IL PRIMATO DELLA DIVINA MISERICORDIA – di P.Giovanni Cavalcoli, OP

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di P. Giovanni Cavalcoli, OP

 

Da alcuni decenni nelle omelie della S.Messa, nella predicazione corrente, nei discorsi dei vescovi e del Papa, nella pubblicistica cattolica, è un continuo parlare delladivina misericordia”. Se ne parla, certo, a volte, con proprietà ed in modo utile od opportuno, ma più spesso questo tema della misericordia, ripetuto continuamente in ogni occasione, è diventato noioso, stucchevole e quasi ossessivo. Anche perché capita che questo attributo divino, separato o addirittura in contrasto con gli altri attributi, a volte fraintesi, non venga inteso bene e susciti reazioni controproducenti o favorisca il lassismo morale.

Reazioni controproducenti, in quanto ci si domanda: ma se Dio è misericordioso, perché tante disgrazie, tanti lutti, tante sofferenze, tante ingiustizie? Lassismo morale, in quanto ci si è fatta da molte parti lidea che Dio, essendo misericordioso, non castiga mai ma perdona sempre, anche se non si è pentiti, e salva tutti. Da qui la convinzione di poter continuare a peccare liberamente, senza darsi alle buone opere, essendo sufficiente, secondo costoro, che basticredereche si giungerà alla salvezza. Un Dio che castiga, sarebbe un dio crudele e vendicativo, un dio pagano, non cristiano. Tuttal più potrebbe essere il Dio dellAntico Testamento, ma non certo quello del Nuovo.

misericordiaOra è inutile, anzi è dannoso, parlare continuamente dimisericordia”, se la si intende a questo modo. La misericordia, come insegna S.Tommaso dAquino, è il più grande degli attributi operativi divini, è quello che mostra maggiormente la sua divinità. Per questo, per luomo lessere misericordioso, è il modo migliore per imitare la santità di Dio. Per questo il Salmista dice: “Beato luomo che pensa al debole e al povero: nel giorno del male il Signore lo libera, lo custodisce, lo fa vivere, lo rende beato sulla terra e non lo consegna nelle mani dei suoi nemici” (Sal 41,2).

Infatti la divina misericordia suppone linfinita sapienza divina che la progetta, linfinito amore (“Dio è Amore”), e linfinita bontà che donano liberamente, gratuitamente e generosamente, un cuore infinitamente compassionevole, che comprende a fondo la sofferenza e la situazione di miseria della creatura, lonnipotenza creatrice, che dal nulla suscita il rimedio, la guarigione, la liberazione, il perdono, la salvezza, la beatitudine per lamata creatura.

Certamente in noi la misericordia comporta uno stato emotivo, una capacità di commuoversi e, come dice Paolo, disoffrire con chi soffre”, che suppone un soggetto dotato di una sensibilità fisica come siamo noi, e che in Dio, come fa notare S.Tommaso, purissimo Spirito, è impensabile, se non vogliamo farne un dio pagano alla maniera di un Dioniso. Il che non toglie che Dio, senza bisogno di soffrire Egli stesso, non sappia benissimo ed infinitamente meglio di noi, col suo intelletto, che cosa è la sofferenza, e ciò basta perché Dio sappia poi che cosa deve fare per alleviare o togliere la nostra sofferenza o togliere la colpa del peccato.

Pensare che Dio debba soffrire per poter capire e togliere la sofferenza sarebbe un pocome se pensassimo che un medico, per poter guarire da una malattia, dovesse essere a sua volta affetto da quella malattia. So bene che già i Padri della chiesa parlano di sofferenza di Dio, ma ciò non va inteso in riferimento alla natura divina, bensì soltanto allumanità di Cristo secondo la modalità espressive dellacomunicazione degli idiomi” (communicatio idiomatum).

