Il piccolo Omran e quella verità nascosta, che dovrebbe indignarvi  –  di Marcello Foa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Marcello Foa

.

z.f0Vi siete commossi per il piccolo Omran salvato dalle macerie di Aleppo? Certo che sì, ci siamo commossi tutti. Però la storia andrebbe contestualizzata, cosa che quasi nessuno ha fatto.

Non mi riferisco tanto alla possibilità che l’immagine sia stata costruita ovvero che si sia trattata di una “photo opportunity”, ovvero di una sequenza in apparenza spontanea in realtà costruita ad arte, evocata da alcuni blogger. Che sia autentica o ritoccata è stata usata per una campagna di propaganda tipica dello spin, con la speranza di suscitare un’altra ondata emotiva e in seconda battuta politica, analoga a quella provocata da un’altra fotografia celebre, quella del piccolo Aylan sulle spiagge turca. Quegli scatti indussero la Germania ad aprire le frontiere, rendendo moralmente accettabile il flusso di migranti verso l’Europa, flusso che oggi è diventato incontrollabile, dimostrando quanto improvvida fu la decisione di Frau Merkel.

Ecco perché anche oggi bisognerebbe evitare di non limitarsi all’emotività e di capire bene quale sia la vera posta in gioco.

In estrema sintesi l’equazione che viene proposta dai media e dai politici mainstream è la seguente: i russi e Assad hanno bombardato Aleppo, colpendo dei bimbi innocenti come Omran. L’Occidente non può rimanere insensibile e deve intervenire in difesa della popolazione civile e in difesa dei ribelli islamici che combattono contro Assad e che – badate bene – non sono dell’Isis ma sono moderati e nostri amici.

Non è un caso che negli Stati Uniti voci autorevoli invochino proprio in queste ore un intervento della Nato in Siria.

Moderati? Amici?

Siamo sicuri?

Il sito Information Clearing House ha ricostruito chi è davvero l’eroico fotografo che ha scattato l’immagine di Omran nell’ambulanza. Si chiama Mahmoud Raslan e non è propriamente un novello Gandhi. Sulla sua pagina Facebook ha postato più volte commenti inneggianti al martirio dei kamikaze islamici e alla Guerra e appare più volte con la bandana tipica del jihadista. Ma soprattutto appare in un  selfie con due membri di un commando del gruppo militanti “Zenkie” e protagonista di un episodio orribile.

.

z.f1

Il fotografo di Omran con i guerriglieri del commando che hanno sgozzato un bimbo di 12 anni

.

Trattasi dell’arresto, sempre ad Aleppo, di un bambino palestinese di 12 anni. Guardatelo nella foto: smagrito, ha l’aria smarrita, è figlio di una famiglia di profughi. Gli operatori umanitari e persino gli altri gruppi presenti ad Aleppo hanno negato che si trattasse di un terrorista, di un baby, molto baby terrorista. Verosimilmente ha avuto solo la sfortuna di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato.

Ma i militanti di Zenkie non hanno voluto sentir ragioni. Lo hanno preso, caricato su un pick-up attorniato da un gruppo di militari esaltati, giubilanti per aver catturato un “nemico”. Di dodici anni. Tra di loro due persone. Sono le stesse due persone che appaiono anche in un selfie con un raggiante Raslan.

.

z.f2

Il bambino di 12 anni sgozzato e decapitato ad Aleppo

.

Potrei mostrarvi il video di quel che accade dopo, ma non ne ho il coraggio. Quelle immagini hanno anche shoccato anche me.

I guerriglieri hanno fermato il pick up in una strada, hanno legato le mani del povero bambino dietro la schiena, lo hanno sdraiato a pancia in giù. Un giovane si è avvicinato con un coltello, gli ha alzato la testa, sgozzandolo e poi decapitandolo.

Ecco, questi sono i ribelli moderati per cui la Nato dovrebbe mobilitarsi.

