare ogni forma di odiosa discriminazione”.

Una visione, al solito, plurale e tollerante purché e finché non si metta in discussione il loro incontestabile diktat.

IL COMITATO SCIENTIFICO

Per dare una veste di autorevolezza e serietà all’iniziativa, il progetto ha previsto anche l’istituzione di un apposito “Comitato Scientifico”, presieduto da Claudio De Vincenti, Sottosegretario di Stato della Presidenza del Consiglio dei Ministri e composto dalle solite personalità, note e e meno note, provenienti da diversi ambiti professionali ma tutte accomunate dalla identica visione ideologica. Tra questi: Fulvio Giardina, Presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi, il prof.Vittorio Lingiardi, la filosofa Maria Michela Marzano, il prof. Vito Mancuso, il prof. Stefano Rodotà, la prof. Chiara Saraceno, Vincenzo Spadafora, Garante nazionale per l’Infanzia e l’Adolescenza e l’oncologoUmberto Veronesi.

Con la pubblicazione del portale istituzionale, promosso dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ilgoverno Renzi getta definitivamente la maschera attorno alla dibattutissima tematica dell’insegnamento gender nelle scuole, rendendosuperflue e scontate le attese le linee guida del MIUR. Di fronte alla messa online di un progetto ufficiale così ampio e strutturato, come il “Portale Nazionale LGBT”, sarà difficile per il Ministro dell’IstruzioneStefania Giannini continuare ad affermare l’inesistenza di una agenda “gender” volta a promuovere e “normalizzare”, secondo le ultime tendenze, la fluidità sessuale tra le giovanissime generazioni.

.

fonte: Osservatorio Gender – Famiglia Domani  

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

4 commenti su “Il governo Renzi lancia il “Portale Nazionale LGBT”  –  di Rodolfo de Mattei”

  1. “Normalizzazione dell’omosessualità” istituzionalizzata, sovvenzionata con i NOSTRI soldi! verserei il doppio delle tasse pur di poter prendere a calci questi schifiosi, luridi pervertitori! Rimpiangeranno per l’eternità la mancata “macina al collo”…
    Difendiamo i nostri bambini dalla fetida politica LGBT!

  2. Siete contro natura! Potete crearvi i Comitati scientifici (?) che volete con quattro mentecatti pronti a sostenere ciò che è anormale ma siete solo chiacchiere e neanche distintivo!
    E giù le mani dai bambini servi di demoni!

  3. Stefano Mulliri

    Bene , ci mancava proprio ,l’immancabile prete spretato , Vito Mancuso , e, a quando Milingo , Otelma , e Adam Kadmon . Si! credo proprio , che mister ” non ho giurato, sul Vangelo , ma su la costituzione” finirà all’inferno ,lui e quel circo equestre , messo sù , da Napolitano e compagnìa massonica. Nel girone degli sbeffeggiati..

  4. Sto per scrivere un commento terra terra, ma che non riesco a trattenere per quanto sono nauseata da queste schifezze che a tutti i costi gli assatanati che ci governano vogliono imporci:
    Invece di preoccuparsi tutto il giorno di queste “priorità assolute” che mirano alla santificazione del frociume, perché non si sono impegnati a realizzare almeno un doppio binario su cui far correre in sicurezza quegli stratosferici treni costati milioni di euro? Può una Ferrari correre senza pericolo su uno sterrato di campagna? certo che no; è invece avvenuto in Puglia piazzando super treni su un monobinario. E vanno cercando le cause nella manutenzione, quando il segnale del passaggio dei mezzi avviene solo tramite telefono. Che si sia addormentato il telefonista? O forse è andato al bagno? O a prendersi una bevanda fresca con il caldo che fa???!!! Chissà che non sarebbero stati meglio i segnali di fumo….
    Vergogna senza limiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su