Il nuovo corso, ovvero “Muoia Sansone e tutti i filistei” – di Patrizia Fermani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

… alla latitanza della Chiesa istituzionale si accompagna da tempo quella del popolo. Di un intero popolo che, di fronte al nemico che avanza a marce forzate, non si dà troppa pena, non vuole vedere né sapere. E mentre qualcuno nega anche il pericolo quando l’esercito è già entrato in città, altri vedono la minaccia mortale e i soldati che sciamano indisturbati, ma vuole illudersi di avere una guida forte, capace di metterli in fuga… se non oggi, di certo domani o anche dopodomani, appena sbrigate altre faccende più urgenti. E non dubita neppure che, magari, con quel nemico sia già stata firmata una resa senza condizioni. Così ogni possibilità di difesa viene dissolta paradossalmente proprio in nome di una speranza senza oggetto.

 di Patrizia Fermani

.

elctrvtnmDa molto tempo Alessandro Gnocchi e Mario Palmaro hanno cercato di richiamare l’attenzione sullo scollamento di tanta parte della Chiesa, sempre più ansiosa di confondersi col mondo, dalla propria storia e dalla propria missione. Una Chiesa che non sembra più in grado di fornire alla società dei solidi canoni etici.

E’ vero che tale latitanza è risultata bilanciata almeno in parte dalla fermezza dottrinale dei pontefici. Soprattutto dall’intervento penetrante, inequivoco, costante, di Benedetto XVI che, impegnato per una intera vita a fornire agli uomini anche le ragioni della fede, ha continuato ad indicare a tutti con chiarezza come certi valori, una volta intaccati, avrebbero portato la rovina collettiva insieme alla perdizione individuale.

Tuttavia, ora che l’irrefragabilità dei principi etici è uscita dall’insegnamento papale ed è diventata una formula obsoleta, la Chiesa si occupa d’altro, quasi incurante del male in cui si consuma la società occidentale.

Mario Palmaro si è assunto ancora una volta il compito di denunciare questa micidiale latitanza, fattasi ora manifesta, con la famosa lettera a Cascioli sulla Bussola.

I passaggi del discorso sono semplici: c’è il pericolo imminente di annientamento di una società che ha perduto i fondamenti che le venivano dall’etica cristiana; maestra di vita cristiana è sempre stata la Chiesa, che però si è sottratta da tempo al proprio compito, fino a spogliarsene ora completamente. Gli unni sono alle porte, ma questa volta il Papa è altrove.

Palmaro ha lanciato un allarme ma ha anche avanzato una proposta. Siamo stati scaricati sull’isola e gli elicotteri sono ripartiti. Come organizzare la sopravvivenza dei miei figli e di quelli degli altri? Forse è possibile giocare un’ultima carta, l’unica perché gli elicotteri possano tornare e salvare questa generazione: non ci resta che richiamare con forza la Chiesa ad un compito che è parte integrante della sua missione evangelizzatrice, ad un dovere che essa ora tradisce, abbandonando i propri figli. Bisogna che tutti gli abitanti, anche quelli delle isole vicine, prendano coscienza del pericolo e finalmente si scuotano per protestare il proprio sgomento e la propria indignazione. E’ questa l’occasione per riorganizzare una lotta e per svegliare tante coscienze sopite, per tornare a sperare.

Dunque una chiamata alle armi, un appello all’onore della identità veramente cattolica, e all’orgoglio di chi intende combattere per la verità. Come spesso avviene nei momenti fatali della storia. Una chiamata alle armi per la salvezza di una società in procinto di essere annientata dalle forze del male, e per la quale la saldezza dottrinale della Chiesa, la proclamazione della legge fondamentale di Dio creatore, sono mezzo al fine. Un mezzo irrinunciabile e dovuto.

Il direttore si è mostrato sensibile alle preoccupazioni dell’autore ed ha aperto una discussione sotto il titolo emblematico “Il fumo di Satana”.

Molti hanno raccolto l’invito ad intervenire. Quasi tutti hanno ammesso di condividere quelle preoccupazioni, anche perchè è difficile non vedere, non sapere, non sentire che la terra già da tempo trema sotto i nostri piedi. Alcuni hanno riconosciuto la lontananza della Chiesa rispetto alla deriva etica della società, la sua fuga dalla realtà più minacciosa. Ma ai più è sembrato improprio vedere in questo delle responsabilità, altri le hanno riconosciute ma si sono rifiutati di trarne le conseguenze, altri ancora non hanno neppure affrontato il problema né colto il senso della proposta, e hanno parlato d’altro.

Ma conviene considerare in che modo le due questioni poste sul tappeto, quella della responsabilità della Chiesa nella crisi etica attuale e della necessità di insorgere richiamando la Chiesa alla propria missione, siano state sostanzialmente eluse fino ad essere neutralizzate.