Ecco, questi sono gli episodi che dovrebbero indignare l’Occidente, ben più della commovente foto di Omran, ma scommetto che pochi di voi ne erano al corrente. Eppure l’esecuzione è avvenuta il 25 luglio, nemmeno un mese fa.

.

fonte: Il Giornale 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

5 commenti su “Il piccolo Omran e quella verità nascosta, che dovrebbe indignarvi  –  di Marcello Foa”

  1. I media mainstream hanno iniziato alcuni giorni fa un intenso e improvviso martellamento con Aleppo:non c’è voluto molto a sentire una gran puzza di bruciato. Si stava infatti preparando l’opinione pubblica a ciò che chiaramente e limpidamente espone nel suo articolo Marcello Foa. Oramai, se nella zucca della gente è rimasta una minima parte pensante, in queste trappole e giochetti non dovrebbe cadere più nessuno; ma non è così perché lo sbandamento e la superficialità regnano ovunque e si beve tutto, si trangugia tutto. E se per caso c’è qualcuno un po’ più attento, purtroppo in questo mare tempestoso è come il naufrago manzoniano: con l’onda “che si avvolve e pesa”, misero “a scernere prode remote invan”.
    Non resta che aggrapparci alla speranza, e alla fede soprattutto. Invochiamo la Madonna, il rifugio dei peccatori e preghiamo insistentemente l’Eterno Padre perché per la dolorosa Passione di Suo Figlio, abbia misericordia di noi e del mondo intero.

    1. Cara Tonietta, quando sui TG girano certe foto, si capisce subito che stanno usando il “pietismo” per irretire allocchi. E’ la vecchia strategia del consenso (devo inventare una scusa per fare digerire una certa scelta politica), ma utilizzata nel moderno mondo di inebetiti e ignoranti nazionali (dopo averli resi tali a suon di TV spazzatura, programmi scolastici vigorosamente alleggeriti, talk show manipolatori, etc…). Ora basta una fotarella……. e due smoinate di contorno.

  2. Grazie dr. Foa, mi ha chiarito un pò le idee…
    C’è grande confusione e chi non (come me) studioso della questione, fa presto a far confusione,a non capire da che parte sta il bene o il male.

  3. Bravissimo Marcello Foa a fare chiarezza sugli shock emotivi che i nobili comunicatori islamici al soldo della loro follia e ciò che è peggio, dell’alta, sporca, dirigenza degli Stati Uniti d’America, proietta agli ingenui di tutto il mondo per conseguire le mene politiche della sinistra americana.
    Ma noi spettatori ci sentiamo impotenti di fronte a Tanta impudenza, tanto cinismo, tanto satanico disegno.
    Veramente soltanto il Signore, se non lo avremo del tutto demeritato, può venire efficacemente in soccorso della ormai sparuta armata di coloro che non vogliono abdicare al dovere di difendere sino in fondo la verità

  4. L’America è braccio armato decerebrato dell’onnipotente (in questo mondo) ed antico cervello massonico-giudaico, a sua volta alle dipendenze dell’omicida, del menzognero, del nemico ab origine. Così, essendo la sua influenza potente ma indiretta, nascosta, dissimulata, nessuno vede il nesso fra satana e l’esportazione della democrazia, le “libertà occidentali”, la frociocrazia furente e guerriera che tutto offusca e tutto incendia, anche Paesi prima opulenti e pacifici del medio oriente e nord Africa. Fino a spingersi ai confini della Russia, ultimo baluardo cristiano e virile, e minacciare una guerra che sarebbe letteralmente la fine del mondo.
    Bambini morti o feriti messi in bella posa “smuovono le coscienze” degli obnubilati europei e sono grimaldello per l’invasione, ormai incontrollata. Ho visto migliaia di giovani e giovanissimi sui gommoni e mi sono chiesto quanti fra loro si faranno saltare per aria nei centri commerciali, per strada, in chiesa. Vicino ai nostri figli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su