Il grave rischio di una visione sociologica ed immanente… – di Mauro Faverzani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Mauro Faverzani

.

zzfvrzDopo il Vescovo di Anversa, mons. Johan Bonny, dichiaratosi a favore di un «riconoscimento formale» delle relazioni omosessuali e bisessuali, ecco una nuova stoccatina in vista del prossimo Sinodo con l’intervista rilasciata all’edizione on line del settimanale “ParisMatch” dal card. Oscar Andres Rodriguez Maradiaga, Arcivescovo di Tegucigalpa in Honduras. Maradiaga è considerato dagli osservatori come una sorta di “vice-papa”, benché protagonista di prese di posizione decisamente sopra le righe: ampiamente possibilista sulla questione dei Sacramenti ai divorziati risposati, anche a costo di schierarsi contro il card. Müller senza grossi patemi, è finito nell’occhio del ciclone dopo la denuncia levata dall’American Life League statunitense che, in un proprio dossier, ha dimostrato come la potente organizzazione da lui retta, la Caritas Internationalis, risulti nel consiglio del World Social Forum, impegnato nella promozione e nella tutela dei cosiddetti «diritti civili» e «sessuali» ovvero ideologia gender, rivendicazioni Lgbt, omosessismo spinto, liberalizzazione universale dell’aborto e delle varie tecnologie riproduttive, controllo globale delle nascite, marxismo, femminismo, ecologismo e dintorni.

Questa volta, per l’intervista al periodico francese, il card. Maradiaga ha scelto una linea più diplomatica, giocata sul “dico-non dico”. Dopo aver parlato del Pontefice, di povertà, di pace nel mondo, di riforma dello Ior e della Curia romana – in quanto coordinatore del cosiddetto C9 ovvero del gruppo di ciò incaricato –, ecco l’esplicita apertura al riconoscimento di uno Stato palestinese «con frontiere rispettate dagli israeliani». Per poi giungere all’“immancabile” passaggio sulle “nozze” gay. Non ne fa una questione di Dottrina, non oppone ad esse ragioni scritturistiche o magisteriali, ma nemmeno valutazioni “pastorali”. Si limita invece ad una fotografia sociologica: «si tratta di un tema ricorrente a livello internazionale – ha dichiarato –in quanto i politici di numerosi Paesi temono le lobby omosessuali, che rappresentano un peso reale dal punto di vista elettorale. La cosa più angosciante è che l’Onu, la cui prima vocazione dovrebbe essere quella di mantenere la pace e la sicurezza internazionale, sia oggi schierata a favore dell’aborto e del matrimonio gay». In realtà, vicende come quella – sopra citata – del Vescovo di Anversa dimostrano purtroppo come, ad inchinarsi a certe lobby, non siano soltanto gli uomini politici…

Poi ecco un altro passaggio “immancabile” per il “politically correct”, quello sul femminismo nella Chiesa. Anche qui Sua Eminenza non ha inteso evidentemente sbilanciarsi troppo, limitandosi ad auspicare una maggiore presenza delle donne – anche laiche – nei dicasteri vaticani, specie quelli riguardanti le questioni familiari, benché non a capo degli stessi, preferendole sempre più impegnate «negli organismi internazionali cattolici». Ma era chiaro come tale passaggio fosse per “Paris Match” soltanto la premessa, il pretesto per l’altro grande varco, che il modernismo cerca di aprirsi tra le Sacre Mura, quello relativo al matrimonio dei preti, cui il card. Maradiaga ribadisce una sostanziale chiusura, sia pure – e questo passaggio non è indifferente – per ragioni prettamente economiche e sociologiche, mai teologiche: «io non potrei mantenere 150 sacerdoti diocesani, se avessero famiglia», si limita a considerare nell’intervista. Motivazione piuttosto debole, deludente e, per certi versi, anche gretta, da sindacalista, tenendo conto di quanto ben più ricca, soddisfacente, fondata e completa sia quella data invece dal Codice di Diritto Canonico al can. 277 §1, laddove si legge che «i chierici sono tenuti all’obbligo di osservare la continenza perfetta e perpetua per il regno dei Cieli, perciò sono vincolati al celibato, che è un dono particolare di Dio mediante il quale i ministri sacri possono aderire più facilmente a Cristo con cuore indiviso e sono messi in grado di dedicarsi più liberamente al servizio di Dio e degli uomini».

