“Io, trattato da cane perché cristiano” – di Fausto Biloslavo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

La testimonianza choc di un ucraino umiliato da un gruppo di islamici in un centro di accoglienza italiano

di Fausto Biloslavo

.

zzzzcntrPrima l’hanno trattato come un cane facendolo mangiare gli avanzi da solo, perché un infedele non può sedere allo stesso tavolo con dei musulmani duri e puri.

Poi il gruppetto di 15 pachistani ha cercato di convertirlo mostrandogli il video dei sermoni di un predicatore estremista. E hanno pure maltrattato ed insultato una loro connazionale, colpevole di essere cristiana e di vestirsi troppo all’occidentale. Non è capitato in Siria, Iraq o Afghanistan nelle aree controllate da bandiere nere o talebani, ma a casa nostra, in un centro di accoglienza per rifugiati del centro Italia. «Amo il vostro paese e non è giusto che venga sfruttato in questo modo da gente, che non ha alcuna intenzione di integrarsi. Per questo ho deciso di raccontare cosa sta accadendo» spiega un giovane ucraino scappato dalla Crimea annessa dai russi.

Per evitargli problemi non riveliamo il suo nome ed il capoluogo di provincia dove si trova il centro ricavato in un ex albergo. Però lo conosciamo bene. La nostra fonte ha lavorato come interprete per il Giornale e altri inviati occidentali durante la secessione della Crimea con grande professionalità e coraggio.Lui, europeo, che ha ottenuto asilo politico in Italia pure per non andare a combattere i filo russi nel Donbass, viene discriminato da una banda di rifugiati pachistani, in nome dell’Islam. A tutti è già stato rifiutato la prima volta l’asilo, ma hanno fatto ricorso e sono ancora ospiti a nostre spese.«Siamo in 25, la maggioranza pachistani, qualche ragazzo africano ed io» racconta la fonte. «Non pensavo che i pachistani odiassero così tanto i cristiani – aggiunge il ragazzo scappato dalla Crimea – La scorsa settimana non volevano mangiare con me. Non mi davano proprio il cibo. Dicevano che non era pronto. Poi quando loro hanno finito è saltato fuori il mio piatto. E’ una discriminazione ridicola». Secondo i musulmani duri e puri pranzare assieme ai kufar, gli infedeli, è peccato.

In realtà il ragazzo europeo non è molto religioso, ma ha la pelle bianca e non si genuflette certo verso la Mecca. «Nel centro c’è anche una cristiana pachistana con suo figlio, che ha ancora in testa le schegge di un attentato subito a Peshawar – spiega la fonte – L’hanno insultata perché si vestiva troppo all’occidentale. Lei era terrorizzata. Dopo essere fuggita dagli estremisti islamici si ritrova in questa situazione». All’inizio, la donna, che ha pure ottenuto l’asilo politico voleva andarsene per la paura. A Peshawar, il capoluogo della zona tribale fra Pakistan e Afghanistan, infiltrata dai talebani, insegnava inglese nella scuola cattolica Saint Mary spesso chiusa per timore di attentati. L’aspetto più paradossale della piccola Peshawar creata dalla banda di pachistani nel centro di accoglienza italiano è «che vogliono l’asilo per ottenere i documenti europei ed un lavoro, ma per loro stessa ammissione si rifiutano di integrarsi» racconta il giovane ucraino. E aggiunge: «Ogni giorno c’è una lezione di italiano ed io ci vado sempre. I pachistani mai, anche se è un fattore importante conoscere la lingua per l’asilo. Mi hanno detto chiaro e tondo che siamo noi europei, che dobbiamo cambiare, non loro».

