Immigrati sequestrano ragazzi: “Credete in Dio o in Allah?” Poi sparano in aria – di Giuseppe De Lorenzo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Un gruppo di magrebini a Vignola ha aggredito un gruppo di ragazzi italiani, chiedendo loro in quale Dio credessero. Poi hanno sparato alcuni colpi di pistola in aria

di Giuseppe De Lorenzo

.

zzzzsrxtrUna notte di ordinaria follia da parte di un gruppo di adulti magrebini a Vignola, in provincia di Modena, che hanno aggredito dei giovani locali.

Secondo il racconto dei ragazzi, di età compresa tra i 16 e i 17 anni, dopo aver mangiato una pizza martedì sera, alla vigilia dell’Epifania, stavano rientrando a piedi a casa intorno alle 23.30. A quel punto una banda di immigrati, sei persone una delle quali armata di pistola, li ha sequestrati e minacciati più volte. Dopo alcuni istanti di tensione, uno dei magrebini ha sparato in aria un colpo di pistola, chiedendo loro: “Credete in Dio o in Allah?”. Una frase che ricorda drammaticamente le domande poste dai nazisti agli ebrei prima di trucidarli.

Dopo il primo colpo di arma da fuoco, gli stranieri hanno intimato i giovani italiani a radunarsi in gruppo e a mettersi in riga. Poi uno alla volta, puntantogli l’arma addosso, uno deigli immigrati ha ripetuto la domanda iniziale: “Credi in Dio o in Allah?”. Le risposte, precisa il quotidiano locale Il Resto del Carlino, sono state sempre le stesse: “Non crediamo in nulla”. E di nuovo gli immigrati hanno rivolto ai ragazzini minacce e offese a sfondo religioso.

Alla fine i 16enni sono stati liberati dagli immigrati. I quali, forse per evitare problemi con la giustizia, avrebbero detto che si trattava di uno scherzo. Poi però hanno sparato in aria altri due colpi di pistola.

Due giorni dopo, alcuni dei giovani, ancora terrorizzati, sono stati accompagnati dai genitori a sporgere denuncia ai carabinieri. Le indagini sono in corso. Il racconto dei ragazzi, comunque, coincide tra loro. Cosa che fa pensare che quanto successo sia vero, non ci sono contraddizioni evidenti. Confermati colpi di pistola e la domanda su Dio e Allah.

“Mio figlio era terrorizzato – ha detto una delle mamme al Carlino– ma prima di sporgere denuncia abbiamo preferito parlare anche con gli altri genitori: la cosa era troppo delicata per andare avanti in ordine sparso”.

.

fonte: Il Giornale  

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

26 commenti su “Immigrati sequestrano ragazzi: “Credete in Dio o in Allah?” Poi sparano in aria – di Giuseppe De Lorenzo”

  1. Nel frattempo a Roma sono comparsi numerosi “annunci pubblicitari” evidentemente massonici, che veicolano i concetti di “luce” (prima cosa per quell’ambiente!!), “rivelazione” (seconda!), “IO” (Assoluto a cui tutto va sottomesso, “superiorem non recognoscens”).
    Tabelloni enormi, abitualmente usati per la pubblicità commerciale, adesso acquistati (?) per gridare in piazza “Non è lecito essere Cristiani… abbiamo predicato per trecento anni il Verbo Nuovo, ora basta! Chi non si è CIVILIZZATO, deve sparire”

  2. Posso solo immaginare il terrore di quei ragazzi, ma la loro risposta mi pone alcune domande: hanno detto di non credere in nulla
    solo per salvarsi o veramente è cosi? In Italia troveremmo qualche ragazzo, nella stessa situazione, che risponderebbe “Credo in Dio”?
    E noi? Signore dacci il coraggio di non rinnegarti mai, in nessuna circostanza, anche grave, della nostra vita. Fulvia

  3. Maria ritorna per riunire i figli di Dio dispersi nel mondo. Sulle rovine del mondo che si sfascia deve sorgere l’età di Gesù per Maria.
    Ciascuno là dove Dio l’ha messo, come sentinella vigile, deve lavorare con tutte le sue forze per preparare le vie del trionfo del Signore. Oggi il Cristianesimo domanda a tutti un po’ di eroismo. Abbiamo bisogno dell’intervento Divino.
    Come nella pienezza dei secoli agli uomini schiavi, pagani, peccatori, è apparsa Maria, umilissima e purissima, per donare loro Gesù Redentore: così oggi che i secoli sono maturi nella lotta gigantesca e apocalittica tra Cristo e satana, appare Maria la Madre di Dio che ci ridona Gesù VERITA’, GIUSTIZIA, AMORE e VITA, per distruggere il regno satanico della menzogna, della violenza, dell’odio e del peccato. QUESTO TRIONFO DI GESU’ DEVE INCOMINCIARE DALL’ITALIA.
    (segue)

  4. Gesù predilige l’Italia, sede del suo Vicario, il Papa.
    Maria la prende come suo feudo e nei secoli la difende dai barbari, dai maomettani, dai protestanti nei tesori della sua terra e della fede: è la CASTELLANA D’ITALIA!
    Ogni regione, ogni vallata le ha innalzato un Santuario e canta le sue vittorie. Di nuovo Maria schiaccerà la testa al demonio che vuole scatenare le forze tenebrose del male, con il materialismo bolscevico-marxista, con l’empia propaganda di errori, odio e corruzione.