La misericordia, da un punto di vista umano, è il sentimento di chiunque abbia un minimo di buon cuore, anche se non cristiano o noncredente. Pensiamo alla famosa parabola del buon samaritano. Ma la misericordia divina ha per così dire unadivina inventiva”, è una potenza di guarigione e di salvezza infinitamente superiore alle semplici forze della più eroica misericordia umana.

Euna misericordia che salva dalla miseria umanamente irreparabile del peccato originale e dei nostri stessi peccati personali. Infatti per la Bibbia il peccato (mortale) è un danno talmente grave che facciamo a noi stessi, che da soli ad esso non sappiamo riparare o rimediare. Ein certo senso, in quanto offesa a Dio infinito, un male infinito (anche se propriamente un male infinito non esiste), benchè latto col quale compiamo il peccato, in quanto atto di noi che siamo finiti, sia un atto finito. Ma le conseguenze penali sono in certo modo infinite, in quanto il castigo del peccato mortale è la pena eterna dellinferno.

Per questo, per la Bibbia solo la misericordia divina può rimettere il peccato, perché, sempre secondo la Scrittura, il peccato comporta unamortedellanima e noi non possiamo evidentemente risorgere da morte da soli, una volta che siamo morti. Solo Dio creatore ed onnipotente, Dio della vita, può quindi farci risorgere da morte e ridonarci quella vita di grazia che abbiamo perduto col peccato. Ma a patto che siamo pentiti, almeno per quanto riguarda gli adulti. I bambini che non hanno colpe personali sono evidentemente dispensati da questa conditio sine qua non e non per questo non possono essere anche loro oggetto della divina misericordia(1).

E del resto sta sempre alla sua misericordia suscitare nel nostro cuore il pentimento e il desiderio di tornare al quel Padre buono che abbiamo offeso. Noi però dobbiamo liberamente e volontariamente corrispondere a queste ispirazioni e a questi impulsi divini, perché ove non lo facessimo, frustreremmo la misericordia divina e ad essa si sostituirebbe nei nostri confronti la severità della sua giustizia che può giungere, se non ci convertiamo, alla pena eterna dellinferno o almeno, se moriamo in grazia ma non purificati, alla pena temporanea del purgatorio.

E giungiamo così ad un concetto teologico importantissimo, oggi purtroppo dimenticato, frainteso o disprezzato, che è quello della giustizia divina, la quale, in quanto possa apparire in contrasto con la misericordia, in realtà, bene intesa, va indissolubilmente associata allattributo della misericordia, proprio al fine di sapere veramente che cosa è la misericordia e che cosa è la giustizia. La Bibbia afferma questa congiunzione a chiarissime lettere, ad esempio, con queste parole: “presso di lui ci sono misericordia ed ira” (Sir 5,6).

Lidea della misericordia divina può esser raggiunta da una semplice teologia naturale o comunque non cristiana. Infatti, anche il Dio dellAntico Testamento e del Corano, anche Brahman è un Dio clemente, pietoso e misericordioso, che fa grazia e perdona. Invece lidea cristiana e già biblica della divina misericordia, come ho detto, rivela delle risorse in Dio, che sarebbero assolutamente impensabili per una semplice teologia razionale.

Viceversa, lattributo della giustizia non dovrebbe esser difficile da capire per la semplice ragione, se oggi non fosse così scarso il senso religioso, anche in ambienti cattolici infetti dal protestantesimo, che non si riesce più a concepire un Dio giusto che non sia cattivo e crudele, per cui, in nome del Diobuonoemisericordioso”, si respinge il Dio giusto che castiga.

Proviamo allora a definire che cosa è veramente lagiustizia divina punitrice”. Essa, a differenza della misericordia, che è un potere proveniente da Dio e, nella sua infinità, propria solo di Dio e caratterizzante, come ho detto, la sua infinita bontà, è una virtù divina che non si definisce in relazione a Dio ma in relazione alla condotta delluomo. Proviamo a chiarire questo enunciato, del quale oggi non si fa parola, motivo per cui nascono gli equivoci e i fraintendimenti che portano a respingere come anticristiana lidea della giustizia punitrice.

