IRRILEVANZA – di Giovanni Zenone

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Giovanni Zenone

 

pc

Meglio il circo professionale che questo!

 

L’astuto parroco viene incontro alla sensibilità della gente mettendo le chierichette, le donne sull’altare e a dare la Comunione, lasciando spazio ai giovani che gracchiano e tambureggiano durante la Messa. È simpatico e scherzoso, arguto nel parlare e sempre con un sano riferimento all’attualità, con la rigorosa stilettata ai cattivi ricchi e la consueta esortazione a dare più beneficenza, ad essere più accoglienti, a smetterla di insistere sulla nostra identità per aprirci all’ecumenismo, alla diversità ecc. ecc.

Guardo dentro me stesso e mi accorgo che le mie orecchie si sono chiuse. Rivolgo allora lo sguardo al Crocifisso e parlo con Lui, soffrendo. Mi guardo in giro e vedo la gente con gli occhi assenti, indifferente. Tutte le fantasie del prete aggiornato scorrono loro addosso come l’acqua sulla pietra. La sua infeconda lussuria ecumenica e liturgica isterilisce l’interesse dei fedeli che vengono ancora a Messa per dovere ma chiudono l’audio prima di entrare. Mi rendo conto che la speranza della Chiesa è proprio l’irrilevanza a cui i fedeli condannano l’adulterio teologico dei preti moderni. Vengono (veniamo) a Messa, ricevono Cristo sacramentato, efficace di per Sé indipendentemente dalla predica vuota o dannosa, e se ne vanno con Gesù nel cuore ma senza alcun ricordo delle idee geniali dell’arguto pretino. I preti moderni moriranno – per fortuna – ma i fedeli rimarranno. La contaminazione, grazie alla santa irrilevanza, è esigua. Verranno tempi e preti migliori, e dove ora c’è il deserto torneranno a crescere i fiori calpestati in nome dell’apertura al mondo. E l’orecchio del Popolo di Dio tornerà ad ascoltare.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su