    PIU’ CANDIDA DELLE NEVI, DIFENDI I CONFINI D’ITALIA: NIVE CANDIDIOR AUSONIAE TUERE FINES!

    ( Papa Leone XIII alla Vergine di Rocciamelone)

  5. Questo episodio (doloroso anche e sopratutto per la risposta dei ragazzi) mi riporta ai fatti di Colonia, Amburgo ecc. dell’ultimo dell’anno. La mia riflessione è che se questi immigrati si riuniscono in branco possono farci veramente male, in tutti i sensi. E in attesa della più mirata offensiva dell’Isis.

    1. Hanno detto molti giornalisti che i fatti di Colonia, ecc. non sono stati
      casuali ma organizzatissimi.
      E anche questo episodio non credo sia del tutto casuale, e quindi la
      situazione sta diventando sempre più allarmante.
      I ragazzi hanno risposto di non credere in nulla probabilmente anche
      per paura, ma se la facessero a noi, mi chiedo con Roberto, cosa
      risponderemmo?

      1. Insieme alla Neo-Chiesa (“Dio è Dio dell’Umanitò. TUTTA composta di suoi figli beneamati”; “il Pianeta dev’essere salvato DALL’uomo” – nel senso di eliminare l’unico elemento di disturbo, che è l’uomo) è partito il Divieto Globale di essere Cristiani, cara signora.
        Musulmani come “forze speciali di terrorizzazione dei Cristiani”; annunci pubblicitari sul Neo-Evangelo massonico; omelie eretiche a volontà, in Parrocchie che avevano vissuto normalmente fino a pochi mesi fa.

        La regia mondiale è non solo presente, ma evidente

  6. Ma che babbei questi musulmani…!! domandare se scegli Dio o Allah… Che figuraccia! Ma non sanno che qui c’è stato il “progresso”, il “laicismo” e l'”indifferentismo”? Non sanno che qui non si è neppure più maschi o femmine, ma che ogni giorno si ha diritto di scegliere fra un ventaglio di 71 generi a proprio comodo? Ma dove pensavano di andare con le due misere risposte preconfezionate? Non gliel’hanno spiegato i loro compari&complici dei centri sociali “okkupati” e abolitori di frontiere, che i cristiani qua non ci stanno più?

    1. Faccio notare, comunque, che il fanatismo islamico è stato prezioso per i Massoni fin dalle origini (dalle “Lettere persiane” di Montesquieu).
      Questo perché:
      1- consentiva di “dimostrare che tutte le religioni sono cieche e infantili”
      2- dava la sponda strategica per l’azione antiromana, come era avvenuto con i Re Assoluti di Francia, che favorivano i Turchi per stritolare gli Asburgo
      3- forniva materiale umano per l’aggressione diretta alla Cattolicità, che veniva destinata alla persecuzione sia letteraria sia sanguinosa

    2. Perfetto! Sono proprio arretrati questi musulmani! Pensano che qua in Europa si creda ancora in Qualcuno , come fanno loro…. Sono problemi obsoleti che si pongono solo loro…..

  7. Annarosa Berselli

    Non tutti hanno la stoffa del martire. I giovani di Vignola possono avere risposto così perché terrorizzati.
    Ma i musulmani che li hanno spaventati non sanno che la coscienza altrui è inviolabile?

  8. Comunque, ammesso che il fatto sia confermato, la domanda posta ai ragazzi è significativa. Per questi “islamici” sembra essere ben chiaro il principio che il Dio cristiano e il loro Allah sono due cose diverse. Completamente diverse, come è giusto. Alla faccia di quanto vanno dicendo tanti vescovi e preti che, a differenza dei “fedeli” del profeta di cui sopra, hanno poche idee e assai confuse. La favola dell’unico Dio delle tre religioni “monoteiste” è dura a morire

    1. Tanti vescovi e preti hanno poche idee e assai confuse, soprattutto
      perché c’è un falso papa che incrementa di continuo e sempre questo
      caos diabolico.
      Non si ricorda la famosa intervista di Scalfari?
      bergoglio dichiarò che non esiste un Dio Cattolico, perché Dio è
      uguale per tutti, cioè anche Allah……

  9. Giorgio Drago

    Ciò che rende agghiacciante l’evento è la risposta data dai ragazzi italiani (i musulmani, giocando a fare l’Isis, hanno fatto il loro mestiere). E’ infatti probabilissimo che siano stati sinceri e non abbiano mentito per salvare la pelle. Sono infatti moltissimi i ragazzi ( e non solo) che dicono apertamente (e senza armi puntate contro) di non credere in niente o di credere in idoli che nulla hanno a che fare con Gesù Cristo. Sono tutti cresimati, ma del tutto privi di fondamenti etici. Questo “non credere a niente” è il risultato della pastorale prodotta dal cv2. Grazie a sacerdoti e vescovi, ormai ridotti ad essere un cumulo di sale insipido. Pronto per la pattumiera.