Anzitutto è stata messa in sordina la gravità della situazione generale, come se questa, invece di essere il punto di partenza, sia un dato secondario e quasi scontato non meritevole di soverchia attenzione. Qualcuno l’ha ignorata del tutto e ha preferito dedicarsi ai massimi sistemi. Una volta scansato il problema della catastrofe che ci minaccia, anche quello della responsabilità della Chiesa, della sua omissione colpevole, diventa meno evidente. Se accantoniamo la causa del rimprovero, è facile dire che il rimprovero è fuori luogo, o comunque troppo severo. Perché se è pur vero che la Chiesa a volte ci sconcerta, ci delude, essa è guidata da Cristo e il Papa è infallibile. Stiamo in una botte di ferro. Se la giungla è scomoda è affare nostro, alla fine occorre spirito di adattamento e non c’è di che indignarsi.

Se il problema primo messo in campo è stato via via eluso fino a sparire, in generale il discorso si è andato concentrando sulla possibilità giuridica e teologica di una critica aperta, di una opposizione contro la Chiesa, oggi come in ogni tempo.

Alcuni hanno tagliato la testa al toro affermando categoricamente che l’etica non fa parte della evangelizzazione. Ci sono ragioni di competenza, scritturali e persino storiche. Ed è evidente che, se uccidiamo il toro, non c’è neppure motivo per fare la corrida. Non c’è nulla di cui la Chiesa possa essere rimproverata perché alla fine non c’è un dovere a cui è venuta meno. Chi sta nella giungla aspetti tempi migliori.

Di certo Palmaro, quando ha protestato contro l’inerzia della Chiesa, non ha pensato che la difesa di suo figlio dalla corruzione morale non rientrasse nel mansionario dei gesuiti, e tanto meno nella evangelizzazione. Lo ha dato per scontato perché ha letto il libro della Genesi, i dieci comandamenti, S. Paolo e i padri della Chiesa, che pure ora qualcuno vorrebbe ignorare. Ma soprattutto ha letto quella parte del Vangelo in cui si è scritto che chi scandalizza i piccoli deve legarsi una pietra al collo e gettarsi in mare. Senza sconti di misericordia pare di capire. Ma forse Palmaro non conosce la teologia sudamericana di Maradiaga, e non è al passo coi tempi.

Altri hanno a modo loro aggirato l’ostacolo della critica alla Chiesa e della protesta ricorrendo al principio indefettibile dell’obbedienza. Lo scudo dell’infallibilità era a portata di mano ed è stato imbracciato spavaldamente nonostante la fin troppo facile obiezione che l’infallibilità copre verità di fede che preesistono agli enunciati papali, e che con esse hanno a che fare di certo sia l’osservanza dei comandamenti sia la conseguente pratica pastorale volta a condurre il gregge sulla via tracciata da Dio creatore.

All’obbedienza ha fatto pure appello, paradossalmente, anche chi è consapevole di una realtà degenerata, riconosce le manchevolezze della Chiesa, riesce anche ad intravedere il collegamento causale tra le seconde e la prima, ma rifiuta categoricamente la possibilità di far valere il diritto di ribellarsi. Quasi che l’obbedienza non sia stata istituita a difesa della verità, ma sia un contenitore capace di adattarsi a qualunque contenuto. E con la contraddizione di sapere che una cosa è ingiusta, e decidere tranquillamente che debba essere avallata. Con buona pace di quanti continuano a pensare che l’obbedienza non deve giustificare l’esecuzione dell’ordine che si sa ingiusto.

Della possibilità di aspettare tempi migliori, senza darsi troppa pena, perché la speranza è comunque l’ultima a morire, è convinto chi, pur consapevole del pericolo imminente, delle responsabilità della Chiesa e del tradimento della dottrina, nutre la confortante certezza che la Provvidenza provvederà. Proprio come pensavano gli abitanti di Costantinopoli prima che le mura cadessero e lo sterco dei cavalli dell’Islam coprisse il sacrario di Haghia Sophia. E qui sovviene il vecchio detto popolare che vuole Dio propenso ad aiutare soltanto chi è disposto a metterci anche del suo.

Infine non manca chi, saltando a piè pari i dati di fatto, l’etica e la Sacra Scrittura, si appunta senza riserve sulla necessità di una adesione piena, cieca e appassionata al corso papale, quale che sia la sua direzione e le sue finalità. Qui lo strumentario dell’obbedienza viene utilizzato per cancellare ogni problema, ogni dubbio e ogni preoccupazione, perché l’unico orizzonte da abbracciare è quello della missione della Chiesa. Missione nella quale insieme a tante belle cose certamente non entra la conservazione dei principi etici fondamentali, ovvero la nostra sopravvivenza nella giungla hic et nunc.

