“Il sacramento del diavolo”, di Don Marcello Stanzione e Carlo Di Pietro, un libro per capire e combattere le perversioni dell’omosessualismo – di Giovanni Zenone

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

La medicina per curare la peste sodomitica, vero e proprio sa­cramento del diavolo, è sì la Divina Misericordia, che è però in­nanzitutto chiarezza dottrinale per non rischiare di lasciare i pec­catori nella morte del peccato con dottrine ambigue quando non false.

di Giovanni Zenone

 .

cop sacramento del diavoloL’editrice Fede e Cultura di Verona ha pubblicato un testo sull’omosessualismo, la sodomia e il Cattolicesimo opera di don Marcello Stanzione e Carlo Di Pietro intitolata “Il sacramento del diavolo”.

Quando ero ragazzino, ricordo che un sacerdote in prima linea nella lotta alla piaga degli stupefacenti e nel recupero dei tossico­dipendenti definì la droga sacramento del diavolo. Furono parole molto forti che mi colpirono e che – insieme al sano terrore di avere a che fare con la droga indottomi dai genitori – mi tennero lontano da esperienze sbagliate e da vie senza ritorno. La prima volta che vidi fisicamente la droga ero insegnante, e mi trovavo in gita scolastica. Capii che alcuni miei studenti avevano quella spaz­zatura e la requisii, con il bel risultato di essere incolpato dai col­leghi “per aver violato la privacy dei ragazzi”. Al ritorno dalla gita consegnai al preside il pezzetto di hashish e non seppi che fine poi fece. Nessun provvedimento disciplinare fu applicato a quei pove­ri sciagurati. Questa è la scuola italiana!

Di acqua ne è passata sotto i ponti e la dissoluzione ha preso dimensioni e profondità sempre maggiori. Oggi che la droga sta per diventare un diritto civile fondamentale per legge, grazie all’abile lavoro di decenni dei radicali e a complicità di ogni parte politica, la nuova frontiera della putrefazione sociale e morale – in realtà ormai lasciata alle spalle – riguarda l’essere umano nella sua dimensione più intima. La rivoluzione attiene la sessualità che è diventata transeunte, opinabile, modificabile, inventabile a proprio capriccio. Noi cristiani sappiamo quale sia la causa e il fi­ne di questa rivoluzione che si riempie la bocca di grandi ideali di tolleranza per creare però generazioni di disadattati, infelici, de­pressi, suicidi e forse poi di dannati. Il progetto di questo abominio è nel profondo dell’inferno, laddove si complotta da prima della creazione del mondo per spodestare il Cielo.

Poiché tuttavia il Cie­lo non può essere spodestato, al cornuto e ai suoi maledetti se­guaci non resta che accanirsi contro l’immagine di Dio sulla terra, cioè l’uomo. La teologia tradizionale definisce il demonio come scimmia Dei, la scimmia di Dio, colui che scimmiotta Dio senza tut­tavia poterlo eguagliare, ma riuscendo solo ridicolo. Non potendo competere in altezza con Dio, si dedica alla bassezza. L’inversione diventa così la cifra di satana che oggi vediamo trionfante. Gli in­vertiti sono portati in palmo di mano e diventano fanatici e vio­lenti persecutori dei sani, il male diventa prima un diritto (droga, aborto, omosessualità, transessualità, pedofilia, perversioni) poi un dovere (divieto dell’obiezione di coscienza per medici e docenti, di­vieto di esprimere quale sia il progetto di Dio in accordo con la Bibbia, carcere per i disobbedienti, rieducazione, come già avvie­ne nei Paesi più avanzati dell’Europa e come si progetta di fare, con il disegno di legge Scalfarotto in Italia). Il peccato diventa vir­tù e la virtù diventa peccato. In quest’ottica la pratica omosessua­le – in particolare quella maschile che è la più diffusa – è quasi diventata la condizione del successo mondano.

Non si può tuttavia comprendere appieno perché l’asse portan­te della rivoluzione si sia spostato dall’economia al sesso, in parti­colare quello invertito, se non si fa una lettura teologica della sua pratica. Capisco che solo pensare agli atti sodomitici ingeneri schifo nelle persone sane, ma lo studio presente in questo libro deve andare a fondo col bisturi anche nel peggio per trovare una via di salvezza da questa corruzione.

