IN DIFESA DELLA VITA – UNA LETTERA DELL’ON. OLIMPIA TARZIA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Premessa

 

È con grande piacere che pubblichiamo questa lettera pervenuta dall’on. Olimpia Tarzia, una politica da sempre in prima linea per la difesa della Vita.

Anche se l’on. Tarzia, come consigliere regionale del Lazio, ha elaborato un progetto di legge regionale per la riforma dei consultori, tuttavia quanto ci espone non interessa solo i lettori laziali. Se infatti delle azioni specifiche vengono proposte per il Lazio (tra cui l’adesione al Movimento PER Politica Etica Responsabilità), tuttavia lo spirito che anima l’on.Tarzia è di esempio per tutti noi, soprattutto per quanti sembrano essersi arresi a una folle realtà che gronda di sangue innocente.

In un altro articolo di Riscossa Cristiana diamo brevi cenni (al più presto pubblicheremo gli approfondimenti) su altre iniziative, soprattutto lombarde. Qualsiasi sia la Regione, l’impegno è lo stesso: la lotta per la Vita, la lotta contro una “cultura” di morte che ammorba con i suoi miasmi i cuori e le coscienze.

SEI MILIONI DI VITTIME INNOCENTI PESANO SULLA COSCIENZA DELL’ITALIA. SE AMIAMO VERAMENTE LA NOSTRA PATRIA, INVECE DI ROTOLARCI NELLA RETORICA DEI 150 ANNI, FACCIAMO DI TUTTO PER EVITARE ALTRI OMICIDI. PERCHE’ L’ABORTO E’ QUESTO: UN CRIMINE ABOMINEVOLE, IL PIU’ TURPE TRA GLI OMCIDI, PERCHE’ COLPISCE UN INNOCENTE TOTALMENTE INDIFESO.

Ricordiamo che di recente all’on. Tarzia fu impedito, ad opera dei soliti nazistelli rossi, di tenere un convegno. Riscossa Cristiana ha riportato questi fatti in un articolo che potete leggere cliccando qui. Passiamo ora la parola all’on. Tarzia.

PD


============================

Carissima/o,

desidero aggiornarti riguardo al percorso della mia proposta di legge di riforma dei consultori familiari, ringraziandoti ancora del tuo sostegno.

Dopo le sollecitazioni del Santo Padre del mese scorso, (clicca per visualizzare il discorso) con le quali ribadiva il preoccupante numero di aborti nel Lazio ed esortava le  Istituzioni ad impegnarsi, con esplicito riferimento al ruolo dei consultori familiari, ci siamo incontrati con la Presidente Polverini e tutti i capigruppo di maggioranza del Consiglio Regionale per individuare un percorso di accelerazione dell’iter della proposta di legge.

Intanto altre Regioni stanno presentando analogo progetto. Ti manderò aggiornamenti in merito.

Colgo l’occasione per parlarti di un importante progetto, nella certezza  di averti, anche in questo impegno, al mio fianco, poiché la mia legge sui consultori, cui hai dato il tuo sostegno, ha assunto, sempre più,  caratteristiche che vanno al di là di un disegno di legge, perché parte di una visione politica a servizio della famiglia e della vita, che vede nella difesa e promozione dei principi non negoziabili le fondamenta e le finalità di una politica a servizio del bene comune.

Come saprai, ho dato vita ad un nuovo soggetto politico: il Movimento PER Politica Etica Responsabilità, fondato proprio sui principi non negoziabili, di cui puoi trovare notizie sul sito www.movimentoper.it .tarzia

Il PER, se pur ufficialmente costituito di recente, ha radici lontane, ha alle sue spalle la credibilità di una storia, l’esperienza e l’impegno, professionale e di volontariato, di migliaia di cittadini, famiglie, associazioni, movimenti: cittadini che credono che si possa realizzare il bene comune solo fondandolo sui valori non negoziabili e intendono per questo mettersi in gioco in prima persona.

Il momento è particolarmente difficile per la politica italiana: sfiducia e disorientamento rischiano di prendere il sopravvento, con l’effetto di allontanare sempre più le persone dalla volontà di partecipazione, di cittadinanza, di impegno.

Nell’establishment della dirigenza politica, dal livello nazionale a quello locale, si risvegliano sopiti contrasti, riemergono vecchi rancori, esplodono le contraddizioni di alleanze dal connubio impossibile, saltano  regole e punti di riferimento, in una sorta di “tutti contro tutti”.

In questo quadro desolante e preoccupante, la parola più usata è “contro”. Le iniziative, le mobilitazioni,  le alleanze vengono pensate e realizzate “contro” qualcuno o qualcosa. Si infuoca strumentalmente e utilitaristicamente l’opinione pubblica, fino a far salire la protesta, fino a scendere in piazza, non per rappresentare i propri diritti o le proprie aspettative, ma, contro, comunque e ovunque.

Ciò non può portare a nulla di buono.

Anche le improbabili alleanze, le neo formazioni che mettono insieme leader e partiti lontani mille miglia per storia, identità, contenuti programmatici, prese di posizione sui grandi temi, vengono pensate e costruite contro, senza una comune progettualità, senza una visione unitaria delle soluzioni, senza unicità di proposte politiche. Le conseguenze, oltre a sortire gli effetti sopracitati nei cittadini, ricadono anche all’interno di maggioranze e minoranze istituzionali, provocando in molti amministratori locali confusione, se non profondo disagio.

Le adesioni al Movimento PER crescono, di giorno in giorno, da tutta Italia, vorrei tanto volessi condividere con me questo grande progetto che già sta seminando, in tanti, la speranza che si possa ancora credere in una politica tesa al bene comune, coraggiosa, autentica, coerente.

Nel Movimento ferve il piano organizzativo e progettuale. In questi giorni stiamo ultimando la definizione delle aree tematiche, degli organi e degli aspetti organizzativi. Il primo obiettivo è quello di costituire i Circoli, territoriali o tematici o on-line, costituiti da un numero di persone che va da 7 a 15.

Stiamo definendo anche i componenti dei  Dipartimenti nazionali, che costituiscono il think tank, una sorta di “serbatoio del pensiero pre-politico”, costituito da esperti di grande professionalità nelle varie discipline, che si occuperanno dello studio e delle  elaborazioni dei fondamenti culturali del progetto politico.

Conto su di te, sul tuo coraggio, sulla tua determinazione, sulla tua volontà di partecipazione, per dare seguito e rendere ancora più concreto ed efficace il tuo sostegno, per dare voce a chi non ha voce, per testimoniare pubblicamente una fede amica dell’intelligenza, capace di risvegliare le coscienze e di rendere concrete, nella vita pubblica e politica, le innumerevoli istanze a difesa della vita, della famiglia, dei più piccoli e dei più poveri, così profondamente radicate nel cuore di ogni uomo, ma troppo spesso assopite, confuse, scoraggiate.

Abbiamo acceso un fiammifero in una stanza buia e, come sempre accade, laddove c’è luce e calore nasce la vita: a noi il compito di custodirla e di farla crescere.

Un caro saluto

 

Il Presidente

On. Olimpia Tarzia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su