    1. Quando ero alle superiori, primi anni sessanta, già il sacerdote prof di religione sparava eresie a tutto campo, di pretto stampo neomodernista, tipo “l’inferno non esiste, è solo uno stato d’animo, il dolore di essere privati della presenza di Dio”, ed altre balle simili. Per fortuna, però, ero stato catechizzato da un santo sacerdote in talare (al quale avevo anche servito messa), munito del Catechismo di S. Pio X, e quindi queste stupidaggini alla “don Chichì” da una parte mi entravano…e dall’altra mi uscivano. Ringrazio Dio di avermi conservato così fino ad oggi : anticomunista, antieretico, antiecumenista, antimodernista. Deo Gratias !

  10. Caro Roberto, io mi farei tagliare la testa e senza esitazioni!!…ho tutta una seria di bonus! Muoio martire, ho sparso il sangue per Nostro Signore, il mio Angelo Custode non se ne torna in cielo invano, sono stata un testimone credibile e coerente….i miei figli lo racconteranno a tutte le loro generazioni future..diranno loro che la loro mamma, convertitasi alla tenera età di 43 anni, è morta per la Persona in cui credeva ed è morta perseverando fino alla fine.

  11. E se dopo aver risposto:” non crediamo a nulla!”I magrebini li avessero uccisi dove sarebbero i ragazzi ora? Dicono sia stata una bravata, tanto per divertirsi, ma chi si è divertito di più è il demonio, che ha fatto si che ragazzi spaventati rinnegassero Dio. Il problema è che nessuno più insegna ai nostri giovani che Gesù è Dio e pure Re e Signore di tutto e pertanto si deve credere a Lui. Il fatto è che nessuno più difende la Verità e chi la segue, neppure il Papa che invece di essere Vicario di Cristo è diventato vicario del mondo e di se stesso.

  12. Giorgio Drago

    Sarebbe utile che i nostri “pastori” travestiti da pecore (non da lupi, chè ci vogliono gli attributi), invece di fare gli “animatori” spiegassero ai ragazzi che esistono modelli alternativi ai calciatori palestrati e decerebrati e alle rockstar tossiche e contronatura. Una bella carrellata da san Tarcisio a santa Maria Gorettie e al beato Rolando Rivi sarebbe l’ideale.
    Un ultimo appunto: se lo “scherzo” di Vignola town, invece che da giovani (20-25 anni!?) fratelli maomettani che dovrebbero adorare il nostro stesso Dio… (Bergoglio dixit) lo avessero fatto (con analoghe modalità) dei giovani cristiani, che cosa sarebbe successo? Mi immagino già lo stracciamento di vesti dei neo farisei (pretonzoli, politicanti, pennivendoli, professorucoli e tutto il bigottume laicista)… Ci sarebbe da emigrare in Ungheria o in Slovacchia.

  13. giorgio rapanelli

    Non sono ragazzate. Certe affermazioni di supremazia musulmana sui cristiani le sentono già in famiglia e fin dall’età scolare. Le minacce di fare diventare i cristiani dei “dhimmi” con la prosa del potere per superiorità numerica e sostegno della Sinistra i ragazzi musulmani le dicono già ai loro coetanei studenti. Attenzione, l’Islam è una religione totalizzante e totalitaria. Non si fermeranno davanti alla mula bianca del pontefice Bergoglio. Anzi, scannarlo come capo degli Infedeli farebbe avere loro i più grandi onori presso il “loro” Dio, che non è il nostro stesso Dio. In più hanno da sempre avuto sui nostri territori forze “filoarabe”, leggi DC di Sinistra, la Sinistra, il ministro degli Esteri Fanfani, e parte della Chiesa cattolica e parte del Vaticano. Ricordo che a noi sostenitori dell’indipendenza del Sud Sudan veniva consigliato di non andare in Vaticano a cercare aiuti per il Sud Sudan… Allora, cosa fare, oggi, oltre a pregare? Stare pronti, senza illusioni

  14. Io darei per certo che i ragazzi hanno risposto così non perché erano terrorizzati. Cioè saranno anche stati terrorizzati ma la loro risposta non è stata per questo motivo, perché altrimenti avrebbero detto che credono in Allah.

  15. Cesaremaria Glori

    una cosa sola spaventa. Nessuno di quei ragazzi ha avuto il coraggio di dire di credere in Gesù Cristo e se non si ha quel coraggio si è completamente disarmati, anzi ci si è già arresi a dire qualsiasi cosa pur di avere salva la pelle. Quale di quei genitori si è posto questa riflessione? Quale di quei genitori ha compreso che il loro figlio era tutt’altro che un testimone, cioè un martire, che era invece un pusillanime?

    1. Hanno scritto invece che erano terrorizzati e sono andati dopo, con in
      genitori, in questura per la denuncia.
      E più che pusillanimi, caro Cesaremaria Glori, io sono convinta che
      siano semplicemente frutti dell’albero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su