Dunque alla fine, come si diceva all’inizio, la dotta discussione aperta sulla Bussola dalla famosa lettera di Palmaro pare aver imboccato una strada tutta sua, quella di una difesa di ufficio generica e immotivata di un nuovo corso della Chiesa di cui si stenta a vedere il luminoso esito finale. Insomma a cadere nel vuoto è stata proprio la proposta di Palmaro di giocare quell’ultima carta in una partita che sta per essere perduta rovinosamente. A riprova del fatto ormai evidente che alla latitanza della Chiesa istituzionale si accompagna da tempo quella del popolo. Di un intero popolo che, di fronte al nemico che avanza a marce forzate, non si dà troppa pena, non vuole vedere né sapere. E mentre qualcuno nega anche il pericolo quando l’esercito è già entrato in città, altri vedono la minaccia mortale e i soldati che sciamano indisturbati, ma vuole illudersi di avere una guida forte, capace di metterli in fuga… se non oggi, di certo domani o anche dopodomani, appena sbrigate altre faccende più urgenti. E non dubita neppure che, magari, con quel nemico sia già stata firmata una resa senza condizioni. Così ogni possibilità di difesa viene dissolta paradossalmente proprio in nome di una speranza senza oggetto.

Si sa che un pericolo concreto e già in atto possa essere sottovalutato o addirittura ignorato. La storia stessa ce ne offre esempi illustri, dalla caduta di Costantinopoli ai tanti ebrei che non hanno avvertito come plausibile il pericolo di una imminente deportazione. A quanti come noi non hanno creduto possibile che in paesi sedicenti civili Terri Schiavo o Eluana Englaro avrebbero potuto essere messe a morte, per arbitrio del potere, senza che nessuno fosse in grado di fermare le mani assassine.

Meno comprensibile è come sia possibile che chi pur dice di vedere e capire il pericolo, si spogli alla fine di ogni capacità critica e confidi in quanti il pericolo hanno contribuito a crearlo per inerzia e hanno in programma di non porvi alcun rimedio.

Così caro Mario, non ci resta che arrangiarci.. Magari costruire un riparo di fortuna per figli e nipoti, in attesa di essere raccolti da un ufo di passaggio, interessato a questi strani animali e alle loro curiose ideuzze. Da un qualche essere altrettanto strano, non ancora contaminato dalla civiltà del mondo che fu cristiano, quando i Maradiaga erano ancora di là da venire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

9 commenti su “Il nuovo corso, ovvero “Muoia Sansone e tutti i filistei” – di Patrizia Fermani”

  1. E meno male che a Maradiaga fu preferito J. Ratzinger … ma fu, a quanto è dato vedere, una vittoria di Pirro …
    E’ vero, cara Sig.ra Fermani, il cielo si aspetta che anche noi facciamo la nostra parte. Ma è anche vero che non si vedono in giro “generali” all’altezza della situazione. Tanti (relativamente parlando) ottimi soldati, ma non “IL” generale.
    Per fortuna (termine orribilmente improprio) la provvidenza, comunque si creda, non dorme affatto, e, per mano della Nostra Avvocata, che dall’epoca dei Lumi sta tracciando un disegno che si fa sempre più nitido man mano che ci si avvicina ai tempi critici (che un’anima genuinamente cristiana non può non cogliere come straordinariamente prossimi), ci guiderà di nuovo, non senza grandi sofferenze probabilmente, verso un mondo più giusto e più puro.
    Forse questo è veramente il piano di Dio. Forse è necessario ed inevitabile, per il nostro vero bene, ma che sia un bene frutto della consapevolezza e individualmente desiderato, e non deciso da altri nell’ambito della dialettica democratica. Il bene, i valori quelli veri, irrinunciabili perché fondanti della civiltà umana, sono infatti divenuti qualcosa di trasparente e sconosciuto ai più, di relativo (e non solo per chi non riconosce l’esistenza dell’Unica Verità), quasi più il risultato di un certo agire civile, o tutt’al più una convenzione (modificabile quindi) per il buon funzionamento della convivenza sociale, e non qualcosa che viene prima di tutto, prima di qualsiasi attività umana, proprio perchè specchio della stessa Realtà Divina.
    La situazione presente, probabilmente, è la sola via efficace per riacquistare consapevolmente questa conoscenza, senza la quale l’uomo è solo la più complessa forma di vita di questo straordinario pianeta, cosa grandissima certo, ma assai limitata rispetto al destino a cui siamo stati chiamati.

