Il Sinodo sulla famiglia si scorda l’aborto  –  di Marisa Orecchia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Che l’aborto non dovesse essere un’ossessione lo sapevamo già. Papa Bergoglio ce lo aveva  detto a chiare lettere nel corso della lunga intervista rilasciata  l’estate dello scorso anno al direttore di Civiltà Cattolica  padre Antonio Spadaro. Nessuna  sorpresa perciò che i Padri sinodali si siano adeguati  e che nella lunga relazione finale al Sinodo sulla famiglia  la parola aborto non venga scritta neppure una volta. Nessuna sorpresa, ma sconcerto sì e anche tanta amarezza.

di Marisa Orecchia

.

Marcia per la vita- movimenti anti abortistiE’ mai possibile, vien da chiedersi, che in una relazione riassuntiva di due settimane di lavori, di discussioni, di confronti, anche  duri a leggere certi report, i Padri sinodali, nel quadro tracciato sulla famiglia, nel quale hanno preso in  esame  tutte le magagne della stessa e le relative sfide  che porta  alla Chiesa, passando per le  separazioni, il divorzio, le convivenze, la carenza   della preparazione al matrimonio, le coppie omosessuali etc., abbiano tralasciato il tema dell’aborto volontario?

Eppure l’aborto volontario è uno dei grandi distruttori della pace, come diceva madre Teresa di Calcutta,   e della famiglia.  Non si costruisce la pace in famiglia  quando  non si accoglie la vita e il figlio viene rifiutato. L’aborto apre nella  coppia una  ferita dolorosa  che  non raramente porta alla divisione. E molto spesso è anche causa di dolorose fratture  tra la figlia  incinta e i genitori  che  l’hanno indirizzata  ad  abortire.

Nel mondo  si contano  circa  cinquanta milioni di aborti all’anno – cifra che non comprende  quelli  effettuati  con pillole  del giorno dopo, con EllaOne  e con  altrettanti  abortivi spacciati per contraccettivi – ma il Sinodo per la Famiglia di ciò non fa parola. Le grandi emergenze per gli Uomini della Chiesa  sono evidentemente altre.

Vengono giustamente sottolineati i problemi legati alle nascite fuori del matrimonio,  i traumi che i bambini subiscono  a causa delle divisioni  familiari, delle lacerazioni  del divorzio, dello sfruttamento sessuale (n.8). Di quelli che vengono uccisi nel grembo materno nulla.

La relazione finale avanza  nel suo  quadro sociologico sulle cause  della crisi  che  attanaglia la  famiglia e destabilizza la coppia, sottolineando la diffusione della pornografia, la commercializzazione  del corpo, la prostituzione, fino   a denunciare il calo demografico che  mette a rischio l’avvicendarsi  delle generazioni e conduce alla povertà (n.10).

Dell’aborto ancora nulla.

 Si va avanti con la speranza  che qualcosa in proposito  verrà  infine detto e  si arriva  al numero  57  che titola “ la trasmissione della vita e la sfida  della  natalità”.

Qui, si spera, qualcosa diranno, anche se l’aborto non solo e non tanto attiene a problemi  di ordine  demografico, ma andrebbe  rubricato sotto  l’argomento “ peccato”, di cui per altro, nella melassa  della misericordia  che  ricopre  come una glassa tutta la relazione  finale, non si vede traccia.

Ma neppure qui, al 57, praticamente alla fine della Relazione, si dice nulla: le cause della denatalità sono da individuare nei fattori di ordine economico.  E con ciò si contraddice  anche  tutta la storia dell’umanità che da sempre ha messo al mondo i suoi figli in condizioni economiche tutt’altro  che favorevoli, fra guerre, carestie e pestilenze, ma  nella  certezza di un senso  e nella speranza di una Provvidenza che non abbandona.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

12 commenti su “Il Sinodo sulla famiglia si scorda l’aborto  –  di Marisa Orecchia”

  1. La natalità più alta si ha nei paesi più poveri. La pseudo povertà di cui si parla nel mondo sviluppato, è l’impossibilità di permettersi i consumi cui siamo indotti dal condizionamento mediatico.

  2. facendo parte attiva del mondo pro-life anche io mi sono meravigliata che nella relazione finale del sinodo non vi sia alcun riferimento alla tragedia dell’aborto, credo che questo silenzio sia dovuto al problema di sempre che è la mancanza di voce dei diretti interessati, impossibilitati a vantare diritti come i divorziati, i conviventi e gli omosessuali che l’hanno fatta da padroni nel sinodo, come la fanno da padroni nella società civile in attesa di poter spadroneggiare anche in Chiesa. Poi, chissà, magari nel prossimo sinodo si scoprirà che l’aborto può essere salutare per la stabilità della coppia e che in quel caso non si tratta di male ma “di un minor bene”. Spero tanto di non essere profeta.