Tra le righe si coglie una tendenza “al ribasso” serpeggiante nella Chiesa: livellare, appiattire tutto entro un’ottica meramente ed esclusivamente mondana, ridurre ogni questione al suo carattere immanente, cancellandone le motivazioni più vere e più piene ovvero quelle trascendenti, significa omologare la presenza ecclesiale, al più, alle finalità filantropiche d’una Ong qualsiasi, ciò da cui mise in guardia Benedetto XVI nell’enciclica Deus Caritas est: «Quanti operano nelle istituzioni caritative della Chiesa devono distinguersi per il fatto che non si limitano ad eseguire in modo abile la cosa conveniente al momento, ma si dedicano all’altro con le attenzioni suggerite» da quella che chiama la «formazione del cuore», frutto dell’«incontro con Dio in Cristo», affinché «susciti in loro l’amore ed apra il loro animo all’altro» (n. 31, a). Ma, evidentemente, v’è chi considera Benedetto XVI non più “di moda”…

.

fonte: Corrispondenza Romana

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

8 commenti su “Il grave rischio di una visione sociologica ed immanente… – di Mauro Faverzani”

  1. Il caro Papa Benedetto suggerisce che l’amore per l’altro nasce da un cuore formato dal frutto dell’incontro con Dio in Cristo.Ciò, infatti, suscita l’amore e apre l’animo all’altro.
    Nell’omelia di ieri a S.Marta trovo queste parole: “Come posso amare quello che non conosco?’; ‘Ama quelli che tu hai vicino’… questa è la dottrina di due Comandamenti: Il più importante è amare Dio, perché Lui è amore; ma il secondo è amare il prossimo, ma per arrivare al primo dobbiamo salire per gli scalini del secondo: cioè attraverso l’amore al prossimo arriviamo a conoscere Dio, che è amore. Soltanto amando ragionevolmente, ma amando, possiamo arrivare a questo amore…Per conoscere questo Dio che è amore dobbiamo salire per lo scalino dell’amore per il prossimo”.
    Ciò che sto per dire forse dipende dalla mia pochezza, ma mi pare di intravvedere una prospettiva completamente rovesciata: nel primo caso dalla conoscenza di Dio si passa all’amore del prossimo; nel secondo si va dal prossimo a Dio…dov’è dunque la verità?

    1. Cara Tonietta, è proprio così: si è rovesciata la strada. E in questo modo si va davvero fuori strada.
      Faccio solo un esempio molto semplice, terra terra. Mi sono accorta che nella mia vita familiare (da giovane con i genitori, più tardi con il marito in particolare) più sono unita a Dio più riesco ad accogliere l’altro. Se mi sintonizzo sulla prospettiva di Dio, cambia il modo di vedere l’altro, che riscopro creatura Sua e da Lui amata. Se Lui ama così tanto l’altro, al punto da dare la vita del Suo Figlio, come posso io non amarlo?
      Se invece si parte dall’uomo… si fa dura la strada. Tutt’al più si fa una bella compagnia, come ce ne sono tante in giro senza bisogno di essere cristiani.

  2. Acque agitate in mare in tempesta e la barca di Pietro rischia di affondare… Mentre tutti aspettano il nuovo sinodo, sono in troppi che, dibattuti tra valutazioni dogmatiche e riflessioni pastorali stanno studiando da papa.

  3. Normanno Malguti

    Stuperfacente?
    Non per il Vaticano che doveva ben sapere di che stoffa fosse questo prelato prima di crearlo Cardinale di SRC. Il c.d. Vescovo di Roma potrebbe benissimo rimuoverlo, come ha fatto con prelati che erano invece certamente pienamente ortodossi.
    Non l’ha fatto. Perché?

    Ma ora mi interessa domandare a R. C.di commentare l’ineludibile articolo del direttore di ‘Avvenire’ Tarquinio,che in 2a pagina del giornale della Conf. Episcopale Italiana, riportata ne “Il Giornale” di ieri l’altro, secondo cui Benedetto XVI, si sarebbe dimesso sotto le cogenti pressioni di gruppi di potere vaticani.

    Ora questa notizia, riportata anche da Antonio Socci nel suo blog, non può essere ignorata. Fra l’altro, se confermata, renderebbe nulle le dimissioni di Benedetto e inficerebbe alla radice l’ultimo conclave.

    Attendo con vivo interesse. Grazie

    1. Effettivamente l’articolo di Socci pone nella giusta evidenza questa notizia inquietante di “Avvenire”, che altrimenti passerebbe quasi in sordina sui giornali.
      Cosa che probabilmente accadrà comunque, grazie alla preponderanza mediatica dei tragici fatti di Parigi.
      Una simile notizia in ogni caso NON può essere ignorata per le sue gravissime implicazioni, e proprio perchè pubblicata sul quotiidiano della CEI.

  4. I card. più “spinti” (per non usare altre parole che…) sono Kasper e Maradiaga:
    OH, ma nessuno ha notato come si somigliano i card. Kasper e Maradiaga? sembrano fratelli, e ridono in egual maniera!

    1. Si assomigliano molto, è vero…ma fare una classifica dei cardinali più spinti credo che sia molto arduo: ad esempio il più omosessualista potrebbe essere Marx (seguito da vicino da Schönborn) e quello più a favore della pedofilia Dannels, ma forse molti non si sono ancora “svelati” del tutto…se poi si considerano anche i vescovi c’è veramente da mettersi le mani nei capelli!

  5. Siamo sicuri che costui e compagni suoi siano sacerdoti? Io direi di NO. Hanno rotto le scatole……….cribbio che rabbia! A proposito, tutti coloro che sono a capo di associazioni umanitarie hanno lo stesso taglio…..Nelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su