  2. mario bonelli

    Che angoscia nel cuore vedere rispecchiati i propri pensieri in queste righe!Da quando Papa Benedetto ci ha abbandonati mi sento molto più solo! Perchè se ne è andato?

  3. D’accordo come sempre con gli articoli di Riscossa Cristiana, e con i relativi commenti.
    Come quello odierno di Luigi, ma, come mi sembra di avervi già scritto, COSA POSSIAMO FARE????
    COSA DOBBIAMO FARE????
    Prego ogni sera Maria per l’umanità ormai nell’abisso (vi ricordate quando Papa G.P.II disse che siamo sull’orlo dell’abisso?), e per la
    Chiesa, sull’orlo, appunto, dell’abisso.
    Ma possiamo “solo” pregare?
    O dobbiamo anche agire?

  4. Patrizia Fermani

    Cara Signora Paola, i suoi interrogativi sono evidentemente anche i miei. Mario Palmaro ci dice di manifestare alto e forte questo sgomento, di non tacere, e questa mi sembra cosa alla portata di tutti. Quello che mi è sembrato necessario mettere in luce, è che nella discussione aperta sulla Bussola, nessuno o quasi si sia preso la briga di accogliere l’esortazione e, chi più chi meno, abbia aggirato l’ostacolo elegantemente. Questo mi sembra il male che ci affligge oltre a tutto il resto, il fatto che anche chi vede, si gira dall’altra parte pur di non esporsi. Socci, per fare un esempio,ha invece cominciato a parlare in modo inequivoco, e questo è un bene . grazie, Patrizia

    1. Socci, sì ha cominciato a scrivere in modo inequivoco, ma quando parla di futuri “affossatori” del papa, quella tendenza a giustificare e a fare l’avvocato difensore prendendosela magari con qualche illustre cardinale non di passaggio, ma con un bell’incarico appositamente affidato, quella tendenza ancora ce l’ha.

  5. A quanto pare il Signore ci lascia liberi , liberi di correre dietro alla maggioranza di chi uccide definitivamente Gesù Cristo, dopo 2000 anni nella Sua Chiesa ( o almeno ci prova ma in effetti il piccolo resto è piccolo veramente), è questo a deprimere perchè è sempre Gesù il condannato, e tutti a dire bravo al Barabba di oggi. Certo che Dio non vuole un amore con la gabbia e quindi la libertà di ancora ucciderLo ce la dà, ma la distruzione della Gerusalemme attuale pende sulle nostre teste….eppure il piccolo resto lotta fino alla fine, fino martirio, al Suo seguito.

  6. L’invito di Palmaro ad una reazione è sacrosanto. Ma come fare? Non lo fanno i vescovi, non lo fanno i movimenti ne i parroci. L’Azione Cattolica si occupa di altro. Cosa vuoi aspettarti dalle parrocchie dove si vende “Famiglia Cristiana”? Non vedo cosa possa fare il singolo fedele, magari anziano come il sottoscritto.

  7. Palmaro e Gnocchi, sono eroi e martiri su un piano culturale e intellettuale. Hanno avuto il coraggio di dare voce, in stile ineccepibile e minuziosamente argomentato ad una “realtà oggettiva” tremenda e tragica. L’azzeccatissima definizione di “magisteri paralleli” propugnati da cattivi maestri, era normale fino al 11 febbraio 2013. C’erano visibili, chiari, identificabili. Nomi e cognomi persone, istituzioni e movimenti. La mappa della sposa di Cristo era macchiata dal peccato ma in modo splendido guidato dal SOMMO PONTEFICE garanzia di roccia e di sicura fede e speranza, nella carità che solo nella verità può essere tale. Dal 13 Marzo, non è più cosi. Molti lo vedono lo vivono lo sentono come una profonda ferita che non sembra si possa rimarginare. Due professori, giornalisti, scrittori conferenzieri, con intelligenze finissime e grande preparazione sia teologica che filosofica, hanno detto che occorre almeno poterne parlare. Nella sofferenza di chi pochi anni prima ha scritto un bellissimo libro dal titolo W IL PAPA…

  8. Perdonate l’ardire, ma perché (tanto per cominciare), qualcuno che ci sa fare, con l’appoggio di siti importanti come sarebbero per es. “La Nuova Bussola” o “Riscossa Cristiana”, non lancia una petizione indirizzata alla Presidenza della Conferenza Episcopale o al Prefetto della Congregazione delle Fede o allo stesso Papa attuale, nelle quale petizione siano enumerati tutti questi nodi dottrinali e morali che ci angustiano, per invocare chiarezza e verità che venga pubblicizzata e spiegata per un congruo tempo allo scopo di raccogliere più sottoscrizioni possibili? Per lo meno un risultato lo otterremmo di certo: vedremmo in quanti siamo ad avere queste idee!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su