Nonostante l’assurda discriminazione alla rovescia di chi chiede aiuto all’Europa, ma pretende di cambiarla, i 15 pachistani sono da un anno in Italia e nessuno li caccia via.Non solo: quando trovano una facile preda cristiana tentano pure di convertirla. «L’Islam è la migliore religione del mondo» hanno cominciato a ripetermi racconta il ragazzo europeo. «Poi mi mostrano dei video di un loro predicatore per farmi capire quanto sia bello e giusto seguire la religione musulmana» spiega l’ucraino. Il predicatore è Zakir Naik, di origine indiana, ma vive a Dubai. Personaggio controverso aveva detto che «se Osama Bin Laden terrorizza i nemici dell’Islam, allora io sto con lui». Naik vuole la sharia totale e la pena di morte per i gay. Nel 2010 gli hanno vietato l’ingresso in Gran Bretagna e Canada per i suoi sermoni.L’ucraino e la cristiana pachistana hanno fatto presente alla responsabile del centro l’assurda situazione. Nel frattempo il gruppetto islamico «non disdegna il vitto, l’alloggio e l’aiuto economico dell’Italia – fa notare l’europeo discriminato – Ma non conoscono una parola della vostra lingua, non si integrano e tantomeno dimostrano riconoscenza».

.

fonte: Il Giornale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

8 commenti su ““Io, trattato da cane perché cristiano” – di Fausto Biloslavo”

  1. giorgio rapanelli

    Poiché non è possibile integrare forzatamente le persone, in quanto il concetto di integrazione multiculturale è una pretesa idiota di chi ignora le profonde diversità tra le culture e le civiltà, sarà necessario dividere gli appartenenti alle diverse fedi, soprattutto i musulmani da altri fedeli. Cadrà un appello nel vuoto. Intanto i pakistani continuano ad arrivare a Macerata come profughi politici e vengono aiutati dalle parrocchie… Mica vanno dai loro correligionari pakistani, che da noi sono la maggioranza degli extracomunitari. La chiesa cattolica si pentirà amaramente di questo buonismo, quando prima o poi dovremo difenderci dal milione e mezzo di musulmani, massa che sembra cambiare verso costumi occidentali, ma che nell’inconscio rimane ancorata al dogma islamico.

  2. torneremo ai ghetti, ma non so se nei ghetti dovremmo andare noi o i puri islamici per non infettarsi, Perchè nella storia, mica sempre i ghetti furono luoghi di ghetizzati, a volte furono luoghi di eletti che nopn potevano mescolarsi con la plebaglia e la tenevano fuori.

  3. Ma madame Boldrini ci va in quel centro? Non è dalle sue parti? Su, favorisca una passerella con una mise adeguata, un bel velo da femminista capovolta,a insegnare a quella svergognata cristiana come ci si comporta coi padroni…

  4. Qualcuno mi deve spiegare per quale motivo i pakistani musulmani, entrati clandestinamente in Italia, non siano rispediti nel loro paese. Non mi risulta che il Pakistan sia in guerra e questi soggetti abbiano il diritto allo status di profughi.

    1. Perché la politica attuale, sostenuta dalla chiesa attuale, con a capo
      l’attuale vescovo di roma, ci sta predisponendo alla “pacifica” totale
      invasione musulmana…
      Infatti può anche darsi che ci siano attentati in Italia e in Vaticano,
      ma “secondo me”, saranno attentati isolati, di gruppi ultra fanatici.
      Per quale motivo l’ISIS dovrebbe fare stragi da noi? Ci stanno
      invadendo tranquillamente: usufruiscono delle nostre chiese per
      farne moschee, sono bene accolti dappertutto, ecc.
      Quando ci avranno invasi completamente o diventeremo islamici
      o ci taglieranno la gola..

  5. Certo è che se noi uccidiamo i nostri figli nel grembo materno, mentre loro i figli li fanno, ci estingueremo senza troppe guerre di religione, siamo già come la foca monaca o il panda, purtroppo, non abbiamo un WWF che combatte per noi. i veri soldati che combattono per la propria Patria sono quelli che fanno figli crescendoli in una famiglia benedetta da Dio nel matrimonio, le vere piaghe sono invece i promotori di aborto, divorzio, eutanasia, matrimoni gay e porcherie del genere, che in epoce civili sarebbero già stati appesi in pubblica piazza. Oggi invece le SS governano e ci fanno credere di essere i fautori della libertà, libertà in realtà inesistente. Ci tengono solo, per ora, la catena un po’ morbida, per darci l’impressione di non essere legati, fin quando, grazie alla nostra autoschiavizzazione, ridotti a poche menti ancora pensanti, poche menti da martirizzare definitivamente. Ma Dio esiste è può tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su