Ogni atto umano ha un significato, e in particolare lo hanno gli atti che riguardano la sfera più intima. L’atto coniugale è un Sa­cramento all’interno del Matrimonio, e lo è, in grado minore, an­che su un piano naturale (in teologia tradizionale si parla di Ma­trimonio naturale, che ha i suoi doveri e diritti in modo analogo anche se non perfettamente coincidente con il Matrimonio come Sacramento). Questo Sacramento parla dell’unione sponsale di Cristo e la Chiesa e della sua costante apertura alla Vita, sia natu­rale che soprannaturale, con la generazione e rigenerazione di nuovi figli di Dio. L’unione di Cristo alla Chiesa è sempre feconda, genera figli, non è mai fine a se stessa. Così – come insegna l’Enciclica Humanae Vitae – l’uomo non può e non deve spezzare quel legame che c’è fra dimensione unitiva e procreativa insite nella copula. Quest’unione inscindibile, come inscindibile è il le­game matrimoniale, rende vivo e gioioso il rapporto d’amore, lo arricchisce, lo fa sempre nuovo e latore di grandi beni per gli sposi e per la società. La spaccatura di quest’unione produce morte, corruzione, putrefazione. Perché la morte è lo spezzarsi dei legami.

Tutta questa visione positiva e vitale dell’amore coniugale vie­ne invertita nel processo storico di satanizzazione del mondo che cerca di scimmiottare la cristificazione o deificazione dell’umanità del progetto redentivo. L’unione vitale e feconda diventa congiun­gimento artificiale e sterile. Non è vera unione, ma solo sordido congiungimento nel quale non c’è comunione. Non c’è infatti rap­porto vis a vis nell’atto sodomitico, ma un uso more ferino dell’altro. Non c’è parità e complementarietà. L’altro è solo uno strumento di piacere come potrebbe esserlo – e lo diventa – chiunque o qualunque cosa o animale siano capaci di dar piacere. Ma non è questo il peggio. Il peggio è il senso teologico e metafisi­co, oltre che psicologico dell’atto sodomitico.

Mentre l’atto coniugale è unione sacra, l’atto naturale che è più vicino, sul piano naturale, al divino, perché in esso l’uomo è po­tenzialmente procreatore e lo è nell’atto dell’amore, nell’atto so­domitico la gestualità è e significa la massima profanazione di quanto ci sia di più sacro, cioè dello sperma che unendosi all’ovulo genera vita umana. Lo sperma procreatore viene inietta­to e unito alle feci, alla deiezione, alla materia impura per defini­zione. L’inizio della vita, ciò che è prezioso e santo, è unito forzo­samente a ciò che è lo scarto della vita, all’impuro, al repellente. L’atto unitivo diventa così atto disgiuntivo, passando da datore di vita a datore di morte, da santo a profanatore, da bello a schifoso, da pulito a sporco, da divino a satanico. La simbologia qui è dav­vero para-sacramentale, e da qui il titolo di questo libro.

Si capi­sce quindi perché la sodomia è il vero e proprio sacramento inver­tito del diavolo, la celebrazione della falsa vittoria del male sul bene, dell’uso strumentale sull’amore.

Ora si capisce quindi perché, in un crescendo spasmodico e forsennato, l’ideologia omosessuale voglia imporsi con la violenza al modo intero, perché le sette che governano il modo esigano nei propri riti la sodomia, che non disdegna le più orripilanti degene­razioni con uomini, donne, bambini, oggetti e animali, ma che sempre preferisce la sodomia maschile perché è quella che realiz­za più in pienezza simbolicamente l’inversione come criterio di rigenerazione, o meglio, di degenerazione del mondo. Nell’atto sodomitico l’uomo distrugge la vita, distrugge l’atto con quale ha ricevuto la vita, nega la dimensione femminile, la umilia ponen­dola su di un piano inferiore alle feci, compie un gesto nel quale cerca simbolicamente, anche se inconsapevolmente, di suicidarsi, di negare cioè la fonte vitale da cui egli stesso proviene.