    1. Sì…a questo punto dobbiamo aspettarci un anno di ulteriori, accentuate capriole dottrinali e rappresaglie contro i “refrattari”?…
      Ottima l’osservazione su “la mancanza di voce dei diretti interessati, impossibilitati a vantare diritti…” aprono solo la bocca ma il loro grido non si sente, quello di San Giovanni Paolo II e anche del Beato Paolo VI però si sentivano, eccome, in loro difesa! Cosa li elevano a fare agli onori degli altari, per…esorcizzarne l’insegnamento ?!?
      Io penso che non può finire così, qualcosa di grosso succederà, inaspettato… oportet ut eveniant scandala, solo oggi vediamo che dietro l’apparente conformismo di tanti c’era solo opportunismo e una teologia di gomma, anzi, di melassa, prontissima al “Liberi tutti !” ad unirsi all’orgia omicida globale.

    2. patrizia fermani

      Dell’aborto non si deve parlare perché per la Chiesa secolarizzata che ha trovato in Bergoglio il manager meglio esperto di marketing, l’argomento è antieconomico. Se era già assente dalla predicazione della chiesa di base, esso è stato espunto subito anche dall’agenda vaticana, salvo qualche riferimento di circostanza da fare sbrigativamente ob torto collo quando non se ne può fare a meno. Neppure i quarantamila della Marcia per la vita conclusasi imprudentemente in piazza S.Pietro, come sappiamo bene, ha ottenuto più attenzione della banda musicale di Vattelappesca. Il Mercato lo vuole, il resto è leggenda.

  3. Già! Non l’avevo notato. Se ne sono lette di tutti colori, ma di questo enorme scandalo non si è detto NULLA. Si vede che non è più un problema per la Chiesa; lo è solo per noi poveri fessacchiotti che continuiamo a fare Marce per la Vita ed a sostenere i CAV con le nostre offerte!

  4. Madre Teresa disse (ripresa dalla TV) che una nazione che approva il divorzio e l’aborto
    è una nazione senza futuro.
    Ma con le attuali ferme, coraggiose prese di posizione, con queste aperture all’amore
    misericordino, tutto il popolo della Chiesa, tutto il popolo finto-cristiano farà riemergere
    la verità, cioè la falsa e demoniaca verità che si sta sempre più affermando…

  5. Sabato prossimo andrò a caserta per manifestare contro la legge 194.Prego sempre per questi bambini rifiutati e uccisi dalle proprie madri e soffro tanto, perchè questo Papa ha
    accantonato un argomento così importante e i sacerdoti non ne vogliono parlare.Che dire poi della comunione ad Assisi a personaggi politici che lo promuovono ? (Marino,
    Renzi,Zingaretti……)Che Dio ci aiuti.

    1. Giusto, ma il colmo per me resta la comunione amministrata a Luxuria nella messa funebre di Don Gallo, che a me e credo a molti è parsa blasfema. Direi che i padri del sinodo hanno scelto di non scegliere, non hanno fatto nessuna vera svolta, ma hanno preferito avvolgere nella nebbia di parole buone a tutti gli usi una sostanziale dicotomia fra dottrIna e prassi. Mi viene da pensare che ANCHE LORO ABBIANO PAURA DI UN POSSIBILE SCISMA.

  6. Tutto condivisibile. Purtroppo è l’approccio sbagliato. Anziché partire dai principi (le leggi di Dio), quindi esaminare la realtà effettuale nei suoi aspetti positivi e negativi, ed infine concludere con le proposte per salvaguardare e valorizzare il bene e rimediare al male, hanno fatto un immangiabile minestrone. Scritto con linguaggio insopportabile, carente nei concetti, a volte prossimo all’eresia. E sì che ci è andata bene! Perché la relazione di monsignor Forte era pura apostasia. Giorgio

    1. Calma, Giorgio, calma: diamo tempo al tempo (e sì che ci è andata bene! come dice lei e come vorrei anch’io fosse vero).
      Dal numero 222 in poi dell’Evangelii gaudium, al paragrafo ‘Il tempo è superiore allo spazio’ (che, per inciso, non avrei mai pensato, ritenendole due entità non paragonabili; ma il fatto è che sono io a essere un po’ tarda):
      “Da qui emerge un primo principio per progredire nella costruzione di un popolo: il tempo è superiore allo spazio.
      Questo principio permette di lavorare a lunga scadenza, senza l’ossessione dei risultati immediati. (…) Uno dei peccati (sic!) che a volte si riscontrano nell’attività socio-politica consiste nel privilegiare gli spazi di potere al posto dei tempi dei processi. (…) Dare priorità al tempo significa occuparsi DI INIZIARE PROCESSI PIÙ CHE DI POSSEDERE SPAZI” (ho reso in carattere maiuscolo quel che è in corsivo nel testo).
      Cari amici nella fede, non diamoci per vinti anche se il più deve ancora venire.

  7. Che la Chiesa si avvii a cancellare il vocabolo “peccato” dalla sua catechesi? L’aborto è un gravissimo peccato, che solo Dio può perdonare, dopo un sincero cammino di contrizione. Che cosa dobbiamo pensare dell’atteggiamento attuale di Papa Francesco? Il perdono è giusto, la misericordia è giusta, la compassione è giusta, pregare per i peccatori è giusto, che Dio perdoni sempre può anche essere vero ma il peccato resta il peccato! Non si può minimizzarlo ma deve essere sempre combattuto!

  8. Forse mi sbaglio, ma l’argomento aborto non è stato toccato semplicemente perchè non è oggetto di diascussione.
    E’ considerato peccato grave e tale rimane. Non è oggetto di discussione.
    Semplicemente….
    Giovanni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su