IN FRANCIA LA DIFESA DEL MATRIMONIO STA DIVENTANDO UN CRIMINE – di John Flynn

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Tolleranza: una strada a senso unico

 

di John Flynn

fonte: Agenzia Zenit

sulla situazione in Francia vedi anche gli articoli: “Che sta succedendo in Francia?…” e “Francia. Condannato a quattro mesi di prigione…”

 

tf


ROMA, 01 Luglio 2013 – La recente legalizzazione di matrimoni omosessuali in Francia ancora non ha archiviato gli argomenti e il dibattito sta continuando.

I fautori del cambiamento nella definizione del matrimonio spesso si appellano alla tolleranza, alla comprensione e all’accettazione di chi è diverso per sostenere la loro posizione. Ora che la Francia ha risposto a questo appello, chi non è d’accordo con il cambiamento sta scoprendo che non c’è spazio per l’opposizione.

L’organizzazione statunitense C-FAM (Catholic Family and Human Rights Institute) ha riferito che le autorità francesi “hanno deciso che i dimostranti pro-famiglia sono una minaccia pubblica”.

“Sono stati soggetti a controlli di identità senza fondamento, arresti arbitrari e detenzioni, così come alla brutalità della polizia tra aggressioni fisiche e gas lacrimogeni”, ha riportato C-FAM la settimana scorsa.

L’articolo riferisce del resoconto del giornale francese Le Figaro secondo il quale, lo scorso 26 maggio, si sono verificati mille arresti e cinquecento detenzioni di persone che hanno espresso la propria opinione contro il matrimonio omosessuale.

C-FAM ha messo a confronto il comportamento della polizia in due occasioni diverse: a maggio durante i violenti disordini scoppiati a seguito di una vittoria della squadra di calcio di Parigi, sono state arrestate soltanto undici persone; invece, durante una manifestazione a favore del matrimonio tradizionale nello stesso mese, quasi 300 persone sono state arrestate.

Secondo C-FAM, diversi video delle proteste mostrano come la polizia antisommossa francese carica i manifestanti pacifici, le famiglie con bambini e persone anziane o disabili con gas lacrimogeni.

L’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa ha tenuto un’udienza sulle proteste e secondo il Centro Europeo per la Legge e la Giustizia ci sono prove di brutalità “contro il movimento sociale in difesa della famiglia che sfida la legge che apre al diritto al matrimonio e all’adozione per le coppie dello stesso sesso”.

Secondo il Centro Europeo per la Legge e la Giustizia, la protesta contro il matrimonio omosessuale è la più grande protesta sociale dal maggio 1968.

Un rapporto presentato dal Centro Europeo per la Legge e la Giustizia conteneva numerosi account personali di persone che hanno dichiarato l’uso eccessivo della forza da parte delle autorità.

“Al minimo movimento della folla, la polizia ha immediatamente e ripetutamente usato gas lacrimogeni per contenerli e per disperderli”, si legge nel rapporto che descrive la protesta di circa un milione di persone dello scorso 24 marzo.

“Nessuno è stato risparmiato: donne, bambini, anziani, disabili. I dimostranti sono stati calpestati e picchiati. Una donna è stata schiacciata da un furgone della polizia”, ha affermato il rapporto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su