Finché non si capisce questo che potremmo definire “teologia dell’omosessualità” si rischierà di lasciarsi ingannare dalla mar­tellante ideologia di genere che ha contaminato anche parte di uomini di Chiesa. Non solo perché nella Chiesa c’è operante una lobby gay, ma soprat­tutto perché per ignoranza o superficialità il buonismo, la miseri­cordia da saldi di fine stagione viene spacciata a basso prezzo an­che dai pulpiti. Quando infatti si confonde la misericordia per il peccatore con la misericordia per il peccato si tradisce nella ma­niera più orrida e profanatrice l’atto d’amore più grande di Dio, cioè la Redenzione. La Croce salvifica di Cristo, la sua Divina Mi­sericordia divengono il pretesto per accettare e propagare il pec­cato. Questo è esattamente il capolavoro del demonio! La Chiesa diventa così da luogo di salvezza luogo di perdizione. Perché la ca­ricatura dell’amore di Dio si configura infatti come il secondo e il quinto peccato contro lo Spirito Santo, cioè la presunzione di sal­varsi senza merito e l’ostinazione nel peccato, come insegna l’insuperato Catechismo della Dottrina Cristiana di Papa san Pio X.

La medicina per curare la peste sodomitica, vero e proprio sa­cramento del diavolo, è sì la Divina Misericordia, che è però in­nanzitutto chiarezza dottrinale per non rischiare di lasciare i pec­catori nella morte del peccato con dottrine ambigue quando non false. Il presente volume ha le caratteristiche per fare chiarezza e offrire la verità in questa nostra epoca così refrattaria alla verità ma proprio perciò così bisognosa di essa. La Misericordia di Dio è quella che dice, al peccatore pentito e perdonato: “Ecco che sei guarito; non peccare più, perché non ti abbia ad accadere qualco­sa di peggio” (Gv 5,14) e “Neanch’io ti condanno; va’ e d’ora in poi non peccare più” (Gv 8,11). Delle altre “misericordie” il Vangelo ci insegna a diffidare.

.

“Il sacramento del diavolo. Omosessualismo, sodomia e cattolicesimo”, di Carlo Di Pietro e Don Marcello Stanzione, ed. Fede & Cultura – euro 7,80 – Per acquisti on line CLICCA QUI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su ““Il sacramento del diavolo”, di Don Marcello Stanzione e Carlo Di Pietro, un libro per capire e combattere le perversioni dell’omosessualismo – di Giovanni Zenone”

  1. Un libro dai contenuti molto forti! Invidio lo straordinario coraggio degli eccellenti Autori! Siano lodati Gesu’ e Maria!

  2. La ringrazio perché le sue parole hanno centrato il problema e confermato quello che penso;
    la Divina Misericordia, non disgiunta dalla Giustizia, hanno per oggetto il peccatore e non il peccato e questo è il metro di giudizio da impiegare nelle problematiche che oggi travagliano la Chiesa;
    mi duole solo vedere che da quanto affermato dai nostri pastori, invece, la confusione regni sovrana, purtroppo.
    Prendiamo ad esempio la comunione ai divorziati o ai conviventi (succede anche questo, anche se se ne parla di meno);
    se guardo con gli occhi del Vangelo mi rivolgerò al peccatore e gli dirò che se è pentito di avere divorziato, di avere rifiutato la croce che Gesù gli aveva dato ed è disposto a vivere in castità assoluta e in preghiera con il nuovo o la nuova compagna, allora potrà essere riammesso all’Eucarestia;
    in caso contrario la risposta è contenuta nelle stesse parole di Gesù – valga per tutte Matteo 5, 32.
    La stessa cosa per la sodomia; il “chi sono io per giudicare” va rivolto alla persona e anche qui se si combatte contro il peccato, lo si rifiuta, si accetta la croce, si cerca di curarsi (perchè è una malattia dello spirito, altro che tendenza naturale!), la Misericordia non può mancare;
    in caso contrario i nostri pastori si rileggano la lettera ai Romani e ci riflettano sopra, una volta per tutte, magari gettando un’occhiata anche a Matteo 10, 33.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su