Innanzitutto è fuor di dubbio che la Scrittura si esprime in maniera antropomorficaper farci capire, ma purtroppo sono a volte proprio gli antropomorfismi che ci portano fuori stradacome se Dio fosse un giudice o un padreoffesoeadiratoper il peccato, per cui eglimanda i castighicontro i peccatori ribelli e impenitenti, un pocome Giove che manda dal cielo fulmini e saette.

Ma la stessa Bibbia in altri passi chiarisce che in realtà il cosiddetto castigo è una giusta pena, sino alla stessa morte, che il peccatore si tira necessariamente addosso con la sua colpa, senza che Dio, per così dire, “muova un dito”, per cui egli non risponde affatto non solo del peccatocosa blasfemama anche del male di pena, cosa che si può appena concepire in maniera metaforica, magari per far capire ai ragazzi del catechismo qualcosa della giustizia divina paragonando Dio al papà sdegnato per la marachella del figlio.

Unaltra cosa importante riguardo alla misericordia divina è la sua gratuità e il fatto che essa è frutto di un liberrimo atto dellarbitrio divino, da cui il detto biblico che oggi scandalizza molti teologicamente impreparati: “Farò misericordia a chi vorrò far misericordia” (Es 33,19). Ciò vuol dire che, benchè la misericordia divina potenzialmente sia infinita, di fatto, considerando il destino dei singoli uomini, essa, per quanto grande, ha sempre una misura o, in forza della giustizia divina, può anche mancare del tutto.

In altre parolee qui so di toccare una specie di tabù della teologia e della pastorale di oggiil funzionamento concreto della divina misericordia è connesso con quella che tradizionalmente, riprendendo il linguaggio di S.Paolo e del Concilio di Trento, si chiama il mistero della predestinazione(2) o dellelezione divina(3) di coloro che giungono, appunto per misericordia, alla salvezza. Questo tema è stato accantonato in concomitanzae la cosa si comprendealla falsa convinzione oggi diffusa dai rahneriani (“cristianesimo anonimo”), secondo la quale tutti ci salviamo. Se le cose dovessero stare così, è evidente che la tesi della predestinazione, la quale prevede che non tutti si salvano, perde il suo senso. Invece, secondo la fede della Chiesa, sappiamo che non tutti si salvano, per cui la dottrina della predestinazione, che per lunghi secoli è stata fede comunque nel popolo di Dio, devessere di nuovo insegnata, perché possiamo avere unidea ortodossa della congiunzione della misericordia con la giustizia.

Ho detto che la giustizia divina si definisce in rapporto a noi. Che vuol dire? Non certo che noi dobbiamo insegnare a Dio ciò che è giusto. Qui mi riferisco non alla giustizia divina in generale che, al limite, come aveva inteso bene Lutero nel passo di Rm 3,21, coincide con la stessa misericordia. Questagiustiziaè infatti la misericordia che giustifica il peccatore, perdonando il suo peccato e concedendogli la grazia.

Mi riferisco invece a quella che la tradizione teologica chiama giustizia punitrice, la quale, come ho detto, non consiste in un atto positivo sorgente di pena proveniente da Dio, per cui lo stesso concetto diira divinachiaramente è metaforico come quello dicompassione”, in quanto è evidente che luna e laltra cosacome insegna San Tommasosuppongono un mondo di passioni, che come ho detto, in Dio purissimo Spirito è assolutamente impensabile. Per cui anche la cosiddetta ira divina non significa altro che il castigo che luomo stesso si tira addosso con le sue mani commettendo il peccato. Un pocome se dicessimo che la cirrosi epatica è ilcastigodi una persona che volontariamente non si modera nel bere vino.

Unultima considerazione molto importante, legata a quanto ho appena detto. E qui possiamo allargare il discorso anche a livello di teologia naturale. Prendiamo infatti adesso in considerazione non solo lopera della redenzione ma anche quella della creazione. Dobbiamo ricordare a questo riguardo, come insegna la nostra fede, che luna e laltra opera sono effetto della liberissima volontà divina, come a dire che Dio, se avesse voluto, avrebbe potuto anche non creare il mondo, e a maggior ragione lopera stessa della redenzione, e non per questo a Lui sarebbe mancato alcunchè della sua divinità, dato che lessenza divina è la totalità di ogni perfezione.

Questa considerazione ci fa capire che cosa è esattamente la divina misericordia, ossia come ho detto, essa è leffetto di un atto totalmente libero da parte di Dio. Il che è come dire che, a rigore di giustizia, come osserva San Tommaso, Dio, dopo il peccato originale, avrebbe potuto lasciare i progenitori e lintera umanità nello stato di miseria che si erano meritati. Senonchè è stato sommamente conveniente che Dio abbia avuto pietà di noi, in forza della sua infinita bontà donandoci il divino Redentore.

Dal che noi comprendiamo quanto è sbagliata una certa dottrina della creazione e della redenzione che presentano questi atti divini non come effetto di una libera scelta divina, ma come proprietà della stessa natura divina, e quindi come qualcosa di necessario perché Dio sia Dio. Lespressione estrema di questa visione monistica e panteista, come si sa, è il pensiero di Hegel. Ma purtroppo qualcosa del genere sembra presente o quanto meno presupposto anche nel famoso assioma (Grundaxiom) rahneriano secondo il qualela Trinità immanente” (= ossia la Trinità in Se Stessa) “è la Trinità economica” (= ossia la Trinità che mette in atto lopera della salvezza).

Ora bisogna osservare che se Rahner intende dire che la Trinità in Se Stessa è quella stessa che ha operato la salvezza, il discorso va bene; ma purtroppo sembra di poter riscontrare in questo assioma una punta di hegelismo per il fatto che lassioma sembra anche identificare la Trinità in Se Stessa con la Trinità salvatrice, il che evidentemente verrebbe a negare la libertà dellopera divina della salvezza e verrebbe a concepire la creazione e la redenzione come un elemento intrinseco alla stessa divinità.

Purtroppo una conferma preoccupante di questa impostazione hegeliana è data dalla ben nota dottrina rahneriana secondo la quale tutti si salvano, una dottrina che ben si può collegare appunto con questa concezione di un dio che non è Dio se non in quanto opera la salvezza.

In base a queste considerazione dovrebbe apparire chiaro il primato della misericordia divina sulla giustizia, per il fatto che Dio non lascia luomo nella miseria giustamente conseguente al peccato, ma appunto, per la sua pietà e la sua misericordia, gli dona Gesù Cristo Redentore, il quale col suo sacrificio compie quellopera di giustizia che consiste nella espiazione del peccato e quindi ottiene dal Padre misericordia per i peccatori. Inoltre con Cristo, allopera della misericordia che toglie il peccato, si aggiunge quella gratuita, imprevedibile, stupenda ed infinita benignità divina, la quale concede alluomo sempre in Cristo la grazia, ossia la condizione della figliolanza divina, quella che i Padri greci hanno chiamato ladivinizzazione”.


Bologna, 21 ottobre 2011

 

 

NOTE

1) Cf per es. quanto dice il Catechismo della Chiesa cattolica (n.1261) a proposito dei bambini morti senza il Battesimo.

2) Questo tema complesso, delicato ma importantissimo da troppo tempo dimenticato, è ricordato con dovizia di argomenti e persuasività di esposizione dal Servo Dio il teologo domenicano Padre Tomas Tyn (1950-1990) in molte sue opere e corsi scolastici. Cf i suoi siti: www.studiodomenicano.com (cliccare sullimmagine) e www.arpato.org .

3) Notiamo per esempio che nel canone romano ad un certo punto il celebrante chiede a Dio per e per i fedeli presenti di poter essere annoverati nel numero deglieletti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su